Alitalia: punto e a capo

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di MoVimento 5 Stelle

Punto e a capo. Siamo un’altra volta punto a capo! E a ogni nuovo stop e ripartenza a rimetterci siamo sempre tutti noi, nessuno escluso!

Caso Alitalia, febbraio 2017. Dopo continue ricapitalizzazioni e cambi di assetti societari, fallimenti annunciati, restyling e soprattutto i quasi 10 miliardi di soldi pubblici riversati direttamente ed indirettamente nella ormai ex compagnia di bandiera, ecco che dalle banche arriva l’ennesima ideona: sono pronte a riversare nuovi soldi nell’impresa a patto di tagliare il costo del lavoro. Le retribuzioni del personale, dicono, devono essere equiparate a quelle delle compagnie low cost.

Strano! Perché il costo della componente lavoro in Alitalia è già in linea con quelle dei vettori low-cost e comunque più basso tra le grandi compagnie europee. Eppure l’azienda vuole tagliare, tagliare, tagliare! E da subito! Già dal primo marzo vuole far scattare la riduzione del 20 per cento in busta paga, bloccare gli scatti d’anzianità che da annuali dovranno diventare quinquennali e ridurre le giornate di riposo.

Altro che difesa dei privilegi del personale Alitalia, come se i dipendenti stessero scioperando per viaggiare gratis come la stampa di regime ogni giorno ci propina! Eppure questo è il messaggio passato. Non importa che tutte le recenti analisi hanno evidenziato che il costo maggiore in Alitalia non è rappresentato dalla forza lavoro ma: da un programma di manutenzione motori che costa all’Azienda il 30 per cento in più rispetto ai concorrenti, per l’assurda decisione di chiudere Alitalia Mantinance Systems la storica officina motori di Alitalia; per i leasing fuori mercato degli aerei; per le operazioni volo durante le fasi di decollo e atterraggio; per come è gestito il carico del carburante non sapendo, l’attuale manager, nemmeno sfruttare le basse quotazioni petrolifere per contratti assicurativi capestro; continuando per i servizi handling (a terra) che Alitalia paga il 15% più delle altre compagnie e per i tantissimi, e molto spesso misconosciuti, sprechi (nuove livree, corsi di formazione inutili ecc. ecc.) che fanno la felicità dei manager, questi sì intoccabili, che resistono in Azienda nonostante tutte le cordate avvicendatesi dai tempi di Cimoli in poi!

La “nuova” Alitalia targata Etihad ha comportato 2.251 esuberi, adesso girano voci di altri 2000 possibili nuovi licenziamenti! A rimetterci sono sempre i lavoratori. Noi diremo di no! I lavoratori sono pronti a fare la loro parte, sono disposti a fare i sacrifici, ma solo dopo gli intoccabili dirigenti e ad un serio piano industriale degli azionisti che dia una reale connotazione di business a questa Azienda. Tocca a loro adesso!

Oggi i lavoratori di Alitalia son in sciopero e ci sarà una manifestazione a Fiumicino. Noi saremo con loro! Perché come M5S non possiamo tollerare che siano sempre i più deboli a pagare! Come tutti siamo in attesa del piano industriale che leggeremo con attenzione, pronti a convocare i vertici Alitalia in Parlamento. Perché una cosa è certa: non vogliamo l’ennesimo Piano miope come quelli che l’hanno preceduto ma un piano che effettivamente rappresenti una svolta per il futuro della nostra compagnia di bandiera.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus