Circonvenzione di elettore

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

Magritte_La_Valse.jpg

Magritte - La Valse Hésitation

Se è chiaro, anche al sentire comune, cosa si intende per circonvenzione di incapace, dal vocabolario Zingarelli della lingua italiana: "induzione di persona minore o inferma o psichicamente deficiente a compiere un atto giuridico dannoso per lei o altri al fine di trarne un profitto per sé o altri", non è ancora percepito il significato di "circonvenzione di elettore". Si tratta di una pratica molto comune nel Parlamento Italiano, adottata da voltagabbana, opportunisti, corruttibili, cambiacasacca.
L'elettore, al momento del voto, crede in buona fede alle dichiarazioni di Tizio o Caio, di Scilipoti o De Gregorio. Lo sceglie per la linea politica espressa dal suo partito e per il programma. Gli affida un mandato di un lustro, un tempo lunghissimo, per rappresentarlo in Parlamento e per attuare i punti del programma. Gli paga lo stipendio attraverso le sue tasse perché mantenga le sue promesse. Il voto è un contratto tra elettore ed eletto ed è più importante di un contratto commerciale, riguarda infatti la gestione dello Stato. Se chi disattende un contratto commerciale può essere denunciato, chi ignora un contratto elettorale non rischia nulla, anzi di solito ci guadagna. E' ritenuto del tutto legittimo il cambio in corsa di idee, opinioni, partiti. Si può passare dalla destra alla sinistra, dal centro al gruppo misto, si può votare una legge contraria al programma. Insomma, dopo il voto il cittadino può essere gabbato a termini di Costituzione. L'articolo 67 della Costituzione della Repubblica italiana recita: "Ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato". Questo consente la libertà più assoluta ai parlamentari che non sono vincolati né verso il partito in cui si sono candidati, né verso il programma elettorale, né verso gli elettori. Insomma, l'eletto può fare, usando un eufemismo, il cazzo che gli pare senza rispondere a nessuno. Per cinque anni il parlamentare vive così in un Eden, in un mondo a parte senza obblighi, senza vincoli, senza dover rispettare gli impegni, impegni del resto liberamente sottoscritti per farsi votare, nessuno lo ha costretto con una pistola alla tempia a farsi inserire nelle liste elettorali. La circonvenzione di elettore è così praticata da essere diventata scontata, legittima, la norma. Non dà più scandalo. Viene concesso al parlamentare libertà preventiva di menzogna, può mentire al suo elettore, al suo datore di lavoro, senza alcuna conseguenza invece di essere perseguito penalmente e cacciato a calci dalla Camera e dal Senato.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • abitante 4 anni fa mostra
    L'articolo 67 della nostra costituzione serve ad identificare le "mer.de", non va cancellato ma integrato: chi non è in linea con il mandato ricevuto e ritiene di aver fatto un'errore, lo proclama apertamente pubblicamente in aula, motivando il suo dissenso, dichiarando che es: non si rendeva conto di quanto proposto o non aveva letto quella riga, oppure ha notato che il suo schieramento non porta avanti esattamente quei punti programmati e si ritira in buon ordine, lasciando il posto ad un'altro eletto, non salta sul carro che passa con la biada più buona ma torna a casa a fare il mestiere di prima. Soltanto gli elettori hanno il diritto di cambiare idea in base al giudizio sull'operato di chi ci ha governato o di quanto ci promettono. Si potrebbe così evitare il mercato delle vacche. Ma questa è un'altra utopia visto il paese dove siamo. Se nonostante tutte schifezze che sono stati capaci di fare, gli elettori ancora votano certi personaggi non c'è costituzione che tenga, non basta neanche la magistratura, il cammino durerà altri secoli, dovremo estinguerci per un vero cambiamento...
  • Franco Beretta 4 anni fa mostra
    Sono perfettamente d'accordo. Vero è che tale norma fu introdotta per rendere il parlamentare libero delle proprie opinioni, ma si partiva da un concetto di parlamentare "onorevole" veramente, di persona specchiata e responsabile. Affiancare questi concetti a figuri che ben conosciamo sa di eresia, bestemmia, assurdità. Unendo questa stortura di una norma costituzionale ad altri esempi (http://www.corriere.it/inchieste/reportime/economia/incompatibili-illegittimi-ma-gestiscono-potere/fd8859ea-843b-11e2-9582-bc92fde137a8.shtml) balza agli occhi come i cittadini siano stati estromessi da tutto. Incarichi milionari, dati a mazzi, sempre agli stessi, che però operano dietro le quinte e in barba al conflitto di interesse. Controllori e controllati fusi in un balletto che continua da tempo e che ci irride. Adesso sta finendo il bengodi, spero che questo nuovo assetto parlamentare porti a "fare le pulci" nei vari incarichi parlamentari, nelle nomine ministeriali, nelle consulenze e porti poi, nei casi di illecito, alla condanna e al risarcimento delle somme illegalmente percepite. Sarà un vero piacere
    • Emilio G. Utente certificato 4 anni fa mostra
      E tu invece di cacciare i non onorevoli "onorevoli" cambieresti le norme permettendo un controllo antidemocratico dei parlamentari? Se hai una piaga sul braccio curi la piaga, non amputi il braccio!!! Basta cambiare la legge elettorale tornando alle preferenze per cacciare via la feccia. Se poi eliminiamo i privilegi dei parlamentari, in parlamento resterà solo chi vuole fare un servizio al paese e non un "servizietto"!!!
  • Alessio S. Utente certificato 4 anni fa
    Ciao a tutti... sono un sostenitore ed ho votato e voterò il M5s finchè avrò aria nei polmoni. Da un po di giorni leggo e rileggo i commenti e mi sembra ormai di aver capito che è più facile trovare sostenitori del PD e del PDL qui che non altrove!... Premettendo che non ho nessuna voglia di discutere, ne di litigare e ne tanto meno confrontami con loro, desidero però porgere a loro una semplice domanda... ma solo per purissima curiosità... in primi mi spiace vedere che qui ormai non è più un commentare ma è uno "scannarsi" tra noi... NOI popolo... e questo già lascia un pò il tempo che trova, ma vorrei dire ai sostenitori del PD e del PDL: Siete voi consapevoli o no del fatto che l'italia oggi è il risultato dell'operato sia del PD che del PDL? e in base a questa risposta... quello che vorrei sapere è... Ma davvero siete convinti che ora "fatalità" tutti i grandi esponenti si vogliono preoccupare delle problematiche dei cittadini? ma non vi suona strana questa cosa? ma davvero mi volete far credere che non vi rendete conto che lo fanno solo per "comprare" i vostri voti? io non ci credo che siete così addormentati e che credete alle parole delle persone che hanno sfasciato il paese.. quindi non capisco perche stiamo qui a gettarci fango l'un con l'altro. Purtroppo per cambiare il paese, devono cambiare le menti di chi lo guida... altrimenti ci troveremmo sempre alle solite!. Vi chiedo... mi dite quando mai qualcuno del PD ha fatto qualcosa per aiutarci? (a parte il berlusca che tolse l'ICI)... Vi prego di farmi vedere quando mai i vecchi esponenti hanno fatto qualcosa per il nostro bene... mio e vostro compreso!... intendiamoci... qui possiamo discutere quanto vogliamo, ma sta di fatto che stiamo tutti sulla stessa barca!... che lo vogliate o no è così...
    • Alessio S. Utente certificato 4 anni fa
      ti ringrazio "corvogrigio" per il tuo intervento... ma all'atto pratico non mi hai risposto...
    • corvogrigio 4 anni fa
      Semplice specchio della realtà oggettiva. A che serve lamentarsene. Le cose stanno così.
  • Gaetano I. Utente certificato 4 anni fa mostra
    Ecco,dopo questo post è necessario e urgente che il mov.5 stelle si metta a fare le cose serie....e cioè (questo lo dico a tutti i senatori e deputati eletti nel movimento 5stelle che nel mio piccolo ho contribuito a farli eleggere) fate in modo che queste cose avvengano nel più breve tempo possibile,auguri e buon lavoro a tutti.
  • SALVATORE A. Utente certificato 4 anni fa mostra
    Una piccola norma che stabilisce che chi cambia schieramento in corso di legislatura perde il mandato degli elettori e quindi la perdita del posto in senato o in parlamento e che deve aspettare le prossime elezioni per candidarsi con l'altro schieramento no? Chi cambia schieramento in corso di legislatura deve perdere ogni diritto di rappresentanza per quella legislatura.
  • luca viti Utente certificato 4 anni fa
    la libertà del parlamentare è sacrosanta altrimenti non ci sarebbe democrazia...dovrebbero essere vincolati solo al volere del capo?...ormai si sta sconfinando nell'autoritarismo
    • antoniogginopino a. Utente certificato 4 anni fa
      la libertà sì, di rispettare il mandato, e quindi il programma che ha "convinto" l'elettore a votarlo..non a cambiare per convenienza!
  • alessandro giglio Utente certificato 4 anni fa mostra
    Manca sicuramente a loro una parola ONESTÁ anche se credo la abbiano già abusata parecchio nel passato presente e futuro se non si dimettono in massa.
  • Lux Luci 4 anni fa mostra
    CI VUOLE BUON SENSO E SAGGEZZA! E ANCHE SENSO DELLA COSA PUBBLICA! CARI BAMBOCCIONI DEL “MOVIMENTO 5 STELLE”: Dario Fo: «Anche Beppe sbaglia Ora col Pd deve parlare» Il Nobel: «La sinistra ha fatto molti errori, ma adesso è possibile il dialogo con Grillo. Entrambi evitino veleni». Fonte: http://www.unita.it/italia/speciale-elezioni-2013/dario-fo-anche-beppe-sbaglia-br-ora-col-pd-deve-parlare-1.486349 LA PERSONA CHE VOI AVETE DESIGNATO COME POSSIBILE NUOVO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA, E’ UN’ ADULTO CHE CONOSCE IL BUON SENSO! LUI PUO’ INSEGNARVI CERTAMENTE QUALCOSA ! EVOLUZIONE E CAMBIAMENTO !!!
    • Antonio* °Cataldi (capisc'a me) Utente certificato 4 anni fa mostra
      http://www.youtube.com/watch?v=RHPRel7mpUMme
  • Daniele Turchetti Utente certificato 4 anni fa mostra
    Suona un po' come una minaccia...
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus