Follia europea: via libera al glifosato con l'ok di lobby, multinazionali e Germania

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di MoVimento 5 Stelle Europa

Oggi abbiamo appreso dalle istituzioni europee e dalle sue inutili, innumerevoli e costosissime agenzie che lo IARC - l'agenzia che da oltre 50 anni analizza, conduce e coordina la ricerca sulle cause del cancro e sui meccanismi della carcinogenesi - è inutile. Anzi, peggio: che le sue ricerche sono trascurabili se non addirittura false. Come per il glifosato, che oggi è stato classificato come "non cancerogeno" dall'ECHA, l'agenzia europea per le sostanze chimiche.

Questa sentenza era attesa dal legislatore europeo, ovvero la Commissione, dopo che la telenovela sul pesticida più celebre del mondo era arrivata al culmine con pareri discordanti all'interno del Parlamento europeo e dei comitati tecnici. La storia ve l'abbiamo già ampiamente raccontata.

Ebbene, al parere dell'altra agenzia europea EFSA (che giudicò il pesticida come "non cancerogeno" avendo utilizzato solo i dati delle aziende produttrici) si aggiunge la tegola finale, il lasciapassare che tutti attendevano per fare un favore alla Monsanto e permettere a Juncker, appunto, di (ri)autorizzare il glifosato per altri 15 anni.

Naturalmente ad essere presi per il naso non ci sono soltanto gli scienziati dello IARC e quelli di centinaia di esperti che decisero d'indirizzare una lettera alla Commissione per contestare il parere dell'agenzia. Ci sono anche e soprattutto i cittadini, che in appena due mesi - quasi in mezzo milione - hanno firmato una petizione per bandire l'utilizzo di questa sostanza dal commercio. E quindi dai loro piatti, bevande e tutto il settore agricolo (essendo il glifosato della Monsanto il pesticida più utilizzato al mondo).

Sull'ECHA si è anche allungata l'ombra lunga del conflitto d'interessi, emerso nei mesi scorsi su tutta la stampa internazionale. Il presidente del comitato che ha fatto la valutazione, Tim Bowmer, ha lavorato in passato per società di consulenza nel settore chimico. Parliamo di una carriera ventennale. Come avvenuto per il parere dell'EFSA, anche la valutazione dell'ECHA è stata preparata sulla base di un dossier iniziale redatto dall'Istituto federale tedesco per la valutazione dei rischi.

A brindare saranno quindi i soliti noti: i lobbysti, le multinazionali produttrici del principio attivo e degli OGM resistenti e, immancabilmente, la Germania. Esatto, perché proprio i tedeschi della Bayer hanno "casualmente" acquisito la Monsanto lo scorso settembre, dando vita a un mostruoso leviatano multimiliardario che produrrà farmaci, pesticidi e OGM.

L'unica speranza sono i cittadini. Siamo noi. Il Movimento 5 Stelle così come molte associazioni e organizzazioni ambientaliste chiede non solo di vietare il glifosato, ma anche di riformare il processo di approvazione dei pesticidi e fissare obiettivi vincolanti per ridurne l'uso in Europa.

Ci uniamo inoltre alla coalizione Stop Glifosato nel chiedere al Governo Italiano e alle istituzioni europee di applicare il principio di precauzione in nome della tutela della salute pubblica, vietando definitivamente e in maniera permanente la produzione, la commercializzazione e l'uso di tutti i prodotti fitosanitari a base dell'erbicida.

Chiediamo anche alle Regioni la rimozione del glifosato da tutti i disciplinari di produzione che lo prevedano e l'esclusione dai premi dei Piani di Sviluppo Rurale delle aziende che ne facciano uso, evitando l'insensatezza di premiare con fondi pubblici l'utilizzo di un prodotto cancerogeno. Così come già stanno facendo Calabria e Toscana.

Infine, chiediamo a tutti voi di firmare questa petizione. Per arrivare all'attenzione della Commissione, la petizione deve raccogliere almeno un milione di firme entro un anno dal suo avvio. Potete firmare online a questo indirizzo oppure su carta, ai banchetti presenti in numerose città italiane ed europee.

Fra un anno, se sarà stato raccolto almeno un milione di firme proveniente da almeno 7 Stati membri, la Commissione Europea dovrà dare una risposta formale alle richieste. Si tratta di un segnale forte da parte di cittadini sempre più informati e consapevoli di quanto nello loro mani ci sia la possibilità di cambiare davvero la politica nazionale e comunitaria.

Se stiamo fermi non cambierà mai nulla, se aspettiamo loro sarà troppo tardi, se facciamo da soli non sarà abbastanza, ma se combattiamo insieme possiamo davvero farcela.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • stefano l. Utente certificato 7 ore fa
    avendo un piccolo appezzamento di terra ho deciso di porre a dimora delle piante di noci e giocavo a fare l'agricoltore biologicamente rigoroso fino a che mi è stato diagnosticato un cancro....dopo questa stimolante esperienza ho appreso da amici biologi che la causa di questa mia passeggiata di salute è da ricercarsi nelle derive neoplastiche di sostanze chimiche che il contadino del terreno vicino(anche lui colpito dalla stessa forma neoplastica) usava consigliato da un solerte perito agrario commerciante , proprio, di questi prodotti... spero che questa esperienza così divertente e stimolante possa essere vissuta da quei signori( o anche dai loro figli e parenti tutti) della multinazionale in questione, e questo possa essere senza limiti di nazionalità, americani, tedeschi che siano basta che possano assaporare le gioie assolute e il divertissement che ho vissuto io e i miei cari
    • Mauro FERRANDO Utente certificato 5 ore fa
      Sono molto colpito, ma sono convinto che vincerai la tua battaglia (da aderente M5S sei sicuramente combattivo). In effetti io ho per altro esempio notato che personale dell'Autostrada passa con autobotti a diserbare le reti che le costeggiano inondando con getti a pressione anche i campi retrostanti: i pericoli per agricoltori e consumatori sono nascosti ovunque, le leggi e i controlli non ci tutelano.Ciao e forza, Mauro
  • martine lorinda Utente certificato 10 ore fa
    Ciao Per la realizzazione dei vostri progetti che si cura di cui non hai abbastanza fondi, la soluzione è le offerte di Lady Josina gomez di prestito diversi per i vostri progetti fino a 50.000 euro con un tasso del 2% per il vostro viaggio e di project financing studi per le imprese di costruzione d'oltremare e il fondo di investimento in commercio vari di progetto e costruzione e altre l'acquisto di auto a noleggio a casa e Appartamento acquistare e pronto per la salute e l'educazione dei vostri figli pronto sollievo per chiunque nel settore agricolo pericolo e affari milioni project financing Contattare il servizio di posta elettronica bancadiaccreditamento2017@gmail.com
  • leonardo prudo davila Utente certificato 10 ore fa
    Ciao cara popolazione. Che sono alla ricerca di un prestito serio e rapido. La signora ANISSA KHERALLAH è la persona che avete bisogno di aiuto e di soddisfare, in tutta sincerità. La fortuna non sorridere a tutti, voi che state leggendo questo messaggio, ha detto a voi, che ho vinto, perché questa donna è con il cuore aperto per tutti e spende soldi davvero. developpement.aide@gmail.com . La fortuna non sorridere a tutti, voi che state leggendo questo messaggio, ha detto a voi, che ho vinto, perché questa donna è con il cuore aperto per tutti e spende soldi davvero. Si prega di scrivere il suo numero di WhatsApp : + 33 644 664 968 Vi ringrazio in anticipo
  • sergio tomei Utente certificato ieri
    Auspico lunga vita ai professionisti della politica, che i loro figli e nipoti crescano sani e forti in questo mondo di mrd. Che hanno confezionato. Credendo forse di rimanere immuni a cotanto schifo che gettano dall'aria!!! "La livella" di Totò non la conoscono.
  • frank wilson ieri
    - Come io sono Dio mandato a istituti di credito dopo essere stato frustrato da hooligans qui sul web Ciao a tutti, Il mio nome è Mrs.John prezioso, da Las Vergas Stati Uniti d'America, ma ora in Danimarca, sono una madre solitaria, benedetto con due figli, da qualche tempo ho cercato per un vero e proprio prestito mutuante che mi potrebbe aiutare con un prestito, dal non ho più un lavoro, tutto quello che avevo era spazzatura, le persone che ho lended soldi, ha fatto via con i miei soldi, tutta la mia speranza era perduta, mi sono confuso e frustrato, è stato difficile per la mia famiglia per alimentare con un buon pasto, non ho mai voluto avere niente a che fare con qualsiasi società di prestito, più in particolare i prestiti attraverso Internet. Ma poi, lasciato senza alcuna opzione, ho sottoscritto l'idea, ho navigato in internet, e ho incontrato una ditta di prestito (frankwilsonloanfirm@outlook.com), che ha cambiato la mia vita e quella della mia famiglia, con il loro aiuto e con la paura di Dio in lui, il signor Frank Wilson. In un primo momento ho pensato che non sarebbe stato possibile a causa della mia precedente esperienza fino a quando ho ottenuto il mio prestito di 400,000USD all'interno di alcuni paio di giorni. Vi consiglio di contattare chiunque si trovi in ​​una reale necessità del prestito là fuori. Contattaci Mr.Frank wilson attraverso la loro e-mail ufficiale: - (frankwilsonloanfirm@outlook.com). Essere certi che con Dio per mezzo di lui vi aiuterà. NOTA: Tutta la posta deve essere inviata a: E-mail: frankwilsonloanfirm@outlook.com
  • Gianfranco Reggiani Utente certificato ieri
    Leggo su WIKIPEDIA: Restrizioni in Italia[modifica | modifica wikitesto] Il 7 ottobre 2016 è entrato in vigore il Decreto del Ministero della salute del 6 settembre, il quale dispone la revoca dell'autorizzazione all'immissione in commercio dei prodotti fitosanitari contenenti Glifosato con il coformulante Ammina di sego polietossilata (n. CAS 61791- 26-2) a partire dal 22 novembre 2016 e del loro impiego a partire dal 22 febbraio 2017[30].
  • Giacomo Beccari 2 giorni fa
    Si capisce lontano un chilometro che non siete agricoltori. 1) il glifosato è un tensioattivo, proprio come il detersivo che usate per lavare i piatti... 2) in campagna si usano cose molto peggiori (terbutilazina, funghicidi sistemici, insetticidi) e l'italia in tutta la comunità europea è quella con i disciplinari di produzione più restrittivi!! Ogni anno vengono revocate decine di molecole, di quelle non parliamo? 3) inutile vietare il glifosate in italia quando importiamo 1/3 del grano da paesi dove viene usato in dosi 10 volte superiori all'italia. 4) in italia il glifosato è consentito solo in presemina, all'estero viene usato anche sulle colture in atto, come sul grano maturo. Per darvi un idea delle dosi da disciplinari e.r.: 360 gr di s.a. per ettaro, cioè 10000mq, quindi 0,036 grammi a mq, quando prendete una pastiglia di tachipirina 1000 assumete 1 grammo di s.a. Ci sono molte cose molto più gravi, prima di questa guerra mediatica al glifosato... G.B.
    • vittorio feltrin ieri
      Per OMS è potenzialmente cancerogeno. In Veneto è appena stato vietato su tutta l'area del prosecco doc con la declassificazione a semplice glera per chi volesse o fosse beccato ad utilizzarlo. Vai a vedere quali sono i problemi sanitari nella zona legati all'utilizzo di questo ed altri due erbicidi, anch'essi contestualmente vietati, sia per gli agricoltori, sia per la popolazione circostante i vigneti. Poi ne riparliamo.
  • ETTORE L. Utente certificato 2 giorni fa
    No problem, basta, all'occorrenza, spostare i limiti consentiti negli alimenti!
  • Clesippo Geganio 2 giorni fa
    di fronte a miliardi di dollari o euro non badano alle probabili conseguenze deleterie sulla vita di milioni di persone. Spero che le prime ad ammalarsi siano quei manager e produttori del glifosato.
  • mario laura 2 giorni fa
    La petizione per mettere al bando il glifosato mi sembra una strana iniziativa priva di qualsiasi valore; è come indire un referendum se l'aspirina fa bene o male. Chi è in condizione di dire una cosa del genere? Chi ne ha le competenze? Ad affermazioni scientiche si risponde solo con controprove scientifiche e non con affermazioni di fede!!! Se si hanno le prove che il glifosato è cancerogeno, si rendano note e si proceda nellalegalità e nella logica .
    • michele manziega Utente certificato 2 giorni fa
      FORSE, FARESTI MEGLIO AD INFORMARTI CON UN PO' PIU' DI ATTENZIONE
  • marco ferro Utente certificato 3 giorni fa
    non solo è cancerogeno, basta vedere come è trattata questa sostanza, ci vogliono le tute per il contenimento biologico, quelle bianche con le maschere antigas per intenderci. ma una ricercatrice americana dopo 10 anni di studi e con tanto di pubblicazione su riviste scientifiche dice che l'aumento dell'autismo e dipende dal glifosato. abbiamo assassini che oggi comandano nella ue e poi la monsanto non è più americana ma appartiene alla bayer.
  • Giorgio Baldi 3 giorni fa
    Sul glifosate (o glifosato) dobbiamo precisare, salvo verifica, che Monsanto non è più titolare esclusiva del marchio e che il prodotto, adesso e da qualche tempo, è distribuito anche da altri produttori. Questo solo per completezza di informazioni, perché per tutto il resto sono d'accordo con voi. E non solo su questo argomento. Cordiali saluti
  • Giovanni Antonio 3 giorni fa
    Per chi vuol approfondire... http://www.libreidee.org/2016/08/craig-roberts-sembra-ue-ma-e-cia-il-suo-veleno-leuro/ http://vocidallestero.it/2016/06/07/aep-lunione-europea-e-sempre-stata-un-progetto-della-cia/
  • Raimondo M. Utente certificato 3 giorni fa
    Prima si esce da questa schifezza e dalla sua moneta meglio è.
  • Nicola Nicolini Utente certificato 3 giorni fa
    Qualcuno ha ancora dei dubbi su cosa sia REALMENTE l'Unione Europea, la Bce e tutta la cricca?
  • Potere Ai Cittadini 3 giorni fa
    URGENTE! al link https://sign.stopglyphosate.org/ si richiede TIPO DI DOCUMENTO: CARTA DI IDENTITA' oppure PASSAPORTO, ma io ho solo la PATENTE e non posso FIRMARE la PETIZIONE. chiamate il programmatore!
    • Paolo J. Utente certificato 2 giorni fa
      Io avevo lo stesso problema, solo la patente a disposizione. Sono andato in Comune ed ho richiesto la carta d'identità. Ora posso firmare. Per quanto riguarda "l'ivasività" dei dati da trasmettere, non ci sono problemi: ormai siamo tutti schedati, sanno tutto di noi attraverso ogni documento che richiediamo, o che ci mandano senza richiesta, tipo la tessera sanitaria, dove i dati registrati coprono tutti i campi, persino se si è svolto il servizio militare, dove e come; è un vero e proprio curriculum vitae super-completo!
    • Umberto Monti 2 giorni fa
      Io ho rinunciato a firmarla: mi sono sembrate troppo invasive le informazioni richieste
  • flavio guglielmetto mugion Utente certificato 3 giorni fa
    Voce ai dirigenti agrari. A loro la responsabilita' dei futuri.
  • Francesco C. Utente certificato 3 giorni fa
    Il glifosfato e' un erbicida non un pesticide. Tutti gli aggiornamenti, articoli e documenti sono rintracciabili digitando india monsant nella casella di ricerca di Russia Today, purtroppo in inglese. [IMO]
  • Francesco C. Utente certificato 3 giorni fa
    Un po' di populismo al glifosfato. Gratuito. "Organic tampons and sanitary pads recalled after traces of weed killer discovered. Panty liners and tampons produced by an organic brand are being pulled off the shelves by the thousands in France and Canada after traces of glyphosate were detected in the feminine hygiene products." (Russia Today) Si tratta dei tamponi vaginali e degli assorbenti al glifosfato. Sarebbero da analizzare anche gli slip assorbenti per bambini ed anziani. Questa storia credo non richiede una tessera di appartenenza ad un partito per poter essere valutata. Almeno mi auguro. [IMO] E si e' costretti ad aggiungere imo anche per notizie del genere.
  • Adolfo Treggiari Utente certificato 3 giorni fa
    Il gli sodato fa bene alla salute cosi' come la co2 non è' responsabile dei cambiamenti climatici. In epoca trumpiana quello che fa premio e' il profitto senza limiti. L'avidità al potere.
  • Fabrizio Ferrettini Utente certificato 3 giorni fa
    FUORI DALL'EURO IL PRIMA POSSIBILE!!!!!!!
  • Tommaso 3 giorni fa
    E` un erbicida, non un pesticida. Ma insomma, la questione non cambia.
  • Zampano . Utente certificato 3 giorni fa
    FUORI DALL'EURO E DALL'UE!
    • Tommaso 3 giorni fa
      Certo, perche` gli alfieri della giustizia e i paladini della legalita` che albergano nei nostri palazzi sono sicuro che non cederebbero di un millimetro rispetto alle lusinghe delle multinazionali.
  • Alessandro P. Utente certificato 3 giorni fa
    Per proteggere la salute degli italiani è sufficiente uscire dall'Ue (bombardare gli uffici Bayer può essere una soluzione alternativa).
    • Tommaso Canepa 3 giorni fa
      L'uscita dall'UE e la sua dissoluzione sono una pseudo soluzione. La UE (e le sue politiche finanziarie) devono essere amministrati a favore dei popoli che compongono la UE. Non a favore solo di alcuni stati e delle banche centrali. Dobbiamo arrivare a contare a Brussel, non uscire dal parlamento Europeo.
  • Taipan X Utente certificato 3 giorni fa
    Sicuramente usavano già il glifosato in Europa,cosa volete che gliene freghi alla Monsanto di avere o non avere autorizzazioni? In caso di qualche protesta possono comprarsi giudici e politici in ogni parte del mondo,la UE serve solamente a fare gli interessi di coloro che li comandano. Bayern e Monsanto ad esempio. L'acquisizione da parte della Bayern è la prova che già sapevano che la UE avrebbe autorizzato l'uso del glifosato che,ripeto,sicuramente era già usato. Questa è gente da uccidere fisicamente,altro che petizioni. Non oso immaginare come sarà la Terra tra 50 anni,tra nucleare e api robot :-) Mi chiedo sempre perchè non intervenga Dio a ripulire tutto questo schifo causato dai soldi,probabilmente anche lui si è rotto le palle del genere umano. Citando Einstein: "Solo due cose sono infinite: lo spazio e la stupidità umana. E sulla prima non ne sono del tutto convinto".
    • rino lagomarino Utente certificato 3 giorni fa
      Spero di raggiungerti presto al riparo dello scudo di splendide montagne. La casetta che mi aspetta c'è già tra i cerbiatti e gli scoiattoli nel Vallese e l'aria buona. Temo solo che resteremo accerchiati...
  • Ivano Sorgon 3 giorni fa
    come posso firmare da Italiano che vive in Svizzera? I dati richiesti sono solo possibili vivendo in Italia o in un paese della comunità europea. grazie
    • Michele B. Utente certificato 3 giorni fa
      Ce l'hai il passaporto italiano? Usa quei dati e metti un indirizzo che abbia un senso, quello di un familiare rimasto in Italia per esempio.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus