Italia senza innovazione

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.
ecommercemondo.jpg

"L’Australia è il miglior Paese al mondo per le transazioni commerciali via internet, rivela il primo rapporto sull’e-commerce nel G20. Il "G20 e-Trade Readiness Index" è stato elaborato dal settimanale The Economist, che ha condotto la ricerca per il sito di commercio online eBay. Sono stati presi in esame 19 Paesi del G20, esclusa l’Unione Europea nel suo insieme. E’ stato valutato il grado di opportunità offerte per lo sviluppo dell’e-commerce in ciascun Paese. Lo studio è stato condotto tenendo in considerazione 40 indicatori raggruppati in 5 categorie: facilitazioni per gli investimenti, sviluppo di internet, sviluppo del commercio con l’estero, quadro normativo e legale, disponibilità ai pagamenti elettronici. L’Australia, con un punteggio di 67.5 su 100 (dove 100 rappresenta la piena possibilità di sfruttare l’e-commerce), si è classificata al primo posto, seguita da Stati Uniti, Corea del Sud, Gran Bretagna e Giappone. L’Italia è al decimo posto, a metà classifica, con un punteggio di 45.0. All’ultimo posto l’Argentina, con 37.5. Il risultato australiano si deve, secondo lo studio, alla buona copertura di rete in tutto il Paese, dove l’accesso a internet è diffuso ed economico. La penetrazione degli smartphone è molto alta e il sistema legale sofisticato aiuta lo sviluppo del commercio online. Il direttore responsabile dei rapporti istituzionali di eBay, Tod Cohen, che si trova a Sydney per il vertice del G20, ha detto di aspettarsi che il commercio elettronico in Australia cresca del 300% nei prossimi cinque anni". (fonte)

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • basselllo brunelllo 3 anni fa
    l'errore logico di sempre di pensare che innovazione=tecnologica=bene tradizione=obsolescenza=male e chi l'ha detto che il nuovo è meglio del vecchio? a volte si e altre volte no!
  • mario x. Utente certificato 3 anni fa
    l'Australia è una grossa illusione e delusione , i lavori che offre sono di scarso valore innovativo e tecnologico , l'e-commerce , in generale non significa innovazione , da noi vanno forte le coop e le conad , e in generale la grossa distribuzione , da loro , visto che molti abitano nel "nulla" , la rete , ma , sono sempre lavori da "venditori" e creare siti di e-commerce , no è che sia il massimo dell'aspettativa di un informatico, lo può fare anche un autodidatta con la terza media,anzi forse lo costruisce meglio. Nessuna innovazione , non ci sono posti di lavoro stile "americano" ,secondo me l' AU è un grande bluff.. p.s. sempre e comunque meglio di questo paese che ancora fra qualche mese o al massimo un anno ci sarà da ridere...
  • lorella lisciani 3 anni fa
    Per un effettivo-rinnovato e tanto desiderato dinamismo l’Italia dovrà attendete che il Cavaliere passi a peggior vita. Purtroppo.
  • amyco 3 anni fa
    http://www.365borseoutlet.com Borse Gucci/Burberry/Louis Vuitton/Hermes 2013/2014, un marchio molto conosciuto in tutto il mondo, può mostrare vividamente una persona personalità, eleganza e senso della moda.Con la top-ranking design alla moda e di alta qualità, Burberry Borse Louis Vuitton Borse può aiutare a mostrare il proprio fascino particolare in ogni occasione e in qualsiasi momento.Sia che preferiate il formale o casual, il glamour o la bassa frequenza, si può avere una scelta appagante nel nostro sito web Gucci Sito Ufficiale. Benvenuti nel nostro negozio Borse Gucci Outlet online! Di qualità al 100% di garanzia, il cliente migliore servizio, almeno il 65% di sconto, spedizione gratuita e consegna veloce!
  • Ing_Alberto Costantini Utente certificato 3 anni fa
    Oggi il mondo sembra dividersi tra vincitori e vinti! Tra chi ha accesso ai trionfi della Vittoria e chi è condannato ai disastri della Sconfitta. Ma chi se ne frega della Vittoria o della Sconfitta! In Realtà, ci si sta muovendo nell'ambito di alcuni casi, molto particolari, di "quel che funziona" e di "quel che non funziona". Vittoria e sconfitta ne sono soltanto aspetti molto particolari. Per cultura di formazione scientifica, personalmente non posso che orientarmi verso lo studio dei casi più generali, senza perdermi in quelli particolari. E non posso che guardare con sufficienza, sconforto e disprezzo a questo correre, vano, pazzo e disperatissimo, dietro ai casi particolarissimi, spesso costruiti "ad arte" di Vittorie e Sconfitte. Nello sport, nella politica, nei rapporti tra persone, nella comunicazione, nella vita di ciascuno, tutto un rincorrere dietro a vane e disperate Vittorie e Sconfitte. Sono appena passate le elezioni europee, tra un po' ci saranno i mondiali di calcio. In mezzo, gli scandali, le tangenti, i soldi, i disoccupati, le aziende che chiudono e i ristoranti pieni, la chirurgia plastica e le mode che passano. Tutti a vincere e dopo un po' a perdere. Sembra che tutto si riduca a questo: il successo della Vittoria o il fallimento della Sconfitta. Ma il semplice prendersi cura del far funzionare le cose proprio no!? Presentazione https://www.youtube.com/watch?v=0oaqST10zR8 Mal di Schiena Parte 1/3 https://www.youtube.com/watch?v=aqoR3JnCX7s Mal di Schiena Parte 2/3 https://www.youtube.com/watch?v=_a6ytE-i_LA Mal di Schiena Parte 3/3 https://www.youtube.com/watch?v=dMRHHyi66sQ email: alberto.costantini.std@gmail.com sito web: https://www.sites.google.com/site/albertocostantinistudio Per eventuale supporto: https://www.sites.google.com/site/albertocostantinistudio/prestito-d-onore https://www.sites.google.com/site/albertocostantinistudio/progetto-funzionalita Grazie!
  • Cecilia F. Utente certificato 3 anni fa
    Come residente in Australia mi permetto di fare qualche precisazione: 1) internet non costa poco, anzi per 100 GB la media e 60 dollari al mese per la naked broadband. 2) la qualita' e' bassa anche nei grandi centri dove solo nel CBD si trova internet veloce, la fibra ottica, 4G etc. e' poco diffusa. 3) la diffusione del commercio elettronico e' stata dovuta maggiormente all'alto tasso di cambio che ha avuto lo AUD rispetto alle altre monete ed inoltre alle scarse (ora stanno cambiando)tasse di importazione di beni comprati su internet.
  • john buatti 3 anni fa
    al momento il tap-and-go in Australia non usa il pin durante la transazione perciò rischioso...chiunque si impossessa di una carta o cellulare smartphone puo derubarti... per questo introdurranno ora dopo anni di truffe il pin... https://www.tapreadycard.com/help.aspx#q3_1 http://bit.ly/UjSoK3 allora cosa è cambiato? prima strisciavi o inserivi la carta e poi il pin..ora invece fai tap/appoggi/accosti e poi il pin! dove sono i miglioramenti?
  • john buatti 3 anni fa
    Australia e le truffe derivate dello stesso premio che gli è stato dato dalla e-Trade Readiness Index" prima di credere queste cose dovete sapere la realtà! Leggete... Internet shopping rip-offs escalate In the 2010 financial year about $107 million was stolen online from Australian cardholders in Australia and overseas. By the 2013 financial year that had grown to almost $200 million, with just over half occurring overseas. http://www.theage.com.au/money/planning/internet-shopping-ripoffs-escalate-20140606-zrxno.html#ixzz384e0kzFr https://www.facebook.com/abcnews.au/posts/10152951556734988 Victoria Police are blaming Tap and Go credit cards for the increase in crime during the past year. According to police statistics, the number of deceptions (including when thieves fraudulently used other people’s credit cards) increased by 11,600, leading to an overall 5% jump in the state’s crime rates. http://www.quid.com.au/victoria-police-blame-tap-and-go-for-increase-in-crime/ 'Tap-and-go' credit card fraud 'chewing up police resources' http://www.theage.com.au/victoria/tapandgo-credit-card-fraud-chewing-up-police-resources-20140528-393ny.html#ixzz384eo1Gj4 Tap-and-go credit cards contributing to increase in crime stats, Victoria Police says http://www.abc.net.au/news/2014-05-28/crime-rises-by-five-percent-according-to-latest-victoria-police/5483190
  • Pier Luigi Tenci Utente certificato 3 anni fa
    Un numero incalcolabile di piccole medie aziende italiane sono sul filo del tracollo. Solo l'attaccamento al lavoro stimolato principalmente dall'esigenza di sopravvivenza spinge una moltitudine di lavoratori a risparmiare in ogni dove per riuscire a mantenere i figli come stanno facendo molti zingari o immigrati. Molte aziende hanno macchinari vetusti che non sono più in uso neanche in India da almeno 30 anni e non hanno possibilità di rinnovarli perché i margini di guadagno del lavoro sono ridotti all'osso quando non in rosso. La ripresa è una pura chimera ed anche se la Cina sta andando verso lo stallo produttivo a causa della saturazione di inquinanti nell'atmosfera, l'Italia non avrà comunque i mezzi per reagire. Alla base del disastro nazionale è la corruzione intimamente connessa con la burocrazia che unite tra loro occludono il passo verso il rinnovamento del lavoro e quindi della redditività connessa. In questo spregevole scenario anche i...benestanti... respirano un'atmosfera sgradevole e pur se fuggiranno in altri Paesi non troveranno più risorse per saziare la loro voracità di denari e potere come fu in passato.
  • marco m. Utente certificato 3 anni fa
    le cause vanno ricercate nel passato e bisogna dirla tutta. Me ne vengono in mente 3. la prima : anno 1996 prima legge sulla privacy che penalizza le vendite a distanza il cui incubo era il professor rodotà, garante della privacy, uno dei più grossi "nemici" all'epoca di internet e con molti pregiudizi ed eccessi. la seconda : le poste italiane che non hanno mai incentivato le vendite a distanza creando malumore e insicurezza tra i consumatori. la terza : l'ex ministro romani che alla domanda perchè in italia la rete è scarsa, rispondeva che lui, personalmente, come ministro si era creato una sua super rete di contatti. ah ah ah!
  • Giuseppe . Utente certificato 3 anni fa
    Le retribuzioni dei nostri parlamentari. Cominciamo: -Perchè non si lancia subito la PROPOSTA soggetta a REFERENDUM ABROGATIVO sulla legge che ha determinato le corpose retribuzioni dei nostri parlamentari nazionali e regionali, oltre a quelle ad esse legate: magistrature e alta dirigenza? Sia data ai cittadini la democrazia diretta su questa questione! Il Paese, oggi, non può permettersi il lusso di mantenere questi autentici sprechi! Nè si deve far passare l'idea che gli stipendi percepiti, in fondo, non sono tanto alti, ma sono il frutto di un Paese che non sta poi tanto male, e che ci sono ampi margini per cui tutto il percepito è più che giustificabile. Ovviamente tutto ciò è apologia di grande menzogna, rispetto alla verità della realtà che ci circonda. Se i cittadini contassero veramente, dovrebbero chiederne conto a ciascuno di loro. Ma, purtroppo, la mentalità in questo Paese è di quasi pieno assoggettamento al sistema; incapacità di esprimere sani diritti, per evitare le complicazioni che ne deriverebbero rispetto al consolidato modo di adattarsi ad accomodanti situazioni personalistiche che annullano ogni crescita produttiva di nuove coscienze attive nel nostro Paese. Il Paese langue e, nel frattempo, soffre molto e maledettamente! Le Istituzioni vanno avanti a colpi di soliti annunci e nessuno li ferma, mentre la realtà di ogni giorno arretra negativamente ed inesorabilmente. Non si capisce perchè devono prendere tanto, quando i risultati determinati con le politiche che hanno attuano e continuano ad implementare sono quasi sempre fallimentari e in direzione opposta a vere crescite economiche e sociali. E il paradosso è che nessuno di costoro ci rimette nè economicamente nè penalmente, anzi è prassi riscontrare tanta vanteria e passare le colpe, semmai ce ne fossero, agli altri. Rilanciamo, quindi, se è possibile, la Proposta di questo Referendum Abrogativo attraverso La Rete. Un cordiale saluto da Giuseppe
  • Rolando D. Utente certificato 3 anni fa
    Abito a Imola da 8 anni, la fibra ottica, 100 Mb, è ferma a 100 m da casa mia da prima che io arrivassi.
  • renato de martino Utente certificato 3 anni fa
    Qui in California un collegamento via cavo coassiale con Time Warner Cable consente un collegamento 24/7 con la rete a 100 Mb al costo di $60 mensili. Con questa velocita' si vedono immagini ad HD e suono quadrophonico. Un parente di mia moglie sta a Sydney e da lui giungono spesso lamentele sull'affidabilita' del servizio in fibra ottica.
  • john buatti 3 anni fa
    ______ dipende...contratti obbligatori di 24 mesi per la maggior parte dei contratti con limiti di gigabyte. internet costa: IInet http://www.iinet.net.au/internet/broadband/adsl/ TPG http://www.tpg.com.au/products_services/home-phone-bundle/superchat?utm_source=TPG_Front_69internet https://www.optus.com.au/shop/broadband/naked la copertura è normale...niente al centro e tutto sulla costa cliccare 2g http://www.telstra.com.au/mobile-phones/coverage-networks/our-coverage/ http://www.iinet.net.au/internet/broadband/nbn/coverage/ muovere il contrasto http://www.optus.com.au/shop/broadband/network-coverage scegliere stato http://www.tpg.com.au/maps/
    • john buatti 3 anni fa
      accostare lo smart-phone o la carta in Italia esiste gia da tempo...molto prima che in Australia. Questa non è una tecnologia essenziale o da ritenersi all'avanguardia. Da quando è stata introdotta sono aumentate le truffe...e la colpa è delle Banche
    • Christian 3 anni fa
      Caro jhon costoso ma qui alla fine ce lo possiamo permettere. Quasi tutti hanno lo smartphone e pagare con il cell or semplicemente accostare la carta a un pos e' un gesto naturale qui in Australia. L'Italia e' in agonia e se continua così farà la fine che tutti immaginiamo e temiamo .... La colpa? Degli italiani ... Ovviamente ...,
  • maria VESCUSO Utente certificato 3 anni fa
    scomvolgente beppe so chr non mi potrai leggere,non sono ne tanto povera ne tanto ricca per essere berlusconiana, ma ci ha fatto ridere per 20 ED HA DATO TANTO LAVORO IN PIU' LA SOLUZIONE E' TANTO CRITICA CHE FORSE ABBIAMO BISOGNO ANCHE DI LUI PRENDI L'AMARO GIULIANI FA TANTO BENE PURTROPPO LE INGIUSTIZIE SONODAPPERTUTTO,LA ASL NON MI PASSA MEDICINALI IMPORTANTI,BATTITI PER QUESTO
  • Stefano Amadori 3 anni fa
    Un collegamento internet adsl senza limiti di utilizzo, telefonate nazionali, e a tutti i cellulari nazionali, 120 dollari australiani al mese circa 85 euro al cambio attuale, paga netta settimanale operaio/impiegato 750/950 dollari settimanali, la differenza, pero' la fa il servizio postale, in cui gli uffici più piccoli sono gestiti da privati e un buon servizio corrieri, il fatto poi che le merci possono essere restituite senza troppi problemi se non conformi aiuta notevolmente la fiducia del consumatore nel sistema. Molti prodotti importati dall' estero sopratutto Cina o con maggiori costi di spedizione Stati Uniti, non pagano GST (iva) 10% .
  • alvise fossa 3 anni fa
    SEMPRE A FARE DA FANALINO DI CODA DELL'INNOVAZIONE
  • PIERANGELO GATTI 3 anni fa
    SALVE A TUTTI SONO UN'ATTIVISTA DEL PIEMONTE VI SCRIVO PER DENUNCIARE LA GRAVE CRISI CHE FA' PARTE IL MIO SETTORE LA VIGILANZA PRIVATA O GUARDIE GIURATE .... LA SCORSA SETTIMANA HA PERSO LA VITA UN MIO EX COLLEGA DELLA ALL SISTEM DI TORINO , PER UN'INCIDENTE SUL BLINDATO ... LASCIA MOGLIE E FIGLI 2 BIMBI PICCOLI ..... PER UNA MISERA PAGA HA PERSO LA VITA ... DOVREI SCRIVERE UN LIBRO PER LE VITTIME DEL SISTEMA DELLA VIGILANZA PRIVATA FATTA DI CORRUZIONE FRA AZIENDE E SINDACATO NESSUNO ESCUSO ..... VI SCRIVO PER PORTARE LA QUESTIONE GPG AL PARLAMENTO .... CHIEDO UN'INCONTRO AL PIU' PRESTO CON VOI PARLAMENTARI A 5 STELLE PER DAR VIA ALLA TUTELA DELLE GUARDIE ARMATE E NON ARMATE .... VI LASCIO I MIEI RECAPITI ... FACEBOOK : Gatti pier twetter GattipierM5S .... Email piero dm21@libero.it.. pierodm21@gmail.com ......... Cell 3408110059 ...
  • Ingrid Pezzoni 3 anni fa
    Quell'articolo non corrisponde alla verita'. L'Australia e' enorme e le piccole comunita' rurali lontane dalle 2 maggiori citta' Sydney e Melbourne non sono servite per niente adeguatamente e hanno solo dial up connessioni che a volte non funziona. Secondo, il costo di qualsiasi connessione sia adsl sia con chiavetta e' 4 volte il costo di quello che si paga in Italia. L'Australia e' un paese molto caro per tutto tranne la benzina.
  • Riccardo Zatta 3 anni fa
    Le grandi distanze tra centri abitati favorisce e in molti casi rende necessario sviluppare le transazioni commerciali (e non solo) via internet.Ricordo a tal proposito il ruolo dei mezzi di comunicazioni a distanza nella diffusione della scuola dell'obbligoo in Australia.Il commercio via Internet, telefonico,televisivo a cui aggiungo i grandi centri commerciali e la grande distribuzione in genere,penalizzano il piccolo commercio locale,importante nello sviluppo e mantenimento di rapporti sociali e interpersonali nelle comunità locali e delle attività produttive del territorio circostente,antidoto alla concentrazione monopolistica ,alla dislocazione disomogenea delle attività economiche e all'anomia nei rapporti interpersonali.Esiste poi un aspetto relativo alla difesa dell'occupazione e della diversità culturale su cui non mi dilungo.
  • Nic 3 anni fa
    Bene, allora vuol dire ke abbiamo ampi margini di miglioramento, se li sapremo sfruttare molti potranno guadagnare nei prossimi anni
  • vincenzodigiorgio digiorgio Utente certificato 3 anni fa
    Australia , grande terra di emigranti , sopratutto inglesi tenaci e laboriosi ! Paese civile e ordinato , ha strutture di ottimo livello che permettono ai suoi abitanti una vita nel benessere e nella tranquillità . C'è un neo però , sparano cannonate davanti alle rare barche che cercano di entrare nelle sue acque nazionali ! Eppure è grande , molto grande ! Come il Canada , immenso pure lui , non accettano nessun tipo di emigrazione , se non attentissimamente controllata . Entrambi i Paesi sono oasi di pace e benessere , hanno circa la metà degli abitanti dell'Italia pur essendo venti volte più grandi . Sono egoisti ?
    • michele a. Utente certificato 3 anni fa
      rispondo al commento dell'altro utente: anche l'Italia manca di risorse naturali e idriche (basti pensare a tutti i problemi che abbiamo in Sicilia)...Solo che in Australia usano le cannonate per salvaguardare l'ecosisema umano e naturale, da noi andiamo a prendere i migranti direttamente. Punti di vista...Quello che segnala l'autore del post è tutt'altro che ignoranza ma la pura verità, oggi fatta passare per "razzismo" e catalogata come proveniente da subcultura da qualcuno che sceintemente invece vuole portare all'esasperazione le persone e scatenarlo per davvero, il razzismo.
    • renato de martino Utente certificato 3 anni fa
      L'Australia non e' affatto un continente facile per mancanza in primis di risorse idriche a naturali che la rendano capace di sostenere grandi popolazioni. E' inutile gridare egoisti, il paese ha chiari limiti che non possono essere oltrepassati. Quindi Di Giorgio pecca d'ignoranza. Chiisa' abissale. Scusa, ma e' cosi'.
    • Roberto C. Utente certificato 3 anni fa
      250 anni fa , circa, chi colonizzo' queste terre lontane e immense, catalogava come ' via di mezzo" tra esseri umani e animali gli Aborigeni. Civili questi Inglesi, e neanche erano a casa loro...
  • Eddy B. Utente certificato 3 anni fa
    Sembra che ci sia anche una relazione tra reddito medio pro capite e uso più o meno diffuso di tecnologie informatiche...
  • GIOVANNI I. Utente certificato 3 anni fa
    La colpa in assoluto se noi siamo in ritardo con internet e le varie tecnologie informatiche è di quel pezzo di merda di Berlusconi e Gasparri , rei di aver affossato la rete informatica portatrice di DEMOCRAZIA, altrimenti come avrebbe potuto accumulare il più grande patrimonio Italiano in questi 20 anni tenendoci all'oscuro dei suoi traffici illeciti e avere il monopolio dell'informazione Italiana. Le reti mediaset + reti Rai non sarebbero bastate per disinformare un intero Popolo , ha fatto un cosi bel lavoro che per adeguarci agli standart internazionali ci vorranno anni e cosa non da poco SOLDI che i nostri giovani potenziali clienti non hanno dato che la maggior parte è DISOCCUPATA 1giga di internet ci costa 5 euro mediamente e basta solo per scrivere sui social , mentre ci vorrebbe l'accesso illimitato per far si che i nostri giovani capiscano le potenzialità della rete . Il Pd ora al governo , non prenderà mai iniziative per una rete informatica gratis , questo significherebbe perdere il controllo politico e di conseguenza consenso elettorale , specie adesso che si trova davanti una forza politica che usa la rete per divulgare concetti di libertà e democrazia . Altro che assolverlo , ci vorrebbe la pena di morte per come ci abbia fatto sprofondare indietro di 40 anni , lui e tutta quella marea di falsi politici che in 20 anni si sono solo arricchiti , la cosa orribile che tutto questo non ha una fine , anzi c'è il rischio che cominci un altro ciclo di 20 anni con il suo clone rosso Renzi .
  • Iacopo Benesperi 3 anni fa
    Nell'articolo è contenuta una fesseria bestiale. La diffusione di internet in Australia potrà anche essere piuttosto diffusa (più che altro perché la maggior parte della popolazione è concentrata in pochi agglomerati urbani), ma i prezzi della connessione sono alle stelle! Una connessione a internet in Italia costa dalle 2 alle 5 volte meno che qui in Australia.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus