Italia senza innovazione

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.
ecommercemondo.jpg

"L’Australia è il miglior Paese al mondo per le transazioni commerciali via internet, rivela il primo rapporto sull’e-commerce nel G20. Il "G20 e-Trade Readiness Index" è stato elaborato dal settimanale The Economist, che ha condotto la ricerca per il sito di commercio online eBay. Sono stati presi in esame 19 Paesi del G20, esclusa l’Unione Europea nel suo insieme. E’ stato valutato il grado di opportunità offerte per lo sviluppo dell’e-commerce in ciascun Paese. Lo studio è stato condotto tenendo in considerazione 40 indicatori raggruppati in 5 categorie: facilitazioni per gli investimenti, sviluppo di internet, sviluppo del commercio con l’estero, quadro normativo e legale, disponibilità ai pagamenti elettronici. L’Australia, con un punteggio di 67.5 su 100 (dove 100 rappresenta la piena possibilità di sfruttare l’e-commerce), si è classificata al primo posto, seguita da Stati Uniti, Corea del Sud, Gran Bretagna e Giappone. L’Italia è al decimo posto, a metà classifica, con un punteggio di 45.0. All’ultimo posto l’Argentina, con 37.5. Il risultato australiano si deve, secondo lo studio, alla buona copertura di rete in tutto il Paese, dove l’accesso a internet è diffuso ed economico. La penetrazione degli smartphone è molto alta e il sistema legale sofisticato aiuta lo sviluppo del commercio online. Il direttore responsabile dei rapporti istituzionali di eBay, Tod Cohen, che si trova a Sydney per il vertice del G20, ha detto di aspettarsi che il commercio elettronico in Australia cresca del 300% nei prossimi cinque anni". (fonte)

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus