Ecco tutta la verità sul roaming che (non) sparisce

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di David Borrelli, Efdd - MoVimento 5 Stelle.

Non credete alle favole. Non è vero che l'eliminazione del roaming è un enorme vantaggio per i cittadini. E ve lo dimostriamo con 5 semplici esempi, 5 imbrogli che rischiano di trasformare questo provvedimento in un incubo per i consumatori.

1) LE CHIAMATE INTERNAZIONALI SI PAGANO
Esempio: chiamare con un numero italiano un amico spagnolo che utilizza un numero spagnolo non è gratis. L'addio al roaming non cancella i costi aggiuntivi delle chiamate internazionali.

2) I SOVRAPPREZZI RETROATTIVI
Esempio: dopo 4 mesi scattano i controlli da parte dell'operatore telefonico. Se il tempo speso all'estero è superiore a quello speso in Italia scatta un sovrapprezzo sulle chiamate e il roaming per il resto dell'anno viene ripristinato

3) IL TETTO AI GIGA
Esempio: alcuni operatori hanno promesso il roaming zero ma lo hanno limitato a massimo 1 GB per il traffico dati. Occhio! Fastweb Mobile, ad esempio, ha già annunciato che garantirà il roaming zero ma limitato a massimo 1 GB per il traffico dati e a 500 minuti per le chiamate. Ecco il link alla loro offerta.

4) IN SVIZZERA SI PAGA
Esempio: chi dall'Italia attraversa la Svizzera in macchina per raggiungere un altro Paese europeo deve disabilitare il roaming o riceverà una bolletta salatissima!

5) NUOVE VOCI IN BOLLETTA
Attenzione anche agli aumenti improvvisi delle tariffe e alle fantasiose nuove voci in bolletta, come le spese "per costi di incasso" o similari. Tutte subdole mosse, un po' come la recente prassi di fatturare ogni 4 settimane e non più ogni mese. Ne deriva un rincaro generalizzato delle tariffe, anche per chi non viaggia!

La verità è che tagliano il roaming a chi viaggia, ma aumentano le tariffe di tutti. Lo dimostrano anche i rialzi ingiustificati delle tariffe da parte delle compagnie telefoniche negli ultimi mesi, come più volte denunciato dall'Agcom.

Il roaming non sparisce per del tutto, si chiamerà tariffa di roaming all'ingrosso e rappresenta i costi che le compagnie telefoniche si scaricano a vicenda per permettere ai propri clienti di navigare e chiamare all'estero. Questi costi potrebbero essere spalmati su tutti quelli che hanno un cellulare, dunque su 62.750.000 schede sim in Italia. La tariffa all'ingrosso per 1 gigabyte di traffico telefonico sarà di 7,7 euro nel 2017 e poi scenderà gradualmente negli anni successivi. Per coprire questi costi le compagnie telefoniche potrebbero alzare le tariffe per tutti. Oggi, 15 giugno, non è un giorno di festa per i cittadini come la propaganda europea vorrebbe spacciare.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • guardachefumo 7 mesi fa mostra
    .usate il sistema -telefumo- Basta dar fuoco alle palle di un vicino e agitare velocemente un fazzoletto sul fumo così prodotto! Volendo potete utilizzare le vostre palle ottenendo un -melefumo- ma così i segnali di fumo sono molto più difficili da fare (molto sconsigliato)!!
  • Riccardo Perra 7 mesi fa mostra
    Già leggendo il primo punto si può capire che l'articolo è puro delirio.
    • sespiega 7 mesi fa mostra
      ah, ora si spiega!! C'è di mezzo Delrio!!
  • adeline anna rouseau Utente certificato 7 mesi fa mostra
    Ciao amici e genitori. Io passo dal tuo canale è una consapevole e pertinante. Fra tutte le persone che parla di pronta sul sito , l'unica persona che mi può dare quello che voglio è la signora. Anissa Kherallah. Lei è francese e la sua missione è di aiutare la gente seria e aziende. In tutta sincerità, questa donna mi ha dato 25.000 euro, in modo che io possa aprire il mio negozio. Non hai mai avuto i fondi per stabilirsi prima di prendere i vostri soldi. Solo che si paga il canone di un contratto che consente di avoior il prestito . Io dico la verità e se ti parlo della mia testimonianza, è per voi per ottenere il la maggior parte dei finanziatori. Lei è un po ' stretta sulle informazioni personali, ed è normale. Voi che avete un bisogno di un prestito , questo è il momento di cogliere questa grande opportunità, e questa grazia da Dio per salvarci dalla miseria. Il suo indirizzo è : developpement.aide@gmail.com
  • viviana vivarelli Utente certificato 7 mesi fa
    STORIELLINA ZEN SUI MIGRANTI E NON SOLO Un giorno un re riunì alcuni ciechi e propose loro di toccare un elefante per constatare come fosse fatto. Alcuni afferrarono la proboscide e dissero: “Abbiamo capito: l’elefante è simile a un timone ricurvo”. Altri tastarono gli orecchi e dichiararono: “È simile a un grosso ventaglio”. Quelli che avevano toccato una zanna dissero: “Assomiglia a un pestello”. Quelli che avevano accarezzato la testa dissero: “Assomiglia a un monticello”. Quelli che avevano tastato il fianco dichiararono: “È simile a un muro”. Quelli che avevano toccato una gamba dissero: “È simile a un albero”. Quelli che avevano preso la coda dissero: “Assomiglia a una corda”. Ognuno era convinto della propria opinione. E, a poco a poco, la loro discussione divenne una rissa. Il re si mise a ridere e commentò: “Questi ciechi discutono e altercano. Il corpo dell’elefante è naturalmente unico, e sono solo le differenti percezioni che hanno provocato le loro diverse valutazioni e i loro errori”. (Buddha) .
    • Alessandro L. 7 mesi fa
      Beh, se avete tolto il commento di sotto, togliete anche il mio, ormai non serve e chi legge non capirebbe.
    • Alessandro L. 7 mesi fa
      Sei un po' cafonazzo, non credi ?
    • vienvivian 7 mesi fa mostra
      Quelli che gli toccarono il caxxo che dissero?? ''Viviana corri qui'!!"
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus