Roma: le candidature

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

candidature_m5s_roma.jpg

Si aprono le candidature del MoVimento 5 Stelle per le comunali di Roma.
Mafia Capitale ha mostrato il vero volto dei partiti, legati a clan criminali, finanziati dal malaffare che hanno speculato su una delle città più belle del mondo.
Ora tocca a tutti quei cittadini che negli ultimi 20 anni sono stati ostaggio degli interessi di politici corrotti. Possiamo riprenderci Roma in modo pulito, onesto, trasparente, riconsegnandola a chi la vive ogni giorno.

Ecco i passaggi da rispettare per candidarsi:

1. Ogni gruppo municipale M5S potrà esprimere i propri candidati nei ruoli di consiglieri e sindaco di Roma.

2. Ogni cittadino incensurato e slegato dal sistema partitico e iscritto al MoVimento 5 Stelle potrà presentare la sua candidatura se rispetta i requisiti per le liste del M5S, tra le quali in particolare:
- All'atto della loro candidatura e nel corso dell'intero mandato elettorale, ogni candidato non dovrà essere iscritto ad alcun partito o movimento politico; dovrá essere iscritto al MoVimento 5 Stelle
- Ogni candidato non dovrà avere riportato sentenze di condanna in sede penale, anche non definitive;
- Ogni candidato non dovrà avere assolto in precedenza più di un mandato elettorale, a livello centrale o locale, a prescindere dalla circoscrizione nella quale presenta la propria candidatura;
- Ogni candidato non dovrá aver partecipato ad elezioni precedenti in liste diverse dal MoVimento 5 Stelle (questa regola normalmente applicata per le regionali é applicata a Roma in quanto capitale)

3. L'aspirante candidato dovrà presentare la documentazione richiesta per la certificazione:
- Certificato penale oppure visura delle iscrizioni presenti nel casellario giudiziale da parte della persona interessata (non è valida quella senza l'indicazione dei dati anagrafici) di ogni candidato;
- Certificato dei carichi pendenti;
- Copia di un documento di identità valido;
- Accettazione delle condizioni di candidatura
. Il modulo da presentare é scaricabile qui (lo spazio per il candidato sindaco va lasciato vuoto perché scelto con voto successivo)

4. Il processo per candidarsi parte oggi 24 novembre 2015, con termine il 4 dicembre 2015, ultimo giorno entro il quale saranno accettate le candidature

5. Per candidarsi il cittadino dovrà presentarsi personalmente, con la documentazione sopraelencata, presso il gruppo M5S del suo municipio di residenza oppure del municipio di cui è attivista, secondo le indicazioni che verranno pubblicate a breve.

immagine: la mappa dei municipi romani

municipiromani.jpg

Le nostre regole sono chiare: non accettiamo indagati o condannati e tanto meno esponenti di altri partiti. Quindi consigliamo agli intrusi di destra e sinistra di farsi da parte. Questa è una nuova battaglia, che parte realmente dal basso. Sono i cittadini comuni, sei tu, che da oggi avrai la possibilità di impiegare le tue competenze al servizio di Roma e di tutto il Paese.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • PZ 2 anni fa mostra
    Troppo nervoso il DIBBA a Porta a Porta... non bene... E non vuole candidarsi a Roma. Secondo me è meglio se mette l'ISIS da parte e si candida! LO STIAMO PERDENDO!
    • Ezio N. Utente certificato 2 anni fa mostra
      Io invece ho visto Dibba molto calmo ed esponeva le sue idee molte chiaramente e differenza di Romano che parlava a spot, e poi non si candida a ROMA come sindaco perchè è corente con gli elettori avendo già spiegato che non si candida perchè i cittadini gli hanno dato un mandato e vuole portarlo al termine, il salto della poltrona lo fanno i vecchi politicanti.
  • bruno manganiello 2 anni fa mostra
    SE NON CORRE DI BATTISTA E METTETE UN SIGNOR NESSUNO A ROMA SI PERDE FACCIAMOLA FINITA CON QUESTA FARSA,GLI ELETTORI ITALIANI VOGLIONO I PERSONAGGI CARISMATICI,FACCIAMO COME QUANDO SI DICEVA IN TELEVISIONE MAI.
    • Beppe A. Utente certificato 2 anni fa mostra
      che han preso punti figura solo nei sondaggi per adesso, dopo le politiche (europee regionali amministrative, s'e' visto pochino)
    • Eposmail. ,, Utente certificato 2 anni fa mostra
      ..andare in tv..un tempo non era conveniente,...poi dopo un periodo di monitoraggio..di preparazione .. e padronanza...da parte degli eletti..è diventato conveniente. Infrangere le regole ( a parte il tirarsi contro chi non aspetta altro)...può portare qualche vantaggio tattico,..ma su una strategia a lungo termine...il tutto ci si rivolterà contro.
    • bruno manganiello 2 anni fa mostra
      PRIMA DI TUTTO,QUANDO I VARI DI MAIO,DI BATTISTA,E LEZZI HANNO COMINCIATO A PARLARE IN TV IL M5S HA GUADAGNATO PUNTI,L'ITALIA VA CAMBIATA ANCHE COSI, ALTRIMENTI HAI VOGLIA A PARLARE DI STATUTO E CAZZATE SIMILI,TI E' CHIARO MINCH.....E LASCIO STARE LE VOCALI
    • mic. 2 anni fa mostra
      andare in tv non fa parte dello statuto del M5S. Viceversa il divieto di candidarsi per chi già ricopre un ruolo istituzionale è un punto fermo dello Statuto. Se c'è una cosa su cui in questo fottuto Paese bisogna finirla è non rispettare le regole. E' più forte di noi cazzo, non ci riusciamo. E' UNA REGOLA E VA RISPETTATA CHIARO?
  • uno vale un c. 2 anni fa mostra
    Nessuna votazione per acclamazione popolare di qualche figlio/a di papà?...
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus