I voltagabbana del Parlamento: 388 cambi di partito dal 2013 a oggi

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Luigi Di Maio

In Italia, oltre ai furbetti del cartellino, abbiamo i voltagabbana del Parlamento. Dal 2013 ad oggi, ci sono stati 388 cambi di partito!
Alcuni parlamentari hanno cambiato partito anche 6 volte negli ultimi 4 anni.

Pensate che la terza forza politica del Senato e della Camera è il gruppo misto.
Alla Camera siamo partiti all'inizio della legislatura con meno di 10 gruppi ed oggi siamo ad oltre 18, la maggior parte di questi, non era neanche sulla scheda elettorale nel 2013.
Un vero mercato.

Per il MoVimento 5 Stelle, se uno vuole andare in un partito diverso da quello votato dai suoi elettori, si dimette e lascia il posto a un altro, come accade ad esempio in Portogallo. Ma anche per consuetudine nella civilissima Gran Bretagna.
In Italia, invece, se ne fregano: una volta che sono in Parlamento gli elettori non contano più, quello che conta è la poltrona, il megastipendio e il desiderio di potere. Molti governi si sono tenuti in piedi e hanno fatto approvare le peggiori porcate, proprio grazie ai voltagabbana.

Da Monti a Letta, da Renzi fino a Gentiloni, le leggi più vergognose della storia della repubblica si sono votate grazie ai traditori del mandato elettorale.
Il MoVimento 5 Stelle per evitare tutto questo vuole che si rispetti il voto dei cittadini. Noi abbiamo applicato su di noi una regola chiara, senza aspettare un obbligo di legge: chi non vuole più stare nel MoVimento va a casa, se non lo fa tradisce gli elettori e causa un danno che deve essere risarcito. È semplice.

Chiamatelo come volete: vincolo di mandato, serietà istituzionale, rispetto della volontà popolare. A nessuno è negato il diritto di cambiare idea, ma se lo fai torni a casa e ti fai rieleggere. Come al solito il M5s non ha aspettato una legge per cambiare il modo di fare politica. Anche i partiti facciano come noi.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • enzo bargellini Utente certificato 11 mesi fa
    Signor Poggi,nel segnalarLe che fra i due termini in Quaestio v'è solo apparente antinomia...colgo l'occasione e...,se vorrà Altrui segnalare,per indicarLe un similare commento accordatomi qValche di orfà da tale Sigg/a MARIA sull'art.dal titolo "il record di Roma e il Gossip dei giornali" pubblicato Qui 01.02."""17,saluti and cordiality dalla Rumagna.
  • fabio S. Utente certificato 11 mesi fa
    IO PROPONGO A TUTTI COLORO CHE HANNO CAMBIATO PARTITO, DI CAMBIARGLI I CONNOTATI....e io voglio essere in prima fila a farlo......cosi' a voi ve li lascio sbriciolati......
  • sergio boscariol 11 mesi fa
    nei voltagabbana sono compresi anche i nominati oppure sono un tema a parte ? se no vuol dire che il parlamento e' composto dagli amici degli amici ,
  • Giovanni N. Utente certificato 11 mesi fa
    Ma quali voltagabbana! Sono solo persone ricche di ideali! :-)
  • Gianfranco B. Utente certificato 11 mesi fa
    La nostra costituzione, del 1947, andrebbe ammodernata, (non quella porcata proposta da Fonzie) per renderla più aderente al modo attuale. L’art. 67 lascia piena libertà di scelta e di campo agli eletti. Il vincolo di mandato, potrebbe avere un senso se collegato al vincolo di programma. Mi spiego meglio. Un movimento/partito, fa eleggere i propri rappresentati sulla base di un programma. I rappresentanti hanno il vincolo di mandato nella misura in cui il partito/movimento rimanga aderente e fedele al programma. M a se questo non dovesse accadere, come è avvento nel PD, il rappresentate avrebbe o no il diritto di migrare in formazioni che lui ritiene essere più aderenti al programma originario del suo movimento/partito? Trascurando il fatto che circa 400 cambi di bandiera si 950 sono, oltre ad essere una patologia, una palese dimostrazione del bassissimo livello dei nostri rappresentanti. Il problema potrebbe essere affrontato, dopo aver cambiato la costituzione, in modo netto: a) libertà di voto e voto segreto, su tutte le materie di ordine etico, religioso o morale. b) Voto sempre palese per tutte le altre materie e nomine. c) Vincolo mandato legato al vincolo di programma ù d) Decadenza del mandato per coloro che non si riconoscono più nel programma che è stato oggetto dell’elezione e) Possibilità di passare ad altro gruppo, nell’interesse dei propri elettori, solo ed esclusivamente nei casi in cui il movimento/partito d’appartenenza, aderisca, sostenga o manifesti l’intenzione di sostenere, leggi o azioni in palese contrasto col suo programma elettorale. Questo potrebbe essere un vincolo bidirezionale molto forte. Allo stato attuale, nessun contratto potrà prevaricare l'attuale costituzione. Saluti Talelbano
  • Aldo B. 11 mesi fa
    IL VOLTAGABBANA E' QUELLO CHE HANNO FATTO I VARI MASTRANGELI, CAMPANELLA, BOCCHINO, ORELLANA: TUTTI FIGLI DI PUTTANA !! PARTORITI DAL BUCO SBAGLIATO E SCARICATI VICINO AI CASSONETTI DEI MARCIAPIEDI PIU' MARCESCENTI DI QUESTO PAESE!
  • Rino Siconolfi Utente certificato 11 mesi fa
    388 cambi di partito sono una vergogna nazionale:il peggior mercato delle vacche e cercano di osteggiare chi come il Movimento 5 Stelle si da un Codice di Comportamento
  • guido adani 11 mesi fa
    come ho già scritto, x introdurre il "vincolo di mandato" bisogna cambiare la Costituzione il che è oggi praticamente impossibile. La "revoca del mandato" da parte degli elettori potrebbe essere invece prevista anche con legge ordinaria. Forse è quella la strada da percorrere x raggiungere l'obiettivo in tempi ragionevoli. pensiamoci,
  • Rosa 11 mesi fa
    Al centro ci deve essere l'interesse del cittadino e la soluzione dei problemi della comunità, non il parlamentare di mestiere, che ha il solo obiettivo di assicurarsi i voti per essere rieletto, la volta dopo. Si devono trovare delle soluzioni valide, da applicare anche ai prossimi eletti alle politiche.
  • Enrico Fratus Utente certificato 11 mesi fa
    In Italia c'è gia stato uno che chi non la pensava come lui doveva andare a casa . peggio li purgava con olio di ricino per pulirli da idee mal sane . Hitler , Stalin e tutti i peggior dittatori della terra non spendevano neanche i soldi per l'olio una pallottola e via.....In Italia nel bene e nel male i voltagabbana ci sono sempre stati , chidete a Prodi cosa fece Mastella , che passato a FI fece cadere il governo per un voto. Nonostante tutto siamo diventati un paese dove per fortuna tutti possono dire quel che pensano senza il rischio di essere mandati ai lavori forzati . o qualche 5stelle pensa che Grilllo con Putin , da lui definito un grande statista , potrebbe scrivere e dire quello che pensa ??? Io di questo vostro modo di pensare ho molta paura perche è cosi che sono nati i peggiori totalitarismi della storia umana. tutti hanno il diritto di poter cambiare opinione. penso a temi come l'adozione , coppie di fatto , omosessualita aborto ecc. sono temi trasversali agli chieramenti politici e anche gli elettori degli stessi partiti ci sono idee a volte contrastanti. per voi chi decide BenitoGrillo?
    • Giovanni N. Utente certificato 11 mesi fa
      Ognuno ha diritto di cambiare idea, ma fuori dal parlamento! Il fatto che sia concesso di farlo in corsa la trovo una cosa assurda.Sarebbe come assistere ad una partita di calcio dove ad un certo punto uno o più giocatori decidono di schierarsi con la squadra avversaria tirando verso la propria porta!
    • Gianfranco B. Utente certificato 11 mesi fa
      Enrico carissimo, no so dove tu viva, ma forse non ti stai rendendo conto che siamo in una dittatura, di fatto, mascherata da democrazia. Oggi la dittatura reale è esercitata dal sistema banco finanziario che decide, in pratica, le sorti delle “cosiddette democrazie”. Vedi la situazione Grecia, il costante e inarrestabile peggioramento, in tutti i sensi, dell’Italia, Spagna, Francia, Portogallo. Alla Germania, prima o poi, toccherà la stessa sorte. La differenza tra le dittature, da te indicate, e la nova dittatura e che quei dittatori avevano un volto, un nome. La moderna dittatura non ha volte, non ha nome è molto è più subdola e viscida e pericolosa. La moderna dittature di lascia tutte le libertà che vuoi ed eccezione dell’autodeterminazione economica , in quanto è l’unica cosa che vuole governare: LA RICHHEZZA.. Poi ti lascia le libertà di parola, d’espressione, di religione, di morire di fame, di malattia, di perdere la tua dignità, di dormire sotto i ponti, in un auto, sotto le stelle, di morire di freddo. E tante altre libertà, a condizione che tu li ceda tutto ciò che hai, come nazione e come individuo. Vedi tu quale delle dittature è la migliore. Ciao Talelbano
    • giuseppe caporicci Utente certificato 11 mesi fa
      vedo che hai mischiato un po di roba se ti fai eleggere perche' credi in quel programma l'unica cosa che puoi fare se cambi idea e' di dimetterti e farti eleggere per le tue idee che non sono quelle per cui ti hanno votato e finitela di mischiare la il sale con lo zucchero per non dire un'altra cosa cosa c'entra quello che si vende per una poltrona pur di restare a galla quelli che hanno cambiato casacca hanno avuto tutti il loro tornaconto non per ideologia percio' esci te ne vai e torni a farti eleggere !!!!!!!!!! Solo i cretini credono che non lo facciano per il loro tornaconto dimostrami se sbaglio !!!!!
  • Loris Brina 11 mesi fa
    Sante parole.
  • Paola Scifoni 11 mesi fa
    Siete la nostra voce !
  • enzo bargellini Utente certificato 11 mesi fa
    Buongiorno a Tutti i Frequentatori di Qvesta Piazza Virtuale ed al SIGNOR DI MAIO deLLe Cui Dotazioni politiche già m'occupai. Nel Merito: ART.49:I Parlamentari DEVONO essere ELETTI per mezzo dei PARTITI. ARt.54:DISCIPLINA ed ONORE. Art.67:La NAZIONE è SEMPRE al di SOPRA dei Partiti. Saluti et Cordialità da una mattutina decisamente..poco solatia..RRomagna
    • enzo bargellini Utente certificato 11 mesi fa
      Signor Poggi,le rispondo anche in altro modo poichè la prima risposta miss'è persa. Dunque:il termine utilizzato NON mi pare offensivo essendo SIGNOR solo in apparente antinomia con "Onorevole". Quanto invece a quello da Ella utilizzato lo metterò insieme a quello usato da tale signora MARIA in Sua risposta MIA critica per Suo utilizzo improprio della parola "UNiVERSALE" da LEI postato 03.02.""17 alle ore 08:22 sull'articolo "IL RECORD DI ROMA E IL GOSSIP DEI GIORNALI" sALUTI E CORDIALITà dalla RRRRomaGGNA.
    • Alessandro Poggi 11 mesi fa
      Capra, é il Senatore Di Maio o il Cittadino Di Maio, come tu non sarai mai signore.
  • mario di genova 11 mesi fa
    cambiare idea è segno d'intelligenza in quanto cambiano tempi & persone ed occorre adeguarsi per convenienza ma se questo concetto viene portato in politica sociale è la prova che la politica è un mestiere o lavoro e non una vocazione e si tenta di far denaro in qualsiasi modo fregandosene dei problemi sociali e non rispettando il giuramento e l'impegno sociale iniziale vanno condannati pesantemente.
    • Gianfranco B. Utente certificato 11 mesi fa
      Assolutamente si, cambiare idea, opinione, se in buona fede, e sempre un segno di vivacità intellettuale. Questi cambi d’idea possono riguardare il singolo individuo ma no un eletto dai cittadini per rappresentare una certa idea, un certo programma. Se l’eletto non condivide più l’idea, il programma per il quale è stato eletto deve, per coerenza, dimettersi e basta. Ciao Talelbano
    • Michele Ricciardi 11 mesi fa
      I politici e il parlamento non sono più indispensabili. Anzi, lo vedete, fanno più male che bene. Ci stiamo scavando la fossa!... Così non ci salveremo mai! E, siccome siamo diventati gelosi assai, nessuno vuole sostenere la mia proposta "Salva mondo". E perchè nessuno, dico nessuno e ripeto nessuno, è disposto a dire queste cose... se pure condividendole?... E chi sono io, un nuovo Dio in terra!?.... IL Papa ha detto che le donne sono più coraggiose degli uomini, è vero, ma il loro coraggio lo usano male o per niente". Preferiscono dipendere da questi "uomini".... che ci stanno portando alla rovina.____ TERZA EDIZIONE IL SALVA MONDO (e i segreti mai svelati, della politica e della religione) GLI AVVENIMENTI DI TUTTI I GIORNI, DEI PARTITI E DEL PARLAMENTO, SI POSSONO EVITARE E DANNO RAGIONE SEMPRE, ALLA MIA PROPOSTA (che è quì sotto), POSSO SAPERE PERCHE' SIETE CONTRARI? E NON SIATE GELOSI, VI PREGO, SONO L'ULTIMO (COGLIONE) DELLA CLASSE, NON IL PRIMO. IL NOSTRO FUTURO E' BRUTTO ASSAI!... E SENZA SPERANZA. IL PARLAMENTO, ORA, FA PIU' MALE CHE BENE. I PARLAMENTARI NON SONO PIU' LA VOCE DEL POPOLO, MA SONO LA VOCE DEI SEGRETARI O DEI PADRONI DEI PARTITI (vedi Berlusconi e Grillo). Perchè non lo vogliamo capire!?... E, UNA DEMOCRAZIA REALE, MIGLIORE DI QUESTA, NON E' POSSIBILE... La politica senza la fiducia del popolo, è una pianta che dà frutti avvelenati... (e se andiamo noi llì, resta tutto uguale... è tutto in questo diario). Perchè non lo vogliamo capire!? Vi prego... vi supplico... in ginocchio... strisciando come un verme... Basta con la nostra gelosia! Ci sta portando alla rovina! INTANTO, DEL MIO DIARIO (IL Salvamondo, e i segreti della politica e della religione), NESSUNO NE VUOLE, O NE PUO', PARLARE... "Non ho paura della cattiveria dei malvagi, ma del silenzio degli onesti". Martin L. King. Continua sotto Non siate GELOSI Assai; e basta piangerci addosso! Come vogliono queste televisioni! Vi suppl
  • Enrico Fratus Utente certificato 11 mesi fa
    E se un parlamentare pur non cambiando casacca non è daccordo su un provvedimento e non lo vota , esempio la decisione non da tutti condivisa di passare all'Alde , che cosa gli succede???. Chi decide chi e che cosa fa parte del vincolo di mandato. penso sia poco probabile che tutte le scelte siano inserite in un programma elettorale che diventi un vincolo per chi viene eletto. chi decide la linea BenitoGrillo e Benitoleggio ????? Fra l'altro neanche parlamentari .
    • giuseppe caporicci Utente certificato 11 mesi fa
      ma non dice che puoi cambiare casacca per tornaconto personale !!!!!!!!!!!
    • Claudia Lupi 11 mesi fa
      L'Articolo 67 della Costituzione della Repubblica italiana recita: « Ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato »
  • vincenzoantonio m. Utente certificato 11 mesi fa
    Caro Di Maio e tutto il M5S, i voltagabbana sono sempre stati una spina nel fianco e al M5S sono stati due spine nei fianchi, a causa dell'articolo 67 della costituzione, questi personaggi che mirano solo alla poltrona, al vitalizio, e al lauto guadagno in facile maniera, se ne fregano dei cittadini che li hanno eletti.noi semplici cittadini non possiamo fare nulla se non dare più il voto alle seguenti elezioni, ma voi che fate parte fedelmente del M5S, a questi voltagabbana traditori, gli potete fare il culo ogni giorno dentro e fuori dalla camera del parlamento e dare nome e cognome ai cittadini ogni giorno affinchè se ne ricordino alle prossime elezioni.
  • Marcello Iaconelli Utente certificato 11 mesi fa
    Mi risulta che il fuoriuscito Giuseppe Vacciano abbia coerentemente tentato di dimettersi dal senato per ben 4 volte. Dimissioni puntualmente respinte in aula. Ne deduco che un parlamentare non può dimettersi se non per concessione da parte dei suoi colleghi deputati o senatori. Se le cose stanno in questi termini è necessario intervenire prima sui regolamenti di camera e senato.
  • giancarlo s. Utente certificato 11 mesi fa
    L'articolo 65 della Costituzione dichiara: La legge determina i casi di inelggibilità e di incompatibilità con l'ufficio di deputato o di senatore. E' sufficiente presentare una legge che preveda incompatibile il cambio di schieramento politico.
  • pasquino 11 mesi fa
    ..il M5S cancellerà anche questa porcata!
  • Pier 11 mesi fa
    Pubblicate l'elenco dei Voltagabbana e tenetelo aggiornato. Serve ai cittadini. Poi teneteci aggiornati anche sul gruppo Misto che, personalmente, non so su quali basi e norme si regga. Ogni componente parlamentare si è svincolato dal partito di provenienza ma, oltre a percepire il lauto stipendio, che fa? Se la canta e se la ride da solo oppure tutti insieme, appassionatamente, alla faccia di chi li ha fatti eleggere?
  • paolo boccali Utente certificato 11 mesi fa
    Bisognerebbe vedere quanti sono i voltagabbana, cioè gli opportunisti, nel paese. Se superiori al 50%, come io credo, diventa impossibile governare questo paese.
  • Aldo Gabanizza 11 mesi fa
    L'art. 67 andrebbe così riformulato: Ciascun membro del Parlamento rappresenta i cittadini che lo hanno eletto e,nell'esercizio delle sue funzioni, ne esprime la volontà elettoralmente manifestata. Ogni suo atto difforme é causa di incompatibilità. Su denuncia del gruppo parlamentare d'appartenenza la Camera ne prende atto e ne dichiara la decadenza
  • romaine pinna Utente certificato 11 mesi fa
    Ciao Dal prestito di due anni, il Credit Mutuel Bank sta facendo la cosa giusta nel nostro paese l'Italia. Questa banca sta facendo tutti i nostri cittadini che hanno bisogno di prestito di prestito. Così ho preso a condividere questo messaggio, questa azione da parte della banca non è riconosciuto il nostro stato. Così se avete veramente bisogno di un prestito, vi chiedo di contatto con loro su questa mail perché stanno già facendo prestiti anche ha molte persone e me. Ecco l'e-mail: creditmutuelbanquetransfertrap@gmail.com
  • Italo Pelizzola Utente certificato 11 mesi fa
    Ecco i deputati che hanno cambiato gruppo http://parlamento17.openpolis.it/i-gruppi-in-parlamento/camera ----------------- Ecco i senatori che hanno cambiato gruppo http://parlamento17.openpolis.it/i-gruppi-in-parlamento/senato
    • Paolo Z. Utente certificato 11 mesi fa
      1/3 dei senatori del M5S hanno cambiato casacca... Tanti...
  • Gianfranco 11 mesi fa
    Solo con il vincolo di mandato il Parlamento tornerà ad essere espressione della volontà dei cittadini . Ad esempio : e se in Parlamento si venisse a creare un gruppo estremista che nessuno ha votato ... ? A riveder le stelle . Gianfranco .
  • antonello c. Utente certificato 11 mesi fa
    è evidente che solo con il continuo partecipare con i territori , con i residenti , con la piattaforma nazionale può determinare il carattere e il comportamento dei portaVoce nel progetto M5s il rispetto del Programma e del mandato elettorale che parla chiaro , non siamo un partito , non abbiamo politici in carriera , tanto meno onorevoli .. I cittadini portaVoce dei cittadini nelle Istituzioni .. partecipanti , terminali della Rete a disposizione della Comunità attiva , nella quale si svolge la vita politica del nostro MoVimento 5 Stelle . Cari Saluti , Luigi Di Maio
  • Nicola T Utente certificato 11 mesi fa
    Purtroppo è un problema complesso e non vedo soluzioni semplici. A parte che la nostra Costituzione pone divieto al mandato imperativo, che trovo io molto corretto peraltro: un parlamentare italiano dovrebbe, in teoria, fare sempre gli interessi della Nazione e non solo dei propri elettori. È questo il significato della mancanza del vincolo di mandato. Inserirlo in Costituzione vorrebbe dire rinunciare al Parlamento: è sufficiente vi siano i capigruppo di ogni partito, ognuno avrebbe il "peso specifico" che le elezioni gli hanno attribuito. Non una gran cosa, a mio modo di vedere. Purtroppo la passione per lo scambismo dei nostri parlamentari dovrebbe essere frenata da un alto senso del dovere e della responsabilità, cosa particolarmente complessa come tutte le imposizioni etiche. Nella politica anglosassone vige l'istituto del "recall" una sorta di conferma o bocciatura che gli elettori possono esercitare a metà mandato, ma anche così si combinerebbe poco, a parte le complicanze pratiche per mettere assieme un sistema del genere. Io, che alle elezioni non ho votato quel partito, potrei poi esprimermi a metà mandato anche sui parlamentari che lo rappresentano? Un'idea potrebbe essere l'incandidabilità successiva, con la qualunque partito, per chi si macchia di trasformismo, ma bisognerebbe studiarla bene bene.
  • Adolfo Treggiari Utente certificato 11 mesi fa
    Purtroppo a casa non ci è' andato nessuno, sono ancora tutti lì i nostri ex portavoce alla Camera e al Senato. Anche se pagassero "la sanzione" sarebbe una magra soddisfazione. Il vincolo di mandato va messo in Costituzione, cosa non facile. Intanto nella prossima legislatura ci toccherà' di assistere a transumanze di massa verso i Verdi pascoli del potere, soprattutto se si voterà' con una legge elettorale proporzionale come il consultellum.
  • Antonio B. Utente certificato 11 mesi fa
    Pubblicate un bell'elenco di questi traditori degli elettori per condividerlo.
    • antonello c. Utente certificato 11 mesi fa
      .. così da diffondere informando il più alto numero di persone .. in modo che sentano giustamente il fiato sul collo dell'opinione pubblica , visto il loro miserabile comportamento .. è il minimo da fare nei confronti di venduti in cerca di poltrone .
    • mario 11 mesi fa
      ... e poi cosa fai? vai ad aspettarli sotto casa ?
    • antonello c. Utente certificato 11 mesi fa
      mi associo anch'io alla richiesta , ciao Antonio
  • Antonella Policastrese 11 mesi fa
    Concordo in pieno. I voltagabbana sono gli elementi più deleteri per il buon funzionamento della democrazia. Occhi aperti a chi anche il movimento si mette dentro. Il desiderio di potere è così forte in taluni soggetti sa oscurare e rendere nullo qualsiasi forma di cambiamento
  • SERGIO GIUSTI 11 mesi fa
    si possono sapere tutti i nominativi di questi individui senza dignità morale ed etica, le casacche che hanno indossato e i collegi di provenienza? grazie fareste un gran servizio ai cittadini.
  • ZG 11 mesi fa
    Il vincolo di mandato è SACROSANTO! risponde ad al principio di libertà!... ma occorre introdurre un VINCOLO ELETTIVO sia per il singolo parlamentare che per la formazione dei gruppi parlamentari, per rispondere al principio di sovranità del popolo! Per il parlamentare che esce o viene espulso da un gruppo si deve prevedere una procedura che riporti la decisione agli elettori del collegio nel quale è stato eletto. Mentre i gruppi parlamentari non possono essere diversi dalle forse politiche che sono risultate elette dai Cittadini al termine delle elezioni politiche. Ad esempio: il parlamentare che esce o viene espulso dal gruppo, passa temporaneamente al gruppo misto. Entro 60 giorni vengono indette nuove elezioni nel collegio di provenienza del parlamentare "uscito". Alle elezioni possono partecipare le stesse forze politiche presenti in parlamento ed il parlamentare "uscito" si può candidare o con una (altra) forza politica o come indipendente. In quest'ultimo caso se i Cittadini confermano la elezione del parlamentare come indipendente questo si collocherà esclusivamente nel gruppo misto.
  • filippo a. Utente certificato 11 mesi fa
    Ottimo chiaro limpido cristallino!!! Come si fa a non essere d'accordo???
  • Corrado Barbieri 11 mesi fa
    Non te la prendere Luigi,presto ci saranno le elezioni ed i traditori andranno a lavare i vetri ai semafori.Inoltre col nuovo regolamento interno ci siamo messi al riparo da questi sordidi individui per i quali non ho aggettivi qualificativi sufficienti(autocensura).Andate avanti cosi',io saro'sempre con voi nella vittoria come nella sconfitta.Il nostro Ideale vivra'per sempre nel cuore degli onesti.Un forte abbraccio a tutti
  • Paolo Z. Utente certificato 11 mesi fa
    Leggo sul post “Per il MoVimento 5 Stelle, se uno vuole andare in un partito diverso da quello votato dai suoi elettori, si dimette e lascia il posto a un altro”... ”Noi abbiamo applicato su di noi una regola chiara, senza aspettare un obbligo di legge: chi non vuole più stare nel MoVimento va a casa, “... Spero che Di Maio non sia sbronzo, perchè ci sono decine e decine (minimo 37, dopo ho perso il conto..) ex parlamentari del M5S CHE NON SONO PIU' DEL MOVIMENTO, e non c'è una persona che sia andata a casa. Perchè non si dice che è un “diritto” garantito dalla costituzione, (art 67 Ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato.), forse perchè fino a ieri la costituzione italiana era bellissima, la + bella del mondo. Ovviamente aspetto che quelli usciti dal parlamento europeo paghino la famosa multa, dopo aver lascito il movimento. Paolo TV
    • Paolo Z. Utente certificato 11 mesi fa
      Fabrizio Arcarese E' giusto o non è giusto che il M5S ha difeso la costituzione come la + bella del mondo? Io già nell'articolo 4, che si dice “La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il DIRITTO al lavoro...” trovo una inconcludenza, un vorrei ma non posso. “Se tu in campagna elettorale presenti un programma, devi poi rispettare gli elettori che ti hanno votato per quel programma, non è così difficile capirlo.” E' impossibile prevedere tutto in campagna elettorale, per esempio, adesso, come ci si approccia a Trump, all'Alitalia, o alle Generali ? Se si fa una legge, e' giusto che una minoranza di cittadini, dotati tempo e collegamento a internet, decida per gli anziani, o per i minori? Ti ricordo che in Europa il movimento ha cambiato idea 2 volte, con chi stare. Chi ha ragione, il mov o chi si indigna? Paolo TV
    • oreste ★★★★★ °.° Utente certificato 11 mesi fa
      Treggiari,è chiaro, ostrega!
    • oreste ★★★★★ °.° Utente certificato 11 mesi fa
      leggiti il commento di Treggiani!
    • Paolo Z. Utente certificato 11 mesi fa
      Oreste, no capise cosa che tu vol dirme. No ho capì, anca perchè no tu dis e robe ciare. Scusa, no ho esperiensa dea to lengoa. Paolo TV
    • oreste ★★★★★ °.° Utente certificato 11 mesi fa
      nun c'hai capito na sega...come ar solito!
    • Fabrizio Arcarese 11 mesi fa
      Oaolo TV, forse non hai capito, ma se a te sta bene che il candidato che hai votato del PD se ne vada, poi, in F.I., certamente non sta bene a me e a tanti altri di buon senso. L'art. 67 era stato scritto quando nel Parlamento aleggiava un pò lo spirito di Patria, oggi i parlamentari sai cosa se ne fanno dell'art. 67? lo usano in bagno! Se tu in campagna elettorale presenti un programma, devi poi rispettare gli elettori che ti hanno votato per quel programma, non è così difficile capirlo. Se poi cambi idea, nessuno ti costringe a restare, quindi presenta le dimissioni e tornartene a casa ( anche se questa procedura è ostacolata , vedi le dimissioni presentate da un senatore ex M5S che, sistematicamente, viene respinta in Parlamento -chissà cosa c'è dietro, mah!).
  • massimo m. Utente certificato 11 mesi fa
    Più chiaro e giusto di così... Viva Luigi!!
  • Canzio R. Utente certificato 11 mesi fa
    Ognuno ,le parole i fatti li può raccontare,capire ed interpretare come gli pare,se decide o crede di dire che sotto il sole sta al fresco e al polo nord scoppia di caldo liberissimo di farlo.Io penso che i furbetti dello smarcamento del cartellino,dell'evasione,sono semplicemente dei delinquenti, quasi come chi ha coniato tale definizione.Mentre il parlamentare,che "votato"abbandona il proprio gruppo,ritorna a casa sua e naturalmente gli subentra "quello dopo".Tutto ciò è di una tale banalità, che solo i professionisti degli inciuci ,fanno finta di non capire.
  • Giuseppe 11 mesi fa
    Una curiosità CHICCO TESTA percepisce il vitalizio?
  • Giuseppe 11 mesi fa
    Ma Chicco era quel tale che stava nei paraggi di CRAXI?
  • Paolo V. 11 mesi fa
    Sono d'accordo!!!
  • Luca G. Utente certificato 11 mesi fa
    Bisogna trovare un modo x inserirlo nelle prossime elezioni, magari dando anche la possibilità di votare a chi è fuori residenza ma in Italia.
  • RENZO D. Utente certificato 11 mesi fa
    C'è rimasto solo ed esclusivamente un movimento con politici che non hanno la faccia come il culo il nostro M5S . E ne sono fiero.. Forza M5S al 40%..
  • Clesippo Geganio Utente certificato 11 mesi fa
    ma qualcuno che gestisce questo blog potrebbe spiegare come mai si pubblica una lettera di Messora alias bioblu dopo i trascorsi poco chiari con il movimento? Tal libero giornalista non ha perso tempo per vivisezionare il M5S e Grillo per mettere in risalto mediatico presunti errori, ed oggi lo si trova qui nella sede del M5S a rivendicare cosa?
    • Clesippo Geganio 11 mesi fa
      non sono d'accordo sul dare spazio a chi giudica insistentemente il M5S accusando i vertici di incoerenza verso i principi originari del MoVimento, avendo in corso o risolte diatribe legali con lo stesso. Il M5S deve marcare una linea di separazione netta con chi non si trova allineato con le direttive, serve chiarezza per avere consenso elettorale, rispetto e credibilità. Il Sig. Messora può anche aver ragione in merito all'oggetto, ma non lo si dovrebbe ospitare in questa casa comune di valori e principi condivisi, da lui spesso giudicati dopo esser stato sostituito con altro responsabile della comunicazione.
    • Luca P. Utente certificato 11 mesi fa
      Se leggi l'articolo magari comprendi cosa sia successo. Nel M5S si RAGIONA e si GUARDANO I FATTI, non si mette in secondo piano una problematica importante solo perché c'è differenza di vedute. Nel PD si ragiona come dici, come accadde con l'elezione del PdR in cui non scelsero Rodotà perché il nome non l'avevano fatto loro, della serie: il pallone è mio.
  • Giorgio Catalano 11 mesi fa
    per impedire il cambio di casacca cosa fare? perche' questo e il problema , i padri costituenti lo scrissero per un motivo valido per gli equilibri del parlamento e per le scelte divergenti al partito etc, ma nel caso nostro come ben spiega Di MAIO , ci sono personaggi che una volta eletti fanno cio che gli conviene fare cioe' mettersi in proprio e saltare di fiore in fiore fin tanto che ce da succhiare il nettare del denaro. Ma il punto che volevo sottoporre all'onorevole Di MAIO e questo : la verifica dei comportamenti dei parlamentari avveniva con i voto di preferenza che in passato di fatti a fine legislatura non premiava chi faceva il volta gabbana . oggi sono stati favoriti dal fatto che il voto di preferenza non ce perche e di tipo nominativo e quindi non rispondono all'elettorato,poiche e di tipo maggioritario e allora ? dal punto di vista costituzionale non mi pare una scelta che ampli la democrazia ma semplicemente la toglie, per chi non esegue ordini dal partito. esempio il partito democratico vota per disciplina di partito e quindi di fatto e un vincolo di mandato che e contrario al pensiero dei padri costituenti e alla costituzione. quindi chiedo di riflettere al On Di MAIO su cosa si va incontro mettere un vincolo di mandato in costituzione . grazie Giorgio Catalano
  • GP 11 mesi fa
    Il vincolo di mandato e' PERICOLOSO, e soprattutto NON NECESSARIO. Non si puo' stabilire a prescindere che se un eletto lascia il proprio partito, ad avere torto e' sicuramente l'eletto. Cosa che sarebbe con il vincolo di mandato. Vogliamo combattere il fenomeno dei voltagabbana? Giustissimo, ma e' piu' che sufficiente il RECALL, che fa gia' parte del vostro programma. P.S. In Gran Bretagna non c'e' il vincolo di mandato, ma una prassi. Che cosa garantisce in GB che quella prassi e' rispettata? Che cosa si dovrebbe avere quindi in Italia affinche' tale prassi sia rispettata anche qui?
    • Clesippo Geganio Utente certificato 11 mesi fa
      perchè qui siamo in Italia, dove la coscienza di chi fa politica non esiste, perchè in questa italietta non si dimette nessuno anche quando presi in flagranza di reato.
  • Beppe C. Utente certificato 11 mesi fa
    Basterebbe eliminare per legge il gruppo misto.
    • Luca P. Utente certificato 11 mesi fa
      E anche la creazione di nuovi partiti non presenti sulla scheda elettorale.
  • Clesippo Geganio Utente certificato 11 mesi fa
    si chiamano opportunisti, traditori, vigliacchi, esseri umani della peggiore specie che ammorbano l'Italia, facili alla compravendita delle coscienze, facili alla corruzione etica e morale, quelli che vendono l'Italia al peggior offerente. Questi andrebbero incriminati e condannati per vilipendio allo Stato ed alla Costituzione della repubblica sulla quale hanno giurato fedeltà.
    • Paolo Z. Utente certificato 11 mesi fa
      ...e una quarantina sono stati eletti da persone che hanno votato il M5S
    • Graziano V. Utente certificato 11 mesi fa
      Se la politica TUTTA mantiene la posizione di NON imporre con una legge il vincolo di mandato ci sarà pure una ragione ? Tutti imbecilli dal dopoguerra ad oggi ?
  • Renato . Utente certificato 11 mesi fa
    Voglio l'elenco dei voltagabbana, voglio sapere con quale partito sono entrati e in quale partito sono ora. Tutti devono sapere.
    • Clesippo Geganio Utente certificato 11 mesi fa
      io voglio sapere anche i nomi di chi ha ricevuto i miliardi di euro da MPS e non ancora restituiti.
  • antonino curatolo (bruno19420627) Utente certificato 11 mesi fa
    L'unica speranza è che gli Italiani si rendano conto di cosa sta succedendo e di come ci stanno distruggendo. L'ultima che ho sentito, proprio questa mattina, c'è in programma una nuova tassa sulle auto per circolare sulle strade Nazionali per finanziare l'ANAS, proprio quella tassa di circolazione che nel recente, e non tanto recente passato, hanno trasformato in tassa di proprietà al fine di costringere tutti a pagarla indipendentemente dal fatto che il mezzo circoli o no. Quindi tassa su tassa e ancora ci sono Italiani che hanno il coraggio di votare questi delinquenti? Alla Boldrini dico che Governi come quelli che si sono succeduti negli ultimi quarant'anni fanno rimpiangere Mussolini e l'unico reato è quello di permettere a questa gentaglia governativa di governare.
  • VINCENZO ANTONA Utente certificato 11 mesi fa
    Il modo di evitare Il salto della Quaglia si deve in qualunque caso trovare. A chi non è d'accordo vorrei ricordare che quasi tutte le persone elette con il Movimento, non sono stati eletti per meriti personali, ma perchè rappresentavano un'idea di società e che questa era rappresentata dal simbolo del Movimento e da chi si è speso per anni per farla conoscere. Sono pronto a sfidare chiunque sul fatto che senza il simbolo la maggior parte nostri portavoce sarebbero stati eletti in un altro partito (a meno che non avessero ottenuto, per grazia ricevuta "dopo essersi consumati le papille gustative", dal segretario di partito, i primi posti in lista). Ora, alcuni portavoce hanno avuto modo di farsi apprezzare e chi li ha "nominati" aveva visto giusto, ma quanti sono quelli che si sono trovati LI'per caso ed adesso si ergono a tutori della "Libertà di Pensiero" e della Rappresentanza dell'elettorato? Secondo il mio parere, se vieni eletto perchè i voti te li vai a cercare, se chi vota scrive il Tuo nome sulla scheda elettorale, se sei preferito ad altri, allora si, che hai il diritto di dire "io rappresento il mio elettorato" Ovviamente, nella situazione odierna, i nostri parlamentari non rappresentano loro stessi, ma il Movimento che li ha fatti eleggere, e devono essere consapevoli che ogni cosa che dicono o fanno, lo fanno, nel bene o nel male, in nome del Movimento. Quindi, se vanno via dal Movimento, ma rimangono a poggiare le loro terga su una comoda poltroncina, si vede che si sono "serviti" del Movimento, e questo non deve più succedere. Come fare a limitare i cambi di casacca dato che i tempi per una legge sarebbero lunghi e non verrebbe votata da questa maggioranza? Un modo sarebbe quello di iniziare subito con la selezione di chi si metterà in gioco alle prossime elezioni. In questa maniera, sicuramente, si potrà conoscere a fondo i candidati e capirne l'effettiva serietà e i reali scopi che li hanno fatti avvicinare al Movimento. Almeno per limitare i danni.
  • bengig 11 mesi fa
    L'articolo 67 della Costituzione: "Ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato" è molto chiaro. Chi è eletto risponde ai cittadini, non al suo partito. Un ministro della Repubblica, un presidente del Consiglio, deve fare gli interessi della Repubblica Italiana e, quindi, dimettersi dalle cariche di partito. questo lo scriveva beppe grillo in post datato 2010: http://www.beppegrillo.it/2010/08/le_dimissioni_di_fini.html
  • adolfo palazzini 11 mesi fa
    SACROSANTO!
  • giovanni . Utente certificato 11 mesi fa
    I VOLTAGABBANA bisogna gridarlo forte e continuamente perchè il popolo lo sa ed è una cosa che detesta. In ogni comunicazione il M5S deve infilarci questa vergogna che i partiti non vogliono eliminare. E sapete perchè? perchè sperano sempre che con il mercanteggiamento riescano ad avvantaggiarsene. Ditelo, ripetetelo, perchè questa è una grossa macchia su tutti gli altri partiti.
  • Walter Borchia 11 mesi fa
    quando lo diceva lo psiconano tutti a dargli contro. la costituzione piu' bella del mondo non si tocca. se avessero migrato da voi avreste detto l'esatto contrario.
    • sergiocalogero 11 mesi fa
      le risulta qualcuno che è stato accettato nel movimento che proviene da altri?
    • old dog 11 mesi fa
      e lo scassamento di pa77e dello psiconano con i comunisti quando i comunisti erano gia nella cacca con la caduta del muro lascia stare lo psiconano dov'è li sta facendo opere di bene alle olgettine, è così buono
    • old dog 11 mesi fa
      sarebbe meglio stare zitti senza cercare lo psiconano xchè quando c'era prodi al governo era un continuo martellare con il "mortadella"
  • old dog 11 mesi fa
    Ditelo a Chicco Testa ce l'ha a morte con il M***** xchè sostiene che non è democratico se x democratico bisogna chiamarsi PD allora sì che stiamo freschi un parolaio che vince le primarie x diventare segretario del partito e che fa fuori il presidente del consiglio del suo stesso partito è + democratico un parolaio che sul suo blog afferma che se torna abbassa le tasse ma allora quando era al governo e affermava di aver con gli 80€ abbassato le tasse a chi la dava da bere a Chicco Testa o agli italiani non se ne può più di guardare la tv ed avere il piddino quotidiano che guarda caso è sempre a "l'aria che tira" saluti ai monelli del blog ▌│█║▌║▌║ σℓ∂ ∂σg ║▌║▌║█│▌
  • Gianpaolo Garlaschelli 11 mesi fa
    Non e' possibile fare altri commenti, piu' chiaro di cosi si muore. Agli ITALIANI: e' ora di svegliasi dal letargo la primavera e' quasi vicina. SVEGLIAAAAAAAAAA
  • bruno p. Utente certificato 11 mesi fa
    Non fa una piega.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus