Hillary vs Trump: il colpo finale al sogno americano

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Beppe Grillo

La crisi del mondo occidentale nella peggiore delle rappresentazioni possibili. Crisi non significa più opportunità, ma soltanto paura, così stiamo diventando anche noi? Potrebbe essere di no se riusciremo a mantenere la democrazia in Italia. Fra tutti i modi possibili di interpretare la crisi del mondo occidentale questo è il più angosciante e sconcertante.

Gli italiani, da tempo immemore, sono persuasi del fatto che gli USA siano sempre avanti, avanti in tutto. Con Hillary e Trump si conferma questo dogma: sempre avanti, oltre, così avanti che siamo ancora nell'ombra della statua della libertà. Oggi però, se alzo gli occhi è diventata nera, cupa e triste. La bandiera stelle e strisce, negli ultimi anni, si è trasformata lentamente nell'immaginario di molti di noi, oggi rappresenta solo irragionevolezza e crude espressioni di paura nella "home of the brave".

Come da noi?

No, in Italia l'alternativa all'asservimento ed al ridicolo cinismo ha la forma del M5S il cui tessuto è la partecipazione reale ed il sogno: cambiare per noi non significa lasciar cadere nel vuoto gli esseri umani. Per noi cambiare vuol dire rinforzare la democrazia ed il welfare: nessuno dev'essere lasciato indietro.

Una versione horror del Titanic: i rappresentanti del privilegio, dei ricchi e dei potenti, sono aggrappate fra loro istericamente, mentre si lasciano andare ad espressioni di odio, paura e insensatezza. Non è una scelta ma soltanto un museo delle cere che si sono trasformate in walking dead. Questo triste spettacolo e' la conferma del declino del mondo occidentale.

Hillary e Trump sono entrambi poco credibili, entrambi molto temibili per ciò che rappresentano e non per il potere che hanno. Il potere di un presidente negli USA e di fare danni all'estero. Sul versante interno basta guardare Obama: non ha cambiato nulla. La terra delle opportunità si è trasformata gradualmente in un paese con oltre 2 milioni e mezzo di carcerati, milioni di poveri e illusioni sempre più scollate dalla realtà: spero che questa rissa elettorale non sia l'atto finale.

Se uccidi la classe media in America non resta nulla, soltanto caos.

L'inesistenza del concetto di opposizione in America può portare a brutti sogni e realtà ancora peggiori. In Italia, se non fosse per noi, sarebbe lo stesso. È vero che gli americani sono avanti a noi: Berlusconi doppiato in un colpo solo.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Franco Mas 1 anno fa
    La cosa inquietante è che l'America non abbia saputo proporre qualcuno meglio di questi due. Praticamente stanno messi come noi. Amen.
    • Zampano . Utente certificato 1 anno fa
      come noi no, noi abbiamo sempre il M5S...
    • Mario M. Utente certificato 1 anno fa
      Ci sono persone più equilibrate, ma non hanno la forza economica e politica dei primi due...
    • Rio Savè Utente certificato 1 anno fa
      Jill Stein è stata proposta, ma sono i voti a mancare. http://popoffquotidiano.it/2016/11/04/susan-sarandon-ecco-perche-non-votero-hillary-ma-jill-stein/
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus