Coperti di vergogna #statue

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

noncoprire.jpg

Hanno coperto le opere d'arte ai musei capitolini e hanno coperto l'Italia di vergogna. Magari fosse solo servilismo nei confronti del presidente dell'Iran Rohani, qui è completa mancanza di cultura da parte di un esecutivo che l'ha completamente ignorata o massacrata, vedi la riforma della scuola. Barbari. Chi risarcirà gli italiani di questa figuraccia a livello internazionale riportata da tutti i giornali stranieri? L'ebetino e Franceschini dicono che sono state coperte a loro insaputa. Andrebbero sfiduciati stasera stessa solo per questo. Incompetenti.
Quelle statue sono il nostro orgoglio, la nostra storia, l’Italia è il Paese dell’arte e dovremmo cogliere ogni occasione di risonanza internazionale per metterla in mostra, altro che nasconderla. A Roma per mostrare rispetto agli ospiti (e ai residenti) bisognerebbe eliminare mafia capitale, che è nata e ha prosperato grazie al Pd, invece ogni giorno i turisti vengono abbandonati tra degrado, monnezza, ladruncoli e cacca di uccelli.
Barbari, incompetenti e pure ipocriti.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Fabio B 1 anno fa
    Bene bene Mi vergogno di essere italiano Anzi me ne andrei subito da questo letamaio Bravi perché invece di coprire delle opere, d'arte che il mondo ci invidia,in onore di Rohani,non abbiamo, impiccato uomini o lapidato donne,? Cosi si sarebbe sentito a casa. Ci meritiamo di sprofondare nella cloaca,é quello che ci faranno se non ci diamo una svegliata I nostri nonni si stanno rivoltando nella bara Siamo un popolo di ruffiani ladri e intrallazzoni Altro che navigatori santi e eroi
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus