Il ciclone CETA spazzerà l'agricoltura italiana

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Tiziana Beghin, Efdd - MoVimento 5 Stelle Europa

Il Ceta entrerà provvisoriamente in vigore il 21 settembre senza aspettare il sì definitivo dei Parlamenti nazionali dei 28 Stati membri. E questo dice già tutto di quanto democratico sia questo Trattato commerciale firmato da Europa e Canada. Il Ceta è un pericolo soprattutto per la nostra agricoltura, nonostante la disinformazione di alcune associazioni di categoria che lo difendono. Questa è la verità sul Ceta. Ci dispiace che la Confederazione italiana agricoltori (Cia) nasconda la testa sotto la sabbia. Anche Coldiretti ha definito l'accordo con il Canada "un regalo alle lobby industriali". Ecco punto per punto un po' di chiarezza sulle conseguenze del Ceta:

PRINCIPIO DI PRECAUZIONE
Il principio di precauzione stabilisce che qualora vi sia un ragionevole dubbio sulla pericolosità di un prodotto, le autorità possono comunque limitarne la circolazione o richiedere modifiche nella sua produzione anche in assenza di una inconfutabile prova scientifica.

L'idea di base è che la scienza non debba essere il solo ed unico fattore da considerare quando si valuta la pericolosità potenziale di un bene. In Canada, invece, solo un rischio scientificamente dimostrabile comporta la messa al bando di un prodotto. La CIA afferma, erroneamente che il principio di precauzione non sarà intaccato dal CETA. Questa affermazione, tuttavia, è falsa per i seguenti motivi:

1) Il campo di applicazione del CETA si estende ad ambiti in cui l'UE applica normalmente il principio di precauzione.

2) Il CETA, ad esempio, incorpora le norme sanitarie e fitosanitarie (SPS) dell'organizzazione mondiale del commercio (OMC), che pur prevedendo alcune flessibilità non hanno impedito all'Europa di perdere le dispute relative agli OGM e all'importazione di carne trattata con ormoni.

3) Lo stesso vale per il capitolo relativo alle barriere tecniche al commercio (TBT). Anche qui sono state incorporate le norme dell'OMC, senza però risolvere l'ambiguità che sta alla base di queste disposizioni riguardo il principio di precauzione.

Il principio di precauzione si è già mostrato inservibile in dispute avvenute secondo gli stessi principi giuridici su cui è stato basato il CETA. E' ragionevole pensare che la medesima situazione possa riprodursi.

MISURE SANITARIE E FITOSANITARIE
La CIA afferma che, poiché il principio di precauzione è contenuto nei trattati costituitivi dell'UE e difeso nelle dichiarazioni di accompagnamento al CETA, esso non può essere disatteso. Purtroppo anche questa affermazione può essere facilmente confutata dal momento che tramite le procedure di reciproco riconoscimento (per quanto riguarda il capitolo TBT) e equivalenza degli standard (per il capitolo SPS) un prodotto commercializzabile in Canada ed approvato secondo regolamentazioni canadesi sarà vendibile anche sul mercato europeo senza essere prima stato sottoposto a un processo di approvazione basato sul principio di precauzione.

Ovviamente, questo non significa che le norme europee che vietano un prodotto diventino automaticamente inutili e come afferma correttamente la CIA, "prodotti trattati con additivi attualmente vietati nell'UE non potranno essere importati". Tuttavia le norme europee che limitano questi prodotti potranno essere più facilmente indebolite, anche grazie alle procedure di cooperazione regolamentare incluse nel trattato.

Un possibile spunto per capire come il CETA possa indebolire nella pratica il principio di precauzione può essere individuato nel caso del regolamento sugli interferenti endocrini. Per facilitare l'entrata in vigore di CETA e (possibilmente) TTIP la Commissione Europea nel 2015 ha posposto l'entrata in vigore di criteri basati sul principio di precauzione per rendere operativa la legislazione europea in materia di interferenti endocrini.

UTILIZZO DEGLI ORMONI
Il CETA non comporta automaticamente l'entrata in commercio di carne trattata con ormoni, ma potrebbe renderla più facile. Esso non rinforza la posizione europea di blocco alla carne trattata con ormoni, ma anzi assume come riferimento il quadro normativo secondo cui la posizione europea è stata ritenuta non conforme alle regole dell'Organizzazione Mondiale del Commercio e per cui l'UE ha dovuto compensare Stati Uniti e Canada importando quote senza dazi di carne americana e canadese.

INDICAZIONI GEOGRAFICHE
La CIA insiste sulla precedente assenza di tutela per le IG in Canada per difendere il magro risultato del trattato in termini di tutela dei nostri prodotti tipici sul mercato canadese, che non riguarda tanto la quantità delle IG protette, quanto la qualità della protezione offerta.

Se è vero che 41 IG italiane hanno ottenuto protezione, i principali prodotti canadesi che imitano formaggi italiani (Parmesan, Asiago, Fontina, Gorgonzola...) o salumi (prosciutto di Parma) potranno continuare ad essere presenti sul mercato canadesi accanto al prodotto originale italiano. E' facile immaginare che il consumatore canadese opterà per le marche che conosce da tempo, che risulteranno anche meno care. La denominazione (-simil, -stile, -tipo) sarà obbligatoria solo per i produttori entrati nel mercato di un determinato prodotto dopo il 2013.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Eposmail. ,, Utente certificato 4 mesi fa
    viviana vivarelli, : SOLO TU SEI INTELLIGENTE. e tanti altri ? NIENTE. ma guarda un pò te,.. il destino che ruolo opposti ...ci ha riservati.
    • Zampano . Utente certificato 4 mesi fa
      Cara Viviana Vivarelli, se c'e' una persona lontana dai valori del movimento quella sei tu. Persino Di Battista ha detto più volte, con riferimento ai migranti, aiutiamoli a casa loro. E' pure lui fascista razzista leghista? A me non pare. Lui è consapevole che l'Italia non ha i soldi per dare il welfare a questa gente. L'Italia è in bolletta, cara Viviana. E tu ne sei consapevole? O hai tu la possibilità di mantenere tutti i migranti del mondo a casa tua e a spese tue? Se la risposta è si, basta contattare il prefetto della tua città e di migranti te ne manda a vagonate. Io non mi oppongo di certo, se paghi con i tuoi soldi. Per quanto riguarda la "religione" islamica, ti informo che è anche legge, il che significa che non rispettarla è violare la parola di Allah, con conseguenze gravi per i miscredenti (la sharia non è stata mica inventata per gioco). Ora, se tu non rispetti la religione cattolica nessuno ti dice nulla, ma prova a violare le regole dei musulmani in quei paesi dove l'Islam è di casa e loro sono la maggioranza, e vedrai quello che ti succede.
    • FABIO B. Utente certificato 4 mesi fa
      eh dov'e' ?
    • harry haller Utente certificato 4 mesi fa
      ..nun l'ho detto io....
    • Maria Pia Caporuscio Utente certificato 4 mesi fa
      Harry perché dici "il povero Fruttarolo..." sai qualcosa di lui? Sta male? Npn vedo i suoi commenti da qualche tempo e mi preoccupa un po' visto che non mancavano mai.
    • viviana vivarelli Utente certificato 4 mesi fa
      Circa i 'trattati',ognuno scrive quello che sa e partecipa come può chi più,chi meno non c'è una regola per cui devi scrivere poco perché c'è chi odia leggere Se leggere non ti piace,puoi andare al bar,in palestra o fare altro,mica te l'ha ordinato il dottore di leggere per cui se riesci a sopportare solo post brevi, leggi quelli e salta i post lunghi Io non vengo a puntarti una pistola alla tempia Per me mi puoi anche saltare di netto,anzi preferisco in quanto all'essere fascista,non è che uno diventa fascista perché ha idee diverse,è che manifestare un odio ossessivo contro gli islamici o in genere contro gli stranieri è proprio la caratteristica che ha sempre connotato i fascisti, non l'ho inventata io Mi dispiace per la Fallaci che è stata una grandisima scrittrice e pure di sx tutta la vita Negli ultimi anni è diventata peggio dei fascisti E' chiaro a tutti Se poi passiamo a certi attacchi, sono alquanto ridicoli per es. è ridicolo cercare di fare odiare gli islamici per i sacrifici rituali di animali,ne hanno fatti tutti i popoli e se senti un vegano spiegare come vengono allevati i nostri polli o maiali, o uccisi da noi agnelli e mucche,provo lo stesso orrore che secondo alcuni dovremmo provare a leggere le descrizioni sulle uccisioni rituali islamiche, solo che le nostre non sono nemmeno rituali insomma siamo nel ridicolo assoluto Un ridicolo che nasce da due cose: 1°:una profonda ignoranza non solo sulle cose islamiche ma anche sulle nostre 2°:un odio ossessivo che ormai sfocia nella paranoia e che rende aberranti tanti attacchi generalizzati che non so che cosa vogliano produrre: aumentare l'odio fra i popoli? Spargere un nuovo nazismo? Farci diventare tutti paranoici? Farci scannare tra noi? Sono allibita Questo lo dico a Patty,Toto,Esposmail,Antonnio, Zampano e altri che sono talmente lontani dai valori e gli scopi del Movimento che non si capisce proprio perché stiano qui Vogliono che il M5S sia la fotocopia della Lega? Mi dispiace, si sono sbagliati
    • Toto A. Utente certificato 4 mesi fa
      Cotanta intellighenzia !!!!
    • viviana vivarelli Utente certificato 4 mesi fa
      ???? ci sono post che non riesco nemmeno a capirli ma chi te tocca? ma che te rubo? ma che te cerchi? ma che te sei alzato male? ognuno ha la sua opinione e la difende come può
    • Patty Ghera Utente certificato 4 mesi fa
      :)
    • Toto A. Utente certificato 4 mesi fa
      Ciao Patty, mi ero permesso di farlo perchè ritenevo e ritengo che questo deve rimanere un Blog di condivisione e di approfondimento, anche non politico, se ho voglia di leggermi qualche trattato mi rivolgo altrove, qui semmai lo discuto "in breve". Cordialità
    • Patty Ghera Utente certificato 4 mesi fa
      Sera Toto, ricordi quando mi facesti notare, tempo addietro, giustamente, che scrivevo troppi post? Cordialità:)
    • Toto A. Utente certificato 4 mesi fa
      Epo, se continui di questo passo, la Viviana ti toccherà "mandarla a quel paese", con lei vai d'accordo fino a quando non la contraddici, dopo, sarai sempre "un'insopportabile fascista". Cordialità
    • tullio s. Utente certificato 4 mesi fa mostra
      Sbagloiato, Mortiana Mortarelli. Tanti altri, sì. Tu, sicuramente NO.
    • Covelli de 'a curva sudde Utente certificato 4 mesi fa
      @ harry haller er poro fruttarolo diceva sempre: "ammazza, ammazza..... è tutta 'na razza" nun ho mai capito quello che volesse da di'....
    • harry haller Utente certificato 4 mesi fa
      ...'mmazza, come stamo messi...
    • Eposmail. ,, Utente certificato 4 mesi fa
      ..chissà potrei tentare con un paio di note col mandolino...può darsi che mi possano garantire...una scodella di farina.
    • Eposmail. ,, Utente certificato 4 mesi fa
      https://www.youtube.com/watch?v=6tlSx0jkuLM&list=RDBZ7CZ7nLWZ4&index=3
    • harry haller Utente certificato 4 mesi fa
      ...Epos, quello che pija 'e "pizze"....
    • harry haller Utente certificato 4 mesi fa
      (io, so' quello che canta, eh....)
    • harry haller Utente certificato 4 mesi fa
      ...vabbè,pazzienza: 'a natura co' noi, nun è stata ggenerosa... https://www.youtube.com/watch?v=6IJ4wjyIfu4
  • Carlo Danella 4 mesi fa mostra
    Benito Mussolini disse:"Chi non difende la propria terra è perduto"!!!!!! I vermi,gli ipocriti ed i venduti della SETTA del PD ci hanno regalato questa critica situazione. Distruggete il PD ed i Sindacvati come disse il grande Beppe Grillo
  • Margherita Di Campo 4 mesi fa mostra
    “E questo dice già tutto di quanto democratico...” per una Vera Democrazia, una Vera Sovranità Popolare, Orizzontale e Trasparente ... ... se mai “ un programma deciso dagli iscritti ” significherà un sito web trasparente, garantito da un soggetto terzo, dove i punti programmatici vengono proposti e elaborati Direttamente dalla Rete degli iscitti. Se mai significherà un processo decisionale partecipato dall’inizio alla fine, allora, contando uno fra gli uni, posterò su quel sito web i seguenti 2 punti programmatici a favore di un potere esercitato dal basso che consenta una effettiva sovranità popolare. 1° Punto Premesso che il popolo sovrano non è obbligato a prendere in prestito euro dalla BCE ma può utilizzare una propria moneta, sia all’interno della Repubblica italiana sia per commerciare con Paesi esterni alla UE Propongo che la riserva aurea ( circa 100 miliardi) - appartenente al popolo sovrano - venga custodita in una Banca - appartenente al popolo -, ovvero a circa 60 milioni di italiani, a ciascuno dei quali viene attribuita una azione nominale di 1.250 euro, non cedibile. Il Dirigente della Banca, eletto in concomitanza con i Portavoce, avrà il compito di stampare moneta - appartenente al popolo sovrano - e di gestirla in base al programma economico finanziario deciso Direttamente dal popolo azionista. Il Dirigente opererà inoltre per un pareggio di bilancio fra debiti e crediti esteri pregressi. Tenendo conto che la Germania ci è debitrice per 82,7 miliardi di euro, https://scenarieconomici.it/che-deve-a-chi-i-debiti-esteri-incrociati-dei-principali-paesi/ in base agli euro disponibili in Banca, proporrà a Francia e Spagna un concordato in euro. A Giappone, USA e UK, creditori extra UE, proporrà invece un concordato in base alla quantità di moneta italiana che il popolo azionista intende offrire. 2° Punto ... (segue sotto)
    • Margherita Di Campo 4 mesi fa mostra
      2° Punto - Italia Federazione di Regioni - Europa Confederazione di Stati - Propongo che i cittadini di ciascuna Regione decidano direttamente sul gettito fiscale regionale e su come reperire e investite tali risorse, sia per gli interventi locali, sia per quelli extra locali che li coinvolgono. Per il coordinamento degli interventi extra locali ognuna delle 20 Regioni elegge da 2 a 5 Portavoce regionali (in proporzione ai suoi abitanti ) per un totale di 80. Ciascuno candidato si presenta alle elezioni nella propria Regione, affiancato da un Collaboratore Ufficiale di sua fiducia. Gli 80 Portavoce eleggono poi in Parlamento - i 60 incaricati del lavoro Legislativo sugli interventi extra locali indicati dalle Regioni - e i 20 che svolgeranno il conseguente lavoro Esecutivo. In caso di interventi sovra nazionali la cui discussione e votazione in sede Confederale sia richiesta dalla maggioranza dei Portavoce - verranno designati in Parlamento 73 fra i Collaboratori Ufficiali i quali, ognuno sotto la responsabilità diretta del Portavoce di riferimento, affronteranno il caso nel Parlamento Europeo (di cui sarà finanziata dagli italiani una sola sede). Se la maggioranza dei cittadini di una Regione si dichiara poi insoddisfatta di un proprio Portavoce, può esercitare il recall e sostituirlo con il primo nella lista degli esclusi.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus