Presentazione del #ProgrammaScuola del MoVimento 5 Stelle

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di MoVimento 5 Stelle

La scuola a 5 Stelle è una scuola pubblica e statale, gratuita, democratica, aperta, inclusiva e innovativa, una scuola che viene messa al centro delle politiche del governo. E’ questa la scuola contenuta nel programma del M5S, votato dagli iscritti, e che presentiamo oggi.

Hanno partecipato alle votazioni sulla Piattaforma Rousseau19.040 iscritti certificati, che hanno espresso 128.320 preferenze su cinque punti principali: qualità della scuola e offerta formativa per gli studenti, finanziamenti alle scuole statali, scuola pubblica e scuola privata, smantellamento della ‘Buona Scuola’ di Renzi e didattica innovativa.

L’obiettivo principale del programma M5S è alzare la spesa pubblica per l'istruzione, portandola nel medio termine dal 7,9% di oggi al 10,2% della media europea, e reinvestire queste risorse per avere: edifici sicuri e spazi adeguati, insegnanti valorizzati e motivati, un’offerta formativa più ampia per gli studenti, più ricerca e più innovazione didattica.

Il primo punto del programma è riparare i danni provocati dai tagli lineari all’istruzione che hanno massacrato la scuola italiana e impoverito l’offerta formativa.
Se oggi la scuola italiana non è più un’eccellenza è a causa dei governi che nel corso di questi anni, con i loro tagli, hanno drasticamente sottratto ore a discipline fondamentali e hanno portato alla scomparsa di oltre 90mila cattedre.

Il M5S, per migliorare la qualità della scuola, punta a:

- diminuire il numero di alunni per classe, prevedendo un massimo di 22 studenti per classe (opzione votata da 8080 iscritti)
- diffondere il tempo pieno e le compresenze di docenti nelle classi (opzione votata da 5308 iscritti)
- ripristinare gli insegnamenti ridotti dalla “riforma Gelmini” e inserirne di nuovi (opzione votata da 5156 iscritti).

Totale Votanti: 18544.

Il secondo punto è ridare priorità alla scuola statale, che oggi versa in uno stato di sofferenza non più tollerabile. Una scuola che non ha i soldi per comprare i fogli di carta e altri materiali didattici, ed è costretta a chiedere alle famiglie degli studenti un contributo ‘volontario’ all’atto dell’iscrizione, non è più una scuola mgratuita.
Per questo lo Stato deve fare il possibile per cancellare questa odiosa ‘tassa’, investendo prioritariamente sulle scuole statali. (Questo punto ha ricevuto 19040 preferenze, di cui 17937 voti favorevoli.)

In questa priorità restano i nidi e le scuole dell'infanzia privati, che in molti territori costituiscono l'unica possibilità per le famiglie a causa dell'assenza di strutture pubbliche, comunali o statali. L'obiettivo del M5S resta comunque quello di incrementare il più possibile la presenza di strutture statali nella fascia d’età 0-6 anni (asili nido e scuole dell’infanzia) su tutto il territorio nazionale e in particolar modo laddove il servizio è carente.

Il terzo punto ci porta direttamente alle Legge 62/2000 che ha parificato scuole statali e scuole private. E’ nostra intenzione ridiscuterla, per arrivare a una chiara e netta distinzione tra scuole statali e scuole private e combattere il fenomeno dei diplomifici.
(Questo punto ha ricevuto 18618 preferenze, di cui 15697 voti favorevoli.)

Il quarto punto del programma prevede lo smantellamento della ‘Buona scuola’ di Renzi
, la riforma che ha definitivamente distrutto la nostra scuola a colpi di bonus e mancette, introducendo nel sistema scolastico logiche aziendali che nulla hanno a che vedere con la scuola. Per farlo vogliamo:

- Rendere obbligatorie e retribuite le ore di formazione dei docenti, cancellando la “Card” da 500 euro (opzione votata da 10847 iscritti)
- Promuovere la collaborazione tra docenti, eliminando la chiamata diretta e il bonus del merito assegnato dal dirigente (opzione votata da 10422 iscritti)
- Promuovere la cooperazione tra studenti, eliminando o modificando i test INVALSI (opzione votata da 5514 iscritti)
- Aumentare gli strumenti di partecipazione degli studenti e delle famiglie (opzione votata da 5269 iscritti)
- Ridurre le ore di alternanza scuola-lavoro e migliorarne la qualità (opzione votata da 4101 iscritti)

Totale Votanti: 18261, Totale Preferenze: 36153.

Il M5S vuole costruire una scuola che guarda al futuro, capace di superare la lezione frontale e di attivare strategie didattiche e pedagogiche innovative, che introduca insegnamenti nuovi come l’educazione alimentare, ambientale e quella all’affettività. Per farlo intendiamo:

- Diffondere l’utilizzo di strumenti tecnologici e di libri digitali (opzione votata da 8175 iscritti)
- Investire su ambienti di apprendimento innovativi (opzione votata da 7849 iscritti)
- Promuovere maggiori esperienze all’esterno dell’ambiente scolastico con pieno protagonismo degli studenti (opzione votata da 7764 iscritti)
- Costituire equipe di esperti territoriali con educatori, pedagogisti, ricercatori ed esperti nel campo della didattica a supporto dei docenti (opzione votata da 6915 iscritti)
- Istituire un fondo strutturale per l’innovazione didattica (opzione votata da 5262 iscritti)

Totale Votanti: 18109, Totale Preferenze: 35965.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Costanzo Gemma 7 mesi fa
    Il tuo commento: "Salve a tutti voi movimento 5 stelle , sono un'Insegnante che vi scrive , fino a qualche giorno fa mi eravate antipatici , poi ho letto il programma sulla scuola e sullo smantellamento di questa ed effettivamente ci sono tanti punti che condivido a pieno . Non si può riformare la scuola basata su progetti ,devi rendere alcuni insegnamenti obbligatori , tipo la musica nella scuola primaria , si, è stata approvata la delega sulla cultura umanistica dove si parla di musica nella primaria ma tutto su progetti delle scuole . Il D:M: n8 del 2011 parla di rendere obbligatoria fare un'ora a settimana di musica per tutti ! Voi cosa ne pensate di questo ? attendo vostre notizie a riguardo ! Tempo fa ho scritto anche a Renzi ma non ho avuto mai risposta !! Grazie .Secondo punto la mobilità Docenti . Cosa ne pensate di questa mobilità ? E' tutto normale che una Docente sia deportata a 700 Km da casa? Ci hanno costretti ad accettare altrimenti cancellazione dalla graduatoria !!! Renzi è stato molto bravo a prenderci in giro , e ha continuato anche dopo essere stato eletto segretario del partito , non ha sprecato una parola sulla Scuola e sui Docenti deportati . Ha detto che avrebbe fatto un decreto per far rientrare tutti nella propria provincia !!!!! Bugie e ancora Bugie !!!! Alle prossime elezione voteremo sicuro 5 STELLE !!!! Siamo tanti !!!! Dateci una Risposta Vogliamo capire ..."
  • Costanzo Gemma 7 mesi fa
    Salve , amici 5 stelle vorrei delle risposte a proposito della riforma Renzi , E' tutto normale che un'Insegnante di scuola Primaria di RUOLO e fornita di Diploma o Laurea Di secondo livello di PIANOFORTE non possa insegnare musica nella propria scuola ? Solo perchè non è stato presentato il progetto ?Ma si può riformare la scuola basata su progetti ? Ci sono Maestre con titolo specifico ( oltre ad essere abilitata per la Primaria) Laurea in violino, clarinetto , canto, flauto ,chitarra ecc..... S, smantelliamo questa riforma al più preso !!!!!! Aspettiamo una vostra risposta a riguardo !!!
  • Costanzo Gemma 7 mesi fa
    Salve a tutti voi movimento 5 stelle , sono un'Insegnante che vi scrive , fino a qualche giorno fa mi eravate antipatici , poi ho letto il programma sulla scuola e sullo smantellamento di questa ed effettivamente ci sono tanti punti che condivido a pieno . Non si può riformare la scuola basata su progetti ,devi rendere alcuni insegnamenti obbligatori , tipo la musica nella scuola primaria , si, è stata approvata la delega sulla cultura umanistica dove si parla di musica nella primaria ma tutto su progetti delle scuole . Il D:M: n8 del 2011 parla di rendere obbligatoria fare un'ora a settimana di musica per tutti ! Voi cosa ne pensate di questo ? attendo vostre notizie a riguardo ! Tempo fa ho scritto anche a Renzi ma non ho avuto mai risposta !! Grazie
  • sandra alexandri Utente certificato 7 mesi fa
    Ciao Per la realizzazione dei vostri progetti che si cura di cui non hai abbastanza fondi, la soluzione è la signora Josina gomez offerte di prestito diversi per i vostri progetti prima fino a 60.000 euro con un tasso del 2% per il vostro viaggio e di project financing studi per le imprese di costruzione d'oltremare e fondo di investimento in commercio vari di progetto e costruzione e altre l'acquisto di auto a noleggio a casa e Appartamento acquisto e pronto per la salute e l'educazione dei vostri figli pronto sollievo per chiunque nel settore agricolo pericolo e affari milioni project financing Contattare il servizio di posta elettronica prestitobancario2017@gmail.com
  • Donata Saggiorato Utente certificato 7 mesi fa
    La mia perplessità sono gli asili nido, io penso che se una donna avesse la possibilità di scegliere fra asilo nido e seguire lei il suo bambino nei primissimi anni di vita, sceglierebbe la seconda opzione,sul bambino non ci piove che vorrebbe la sua mamma vicino, lui vive di emozioni, non sa codificare gli eventi che gli succedono attorno, se non vede vede la mamma, lui subisce la lontananza come un abbandono, non sa che tornerà a prenderlo (parlo per i bambini molto piccoli 6 mesi, un anno)ma anche fino ai tre anni, il bambino ha bisogno della mamma, poi crescendo avrà bisogno di nuove esperienze e conoscenze, ma così piccoli si sentono strappati dal loro ambiente e dalla persona che rappresenta per loro, la sicurezza, e la loro sopravvivenza. Per il resto del programma, niente da dire.
  • antonello c. Utente certificato 7 mesi fa
    Programma Nazionale M5S sul tema delle Leggi , sulla Scuola , sulla Sicurezza e sulla Democrazia della nostra Nazione affrontati in qualche post e con qualche commento ????? dove stanno i 4 ANNI di discussioni - INTERVENTI - PROPOSTE degli iscritti certificati sul Lex - parlamento !! Dove sono gli Atti Parlamentari nei quali possiamo leggere come sono stati accolti gli interventi degli iscritti , le Leggi votate dai liberi cittadini in moVimento per un'Italia 5 Stelle !!! - Vedi intervista a Davide Casaleggio sull'avvenuta presentazione delle Leggi in Parlamento da Lex - iscritti - Questi mini post - spot possono andar giù a qualche neo iscritto voglioso ( giustamente ) di votare anche senza essere adeguatamente informati .. In attesa di doverose risposte
  • Luigi Di Pietro 7 mesi fa
    Vi faccio notare, CON TUTTO IL RISPETTO, che c'è una GRAVE CARENZA NEL PROGRAMMA SULLA SCUOLA del M5S, ovvero CI SIAMO LETTERALMENTE DIMENTICATI DEL PERSONALE ATA. Secondo me ANCH'ESSO ANDREBBE ADEGUATAMENTE VALORIZZATO.
    • di sento 7 mesi fa
      dipende come dividi il problema puoi fare una legge unica divisa in 2 parti oppure fare 2 leggi oppure fare 2 leggi e una 3 di armonizzazione delle 2. se fai 2 leggi una per gli infanti e una per il presonalem allora ti focalizzi sui problemi degli infanti sulla prima e sul problema della logistica e del presonale sulla seconda. altrimenti puoi fare tutt'uno o anche fare 2 e poi fare una 3 legge di armonizzazione dei problemi di entrambe le parti. le parti in gioco sono piu di una 1 gli scolari ( prevalente ) 2 i genitori ( importante ) 3 gli insegnanti ( importante ma meno ) 4 il personale di supporto agli insegnanti 5 le infrastrutture ( importante ma meno ) 6 il personale che si cura della logistica e dell'economia del sistema. ( importante ma meno ) non dico altro perché non sono del m5s dovete cavarvela da soli ma prima di tutto devono essere contenti gli scolari e anche i genitori ... il resto è una consecuenza.
  • augusto loi 7 mesi fa
    La Scuola è stata invalidata dgli invalsi. Gli invalsi su chi insegna si sono rivalsi. Già invalsi vuol significare che non sono valsi. insistono i corifei dell'invalsi, di valutazione esperti falsi. Entraste nella scuola falsi e non a piedi scalzi,nel giudicare falsi. Che? Voi che non mai nessuno vi incalzi, voi osate, falsi, voi? Vi permettete di giudicare chi entrò a insegnare a piedi scalzi? Voi falsi dottori osate giudicare chi alla Scuola sacrificò i suoi amori? Voi falsi invalsi?. E se no scambio lucciole per lanterne, fuori gli invalsidati dalle mie mie speranze di insegnare avendo fede che le ho eterne.
  • Domenico Trovato 7 mesi fa
    Buongiorno. Nel vostro programma ci sono aspetti significativi e condivisibili. Alcuni meritano una ulteriore sottolineatura: 1.le Scuole Paritarie(Primaria, Sec. 1° e Sec. 2°), appartenenti al sistema pubblico, non possono essere penalizzate, certamente meglio regolamentate, con un'attività ispettiva più frequente ed incisiva; 2. le prove Invalsi sicuramente sono da modificare, nell'ottica di una loro maggiore aderenza ai contenuti di insegnamento degli insegnanti. Ma il punto centrale rimane quello della loro ricaduta sull'insegnamento e per questo devono essere accompagnate, con personale esperto insediato sul territorio, da azioni di tutoraggio che sostengano i docenti a utilizzarle come risorsa per il migliora-mento della loro didattica; 3.non leggo alcun cenno al Sistema nazionale di Valutazione-SNS- e all'attuale progetto INVALSI sulla valutazione esterna delle scuole, tramite i NEV, Nuclei Esterni di Valutazione; 4.ottimo e non derogabile l'investimento per costituire équipe di esperti territoriali, con specifico profilo professionale(non docenti tuttofare), a supporto di scuole e insegnanti; 5.condivido la cancellazione della CARD, da sostituire con cospicui finanziamenti, strutturali e permanenti, assegnati alle Scuole singole e/o alle Scuole-Polo, per la formazione obbligatoria (come già previsto) e retribuita di tutti i docenti; 6. anche la formazione del personale ATA, va rivista e qualificata, tenendo conto che alcune figure(Collaboratori, A.A.)potrebbero intervenire, se formate, a sostegno della didattica, nei laboratori; 7.occorre dare una adeguata risposta economica e professionale alle richieste dei Dirigenti Scolastici; 8.vanno riviste(temporalmente troppo estese) le nuove modalità di reclutamento introdotte dal Decreto attuativo della Legge 107; 9.occorre rivisitare l'area della disabilità: si investa di più in formazione sui docenti curricolari; 10.chiamata diretta da abolire e bonus premiale da modificare,privilegiando una cifra collegiale.
    • error 7 mesi fa
      a me fa paura la parola "DIDATTICA" in mano ai politicanti perché didattica può essere tutto e il contrario di tutto. per esempio io farei una scuola di nozioni escludendo ogni forma di "giudizio morale" e lascerei alle famiglie il compito di istruire i propri figli sul giudizio morale. la didattica secondo certi politici è invece indottrinamento sui giudizi morali che devono essere espropriati dalla famiglia per essere insegnati nelle scuole pubbliche. non sopporto quelle parole nuove tipo "genitorialità" e balle varie perché si vede che a quella parola succede uno dei paesi più vecchi e meno natali del mondo. se poi vado a vedere la biografia dei padri della pedagogia .....togliendo gli antichi Socrate,Platone Aristotele Quintiliano ecc... mi scappa da ridere... o forse piangere... non so.
  • ragionare col buco 7 mesi fa
    riflessione su quando si fanno le leggi col buco del culo: Una legge serve 1: a risovere rapporti di contrasto tra vari uomini prima che sfocino in violenza. 2: a impedire la violenza 3: a punire i violenti dopo che hanno agito nonostante i punti 1 e 2. una legge fatta col buco del culo invece serve 1: a esasperare i contrasti per fa si che sfocino in violenza 2: a favorire la violenza quando accade 3: a punire ingiustamente i violenti esasperati da situazioni ingestribili e a far finta di punire i veri violenti che sono violenti per gusto di violenza. Esempi di leggi fatte col buco del culo nuovi ce ne sono tanti dalle leggi sulle successioni per arrivare alle leggi sulla famiglia riguardandi i diritti delle donne e dei minori.... ma molte altre leggi... basta prendere ad una ad una e confrontarle con quella regolina sopradescritta. in generale le leggi più sono CONTRONATURA e più esasperano le persone percià fare una legge CONTRONATURA equivale per esempio ad esasperare i rapporti tra uomo e donna e infatti i casi di violenza contro le donne e i minori sono aumentati nonostante tutte le leggine buoniste del cazzo sinistre. non sono tanto aumentate le piccole volenze ma delel cose del tuipo "Un uomo di 46 anni ha sparato in strada alla ex moglie di 50 anni" se ne vedono sepre di più.
    • ragionare col buco 7 mesi fa
      ma la cosa più brutta è che i sinistri insegnano ai bambini piccoli a scuola a ragionare col buco del culo e CONTRONATURA. CHIUNQUE avrà scandalezzato ( leggi insegnato a sbagliare) uno di questi piccoli che credono in me, meglio per lui sarebbe che gli fosse messa intorno al collo una pietra da macina, e ch'egli fosse gettato in mare!
  • mario m. Utente certificato 7 mesi fa
    A proposito della Scuola italiana che desidero, condivido pienamente il primo capoverso del post, che mi piace riportare: "La scuola a 5 Stelle è una scuola pubblica e statale, gratuita, democratica, aperta, inclusiva e innovativa, una scuola che viene messa al centro delle politiche del governo....". Il risultato delle votazioni rispecchia tale contenuto.
  • Psichiatria. 1 7 mesi fa
    12 vaccini 12 studenti per aula pretendo il certificato vaccinale di maestri, professori, bidelli, e di tutto l'organico scolastico fino al ministro della sanità oltre al certificato antimafia alla fattura elettronica e quant'altro, d'ora in poi chiunque voglia svolgere lavori per la pubblica amministrazione deve dimostrare un certificato vaccinale completo. Dal Presidente Della Repubblica e tutti i dipendenti pubblici devono presentare il certificato vaccinale completo... vaglielo a dire... ;)
  • Giorgio Primiceri 7 mesi fa
    Max 22 alunni per classe? Rivediamo tale limite al ribasso: 20 sono già troppi! È importante ripristinare un vero rapporto tra docenti e discenti, e lo si può fare soltanto con classi di max 15 studenti.
    • Ivan M. Utente certificato 7 mesi fa
      piacerebbe anche a me fare come dici, mi sa che non ci sono nemmeno le aule per fare quello che chiedi, intanto un primo passo...
  • viviana vivarelli Utente certificato 7 mesi fa
    Fare 12 vaccini (che poi sono 14) è come inoculare 14 malattie in forma attenuata ad un bambino, con possibili danni collaterali fino alla morte. Che questo sia stato fatto per aumentare i miliardi di guadagno delle multinazionali del farmaco è già abbastanza grave, ma che il Governo italiano si sia offerto (in cambio di che?) di fare l'apripista per vaccini addirittura inutili ma potenzialmente dannosi per puro fine di lucro, mettendo a rischio la salute di 800.000 bambini è criminale. Come criminale è che questa imposizione sia stata creata come comando tassativo e obbligatorio con penalizzazioni pesanti come la non iscrizione a scuola, 7.500 euro di multa o la sospensione della patria potestà. Il tutto delinea un Governo suddito del Capitale che se ne frega del bene del popolo italiano ma ubbidisce a chi dà ordini finalizzati solo al proprio ricavo finanziario, con un cinismo e una arroganza inaccettabili. Ma davvero dobbiamo permettere che questo abusi accadano e che i cittadini, trattati come cavie o come limoni da spremere, non possano ribellarsi?
    • ragionare col buco 7 mesi fa
      il problema è un altro il problema è decidere per legge sulla vita o sulla morte di 1 cittadino rispetto ad un altro cittadino ( io ti costringo a morire per salvare altri che non sono te ). perché se è vero che con il vaccino salvo vite umane... non è vero che quella vita umana che salvo e quella che muore sono la stessa ( su questo non si può discutere ) allora come posso dire io stato tu muori per salvane 100? sarà che sono credente ma costringere qualcuno al martirio per decreto legge non è UMANO! bisogna dare a chiunque la possibilità di scegliere se rischiare il danno da vaccinazione o no! al tizio qui sotto che blabla bla ( saccente ) chiedo ... ti piacerebbe rimanere handicappato te e tuo figli per salvare qualcuno che non sai neppure se lo salverai e chi è? pensaci!
    • massimo m. Utente certificato 7 mesi fa
      @ N. Polito lei scrive: "Innanzitutto dire che le vaccinazioni portano guadagno alle case farmaceutiche è una stronzata spaventosa, perchè le case farmaceutiche ci guadagnano molto ma molto di più dalla vendita dei farmaci per curare (eventualmente) tali malattie." O lei è un idiota o un venduto. Anche un bimbo coglie la menzogna su ciò che ha appena affermanto: lei dice le case farmaceutiche ci guadagnerebbero molto di più se le persone non si facessero i 12 vostri vaccini perchè la cura delle 12 malattie che scoppierebbero senza i vostri 12 vaccini costerebbe molto dippiù. Ciò sarebbe vero solo su malattie per le quali esiste una reale emergenza epidemica. Poichè invece, oltre ai 4 o 5 vaccini, la reale emergenza epidemica non c'è, le case farmaceutiche, vaccinando capillarmente e a priori tutti i bambini indistintamente ne guadagnerebbero ovviamente assai di più Torni pure dalle sue multinazionali che finanziano il suo menomato morale, e gli porti pure la posizione ufficiale del MoVimento: "Noi siamo favorevoli all'obbligatorietà dei 4 vaccini che oggi, per legge, sono già obbligatori, e siamo anche favorevoli all'introduzione di misure di obbligatorietà per vaccini che proteggono da malattie per le quali esiste una REALE EMERGENZA EPIDEMICA". Questa reale emergenza epidemica non la decide Gli USA o le multinazionali, ma nasce da un confronto con esperti italiani ed internazionali, nel contesto di una sana discussione tra tutte le forze politiche che auspichiamo con forza e in breve tempo.
    • viviana vivarelli Utente certificato 7 mesi fa
      quelli che hanno indagato lo stato immunologico, metabolico, tossicologico e nutrizionale dei bambini e ragazzi ammalatisi dopo i vaccini, quelli che han studiato le innumerevoli cartelle cliniche di bambini e ragazzi finiti in ospedale dopo aver ricevuto le vaccinazioni, quelli che hanno cercato e trovato modo di far scomparire tanti sintomi sistemici e neurologici delle encefalopatie post-vaccinali. Se quella della libertà di scelta per la salute dei propri figli e la libertà di cura deve essere una guerra, questi medici la combatteranno con decisione, stetoscopio al collo, parker nel taschino, PC a tracolla, a fianco di sani e malati, stretti in un’alleanza per la salute senza tentennamenti. Gabriella Maria Lesmo
    • viviana vivarelli Utente certificato 7 mesi fa
      la credibilità del sistema che ci governa e ci impone una sola e indiscutibile “verità scientifica”, la sua, e che costringerebbe i medici in protocolli comportamentali e rigidi percorsi di cura, in contrasto con i dettami della Professione Medica che ha come scopo primario il prendersi cura del paziente e non la vendita di farmaci, peraltro sempre più costosi e tossici. Il tribunale di Milano, lo scorso anno, ha emesso una sentenza che riconosce il nesso di causalità tra la somministrazione del vaccino esavalente e lo sviluppo di encefalopatia post-vaccinica in forma di Autismo, nel figlio dei ricorrenti. Non è stata la prima sentenza a riconosce la lesività di un vaccino anti-infettivo esavalente, ma è la più importante per sostanza. Ebbene, il ministero della salute si è violentemente scagliato contro la sentenza e più società di pediatria hanno chiesto la testa del Medico Consulente Tecnico D’Ufficio “colpevole” di aver studiato, guardato gli atti e ragionato sui fatti con mente libera da pregiudizi. Questo non è un comportamento di uno Stato democratico, che ha il dovere di verificare periodicamente l’appropriatezza e delle proprie scelte sanitarie e del loro impatto sullo stato di salute della popolazione, bensì di un sistema dittatoriale che, lungi dal considerare gli interessi dei cittadini, men che meno quelli più fragili come i bambini e gli anziani, si dà da fare per escogitare le minacce più efficaci perché diventino bacino d’utenza di tanti farmaci, cercando di piegare all’obbedienza la classe medica premiando l’esercito degli yes-men e privando dell’abilitazione all’esercizio i medici “eretici”, “complottisti”, “anti-vaccinisti”, e persino navigatori del web, ossia i medici che sanno ragionare con la propria testa, che hanno a cuore l’interesse dei pazienti, che non sono sul libro paga delle industrie farmaceutiche, che non han paura che i loro pazienti curiosino su internet prima di venire in studio, segue
    • viviana vivarelli Utente certificato 7 mesi fa
      Per dovere di verità ricordo anche che alcuni studi danesi, citati per anni a dimostrazione della inesistente correlazione tra vaccinazioni e insorgenza di autismo si sono rivelati FALSI. Il principale autore degli studi danesi fu il Dr. Poul Thorsen, attualmente latitante, che figura nella lista dei maggiori ricercati dalla FBI, contro cui è stato spiccato mandato di cattura per una lunga serie di reati federali contestatigli negli Stati Uniti, in merito alle ricerche sull’Autismo. Lo “scandalo nello scandalo” è emerso altresì dalle dichiarazioni del Deputato americano Bill Posey, membro della Camera dei Rappresentanti per lo stato della Florida che traduco, l’originale lo trova in rete. “… Se leggete le e-mail e i dati relativi alle riunioni, nonché le disposizioni finanziarie che questo truffatore ha intrattenuto con il CDC, vi farà assolutamente venire il voltastomaco. Costui non era un ricercatore qualunque. Costui era l’uomo chiave del CDC in Danimarca. Costui era strettamente legato ai migliori ricercatori nell’ambito della sicurezza dei vaccini del CDC … e Thorsen ha cucinato gli studi per produrre i risultati che volevano diffondere. A loro non importava se gli studi fossero validi o quanto veniva pagato per manipolarli dall’inizio. Stiamo parlando di qualcuno che ha fondamentalmente rubato soldi pubblici che avrebbero dovuto essere utilizzati per migliorare la salute e la sicurezza dei più vulnerabili della nostra società: i nostri bambini. …”. Per brevità non riporto la testimonianza del dottor Thompson, rintracciabile sul web, che ha confessato pubblicamente di aver falsato gli studi che negavano la correlazione autismo e vaccino MMR. Da tempo esiste un forte contrapposizione tra lo Stato Italiano che impone la politica delle “vaccinazioni di massa” pretendendo che siano l’unico modo di combattere le malattie e che siano sempre e comunque innocue ed una parte sempre più vasta della popolazione che rifiuta l’obbligo vaccinale per i propri bambini segue
    • viviana vivarelli Utente certificato 7 mesi fa
      e pretende di poter scegliere consapevolmente come proteggere la loro salute. In questa guerra pro- vaccinazioni- di- massa, ministero, regioni e Asl, dimenticano che i vaccini sono a tutti gli effetti dei farmaci pro-infiammatori aventi lo scopo di far maturare una memoria immunologica al di fuori della malattia naturale, ma che non sempre ci riescono. I vaccini anti-infettivi, in quanto farmaci, posseggono indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed effetti avversi, ma questi ultimi vengono volutamente omessi con strategie diverse, sia sui foglietti illustrativi dei vaccini, sia sul materiale divulgativo delle Asl. Infatti, forse per scarsa consapevolezza della questione, forse per colpevole ignoranza, la maggior parte delle reazioni avverse ai vaccini non viene segnalata alla farmacovigilanza, come si evince dalla disamina dei tanti casi gravi per i quali le famiglie intentano causa allo stato. In questo modo i vaccini risultano falsamente “innocenti”. La politica sanitaria, come ogni politica, impone scelte non sempre condivisibili, spesso discutibili e basate su motivazioni tutt’altro che cristalline. Nel nostro Paese, per citare i casi più famosi, un Ministro della sanità, De Lorenzo, fu condannato per tangenti ricevute in cambio di aver reso obbligatorio il vaccino anti-epatite B. Poggiolini, direttore generale del servizio farmacologico nazionale, fu condannato per aver falsato i prezzi dei medicinali e inserito farmaci nel prontuario nazionale, in cambio di tangenti; ancor oggi Poggiolini è sotto processo per omicidio colposo, per la possibile responsabilità avuta nel mancato controllo di sangue trasfusionale. I morti da trasfusioni infette non saranno presenti al dibattimento. Numerose case farmaceutiche sono state a loro volta condannate per tangenti relative all’inserimento di farmaci negli elenchi del SSN e spinto in alto i prezzi. Queste ed altre frodi in campo sanitario sono ricorrenti e minano irreversibilmente la credibilità segue
    • viviana vivarelli Utente certificato 7 mesi fa
      e inquietanti collegamenti tra la precoce iperstimolazione del sistema immunitario infantile indotta dai vaccini e l’insorgenza di gravi malattie neurologiche infantili, alterazioni dello sviluppo, allergie, sindromi autoimmuni, morte improvvisa in culla, patologie sino a pochi anni fa sconosciute o estremamente rare, ma ancor più preoccupa le tante famiglie che hanno visto ammalarsi un figlio e diventare autistico in concomitanza con un inoculo di vaccini. Nonostante la Medicina Accademica reagisca con estrema lentezza a tale drammatica situazione, è ormai disponibile a livello mondiale una notevole quantità di dati epidemiologici e di studi clinici ed autoptici che indicano che la malattia autistica si realizza nell’organismo infantile nella delicata fase di sviluppo, come effetto di una encefalopatia innescata dalle vaccinazioni che danneggiano il tessuto nervoso con meccanismo immuno-allergo-tossico. Tale patologia non va confusa con l’encefalite acuta ed ha un andamento tipicamente subdolo, le manifestazioni cliniche essendo evidenti dopo settimane e mesi dalla vaccinazione interessando le aree cerebrali deputate alla funzioni integrative, funzioni che mancano fisiologicamente nel bambino piccolo. Poiché Lei nomina, per sconfessarne la credibilità, il dottor Andrew Wakefield che assieme ad altri colleghi londinesi evidenziò la presenza di virus del morbillo nei linfonodi intestinali di bambini autistici con malattia infiammatoria intestinale, dovrebbe sapere che questa prima parte del lavoro di Wakefield fu confermata, sin da allora, da un immunologo universitario giapponese, il Dr Kawashima. Questi fu in grado di identificare il virus del morbillo riscontrato nei linfonodi ileali ed era il virus vaccinale. In tempi recenti i lavori londinesi di Wakefield sono stati riabilitati ed il suo allora primario londinese ha avuto la meglio contro chi lo volle cacciare. segue
    • viviana vivarelli Utente certificato 7 mesi fa
      per ammissione delle stesse ditte produttrici di vaccini, la presenza di un titolo anticorpale specifico, non garantisce la capacità di difesa del vaccinato in caso di contagio futuro per via naturale. Informazioni e dati non sono una invenzione dei “complottisti anti-vaccini”, bensì sono scritti nel più importante testo di infettivologia pediatrica mondiale, il “Red Book” della American Academy of Pediatrics, regolarmente aggiornato. Personalmente, non nego a priori l’utilità del “farmaco-vaccino”, come strumento di prevenzione di specifica patologia in categorie di persone a rischio, bensì contesto la pretesa innocuità della pratica delle “vaccinazioni di massa”. Con questo termine si indica la somministrazione di 25 -26 vaccinazioni anti-infettive a tutti i nuovi nati nel primo anno di vita, in un lasso di tempo di 10-11 mesi, vaccini rivolti anche verso malattie poco o nulla rappresentate nella fascia di età pediatrica. Nonostante il D.M. 7 aprile 1999 che individua in quattro i vaccini obbligatori, di fatto i nuovi nati ne ricevono SEI perché da anni il Sistema Sanitario Nazionale fornisce solo una formulazione composta contenente sei vaccini, i quattro obbligatori oltre al vaccino anti-Haemophilus B e il vaccino anti-pertosse. Alla inoculazione del vaccino esavalente viene associata la iniezione di vaccino 13-valente anti-pneumococcico, per tre sedute. Oltre a queste, altre vaccinazioni vengono promosse e fornite dal SSN: la vaccinazione anti-morbillo, anti-parotite e anti-rosolia, vaccinazione anti-meningococcica, anti-varicella, anti-epatite A. Secondo le specifiche linee guida del Ministero della Salute, un lattante deve essere vaccinato anche se nato prematuro, di basso peso, epilettico, cerebropatico, HIV positivo, convalescente, “moderatamente” febbrile e persino se ha già avuto una reazione avversa grave ad una vaccinazione. Tale pratica ha sollevato e solleva non poche perplessità nel mondo scientifico internazionale, che ravvisa significativi segue
    • viviana vivarelli Utente certificato 7 mesi fa
      Caro signor Polito io non sono un medico ma in questi giorni sto interrogando molti medici. Le faccio rispondere da una dottoressa Preg.mo Signor Paolo Mieli, Ho letto il Suo editoriale comparso sul “Corriere” del 20 ottobre, dal titolo “Cinque stelle, la malattia pericolosa dei complottisti anti-vaccini” in cui Lei attribuisce a costoro la responsabilità della ondata anti-vaccini che starebbe travolgendo l’Italia e scatenerebbe un’epidemia prossima ventura di malattie come il tetano, la poliomielite, l’epatite B, la difterite e la pertosse. Non commento le Sue opinioni politiche, ma non posso tacere sulle affermazioni che riguardano i vaccini, essendo Medico, Specialista in Pediatria e Anestesia e Rianimazione, nonché madre di un ragazzo con la vita rovinata da una reazione avversa alle vaccinazioni anti-infettive eseguite per obbligo di legge. Con tutto il rispetto, l’articolo dimostra quanto profonda sia la disinformazione. Infatti, non possono verificarsi epidemie di tetano in quanto il tetano non è malattia infettiva e, propriamente, nemmeno epidemie di epatite B, che si trasmette per via parenterale e venerea. Circa la utilità delle vaccinazioni ricordo solo, per brevità, che la malattia invasiva da Haemophilus B, di per sé rara negli Stati Uniti con 1,73 casi ogni 100.000 bambini di età inferiore ai 5 anni, lo è ancor più nel nostro paese. Inoltre essa è più rappresentata negli over 65 che in età pediatrica. Da ultimo, il vaccino anti-Haemophilus B non protegge dalle infezioni invasive di ceppi non tipizzabili, che risultano essere più frequenti. Il vaccino anti-pneumococcico contiene solo alcuni sierotipi di pneumococchi e risulta scarsamente immunogeno, specie nel bambino piccolo. Per ciò che riguarda l’efficacia della pratica vaccinale, non è possibile comprovare l’avvenuta immunizzazione dei vaccinati, sia per inesistenza di parametri specifici, sia perché, quando dosabili gli anticorpi specifici, segue
    • viviana vivarelli Utente certificato 7 mesi fa
      Prima di tutto qui ci sono miliardi in ballo e non bruscolini in secondo luogo non esiste Paese al mondo che abbia 12 vaccini obbligati e il fato che l'Italia lo abbia imposto ubbidendo agli interessi delle multinazionali del farmaco è è gravissimo e fa pensare a cospicue tangenti in terzo luogo abbiamo già 1343 casi di danni gravi a bambini vaccinati riconosciuti dallo stato che ha pagato i relativi danni e abbiamo già 41 bambini 'morti', che lei lo riconosca o no in quarto luogo stanno già partendo denunce da parte di varie associazioni del Paese, prima fra tutti la Condacons, come da associazioni di medici Il decreto sui vaccini approvato oggi dal Consiglio dei Ministri è per il Codacons palesemente incostituzionale e, pertanto, verrà impugnato dall’associazione al fine di ottenerne l’annullamento presso la Consulta. “La decisione del Governo, oltre a rappresentare un regalo alla lobby dei farmaci grazie all’estensione dei vaccini obbligatori, presenta diversi profili problematici – spiega il presidente Carlo Rienzi – La trasformazione delle vaccinazioni facoltative in obbligatorie costringerà a sottoporre i bambini ad una dose massiccia di vaccini, senza alcuna possibilità di una diagnostica prevaccinale, con conseguente incremento delle reazioni avverse che secondo l’Aifa solo nel 2013, per l’esavalente, sono state ben 1.343, di cui 141 gravi”.
    • N. Polito 7 mesi fa
      Chi scrive questo commento è di un'ignoranza disarmante! Semina zizzania e inculca il seme del dubbio nelle menti deboli e disinformate. Innanzitutto dire che le vaccinazioni portano guadagno alle case farmaceutiche è una stronzata spaventosa, perchè le case farmaceutiche ci guadagnano molto ma molto di più dalla vendita dei farmaci per curare (eventualmente) tali malattie. In secondo luogo affermare che i vaccini portano alla morte è una stronzata ancora più grossa. A portare (eventualmente) alla morte sono le malattie. Quei rarissimi casi di intolleranza al vaccino che sono normalissimi e calcolati, esattamente come sono calcolati i rischi portati da una banale aspirina: ebbene sì anche essa può portare alla morte se il soggetto ne è allergico. Si informi. Per concludere, chi scrive il commento sopra evidentemente dimentica di essere stato vaccinato a sua volta in tempi di scuola e di essere ancora vivo e vegeto, protetto da poliomelite, tetano, difterite, rosolia e vaiolo (ora non più necessario perchè debellato). Quindi altrettanto evidentemente se ne frega di chi non riceverebbe le stesse protezioni, tanto lei ce le ha, tanto i figli non sono suoi e chissene frega! Complimenti! Complimenti alla cultura e allo spirito di comunità. PS: oggi i vaccini sono 12 e non più 5 o 6 come ai suoi tempi, perchè grazie al cielo la scienza va avanti, anche se deve continuare a sbattere contro l'impenetrabilità di certi "crani" che sarebbero meglio ambientati nel Medioevo, piuttosto che nei tempi moderni. PS2: affermare di essere a favore dei vaccini ma contrari all'obbligatorietà, significa non aver compreso il problema. L'obbligatorietà si è resa necessaria proprio perchè zucche vuote come la sua pensano di poter fare a meno delle vaccinazioni. E' proprio grazie a gente come voi se le malattie tornano a dilagare. Ed è proprio voi che dobbiamo tutti ringraziare per questo bel regalo dell'obbligatorietà. Auguri a lei signora
  • Paolo Rocca 7 mesi fa
    Bene la centralità della scuola statale, bene la diminuzione degli alunni per classe, bene la cancellazione della riforma Gelmini e della buona scuola renziana. Bisogna ridurre drasticamente l' eccesso di sperimentazione che è stata una delle maggiori cause della decadenza della scuola italiana negli ultimo decenni; bene l' uso dei sistemi informatici: è utile, ma non deve diventare l' elemento preponderante nell' insegnamento; importante riportare al centro del sistema educativo la cultura; essenziale cancellare l' aggiornamento obbligatorio, inutile spreco di fondi ed i test INVALSI.
  • Clesippo Geganio Utente certificato 7 mesi fa
    domanda, (non è uno scioglilingua): chi insegna agli insegnanti a saper insegnare? Forse questo è il 1° problema della scuola italiana!
    • viviana vivarelli Utente certificato 7 mesi fa
      Io ho insegnato psicologia e pedagogia alle allieve che studiavano per diventare maestre elementari. Ma nessuno insegna psicologia o pedagogia per le classi superiori.
    • Psichiatria. 1 7 mesi fa
      nessuno, è l'insegnate che deve studiare e imparare a fare l'insegnante,(prendendo spunto da altri insegnanti, facendo pratica..) come su tutto più o meno.
    • Max Stirner Utente certificato 7 mesi fa
      domanda, (non è uno scioglilingua): chi insegna agli insegnanti a saper insegnare? Forse questo è il 1° problema della scuola italiana! Chi insegna a chi insegna agli insegnanti agli insegnanti a sapar insegnare? Forse questo è il 2° problema della scuola italiana. Chi insegna a chi insegna a chi insegna agli insegnanti a saper insegnare? Forse questo è il 3° problema della scuola italiana. Non è una parodia di quello che hai scritto, ma se ad ogni problema il problema diventa sempre un altro, nessuno può farci nulla. Ciao
  • Rosa 7 mesi fa
    Avete trattato molti punti individuando tanti malfunzionamenti che potrebbero essere risolti con le vostre proposte. Io però non sono d'accordo sull'uso del libro elettronico. Secondo me non può assolutamente funzionare. Per la consultazione del libro elettronico è necessario l'uso di un pc o un altro strumento che permetta di poter visionare l'oggetto virtuale: non tutti lo posseggono. La lettura non è così agevole come quella di una pagina cartacea. Il pc, collegato alla rete, può essere conduttore di onde ecc. non molto favorevoli alla salute. Per ultimo, la consultazione potrebbe comportare di dover riscrivere, prendere molti appunti, quindi non credo sia una buona soluzione.
  • Emilio C. Utente certificato 7 mesi fa
    La buona scuola di Matteo PACCIANI e' una OTTIMA scuola per gli asini della Maremma toscana che praticano incesti con altri asini ed asine compagni di merende.
  • Psichiatria. 1 7 mesi fa
    12 vaccini per frequentare una scuola ora, se mi venisse detto che per visitare un qualsiasi paese da turista dovessi sottopormi a un protocollo vaccinale simile, insomma, ci penserei, forse cambio la mia meta oppure consapevolmente mi sottopongo al protocollo sapendo che vado a visitare un paese ad altissimo rischio e mi prendo la responsabilità in sostanza frequentare una squola in italia è un'azione ad altissimo rischio non solo mentale ma anche fisico dare una pulitina ogni tanto? aqua saponata? si prendono più malattie negli ospedali che nel terzo mondo...
    • Gian Paolo ♞ 7 mesi fa
      Questi fetenti al governo hanno scoperto che possono fare proprio di tutto al popolo bue, e si divertono. Tolgono ai poveri per dare ai ricchi, e tutti zitti. Mettono tasse su tasse, e tutti in fila a pagare muti. Fanno le leggi contro chi si difende in casa propria anziché contro i delinquenti, e tutti pecoroni. Impongono 12 vaccini manco ci fosse un'epidemia di peste bubbonica, e tutti a subìre... Vedrai quello che ci faranno ancora.
  • viviana vivarelli Utente certificato 7 mesi fa
    ATTENZIONE!! SONO STATE LE MULTINAZIONALI A ORDINARE I 12 VACCINI AL GOVERNO ITALIANO “L’Italia guiderà nei prossimi cinque anni le strategie e le campagne vaccinali nel mondo. È quanto deciso al Global health security agenda (Ghsa) che si è svolto il 19 maggio scorso alla Casa Bianca. Il nostro Paese, rappresentato dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin, accompagnata dal Presidente dell’Agenzia italiana del Farmaco (Aifa) prof. Sergio Pecorelli, ha ricevuto l’incarico dal Summit di 40 Paesi cui è intervenuto anche l’ex presidente USA Barack Obama” . L’Italia, mediante una decisione presa a Washington e non certo dal nostro Stato sovrano, è stata eletta capofila e apripista della nuova strategia mondiale di vaccinazione coatta (Global health security agenda). Il capitale è controllo capillare totalizzante della vita. Occorre concentrare l’attenzione anche su quegli “interessi materiali” che la retorica egemonica sempre omette di rendere visibili. E questi interessi materiali rispondono anzitutto al nome di profitto privato, talvolta ottenuto sulla carne viva dei cittadini sempre più ridotti al rango di sudditi passivi nel nuovo medioevo capitalistico.
  • Meata Elisabetta Utente certificato 7 mesi fa
    Assistenza di prestito Siete bloccati in banca , compilare i debiti, e altri problemi della famiglia, vi preghiamo di contattarci per un prestito di 500 a 25.000 € con 2% di interesse senza protocollo sull e-mail: giuseppina.eleonora01@gmail.com, Grazie per il contatto.
  • Giovanni. Russo Utente certificato 7 mesi fa
    Gentiloni: contvo tevvovismo sevve una visposta cuvtuvave...... evevo!!
  • Psichiatria. 1 7 mesi fa
    togliendomi la patria potestà il governo si fa carico di pagare gli alimenti a mio figlio oppure no?
  • Gian Paolo ♞ 7 mesi fa
    Una famigliola di libici scappa da Gheddafi il Cattivone e viene accolta a braccia aperte a Manchester. Chissà, magari erano scappati in quanto amanti della libertà... Fatto sta che passano 20 anni in Gran Bretagna, si integrano, i bimbi vanno a scuola, usufruiscono dello ius soli e diventano inglesi di pura razza nordica... Si vaccinano da perfetti integrati, forse si ubriacano, si drogano e mangiano da McDonald, come i bravi cittadini occidentali, che fanno la raccolta differenziata e sfilano nudi sculettando ai gay pride... Poi, Gheddafi il Cattivone finisce sotto le bombe democraticissime di Sarkozy e Logge Riunite, e la bella famigliola torna finalmente a casa. Che bella favola! Chissà quel babbo e quella mamma quanto dovevano essere felici, quando davano istruzioni ai figli per farsi saltare in aria a un concerto di bambini... Avranno pregato tutti insieme, tenendosi per mano, sereni come sanno esserlo solo coloro che sanno di fare la volontà di Dio... Accoglienza. Integrazione. Ius soli. Che belle parole. Commuovono.
    • Giovanni. Russo Utente certificato 7 mesi fa
      Se io italiano nasco in mongolia non pretendo di essere cittadino mongolo a meno che non ne sposi e adotti la sua rispettabilissima millenaria cultura. Invece i sinistri sinistrati dalla storia, nonche compagnucci della domenica, sono diventati noiosi come dei dischi rotti a furia di ripetere pappagallescamente sempre la solita solfa di fascisti e fascismo, affibiando tale epiteto a destra e manca, a persone che semplicemente esprimono un parere dettato dal buonsenso e non in linea con il mainsteam dominante
  • Aureliano . Utente certificato 7 mesi fa
    E' facile dare la parola agli insegnanti, soprattutto se precari. I primi punti:va be sono anche accettabili, ma vi parla un insegnante in pensione da poco, la scuola deve tornare alle origini, se vogliamo aiutare gli studenti a saper scegliere la loro posizione nella società. D'accordo sul numero degli studenti per classe, d'accordo sul creare nuove figure di supporto all'insegnante; ma non sulla didattica che deve ritornare ad essere di supporto a quello che le famiglie non danno ai propri ragazzi, o per mancanza di soldi o di esperienza, o perché non hanno tempo di seguirli. Pertanto, vi prego, non vi fate influenzare da demagoghi improvvisati!!!!!!!
  • sandro bunkel Utente certificato 7 mesi fa
    non vorrei essere annoverato tra trolls e quantaltro.. (avete perso il mio voto e fiducia dopo la vostra posizione sul tema vaccini)
    • ***** Stefano Pedrollo Utente certificato 7 mesi fa
      Fermo restando che la tua opinione è legittima e puoi decidere chi votare in piena autonomia,non puoi aspettarti che un movimento o partito politico ti dia ragione su qualsiasi punto. devi combattere per le tue ragioni ma non puoi aspettarti che la si pensi come te al 100%. tra l'altro su temi così spinosi. ciao
  • aldo m. Utente certificato 7 mesi fa
    PER ISCRIVERMI A SCUOLA DOVRO' FARE 12 VACCINAZIONI ?
  • Aldo Masotti Utente certificato 7 mesi fa
    La difficolta' dell'argomento e' suggerita dal basso numero di votanti rispetto ad altri argomenti. Chi ha prodotto le domande e chi ha votato sembrano appartenere al mondo della scuola. Come chiedere all'oste se il vino e' buono . Poiche' siamo molti dovrebbe essere data anche la percentuale dei votanti su coloro che sono certificati in quanto votare in 2 su 30.000 significa che le domande erano fuori bersaglio. Come nel caso in esame. Vi sono molti mopdi di distorgere la democrazia, questo e' uno di quelli .
  • vincenzodigiorgio 7 mesi fa
    Ma vogliamo fare dei post più attuali ? Siamo nella m.... totale , i nostri presidenti della repubblica son delle amebe anemiche , i terroristi ci stanno decimando , i clandestini imperversano sempre più numerosi riempiendoci di deiezioni e malattie e stuprano allegramente le nostre donne , e noi a parlare della scuola ! Ma per favore !
    • sandro bunkel Utente certificato 7 mesi fa
      parlate di farvi vaccinare anche per le emorroidi!? caro di maio sul tema vaccini hai perso secondo il mio umile e modesto voto!
    • Mirko V. Utente certificato 7 mesi fa
      vero parliamo della g.n.o.c.c.a.ma che ce frega della squola vero? poi a scrivere ...o andato... e il tevere si trova a torino! e non era un bimbo ma un ciuccio diplomato di 20 anni come ce ne sono a centinaia di migliaia in italia una cultura e un grado di istruzione serio fa una nazione seria e acculturata o no?
  • Rosa Tamiano 7 mesi fa
    Si dovrebbero modificare molte cose all'interno della scuola! MA MAI NESSUNO PENSA PERÒ AGLI STIPENDI DEGLI INSEGNANTI! negli anni 80-90 gli insegnanti guadagnava 2.milioni e 400 mila lire ... e potevano veramente essere fieri di fare gli insegnanti ... non voglio risultare venale ma come si fa a guadagnare oggi 1.200 euro e pagare l'affitto non permettersi di ammalarsi e per giunta pagare le bollette e vivere con quello che rimane... ADEGUATE ANCHE GLI STIPENDI!
  • Rosario S. Utente certificato 7 mesi fa
    Riguardo la prova Invalsi: Eliminarla sarebbe un errore molto grosso ed anche grossolano. Grazie alle prove invalsi si può avere un quandro puntuale dello stato della preparazione degli alunni. Si possono evidenziare Situazioni critiche, ma anche situazioni di eccellenza. Per esempio se per una scuola i risultati sono palesemente inferiori alla media, più o meno in tutte le materie, per 3 anni consecutivi, è un campanello d'allarme che dovrebbe far scattare provvedimenti. Non per forza punitivi. Magari si tratta di una scuola posta in un quartiere "difficile". Il problema potrebbe essere affrontato diminuendo gli alunni per classe, e prevededndo più ore a scuola magari con rientri pomeridiani, in 2 parle investendo di più. Ma investendo anche al di fuori della scuola in collaborazione con le altre istituzioni. Come disse Lord Kelvin: "non puoi migliorare ciò che non puoi misurare" quindi se non "misuri" la preparazione degli studenti come puoi migliorarla? Capisco che il concetto di misura applicato all'essere umano a molti possa sembrare inconcepibile ma vi invito a riflettere su questo: Nessuno è in grado di misurare una persona o plasmarla totalmente. La scuola può provare a dare un istruzione. Cosa sarà quella persona in futuro è comunque un mistero. La sua formazione sarà influenzata da molteplici fattori: la famiglia, la televisione, ciò che legge anche su internet, dalle sue esperienze di vita e tanto altro. Se la scuola si limitsse a dare un istruzione, una buona istruzione e si concentrasse su quello, responsabilizzando quindi anche i genitori sul loro ruolo, se ne guadagnerebbe tanto. Misurare l'istruzione di una persona, limitatamente ai programmi scolastici, non è poi così inconcepibile. Ovvio che la scuola non deve limitarsi alla preparazione degli alunni al superamento delle prove invalsi. Ma eleimiarle del tutto è un erorre. Sono uno strumento che può essere motlo utile, bisogna utilizzarlo nel miglior modo possibile.
    • Rosario S. Utente certificato 7 mesi fa
      Scusa, forse il senso di quello che volevo dire non era chiaro. Qhuondo ho parlato di rientri pomeridiani intendevo come una possibile soluzione, ma solo a titolo di esempio magari poco azzeccato, per scuole site in quartieri difficili dove star fuori da scuola potrebbe significare frequentare bande criminali. Ribadenmdo che era solo un esempio, magari sbagliato, non è che a scuola devi per forza star sui libri. Con il termine "rientri pomeridiani" si doveva intendere qualunque tipo di attività sotto la supervisione degli insegnanti.
    • Zampano . Utente certificato 7 mesi fa
      Più ore a scuola? scherzi? ma lo sai che in molte parti del mondo gli studenti hanno il sabato libero, mentre da noi è un giorno come tutti gli altri e si studia? Per caso vogliamo regalare ai bambini lo stress dei nipponici, il ''karoshi'', così ci restano secchi? Stiamo parlando di bambini, ricordiamocelo, non di automi e inoltre c'e' uno sbilanciamento tra il lavoro mentale, sempre più impegnativo, e lo sviluppo fisico quasi inesistente, se non fosse per qualche ora di educazione fisica alla settimana...
  • Marco F. Utente certificato 7 mesi fa
    ot ri-vaccini oggi a Bari: Un centinaio di persone con figli al seguito ha manifestato a Bari fuori dal consiglio regionale della Puglia contro la discussione della recente legge fascista sui vaccini. L'assemblea regionale ha sospeso la discussione. Il silenzio qui continua. Di Battista Di Maio Taverna vi siete nascosti all'italiana?
    • sandro bunkel Utente certificato 7 mesi fa
      non vorrei essere annoverato tra trolls e quantaltro.. (avete perso il mio voto e fiducia dopo la vostra posizione sul tema vaccini)
    • sandro bunkel Utente certificato 7 mesi fa
      perche di maio cosa ha detto per opporsi?
    • Zampano . Utente certificato 7 mesi fa
      ...la legge fascista sui vaccini? Sei al corrente che il fascismo non esiste più da settant'anni e che al governo ci sono quelli che hanno sempre rappresentato la sinistra italiana, ieri PCI oggi PD?
    • oreste ★★★★★ °.° Utente certificato 7 mesi fa
      Tiè...vattelo a leggere e non rompere: http://www.beppegrillo.it/2017/05/il_m5s_e_a_favo.html
  • Gilles 7 mesi fa
    Sarebbe utile distribuire nelle scuole(o quantomeno appenderne un paio all'ingresso di ogni istituto scolastico) dei volantini stampati dai vari meetup locali con questo articolo... Che ne pensate? Il 95% degli insegnanti, sono certo che neanche sa che è stato discusso e votato un programma scuola così stimolante qui sul blog.. Aspetto un vostro parere...
  • vincenzodigiorgio 7 mesi fa
    Le zucchine non sono più quelle di una volta ! Non hanno più quel sapore e profumo di venti-trenta anni fa . Sarà l'inquinamento o che sono d'importazione ma sembrano diverse , meno turgide e luminose e poi non sanno di niente . Le puoi cucinare come ti pare ma non ce niente da fare , quasi non ti sembra che stai mangiando una zucchina ! Suggerirei un bel post sull'argomento e una interrogazione parlamentare .
    • Lorella L. 7 mesi fa
      :DD
    • oreste ★★★★★ °.° Utente certificato 7 mesi fa
      hai provati i cetrioli....quelli sono anni che li...mangiamo!
  • massimo m. Utente certificato 7 mesi fa
    Ottimo. Sembra un sogno. Forza Movimento!!
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus