Vibac: l'azienda che scompare in Italia per riapparire in Serbia

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.
vibac_scomparsa.jpg

"Ce lo chiede l’Europa, ma più spesso ce lo toglie. Con un assegno di ben 115 milioni di euro preso dai fondi Ipa, quelli assegnati alle nazioni in pre-adesione alla Comunità europea e finanziati dai Paesi membri, Italia compresa, la multinazionale americana VIBAC, lascia l’Italia e si trasferisce in Serbia, a realizzare quello che l’Osservatorio italiano definisce come "il nastro più moderno a livello tecnologico per l’imballaggio industriale". Un Nastro che costa un cospicuo assegno di 115 milioni di euro versati ad una multinazionale, che non è neanche europea, senza imporre alla stessa alcuna condizione né etica né sociale, come ad esempio la perdita del finanziamento se, contestualmente e per un certo numero di anni, avesse modificato i suoi assetti in uno dei Paesi già membri dell’Eu. Come se i fondi che queste aziende incassano per delocalizzare, non siano costituiti da tassazioni dei cittadini europei ed italiani, che si vedono defraudati due volte: perdendo diritti e dissipando occupazione.
Ce lo chiede l’Europa, che è unita negli interessi di mercato delle multinazionali, ma non nei sistemi fiscali, visto che in Serbia, la VIBAC, troverà "una tassazione sulle attività di impresa usuali del 15% e un 20% per dividendi, partecipazione in capitale, interessi e simili (tra i principali finanziamenti e linee di credito, ci sono sempre loro: la Bei, la Banca Mondiale, Bers)". Ragione per cui i 184 dipendenti italiani della VIBAC, ubicata dell’area industriale di Viggiano, nel distretto petrolifero della Basilicata, con relative famiglie, ora sono senza lavoro e senza futuro, grazie alle politiche economiche europee del Mercato unico per le imprese e per le banche. E questa beffa mette a nudo sia la fallimentare politica industriale attuata negli ultimi 20 anni dal Pd in Basilicata, sia le bugie di rilancio economico di Matteo Renzi." Vito Petrocelli - M5S Senato

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • vince resti 2 anni fa
    La VIBAC È italiana al 100% asini. Io vi appoggio ma informatevi prima di dire stupidità inutili
  • Stefano Montanari 2 anni fa
    Prima di tutto è una multinazionale italiana al 100% oltretutto padronale, che nel 2011 h acquistato syrom spa in declino a causa della riduzione di fidi da parte delle banche, una di questa monte dei paschi, e per la concorrenza sleale del medio oriente, salvando 112 dipendenti e altri 100 agenti in tutta italia con corrispettive famiglie. Dovrebbero mettere in condizioni queste società di poter essere competitive sul ns territorio, ma al contrario le vedono come la gallina dalle uova d'oro, gli altri stati compresi i ns più stretti vicini (Austria, Svizzera, Slovenia ecc ecc) hanno tassazioni assolutamente più vantaggiose, siccome è un'azienda che lavora a livello internazionale DEVE poter avere dei costi di produzione bassi, così facendo ottengono una media che sostiene anche l'italia, in caso contrario potrebbero esser molte di più le persone a rischio.
    • antonio aquila Utente certificato 2 anni fa
      grazie per il commento lucido, è il primo che leggo dopo il mio in basso che cerca di fare almeno chiarezza, pensavo sinceramente che fosse una bufala... un senatore 5s non dovrebbe scrivere delle cose infondate, surreali e grottesche già dal titolo.
  • Notizie informatica Utente certificato 3 anni fa
    Gente di merda che merita solo ed esclusivamente la reclusione a vita.
  • antonio aquila 3 anni fa
    il Gruppo Vibac è italiano, lo è sempre stato e lo è tuttora. qualche anno fa ha rilevato uno stabilimento italiano fallito la Syrom di Vinci Toscana incluso 110 lavoratori a tempo indeterminato. possiede altri tre Stabilimenti in italia Vibac Abruzzo, Vibac Molise, Vibac Grumento Nova Basilicata. ancora tutti aperti, ammodernati con nuovi investimenti tranne l'ultimo, quello chiuso da pochi giorni e con le trattative in stallo, quello che dovreste aiutare a riaprire
    • antonio aquila 3 anni fa
      possedeva anche un Divisione USA che è stata venduta qualche anno fa, possiede tuttora una Divisione Canadese, sta costruendo uno stabilimento i Serbia di cui si prevede la consegna nel secondo trimestre 2015, gli impianti da installare sono stati acquistati da aziende italiane fallite che non si è ritenuto acquistare per intero come fatto con l'italianissima Syrom già citata. tutto estratto dall'intervista al General Manager Vibac Balcani Patrizio Masini sull' Executive Newswire 8 del settembre 2014 Stanton Chase International
  • Andrea Zanella Utente certificato 3 anni fa
    Ma tanto gli italioti sono troppo stupidi, a loro va bene così.
    • Gigio Il Pendolare 3 anni fa
      Hai perfettamente ragione, conosco persone che si arrampicano sugli specchi per giustificare gli aumenti delle tasse sulle tasse che sono già le più alte d'Europa e perfino tutti gli sprechi e le ruberie dei politicanti italiani. Poi le tasse le pagano anche loro, e non hanno alcun tornaconto personale a vederle aumentare. Conosco anche una persona che ha un negozio e si lamenta delle tasse eccessive, ma si ostina a votare PD. Praticamente vota per quelli che fanno di tutto per depredarla e fare fallire la sua attività, senza la quale non avrebbe mezzi di sussistenza. E' proprio vero, il popolo italiano annovera individui di una stupidità colossale.
  • alvise fossa 3 anni fa
    L'ENNESIMA FREGATURA TARGATA PD E RENZI
  • bruno f. Utente certificato 3 anni fa
    Storie sconosciute: Abruzzo-marsica (Prov.AQ) Stabilimento Texas Instruments,costruito a fine anni 90' coi fondi della Cassa per il Mezzogiorno (soldi nostri).Venduto a Micron Technology agli inizi del 2000 (VENDUTO!!??) ,rappresentava un POLO A LIVELLO EUROPEO PER PRODUZIONE DI CHIP AL SILICIO.La maggior parte delle fotocamere dei nostri cellulari è uscita da lì ! DUEMILA dipendenti + indotto !!Si opera coi gas ed i chimici,tra i piu' letali sul pianeta,in mezzo a 3 Parchi Nazionali.Sono ormai 4-5 anni che "lavorano" con cassa integrazione (ormai sobbalza anche quella)A COSTO ZERO,mentre gli introiti vanno in USA!!Si tratta di milioni di dollari a settimana...altro che mafia capitale...Il personale è quasi dimezzato e l'indotto è quasi scomparso.Avezzano è una città fantasma!Tutto con il bene placido delle istituzioni,chiesa compresa.I turni sono abominevoli...12 ore...accettati dai dipendenti sempre e solo col ricatto.Interrogate il CIM della Asl,per sapere quanti iscritti vi sono (o vi sono stati) di questo ennesimo baraccone,ben conosciuto anche al ministero del lavoro!La Marsica,isola incontaminata sin dall'impero Romano (vedi Alba Fucens e lago del Fucino)è ormai una landa desolata,dove solo i marocchini spacciatori ne traggono beneficio,spacciando nei campi.
  • Alessandro P. Utente certificato 3 anni fa
    noi diamo soldi alla mafia e la serbia li dà a una multinazionale straniera: w l'europa? Ma si può essere così cog###ni da PAGARE per farsi togliere la sovranità monetaria e legislativa? Noi può. Putroppo in Italia ci sono meno di 6000 psichiatri che per curare una follia collettiva sono decisamente troppo pochi. E ci sono pure dei pirla che ti vengono a dire che se governassero i tedeschi andrebbe tutto a gonfie vele (io li manderei tutti in germania dell'est a vedere come li hanno ridotti: sperperi in infrastrutture dei costruttori amici e disoccupazione alle stelle con emigrazione costante).
  • giorgio peruffo Utente certificato 3 anni fa
    Grazie al M5s per tutto quello che fa.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus