Renzi e i ''comitatini''

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.
renzi_comitatini.jpg

"La Basilicata e la Sicilia sono meglio del Texas, il Mar Mediterraneo è pieno di oro nero che aspetta solo di essere estratto per renderci tutti ricchi, le persone che in tutta Italia si oppongono allo sfruttamento del proprio territorio e alla distruzione della propria economia sono solo "tre, quattro comitatini". Questi sembrano essere, ad oggi, i pensieri del Premier Renzi, almeno stando a quanto dichiarato in un'intervista al Corriere della Sera. Forse offuscato dalla voglia di fare, Renzi ha dimenticato di analizzare in maniera approfondita i dati, quelli veri. Parla di 40.000 posti di lavoro, prendendo per buoni i dati di Assomineraria (che ha recentemente dichiarato anche che le trivelle in mare fanno bene alla pesca), e dimenticandosi ad esempio di rapporti di Confindustria e sindacati, che evidenziano come il ramo occupazionale legato all'efficienza energetica sia enormemente più ampio e importante. Si potrebbero creare 160 mila posti di lavoro l'anno per dieci anni, senza considerare l'indotto per l'economia e i risparmi per i cittadini. Ma Renzi sembra proprio non voler capire che il futuro sono le energie rinnovabili e l'efficienza energetica. Quanto al Texas italiano, è evidente che il petrolio della Basilicata non ha di certo portato sviluppo economico e benessere agli abitanti della regione, ma semmai soldi nelle tasche di pochi (e sempre i soliti). Stesso discorso vale per le trivellazioni off-shore della Sicilia, dove i rischi e i danni (ad esempio su turismo e pesca sostenibile) sono tutti sulle spalle dei cittadini, mentre i guadagni finiscono altrove. E per cosa? Per estrarre un quantitativo di petrolio che, stando ai dati ufficiali del Ministero per lo Sviluppo Economico, non coprirebbe neppure due mesi di consumi del sistema paese. Senza considerare le royalties, tra le più basse d'Europa.
E che dire dei comitati locali, quelle centinaia di migliaia di persone che, ogni giorno, in tutta Italia, vivono sulla propria pelle le conseguenze delle fonti fossili? [...] Il nostro messaggio è chiaro: "Non è un paese per fossili". Né per fonti fossili, né per politici fossili."
Luca Iacoboni - Greenpeace, Campaigner Energia e clima

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus