Paolo ha vinto la sua battaglia. Comune a guida PD condannato

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di MoVimento 5 Stelle Porcia

Il 26 gennaio 2017 verso le 14:00 il Tribunale di Pordenone nella figura del Giudice Riccio Cobucci ha condannato il Comune di Porcia a guida PD nella causa che lo vedeva coinvolto contro un ex dipendente comunale.

Nello specifico il lavoratore con oltre 12 anni di servizio impeccabile all’interno dell’ufficio tecnico era stato “per ragioni organizzative” spogliato delle sue mansioni e spostato in un’altra area.

In realtà Paolo, attivista storico del MoVimento 5 Stelle invece di una promozione come si aspettava ha iniziato a subire scelte discriminatorie non essendo allineato politicamente con la nuova amministrazione

Il giudice:

1- ha dichiarato illegittimo il trasferimento operato nei confronti del ricorrente;

2- per effetto del riconosciuto demansionamento ha condannato il comune al risarcimento dei danni quantificandoli nella misura di 1/3 dello stipendio mensile, da moltiplicarsi per le mensilità di arco temporale in cui questo è avvenuto ( febbraio -luglio 2015);

3- Ha condannato il comune alla riduzione delle spese di lite che liquida in € 7.125,00 oltre accessori di legge

Paolo stava combattendo la sua battaglia per la vita contro una malattia che se lo è portato via il 19 novembre scorso. Gli ultimi suoi 2 anni sono stati devastanti: ciò che ha sopportato a livello lavorativo lo ha ulteriormente indebolito e reso estremamente fragile di fronte alla malattia, lo stress causatogli ha sicuramente inciso su una situazione già compromessa.

Paolo era un attivista di quelli che lanciano il cuore oltre l'ostacolo, senza timori e senza compromessi. La sua battaglia per la trasparenza mutuata dai principi del Movimento è stata senza sconti, consapevole che avrebbe rischiato in prima persona. Ci chiediamo dal punto di vista umano che razza di persone ci siano ad amministrare questa città. Ora qualcuno dovrà risponderne e assumersene tutta la responsabilità di ciò che è stato fatto.

Sindaco Gaiarin a nome del Movimento 5 Stelle di Porcia che rappresenta la seconda forza politica del territorio si assuma la responsabilità di ciò che è successo, faccia un passo indietro, chieda scusa e si dimetta.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Paolo Garilli 11 mesi fa
    Se non si fà subito un SOS 5 Stelle rischiamo di aver calendari dei santi laici con dieci santi al giorno! E sprecheremo enormi energie cercando di non essere infiltrati dai soliti poteri, sarà logorante e forse alla lunga impossibile; intanto molti veri M5S, che esistono da Sempre, verrano sempre più isolati e massacrati ... ci fosse almeno un telefono da chiamare, un referente per ogni città!... siamo la Base; PRETENDIAMO il DIRITTO di esser TUTELATI dal M5S!!!
  • alberto 11 mesi fa
    In questi casi NON DEVE ESSERE IL COMUNE a pagare, ovvero tutti i cittadini, . ma devono pagare di tasca propria: - il sindaco, - tutta la giunta - tutti assessori che hanno agito contra legem.
  • lucus 11 mesi fa
    ATTACCHIAMO I PARTITI... BASTA QUESTA EUROPA CHE CI SVILISCE E CI TOGLIE I SOLDI..... BASTA...... DOBBIAMO TOGLIERCI DA DRAGHI E DALLA GERMANIA DI MERDA
  • maurizio b. Utente certificato 11 mesi fa
    io sono di roma e piango il povero Paolo e non solo perchè eravamo fratelli di IDEE ma per gli stress e la frustrazioni subite, cosa che un essere umano non dovrebbere conoscere e sopportare fin dal momento che viene al mondo.Per chi ha malvessato un 'anima in quel modo cosa prevede il codice penale ? Comunque malgrado Mattarella io questi bastard li OOODDIIO tutti e auspico una resa dei conti
  • Paolo Garilli 11 mesi fa
    una vittima di persecuzione politica, l'altra faccia del voto di scambio; avrebbero dovuto denunciarli anche per mobbing! Io, dopo 10 anni di insegnamento, ho perso la cattedra di Progettazione e Costruzioni perchè accusato (ingiustamente) di parlar di politica in classe... in realtà parlavo di Etica, ma la cosa è stata strumentalizzata. Nessun aiuto, nè dal sindacato nè dalla famiglia; anzi!!
    • Andrea L. Utente certificato 11 mesi fa
      Etica, quindi coscienza, quindi intimo sentire, avere a che fare con sé stessi. Chi non ha la coscienza sufficientemente sviluppata non vuol sentire, ed è anche normale. Tu che c'è l'hai ne paghi un po le conseguenze. Ed anche questo è "normale". Non ti conosco ma hai la mia stima. Sii sereno, a Venezia diciamo "ea regata xe longa". In bocca al lupo.
    • giovanni d. Utente certificato 11 mesi fa
      Fatti forza, ce la faremo Ciao
  • angelo n. Utente certificato 11 mesi fa
    Mi amareggia molto ma non posso che confermare, per la mia esperienza, che certa gente di potere se dicente di sinistra non ha la benché minima pietas umana per nessuno tranne che per i propri fedeli, meglio se non pensanti.
  • fabrizio g. 11 mesi fa
    Ecco la mia proposta. I lavoratori dei Comuni invece di pagare mensilmente la loro quota ai sindacati, versino quei soldi al gruppo del M5S della propria zona ed in caso di mobbing o cose del genere si facciamo assistere da un avvocato del M5S. Scommettiamo che questi mafiosi non rompono più le balle? Spero che questo messaggio idea arrivi alle alte sfere del M5S al fine di divulgare bene questa proposta
  • fabrizio g. 11 mesi fa
    Queste cose accadono in ogni Comune. Anche io quando hanno saputo della mia più che simpatia per il Movimento 5 stelle sono stato attaccato e ho subito anche un procedimento disciplinare ingiusto. Questo dovrebbe essere oggetto di studio da parte del Movimento per tutelare in qualche modo lavoratori che vogliono fare il loro lavoro onestamente per il bene dei cittadini ma che proprio per questo vengono attaccati dalle amministrazioni di pensiero e morale contrari all onestà e che guardano quindi solo ai propri interessi.
  • salvatore carboni Utente certificato 11 mesi fa
    Contro il mio datore di lavoro, ho vinto due cause , una per indebita trattenuta in busta paga e l'altra per negata indennità in busta paga. Ora, avendomi negato , il 2° buono pasto settimanale, sono intenzionato a farne un'altra. Non soddisfatto di questa farò, anche l'azione di mobbing , per il trasferimento d'autorità e relativo cambiamento di mansione e negato passaggio dalla categoria C alla categoria D. Per sfortuna dell'Amministrazione di Arborea , io sono ancora vivo e fortemente deciso a combattere. Quello che mi dispiace è che a pagare sia sempre pantalone , nello specifico , quello della popolazione di Arborea. Purtroppo i veri resaponsabil, i Sindaci ex FI , MSI, ed il precedente Segretario comunale ed il responsabile di ragioneria pur essendo , insieme agli assessori i veri ed unici responsabili, non hanno pagato nulla ed anzi hanno ricevuto il massimo punteggio di performance previsto e stabilito dalla legge pugnetta!!! L'attuale Sindaco eletto in una lista di ex PC, MSI, oggi FI e PD , hanno seguito e stanno seguendo il solco dei sindaci precedenti. Le sentenze sono una del 2015 e l'altra del 2016, mi hanno pagato quello che ho richiesto, il mio avvocato, e si sono pagati le spese dei loro avvocati. Tutto questo perchè non sono allineato politicamente e quel che è peggio sono un attivista pentastellato, ovviamente da fare fuori e possibilmente con previo assaggio di qulche goccia di olio di ricino!!!!! D'altronde, anche noi del MS li vogliamo mandare a casa e quindi ......!!!!
    • fabrizio g. 11 mesi fa
      Siamo sulla stessa barca stesso trattamento. Bisogna fare qualcosa. I sindacati sono allineati e non fanno nulla contro i mancati controlli dei nuclei di valutazione che sono alla.mercè delle amministrazioni... altro che indipendenti
  • anna m. Utente certificato 11 mesi fa
    Che posso dire ho 66 anni ma me sento la meta' per la combattivita' e il senso di giustizia che ho innato.Questo è il più brutto periodo che ho vissuto nella mia vita.Quasi quasi rimpiango la vecchia DC che sì rubava ma lasciava vivere bene le famiglie.Fino all'arrivo di Craxi e poi di Berlusconi che hanno determinato l'inizio della fine che stiamo vivendo, un vero baratro un vero incubo.Che Dio aiuti il M5S!!!
  • old dog 11 mesi fa
    in questo caso non dovrebbe essere il comune a pagare ma chi direttamente si è assunto la responsabilità di danneggiare Paolo col fatto che sono stati nominati dai cittadini non possono violare le leggi se lo fanno è loro responsabilità saluti ai monelli del blog ▌│█║▌║▌║ σℓ∂ ∂σg ║▌║▌║█│▌
  • Andrea Zanella Utente certificato 11 mesi fa
    I soliti piddini, arroganti e vendicativi, prima o poi avrete tutto quello che vi meritate, senza sconti!
  • giancarlo s. Utente certificato 11 mesi fa
    Condivido il post di Andrea B. di Perugia. I danni erariali devono essere pagati da chi li commette e non dal Popolo Sovrano. Se fosse necessario presentare una proposta di legge in Parlamento FATELO SUBITO.
  • Maurizio Samuele 11 mesi fa
    Potrei citare una storia simile, la mia. Mi sono esposto troppo nel fare pubblicità al M5S e alla prima occasione, ovvero nel giro di 24 ore mi hanno sbattuto fuori, dopo 4 anni e 5 mesi di servizio. Comune a guida PD ovviamaente.
  • grace 11 mesi fa
    QUI CI VUOLE L'ERGASTOLO.
  • Andrea B. Utente certificato 11 mesi fa
    perche deve pagare il comune ossia NOI anziche i dirigenti responsabili che lo hanno demansionato???? ONERI ED ONORI ma questi solo gli onori vogliono!!! CORTE DEI CONTI DOVE SEI QUANDO SERVI???????
  • Adolfo Treggiari Utente certificato 11 mesi fa
    Una vicenda veramente ignobile.
  • oreste ★★★★★ °.° Utente certificato 11 mesi fa
    eeee...sopratutto paghi con il proprio portafogli il danno erarriale! Altro che Raggi...
  • Fabio Modena Utente certificato 11 mesi fa
    E bravo il sindaco piddino di una regione a guida piddina! Non ci sono abbastanza parole per descrivere ciò che si meriterebbero
    • ANNA PONISIO Utente certificato 11 mesi fa
      Per me,bastano due parole: LA FORCA!!!!!!!!!!!!!!!!!!
  • Clesippo Geganio Utente certificato 11 mesi fa
    Giustizia è stata fatta! Non sono pochi i dipendenti comunali che hanno un impeccabile stato di servizio per onestà e alacrità produttiva, spesso però relegati ai margini dell'attività amministrativa perché NON SONO CORRUTTIBILI.
    • Andrea B. Utente certificato 11 mesi fa
      PRESENTE!!!!!!!
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus