Perché la commissione d’inchiesta sulle banche tarda a partire

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Alessio Villarosa

La commissione d’inchiesta sulle banche tarda a partire. Vi chiedete il perché? Ve lo spiego in poche righe. Vi sarà noto, nonostante Renzi e il PD vanno in giro a raccontare che vogliono questa commissione d’inchiesta, facendosi beffa di tutti gli italiani, che ci siano degli intrecci tra questi partiti e il sistema bancario, e come abbiano distrutto non gli amministratori che gestiscono quelle banche, ma i risparmiatori che avevano investito; molti di questi investitori erano stati abbindolati con dei MIFID (un documento a tutela degli investitori) che spesso presentavano dichiarazioni false e mai firmate dai clienti.

Detto ciò, siamo andati ad indagare sul perché di questo ritardo, e abbiamo scoperto che la commissione non è stata ancora convocata perché alcuni partiti devono ancora fornire i nomi dei membri. Quali partiti? Provate a immaginare. Ebbene sì. Il PD in primis è il motivo di questo ritardo. Quali hanno già consegnato i nomi?

MoVimento 5 Stelle, Forza Italia, SI-SEL, il gruppo misto, e la Lega Nord solo al Senato.
Quindi perché non parte la commissione? Perché Renzi non la vuole. Perché chissà cosa si verrà a scoprire su di lui e su tutti i suoi amichetti. Continuate a votare PD, mi raccomando!

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus