#GlieloChiedeSergio

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.
celochiedesergio.jpg

Renzie è dalla parte di Marchionne e contro i lavoratori, senza se e senza. Con il decreto lavoro vuole rendere tutti i lavoratori precari. #GlieloChiedeSergio.

"Il 20 marzo 2014 il Governo Renzi ha reintrodotto la schiavitù che per primo soppresse Abramo Lincoln nel gennaio del 1865, con il XIII emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti d'America. Il lavoro è tornato ad essere schiavitù, la flessibilità è divenuta iperprecarietà. Con il Decreto Legge sul Lavoro, n. 34/2014, assistiamo alla liberalizzazione dei contratti a termine, per la cui stipulazione non è più richiesta una causa di giustificazione oggettiva. Con le innumerevoli proroghe possibili pensate dagli schiavisti del nuovo millennio, e l'estensione della durata massima di successione dei contratti a complessivi 36 mesi, si procede allo smantellamento del diritto al lavoro. Queste disposizioni sono palesemente in contrasto con la direttiva 1999/70/CE, come confermato anche dalla giurisprudenza prodotta dalla Corte Costituzionale italiana e dalla Corte di Giustizia Europea. Il decreto non crea nuovi posti di lavoro ma crea nuovi posti di schiavitù iperprecaria. Inoltre sono state presentate modifiche che consentono di aggirare il pur blando paletto che poneva un limite alle assunzioni a termine pari al 20% rispetto al totale della forza occupata."M5S Camera

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • alfonsina p. Utente certificato 3 anni fa
    E pensare che il popolo piddino paga pure 2 euro (oltre a quello che già ci rubano) per votarli .E noi saremmo la setta che idolatra un guru?. Ho notato che ,in questo paese, le persone più credibili sono i comici, gli altri sono tutti PAGLIACCI.
  • Alessandro B. Utente certificato 3 anni fa
    Vogliamo parlare di cosa è "SINISTRA" in Italia (ma potremmo dire in Europa)? La vicenda del JOBS ACT (il nome in inglese è forse un iOmaggio al cinico imprenditore americano Steve Jobs? [*]) è paradigmatica. La "SINISTRA PD" (cioè la parte "più di sinistra" di un partito "di centrosinistra") canta vittoria perché… nel testo definitivo della legge sono riusciti a far diminuire i rinnovi consecutivi senza causa gustificativa di un contratto precario da otto a "soli" cinque. Insomma, il massimo successo per la "sinistra" è cantare vittoria per avere CONTRATTATO CON SUCCESSO SUL GRADO DI ABOLIZIONE DEI DIRITTI. Ma sono sempre diritti e tutele che vengono aboliti, in nome di quelle politiche "coraggiose" (ci viole un bel coraggio, infatti!) che tanta "credibilità" danno a un Paese in cui ciascuno deve "farsi carico" della crisi: quante volte avete sentito esponenti della "sinistra" italiana pronunciare stupidate di questo tenore? Avviene ormai da più di vent'anni. Abbiamo visto con quali risultati. Quello che Renzie "il Bomba" definisce eufemisticamente sistema "A TUTELE CRESCENTI" non è altro che un sistema "A TUTELE INIZIALI NULLE", un sistema di sfruttamento del lavoratore che apre definitivamente al PRECARIATO GENERALIZZATO senza garanzie. Con effetti sistemici devastanti per tutta l'economia nazionale. ***** [*] Per brevità non mi soffermo sull'orrida pratica del VENDOR LOCK-IN di cui l'avido Steve Jobs fu indiscusso maestro, ma mi permetto di ricordare quella che Jobs definiva "una fabbrica carina": la FOXCONN, produttore cinese in outsourcing degli iCosi (quelli per cui milioni di lobotomizzati occidentali idolatri di un marchio commerciale si mettono in coda la notte ogni volta che esce un "nuovo" modello) che vanta un poco invidiabile record di suicidi fra i lavoratori: http://www.corriere.it/economia/10_giugno_02/foxconn-steve-jobs-fabbrica-carina_201f6a18-6e30-11df-b855-00144f02aabe.shtm
  • Paolo A. Utente certificato 3 anni fa
    Nell'arco della mia vita, ho sempre acquistato auto f at, ero contento anche perché compravo un prodotto Italiano, anche se pagato due volte...ora di certo, non spenderei nemmeno un euro.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus