Delrio mente ai pm antimafia o è smemorato? #DelrioDimettiti

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

delriodimettitiora.jpg

di M5S Parlamento

Delrio o mente o è un incapace. Le possibilità sono due e entrambe portano alle dimissioni immediate di Graziano Delrio.
O nel 2012 il ministro ha mentito davanti ai Pm antimafia oppure è talmente incapace e smemorato da non ricordare fatti risalenti a pochi mesi prima in Consiglio Comunale e non ricordarsi cose note a tutti nel mondo politico e nemmeno di atti e nomine fatte di suo pugno e poi discusse e votate dalla sua Giunta in due occasioni. Tutto viene a galla grazie alla pubblicazione dei verbali integrali di quell'interrogatorio, finalmente liberati dagli 'omissis'.

Delrio il 17 ottobre 2012 fu interrogato dai PM antimafia come persona informata sui fatti dell'inchiesta Aemilia. Rispose a domande su Maria Sergio, da lui nominata dal 2004 al 2014 sua dirigente all'urbanistica. La Sergio è moglie di Luca Vecchi, al tempo capogruppo Pd ed oggi sindaco di Reggio Emilia. Nei mesi scorsi, grazie ad un 'pezzetto' del compianto Emiliano Liuzzi su Il Fatto e di Sabrina Pignedoli sul 'Carlino', si è scoperto che nel maggio 2012 la Sergio acquistò una casa al grezzo da Francesco Macrì, attualmente imputato nel processo Aemilia con l'accusa di essere un prestanome dei boss della cosca Grande Aracri.
Nell'interrogatorio i Pm dell'inchiesta Aemilia rivolgono parecchie domande a Delrio. Tutto viene a galla grazie alla pubblicazione dei verbali integrali di quell'interrogatorio.

VIDEO Spadoni M5S minacciata dal Boss mafioso di Reggio Emilia

Perché in quella occasione il ministro dichiarò di non sapere che la Sergio fossa nativa di Cutro (Crotone), cosa che tutti sapevano a Reggio Emilia dal momento che Delrio la nominò di suo pugno e visto che ci sono due delibere della sua Giunta del 24 novembre 2004 e del 22 dicembre 2009 dove il luogo di nascita della dirigente è pure scritto nero su bianco?
A domanda del magistrato Pennisi sulle parentele della stessa con persone originarie di Cutro che svolgano attività imprenditoriale nel settore edilizio, Delrio dichiara di non saperne nulla.
E' poco credibile, perchè il 23 luglio 2012, pochi mesi prima dell'interrogatorio, il Consiglio comunale di Reggio votò un piano urbanistico dei parenti della Sergio, con due atti su tre firmati dalla stessa dirigente all'urbanistica (!), come denunciato dalla stampa locale la scorsa settimana, e una terza firma di Massimo Magnani, dirigente di massima fiducia di Delrio e parente, seppur lontano, dello stesso ministro allora sindaco e presidente Anci.

A prova di quel conflitto d'interesse di cui Delrio non poteva non sapere, il capogruppo Pd Vecchi, marito della Sergio correttamente si astenne, nel voto del consiglio comunale del 23 luglio 2012. E' qui che Delrio mente oppure si dimostra totalmente incapace.

Ricordiamo che Delrio sempre nello stesso interrogatorio dichiara:
- di non sapere che il boss Grande Aracri fosse originario di Cutro, il paese dove nell'aprile 2009 si recò in processione elettorale in occasione della Festa del Santissimo Crocifisso, atto simbolico considerato dai magistrati molto grave.
- di non essersi accorto di infiltrazioni negli appalti nonostante da anni fossero stati lanciati allarmi in tal senso nella città che governava.
- ai magistrati antimafia gli chiedono se a Cutro sono state scattate foto lui risponde "sì parecchie".

Un ministro che mente o è totalmente smemorato (decida lui cosa vuole essere) non può governare l'Italia. Si dimetta immediatamente. Intanto come chiediamo da mesi sia convocato dalla Commissione antimafia.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • DNA 1 anno fa mostra
    Virginia Raggi: ahi ahi ahi ahi!!!!! L’è tutto sbagliato! L’è tutto da rifare!!!! Ahi ahi ahi ahi!!!!!!! Tutto ha inizio due settimane fa, con tre attivisti del Movimento 5 Stelle, già esclusi dalle consultazioni per il Campidoglio ed espulsi dal Movimento, che hanno citato in Tribunale Beppe Grillo in quanto rappresentante di M5S chiedendo non solo di essere riammessi nel Movimento ma anche di annullare le Comunarie di Roma, vinte da Virginia Raggi. ---------------------------------------- http://www.blitzquotidiano.it/politica-italiana/virginia-raggi-candidatura-rischio-comunarie-m5s-da-rifare-2435181/ Gli espulsi (ed esclusi dalle liste), difesi dall’avvocato Lorenzo Borrè, obiettano che l’associazione giuridica che li ha espulsi non è la stessa a cui sono iscritti. Quella a cui sono iscritti è “MoVimento cinque stelle” (l’associazione originaria, nata il 4 ottobre 2009, trentamila iscritti), quella che li fa fuori è “Movimento cinque stelle” (con la v minuscola, nata il 14 dicembre 2012, con solo quattro iscritti fino al 2015: Beppe Grillo, Enrico Grillo, Enrico Maria Nadasi e Gianroberto Casaleggio). Traduzione: la seconda associazione espelle gente che non è iscritta a quell’associazione ma a un’altra; e lo fa in base a un regolamento che secondo gli espulsi è fittizio (varato il 23 dicembre 2014, sarebbe giuridicamente inesistente perché si configura come una modifica del non-statuto dell’associazione originaria; ma una modifica, in assenza di altre prescrizioni, richiede – secondo il codice civile – un voto dell’assemblea. Voto che non c’è mai stato, e assemblea che mai s’è riunita). p.s.: Se non ci fossimo noi trolls a tenervi informati, ancora oggi non sapreste che siete dei fascistoni di estrema destra!!!!!
    • Franco Orlandi Utente certificato 1 anno fa mostra
      Fascisti ? magari ! Sono molto peggio Questi otre a fregarti ti prendono anche per il culo Nessun fascista era mai arrivato a tanto
    • Eposmail. ,, Utente certificato 1 anno fa mostra
      ..se tu fossi furbo ma non lo sei,.. ti esprimeresti diversamente.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus