Il silenzio dei (non) innocenti

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

pulcinellanapo.jpg

"C’è qualcosa di inquietante nella cultura del nostro Paese. O in quel che rimane della "cultura" di questo Paese. Da ormai due anni viviamo in quello che ho definito il colpo di Stato permanente. Definizione netta, radicale, me ne rendo conto. E mi rendo anche conto che possa non essere condivisa da molti. Mi è stato rimproverato che, più che di "colpo di Stato", avrei dovuto parlare di stato di eccezione permanente, o emergenza permanente. Fatto è – almeno questo mi sia concesso – che la nostra Costituzione, il nostro ordinamento costituzionale, da almeno due anni ha subito una serie di trasformazioni che, pur senza modificare il dettato della Carta, hanno consentito il passaggio, di fatto, da una forma parlamentare ad una presidenziale. Ciò che trovo inquietante, è che proprio da parte di coloro che di professione dovrebbero occuparsi di tutto ciò, ossia i costituzionalisti, vi sia stato un silenzio assordante durante tutto questo tempo, un silenzio che continua tutt’oggi. Su tutto ciò che è accaduto, non hanno nulla da dire, né da eccepire.
Trascuriamo pure tutti coloro che sono a busta paga dei grandi quotidiani nazionali, che scrivono sotto dettatura. Trascuriamo anche quelli assoldati da Re Giorgio per cambiare la Costituzione, trascuriamo i saggi e i meno saggi che hanno messo mano ad un progetto incostituzionale di riforma della nostra Carta (e di cui 5 risultano, peraltro, oggi indagati dalla Procura di Bari per vicende relative al dubbio svolgimento di una serie di concorsi universitari banditi per diritto costituzionale. Si aggiunga anche che, tra gli indagati, c’è il costituzionalista ed ex Presidente dell’Autorità garante per la privacy Francesco Pizzetti). Trascuriamo, ancora, quanti, dalla cattedra, sono passati a ricoprire cariche politiche essenziali, dalla Corte Costituzionale in giù, e che hanno rendite e posizioni da difendere. Trascuriamoli pure tutti loro. Restano, però, i centinaia di professori, ordinari e non, ricercatori e studiosi che hanno taciuto e continuano a tacere di fronte allo scempio che si sta facendo delle nostre istituzioni repubblicane. Certo, ci sono delle eccezioni. Ma sono poche, troppo poche (come troppo pochi furono i professori che dissero no al “giuramento”). Certamente sono penose le uscite servili dei professori a stipendio, sono penosi gli articoli a difesa di Napolitano che escono sui giornali di regime. Ma non è forse più inquietante il servilismo del tacere?
Se cercate di parlare con qualcuno di loro, vi risponderà – con un sorriso pieno di disprezzo, ma anche di malafede – che non è successo niente, che Napolitano è il miglior Presidente della Repubblica, tanto da essere stato persino rieletto. Non riflettono neppure su questo: uno schiaffo alla Costituzione, quello della rielezione, che reclama ancora vendetta. Non si rendono conto o ancora peggio vogliono tenere nascosto il dato politico reale: il passaggio da una forma di Stato parlamentare ad una forma di Stato fortemente presidenziale, che si regge sul tandem Presidente della Repubblica - Corte costituzionale e che stravolge completamente lo spirito della Carta costituzionale. L’intero sistema fa perno su Napolitano e su una Corte Costituzionale che ne riflette quasi sempre le intenzioni: gli ha dato ragione sul conflitto di attribuzione, gli ha dato ragione sul Porcellum.
Come mai ai tempi di Cossiga, delle “picconature” (che erano dolci carezze rispetto a quello che sta ora succedendo) il dibattito tra i costituzionalisti era molto vivace mentre oggi è del tutto assente? La risposta non è difficile. L'intera corporazione dei costituzionalisti è colonizzata dal PD e risponde agli ordini di questo partito. Ma il PD ormai non ha alcuna prospettiva, è privo di qualsiasi visione: l'unica cosa che conta è sopravvivere insieme a FI conservando l'attuale situazione di potere.
Se nessuno parla del Colpo di Stato in cui viviamo, se si snobba chi ne parla come complottista avulso dalla realtà, allora il gioco dell’omertà potrà avere successo. Una politica dello struzzo che nasconde il pauroso vuoto morale di un ceto di giuristi asserviti ad un partito. Minimizzano, tacciono, si nascondono dietro il dito della legalità, mentre la Costituzione che loro dovrebbero insegnare e commentare viene quotidianamente stuprata. Fino a quando potrà durare? Fino a quando continueranno a prenderci per il culo? E soprattutto: fino a quando il popolo italiano lo consentirà?".
Paolo Becchi

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • angelo c. Utente certificato 3 anni fa
    Cari Itagliani o ci svegliamo oppure questi ce lo mettono talmente dentro che ci vorranno piu operazioni anali per tirarlo fuori. Il 25 in massa a votare il m5s e il 27 maggio 20 milioni di italiani marciano compatti verso i palazzi del potere. E li o con le buone o con le cattive devono uscire tutti.
    • Mario Ghironi 3 anni fa
      ... Speriamo che tu abbia ragione e i Santi "tutti"...ma tutti, proprio tutti i Santi... del Paradiso, del Calendario, catalogati e per motivi di spazio, nn siano menzionati...illuminino questo popolo sfruttato e maltrattato, con gli occhi bendati ed orecchie ...che ascoltano tutte le proposte (vendita di fumo), che promettono...ancora coloro che hanno distrutto l'Italia con i suicidi compresi...gente sveglia...Grillo nn è solo un "comico" è colui che sta legendo la vita e le male fatte di 20 anni di mal governo, è tutto alla luce del sole, giorno dopo giorno stanno venendo a galla le ruberie e quant'altro hanno comesso e stanno commetento i Ns Governanti...(quanto ancora vi saranno oculte?)dove dovrebbe essere il "buon esempio",(onestà compresa...che nn sanno dove si trova di casa). Mario G. da Cagliari.
  • Riccardo Garofoli 3 anni fa
    La finocchiaro a la memoria ad intermittenza Solo ora ricorda di essere stata contattata dal pdl per fare il salto della quaglia Le ed altri senatori Ma di andare presso la procura della repubblica a sporgere NO !!!! Ma di convocare una conferenza stampa e denunciare tutto al opinione pubblica e forse chiedere troppo , o aveva paura che gli levassero la scorta Da Ikea poi doveva portarsi la spesa da sola Che schifo questo pseudo rappresentanti E poi chiedono ai cittadini comuni di denunciare di fare gli eroi Oggi è un giorno di troppo per questi beceri e loschi figuri alla stessa stregua di chi li voleva comperare Le cloache ormai tracimano
  • Maria Pia Caporuscio Utente certificato 3 anni fa
    Questo periodo sarà ricordato nella storia come l’era della vergogna. Non esiste vergogna più grave del tradimento, perché è un tradimento quello che questa classe dirigente sta facendo al proprio paese e ai propri connazionali. Finora erano gli stranieri ad usare violenza contro un altro paese e mai nella storia si era verificato che venisse usata contro la propria popolazione, con l’intento di favorire potenze straniere. Mai era accaduto che un capo di Stato rinunciasse alla propria sovranità nazionale ed economica, accettando ordini da privati (banche o multinazionali che siano). Ora sta accadendo proprio questo, la politica è arrivata a sottomettere la propria nazione, a vendere la popolazione, a disintegrare i colossi statali, a cancellare le proprie radici per cosa? Deficienza o convenienza? Forse per entrambe le cose. Alle nostre spalle e con la collaborazione dei media venduti, stanno decretando la morte della civiltà di una gloriosa nazione come la nostra. Noi l’abbiamo sempre chiamata Patria ma per questi esseri è solo un albero della cuccagna. I partiti sono diventati un comitato di affari e nonostante abbiano precarizzato tutti i lavoratori, loro si sono incollati a quelle poltrone a vita. Dobbiamo smantellarli, hanno fatto il loro tempo e non c’è più ragione di continuare a tenerli in vita. Non devono più esistere partiti che fanno gli interessi di essi stessi e se il progresso (come dicono) è la precarizzazione, necessita precarizzare anche loro!
    • Maria Pia Caporuscio Utente certificato 3 anni fa
      Ti ringrazio tanto Beppe carissimo, mi dai una grande soddisfazione
    • Beppe C. Utente certificato 3 anni fa
      Maria Pia sei un libro aperto,lo leggo dall'inizio alla fine e poi ancora di nuovo, vi trovo tutto quello che mi frulla nella testa. Ciao stella.
    • Maria Pia Caporuscio Utente certificato 3 anni fa
      Caro Harry è triste, è per davvero triste essere costretti ad ingranare la marcia indietro, quando la natura ci ha posto gli occhi davanti e non dietro la testa e proprio per farci andare avanti, non dietro. Questi "così" che ci sgovernano che chiamano progresso il regresso, pace la guerra e la schiavitù dei lavoratori riforme, dovrebbero indossare la camicia di forza perché sono un pericolo: i pazzi vanno messi nella condizione di non nuocere mentre noi, oltre a lasciarli liberi, li paghiamo milioni per farci torturare.
    • harry haller Utente certificato 3 anni fa
      ..e voglio dire che hai ragione: siamo un Paese svenduto dal proprio Governo, offerto a riparazione d'un debito fatto di nulla se non di cartaccia stampata a volontà senza che vi fosse una contropartita, poi individuata, rompendo ogni tabù morale, nei Paesi stessi, nel risparmio dei suoi abitanti, nelle loro abitazioni e nei loro beni, nei suoi monumenti, nei suoi servizi sociali: considerata merce, solo merce le sue risorse, ed animali da macello i suoi abitanti.....
    • harry haller Utente certificato 3 anni fa
      Un folle risiko, una guerra di conquista combattuta senza armi, ma non per questo meno crudele: da chi sia partito tutto questo, da chi venga condotto questo gioco al massacro, si sa, come sappiamo quali mezzi usino per piegare al loro volere governi e quali leve mediatiche per manipolare le coscienze dei popoli......
  • oreste m****** Utente certificato 3 anni fa
    Oggi non ho potuto seguire il dibattito sulla TV(se c'è stato) sulla fiducia,per quel decreto JonBox che rende ancora di più il lavoro,mica la certezza noooo la sua precarietà! Ho seguito a mezzo radio. Chiarificatore l'intervento del m5*,mentre con Sacconi di m....,c'è stato il solito fumoso progetto,tipico della ex DC:tante parole bellissime ma di concreto? Solo menzogne,menzogne. In particolare mi è piaciuta l'espressione" la controtendenza della legge Fornero"...sacconi è finita, la gente non vuole più sentire balle,non siete più credibili;gli asini non volano più e non si legano con le salcicce. CHE VERGOGNA!
  • fede e. 3 anni fa
    SI....!!!!!L'ERA DELLA VERGOGNA....!!!! MA TANTO TRA BREVE A QUESTI GLI SI SPEGNERA' LA LUCE,ALL'IMPROVVISO......!!!!!NON CAPIRANNO PIU' NULLA DI QUELLO CHE SUCCEDERA',D'ALTRONDE SONO ANNI CHE NON CAPISCONO,MENTRE I CITTADINI ITALIANI NEL FRATTEMPO SONO CRESCIUTI E HANNO CAPITO TUTTO DI QUESTI GAGLIOFFI CHE HANNO DEPREDATO L'ITALIA A MILIARDI SU' MILIARDI CON RUBERIE E COLLUSIONI VARIE,SIAMO STATI DEPREDATI DALLE CASTE DI VARIO GENERE,A NOSTRE SPESE SI SONO FATTE VILLE DA SOGNO IN PAESI LONTANI,BARCHE DI LUSSO,CIRCONDATI DA RAGAZZE DAI SENI E DAI CULI PROCACI,GOZZOVIGLIANDO A PIU' NON POSSO MENTRE GLI ITALIANI VENIVANO AGGREDITI DA EQUITALIA,VENIVANO CHIAMATI EVASORI CON IL SERVILISMO DEI MASS-MEDIA DI TUTTI QUEI GIORNALI PAGATI DA LORO E SOTTOMESSI.BASTAAAAA....!!!!VINCIAMOOOOONOIIIIIIII. VAI GIU' PESANTE CARO BEPPE,VAI TRA LA GENTE ,LORO HANNO PAURA DELLA GENTE....!!!!!LA DIARREA INIZIA A COLPIRLI,HANNO PAURAAAAAAA.W IL MOVIMENTO 5 STELLE.VINCIAMONOIIIIIIIIIIIIIII.
  • NICOLA M. Utente certificato 3 anni fa
    Il PD,ovvero migliaia di persone spesso nullafacenti,dedite per mestiere alla politica,supponenti e convinte di essere custodi della cultura e della democrazia,ricche di citazioni di libri piu' o meno famosi sicuramente alla moda,convinti della bonta' di ovvi e superati luoghi comuni,facente ancora analisi sociali di cultura ottocentesca,ma che tuttavia occupano lo Stato in tutti i settori e vivono di politica e dintorni.E' un apparato insopportabile e parassitario che parla,parla,parla e spesso urla supportata dalla gran parte dei mezzi di informazione pagati con soldi pubblici.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus