Il record mondiale dell'eolico in Danimarca

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

eolico_danimarca.jpg

"La Danimarca accelera sulle rinnovabili e mette a segno un nuovo record mondiale per l'energia eolica: nel 2015 le turbine del nord hanno generato il 42% dei consumi elettrici del Paese. Lo afferma Energinet, compagnia che gestisce le reti energetiche del Paese, sottolineando che si tratta di un nuovo record, in crescita da quello del 39,1% registrato nel 2014.
Per circa 1.460 ore (sulle 8.760 di un anno), il sistema elettrico della Danimarca occidentale ha prodotto più energia eolica del totale dei consumi della stessa area. Il surplus, che arriva fino al 16%, viene esportato a Paesi vicini come Norvegia, Svezia e Germania. Invece la Danimarca compra idroelettrico dalla Norvegia e solare dalla Germania.

VIDEO Il petrolio cala, la benzina no. Ecco la truffa

L'obiettivo del parlamento danese punta a spingere il Paese fino a ricavare almeno il 50% dell'energia elettrica entro il 2020. Entro il 2030 il Paese spera di ottenere il 90% di elettricità e riscaldamento da fonti rinnovabili." fonte

Ps: partecipa al sondaggio del giorno su Twitter:


Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Paolo 1 anno fa
    Scandalo in Liguria Alice Salvatore restituisce pochissimo ecco le cifre: 8405 euro - restituite - 2400 8405 euro - restituite - 2110 8405 euro - restituite - 2287 qui il link delle rendicontazioni verificate. http://www.m5sliguria.it/trasparenza/
  • greta garbo (venere bianca) Utente certificato 1 anno fa
    La terra dei Mulini a Vento. Bianchi come il pallor della morte, si tingon di rosso Vergogna e Sangue dei nuovi Agnelli dell'Holocausto. Un Popolo di Barbari Genocidi.
  • mario genovesi 1 anno fa
    Il governo Renzi nella persona del ministro Galletti, in quota UDC che è un partito praticamente scomparso, da un anno non emana il decreto per le aste competitive per la realizzazione di impianti da fonti rinnovabili, con la conseguenza che la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili dal 44% del 2014 è scesa al 40% del 2015. E questo governo si regge su voti di sinistra anche ambientalisti. Io ho esaurito, le maledizioni, gli accidenti e i bestemmioni per le fregature che questa gente ha dato ai suoi elettori.
  • Nicola T Utente certificato 1 anno fa
    Sì, tutto bellissimo. In Italia, tra l'altro, il settore delle energie rinnovabili è significativamente sviluppato. Sarebbe altrettanto bello che qualcuno, anche e soprattutto del Movimento, spiegasse che sì, le energie rinnovabili sono meravigliose per l'ambiente, ma vengono pagate da tutti con gli incentivi in bolletta. Senza la politica di incentivazione legittimamente applicata in Italia negli ultimi anni, i kiloWatt da fotovoltaico, eolico, geotermico e compagnia cantante sarebbero molti meno. Quindi energie rinnovabili e pulite sì, ben vengano, ma sia chiaro che poi tutti ci ritroviamo a pagarle. Un discorso a parte, secondo me, meritano gli impianti di cogenerazione (tipo Biogas, per intenderci) che, oltre a godere di incentivi più consistenti rispetto ad altre fonti (tipo fotovoltaico, per intenderci di nuovo), erano e sono ad esclusivo appannaggio di una fetta di popolazione. Generalmente agricoltori o possidenti terrieri che li intendono come una vera e propria fonte di reddito, a fronte di un investimento iniziale massiccio che appunto non tutti possono permettersi. Il loro funzionamento poi comporta l'utilizzo di foraggio generalmente destinato all'alimentazione animale, alzandone artificiosamente il prezzo sui mercati a cui si rivolgono anche gli allevatori veri e propri, che ne hanno effettivo bisogno per la loro attività. Quindi, almeno nel caso degli impianti di cogenerazione, ancora una volta, i soldi dei cittadini sono stati usati per favorire una categoria che, potendosi permettere investimenti da centinaia di migliaia di euro, non aveva certo bisogno degli incentivi.
  • Aldo Masotti Utente certificato 1 anno fa
    Repubblica Dominicana: http://egehaina.com/plantas/loscocos/ 2Mw a pala . Ci sono passato sotto la settimana scorsa a circa 200 mt da quella piu'vicina alla strada , in macchina non si sente nulla . Naturalmente questo paese e' "in via di sviluppo".
  • ondarete 1 anno fa
    be , noi abbiamo quel pallone gonfiato di sgarbi che dice che le pale dell'eolico sono degli obbrobri e vanno eliminate. Noi abbiamo una legge che vieta l'installazione dei minieolici con pale superiori ad un metro senza tutte le autorizzazioni, l'impatto ambientale e tutta la burocrazia italiota. se uno volesse mettersi un eolico sul tetto di casa, dovrebbe sobbarcarsi una sfilza di pratiche che lo farebbero impazzire. In piu' bisogna chiedere le autorizzazioni a non so chi, perché spaventano gli uccelli... pazzesco!
    • bevi la coca.... cola che ti fa beneeeee 1 anno fa
      dicono che a esagerare con la coca a lungo andare si hanno problemi di cuore... boh?
  • davide lak (davlak) Utente certificato 1 anno fa
    in DANIMARCA, paese che sta anni luce avanti al resto d'EUROPA, in molte zone di Copenaghen addirittura fanno il riscaldamento domestico attraverso la rete fognaria. poi però quando mandano affanculo i finti profughi non fanno mica bene...fanno benissimo!
  • Jürgen Gremm 1 anno fa
    Tutta qi la differenza tra l'Italia e il nord Europa: In Italia la politica prende soldi per le energie rinnovabili da fondi europei per progetti presentati senza l'onere di doverli realizzare. In Danimarca prendono soldi facendo poche chiacchiere realizzando i progetti. Per questo malgrado abbiamo risorse naturali migliori siamo il fanalino di coda nella soluzione dei problemi energetici. *j
    • Nicola T Utente certificato 1 anno fa
      Veramente non siamo per niente il fanalino di coda, anzi. I dati Eurostat confermano che nel 2015 abbiamo già raggiunto il limite vincolante del 17%, fissato dall'UE per il 2020. I dati più facilmente reperibili in rete, quelli del 2013, ci attestano al 16,7% di energia prodotta, sul totale consumato, da fonti rinnovabili. Vero, in testa stanno la Svezia, la Finalndia e l'Estonia, ma molto più indietro di noi stanno la Francia, il Regno Unito (5,1%) ed i civilissimi e nordissimi Paesi Bassi con il 4,5%. Meno entusiasmanti, per tutti, i dati sulle energie rinnovabili impiegate per il traffico veicolare. Quindi non è assolutamente vero che stia dietro i Paesi scandinavi e siamo il fanalino di coda dell'Europa.
  • franco Iannucciello 1 anno fa
    Ciao amici 5 stelle buon giorno a tutti purtroppo questi criminali di stato Mafia usando in collaborazione con gli Emirati Arabi criminali come loro si pensandoci bene sono tutti Mafia stato amici degli amici non c'è solo Italia c'è nell'Africa, c'è nella Cina ,insomma tutti negli Stati CANAGLIA )con la differenza i governi tecnici di Giorgio napolitano. Lui la causa di tutto dopo Giulio Andreotti è Piersilvio Berlusconi è Craxi mi stava scappando uno già il Bettino ..ciao amici buona serata !!! Franco WMV5S grazie grazie
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus