Il M5S vuole una legge SERIA sul conflitto di interessi

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.


di Danilo Toninelli, M5S Camera

"E' arrivata in aula la legge sul conflitto di interessi. Una legge che il nostro Paese aspetta da vent'anni. Un'attesa che ha causato un blocco nella crescita economica e culturale del Paese, e soprattutto ha fatto sì che noi cittadini pagassimo molto più in tasse e ci tornassero indietro meno servizi e peggiori. Perché il conflitto di interessi significa che chi va a coprire una carica importante di governo o nell'ambito pubblico, lo deve fare perché è il più bravo, perché è il migliore, e quando lo fa lo deve fare per il bene dei cittadini. Se va lì invece un amico, un amico di un amico, non lo fa per il bene dei cittadini: lo fa per i propri interessi. E quindi i servizi sono peggiori e costano di più. Ebbene la legge che arriva in aula è una legge scritta e firmata dal Pd. Questa legge è solo un miraggio, fa il solletico al conflitto di interessi e lo capiamo fin dalla prima riga del primo articolo, quando si dice "i titolari di cariche politiche": questo conflitto di interessi voluto dal PD riguarda solo le cariche politiche. Si tratta di 230 persone, è misero il numero degli interlocutori e dei destinatari di questa legge. Si dica che non è una legge sul conflitto di interessi.

VIDEO Violante e il conflitto di interessi

Il M5S è stata la prima forza politica a depositare una proposta di legge che riguardava tutti coloro che ricoprivano cariche pubbliche importanti, quelli che toccano la cosa pubblica, quelli che comandano sulla nostra vita quotidiana e sulla qualità dei servizi che da cittadini riceviamo, non possono essere in conflitto di interessi, ma devono assolvere la loro funzione per il bene di tutti. Facendo così significa che i signori del PD escludono i parlamentari, escludono i consiglieri regionali, sappiamo quanto hanno rubato e quanto continuano a rubare i consiglieri regionali; escludono le grandi autorità indipendenti quale la Consob e la Banca d'Italia, e penso che ci ricordiamo perfettamente cosa non hanno fatto nel caso di Banca Etruria. Poi escludono anche gli alti burocrati di Stato, praticamente escludono quasi tutti. Sta andando in aula una legge che non riguarda il conflitto di interessi ma è un modo per il PD per lavarsi la coscienza, ripresentarsi alle elezioni amministrative che ci saranno tra pochi mesi e dire di aver fatto una legge sul conflitto di interessi. Balle! Il M5S invece è una forza politica seria. Andremo in aula con i nostri emendamenti perché un conflitto di interessi reale, che faccia andare a quegli incarichi importanti i migliori e più meritevoli, ci sia veramente. E diremo no a una legge fasulla scritta e voluta dal PD."

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Pietro M. Utente certificato 1 anno fa
    Adesso che hanno raschiato anche sotto il fondo del barile si renderanno conto del danno fatto a TUTTI gli Italiani con le LORO leggi Ad personam e carrieristiche volte al LORO SINGOLO PROFITTO?? Ho paura, anzi il terrore che IN TUTTI I MODI POSSIBILI ED IMPOSSIBILI l'affosseranno questa legge che darebbe un minimo di serietà e dignità al NOSTRO PAESE. Forse anche un po di "Ritorno in servizi" tipo Ospedali dove non hai bisogno di chiamare una badante che ti porti un bicchiere d'acqua, mentre il personale è ridotto al lumicino e non può. La lista sarebbe troppo lunga, ma ve la lascio immaginare.....
  • gianpiero m. Utente certificato 1 anno fa
    Le spese per "CONSULENZE" nel 2014, primo anno del regno del pistrino di Firenze, sono aumentate del 60%. Chissà cosa è successo nel 2015, dopo che ha preso in mano pienamente la situazione! Le CONSULENZE, sono uno dei settori più a rischio di conflitto d'interesse per cui chiedo ai Parlamentari 5 Stelle: 1) Andate a verificare chi ha beneficiato di quegli esborsi abnormi; 2) Proponete - nella legge sul conflitto d'interessi - la buona norma del bando di concorso per scegliere i migliori e al minor costo. G.Mazz.
  • Clesippo Geganio Utente certificato 1 anno fa
    le LEGGI che hanno lo scopo deterrente o il fine di relegare nelle patrie galere chi evade il fisco, chi si associa per delinquere, chi paga e riceve tangenti, NON verranno mai approvate da questi politici associati in partitocrazia in quanto sarebbero loro stessi per primi a finire in galera.
  • Clesippo Geganio 1 anno fa
    i politici balordi non la voteranno mai! Se lo facessero la partitocrazia morirebbe senza un centesimo.
  • Adolfo Treggiari Utente certificato 1 anno fa
    Non facciamoci una delle solite illusioni. Una legge sul conflitto di interessi esiste gia', l'ha fatta Berlusconi e va benissimo per il suo successore ed erede. Qualcuno puo' veramente credere che il Bomba voglia o possa fare di meglio? Mettiamoci l'anima in pace, il Bomba colleziona riforme fasulle solo per fare fumo negli occhi e guadagnarsi il consenso di elettori sprovveduti, rincoglioniti dai media o in malafede. Lo stesso giochetto cerca di farlo con l'Europa ma li gli va male perche' da quelle parti ci sono dei volponi molto piu' furbi di lui.
  • tomi sonvene Utente certificato 1 anno fa
    Caro Sig. Toninelli, per avere una piccola idea delle dimensioni delle cose, basta pensare alla mitica Salerno-Reggio. 50 anni che mandiamo soldi di tasse rubate ai produttivi per straarricchire parassiti. E mai finiranno queste operativita'. Ed e' giustissimo che noi veneti continuiamo a lavorare come muli da soma per questi governanti. LORO sono anni luce piu' intelligenti di noi, noi siamo solo polentoni, solo buoni a lavorare e, casomai ad emigrare...
    • pietro marceddu (sarduspater4) Utente certificato 1 anno fa
      almeno voi fate due passi e andate in austria, noi sardi dobbiamo per forza andarcene a nuoto
  • tomi sonvene Utente certificato 1 anno fa
    OGNI operativita' contro i cittadini deve prevedere DEVASTANTI punizioni. Come anche nel caso dei vari banchieri e dei fallimenti bancari successi e di quelli annunciati. Hanno operato e continuano ad operare CONTRO, ben consapevoli che MAI saranno puniti e MAI dovranno restituire NIENTE. A questo punto, NON e' farabutto chi opera per se' contro I cittadini, E' stupido chi non lo fa'.
  • tomi sonvene Utente certificato 1 anno fa
    Sig. Toninelli, rifletti bene sul concetto di “avanzo primario”. Un reale avanzo primario lo hai quando hai risparmiato sui parassitismi, non certamente quando lo hai ottenuto perche' non hai dato da mangiare ai tuoi lavoranti, oppure hai tolto loro i denari per mettere i carburanti o fare la manutenzione dei mezzi produttivi e, li costringi a falire, chiudere, emigrare. Questo e' un avanzo...mortale piu' che primario
  • tomi sonvene Utente certificato 1 anno fa
    300.000 consulenti sono solo sistemazioni economiche di parenti e amici e sono MINIMO 3 MLN di voti. QUESTE sono le operativita' mafiose dei voti di scambio che determinano i vincitori delle elezioni. E tutto perfettamente legale. Sono questi i parassitismi che determinano le perpetuazioni dei vari potenti. Sperperare i soldi dei cittadini per incensarsi e garantirsi l'eternita'... Nessun cambiamento potra' mai avvenire se non si riusciranno ad arginare questi parassitismi
  • tomi sonvene Utente certificato 1 anno fa
    E, naturalmente, AZZERARE le consulenze
  • tomi sonvene Utente certificato 1 anno fa
    Partiti, Sindacati e Caste varie dei poteri, hanno fatto dello Stato la loro vacca da mungere. Solo che a questo punto, I loro parassitismi sono divenuti troppi e troppo esagerati ed INSOSTENIBILI. Bisogna fare in modo che le attivita' produttive divengano MOOOLTO piu' appetibili per I cittadini, dei vari posti di STIPENDIO fisso statali -MAI uno in qualsiasi misura statale possa MAI fare altre attivita' e percepire piu' di 1 remunerazione -MAI piu' di 1 statale per famiglia -MAI piu' carriere di anzianita' e diritti acquisiti -MAI piu' nepotismi, ESCLUSIVAMENTE avanzamenti relazionati al merito -OGNI statale venga valutato, e, qualora il rapporto di FIDUCIA venisse ad essere inquinato, sulla base di elementi oggettivi, e sentiti anche colleghi e responsabili, ogni statale possa venire immediatamente LICENZIATO -OGNI statale debba essere presente almeno 30 ore settimanali sul posto di lavoro. -RESTITUZIONI triplicate di ogni competenza eventualmente RUBATA, a cominciare dai parlamentari assenti/presenti -OGNI opera pubblica abbia 1 responsabile che debba pagare di persona per eventuali malefatte -OGNI situazione statale DEBBA avere strettissimi vincoli di Bilancio e MAI possa addivenire a Perdite, e naturalmente controlli e punizioni per eventuali malegestioni ... Il RISPETTO per i cittadini e le operativita' oneste per loro DEVONO essere superiori a qualsiasi parentela, amicizia, nepotismo. DOVUNQUE nello Stato, CORRETTE remunerazioni e perfette GESTIONI. Le tasse devono essere spese per INFRASTRUTTURE e SERVIZI e MAI per SUPERremunerare PARASSITI
  • Alessandro P. Utente certificato 1 anno fa
    chi ricopre una carica pubblica e poi fa i propri interessi è un ladro e dovrebbe finire in carcere: il problema conflitto di interessi dovrebbe essere innanzi tutto penale poiché un potente può sempre utilizzare un tecnico bravissimo che poi fa i suoi interessi. La carica pubblica che danneggia i cittadini a vantaggio di pochi deve finire in carcere, il resto è solo fumo o giochi di poltrone.
  • Gabriella . Utente certificato 1 anno fa
    Era ora!
  • Bruno L. Utente certificato 1 anno fa
    E' una delle leggi più importanti per la vita democratica di questo nostro paese. Il M5S è stato il partito più votato alle ultime consultazioni politiche e non ha nessun canale televisivo, nessun giornale asservito (come è giusto e normale che sia), Forza Italia e i suoi alleati hanno tre canali e almeno 4 giornali nazionali, il PD e i suoi alleati hanno di fatto le tre reti RAI e almeno altre 4 testate giornalistiche nazionali. Se questa vi sembra democrazia...
  • Daniele C. Utente certificato 1 anno fa
    Il PD questa legge non la vuole ma è capace di dare la colpa al m5s perchè bisogna scendere a compromessi,il PD è alla frutta.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus