Il #ProgrammaBanche del MoVimento 5 Stelle

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di MoVimento 5 stelle

Una finanza a misura di economia reale, un sistema degli intermediari in cui prevalga l’interesse pubblico del credito e una vigilanza che tuteli davvero il risparmio. Sono le linee guida del programma del MoVimento 5 Stelle per il settore bancario e finanziario.

Alessio Villarosa: Ciao a tutti. Siete chiamati a votare dei temi veramente importanti, parliamo di sistema bancario, parliamo di sistema finanziario. Il sistema finanziario oggi è diventato altamente sofisticato, e ha semplicemente creato più poveri e ampliato quel divario che c'è proprio tra ricchi e poveri. Dobbiamo regolare questa finanza, dobbiamo vietare che certe società possono vendere allo scoperto e causare il fallimento addirittura di governi interi, e in più servirebbe a questo Paese un sistema di pagamento condiviso, ovvero un sistema che permette ai cittadini di essere finalmente proprietari dei propri trasferimenti di denaro, che gli permetta di ridurre i costi allo zero, è che ne migliori la velocità: oggi un bonifico ci mette due o tre giorni per arrivare a destinazione, con questo sistema in 2-3 minuti avremo il nostro pagamento compiuto.

Carla Ruocco: Vogliamo degli organi di vigilanza realmente autorevoli e indipendenti, una Consob che controlli realmente i prodotti che vengono gestiti e venduti ai cittadini e alla clientela al banco, e non faccia più rifilare prodotti tossici o ad altissimo rischio a persone inconsapevoli. E una Banca d'Italia pubblica e realmente autonoma, che agisca nell'interesse dei risparmiatori italiani.

Daniele Pesco: Il controllo sul sistema bancario italiano è un'attività molto delicata e molto importante. Negli ultimi anni si sono verificati moltissimi crac bancari, vuol dire che probabilmente la vigilanza non è stata attuata da Banca d'Italia nel modo migliore. Quindi abbiamo bisogno di strumenti nuovi, più efficaci, che potrebbero essere ad esempio la condivisione delle attività di controllo tra Banca d'Italia e anche la Guardia di Finanza, oppure avere una procura nazionale che si occupi dei reati finanziari, non che intervenga solo lei, ma che possa coordinare le attività di indagine sui più importanti i reati finanziari. Esiste poi in Italia un problema riferito alle pene e alle sanzioni per reati finanziari: attualmente non sono abbastanza severe, quindi è necessario rendere più forti queste pene per fare un vero effetto deterrenza, per riuscire a mandare in galera qualche banchiere e finanziere che fino a oggi non si è comportato bene.

Ferdinando Alberti: l'Italia ha un disperato bisogno di investimenti, sia privati che pubblici. Per rilanciare produttività e innovazione delle piccole e medie imprese, serve un soggetto totalmente in mano pubblica, questa secondo noi potrebbe essere la Banca Pubblica per gli Investimenti, e come dovrà intervenire sarete voi a decidere.

Laura Bottici: oggi noi dobbiamo portare i cittadini a scegliere dove mettere i propri risparmi. Noi oggi abbiamo un insieme di banche che non si capisce se sono commerciali o speculative, invece dobbiamo scegliere se il cittadino deve essere consapevole di dove vanno i suoi soldi o meno, e quindi attuare una separazione bancaria tra le banche commerciali e quelle speculative. Vi invito a votare numerosi e a scegliere cosa volete fare dei vostri soldi. Buon voto a tutti.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Max Stirner Utente certificato 7 mesi fa
    IL COLPO MORTALE DELLE BANCHE/STATO AI CITTADINI SARA' L'ABOLIZIONE DELLA CARTA MONETA Già ora il cittadino ha pochissime armi di difesa contro lo Stato/Banche, ma ne ha ancora una micidiale: RITIRARE I PROPRI RISPARMI IN CARTA MONETA e impedirne così l'uso alle Banche/Stato. In preparazione a questa mossa finale contro i cittadini, ci hanno riempito il portafogli di schedine di plastica con una striscia nera contenente i nostri dati identificativi e hanno convinto moltissimi cittadini che in questo modo i loro soldi sono al sicuro e il loro uso sarà molto più comodo. Ci stanno preparando al colpo finale: L'ELIMINAZIONE DELLE BANCONOTE CON LA MONETA ELETTRONICA. Già ora il cittadino non è proprietario del proprio denaro, ma quando avverà l'eliminazione delle banconote, in qualsiasi momento lo Stato/Banca potrà inpedirne il prelievo e/o il suo trasferimento. Se il cittadino non sarà soddisfatto della banca o gli venisse la bizza di rivoltarsi contro lo Stato, cosa potrà fare se non trasferire i suoi... BIT in un'altra banca? Dalla padella, alla padella! Dalla brace alla brace! INIZIO DELLA SCHIAVITU' COMPLETA! Il bello è che molti cittadini sono stati convinti a diventare loro stessi i primi sostenitori di questo processo suicida, con la scusa che in questo modo si eviterà l'evasione; sì l'evasione del calzolaio, del barista, non quella migliardaria delle banche. BEATA IGNORANZA!
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus