Passaparola: Le #NuoveTangentopoli, di Piercamillo Davigo

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.
davigo_passaparola_.jpg

Nicola Morra ha intervistato il giudice Piercamillo Davigo sul tema della corruzione e della legalità

Test di integrità per scoprire i corrotti

Morra: Allora giudice, nel '92 inizia mani pulite. Da allora voi come magistrati avete fatto un lavoro notevolissimo e pur tuttavia ancora non si è riusciti a estirpare la corruzione, soprattutto nei pubblici uffici. Qual è a sua avviso la causa di tutto ciò? E come si può intervenire per sradicare del tutto?

Davigo: La ragione principale è che l'attività della politica degli ultimi anni non è stata quella di rendere più difficile commettere reati di corruzione, ma è stata quella di rendere più difficili le indagini sulla corruzione, sono state cambiate le norme (a favore degli autori dei reati!); sono state azzerate le prove acquisite e sono stati introdotti vari ostacoli. E' evidente quindi che se si rende più difficile la repressione della corruzione, è ovvio che aumentino i casi di corruzione stessa e diminuiscano le condanne, che è esattamente quello che è accaduto in Italia. Oggi la situazione rischia di essere fuori controllo: il numero dei fatti, la loro gravità, l'alto numeri di persone coinvolte in questi fatti, richiede strumenti straordinari. Io sono convinto che la soluzione o una delle soluzioni, potrebbe essere quella di introdurre quello che gli anglosassoni definiscono il “test di integrità”, cioè le operazioni sotto copertura in questa materia. Negli Stati Uniti io mi sono sentito fare questa osservazione: “Ma voi in Italia fate le indagini sulla corruzione?” E alla mia risposta affermativa mi hanno detto: “Ma no, ma è troppo difficile.” E allora io sorpreso, chiesi: “Ma perchè voi non intervenite? Li lasciate rubare?” e loro, di tutta risposta: “No, noi facciamo il test di integrità. Significa che subito dopo le elezioni mandiamo la polizia sotto copertura a offrire denaro agli eletti e quelli che li prendono vengono arrestati. Per cui a ogni elezione ripuliamo la classe politica”. E' una soluzione che potrebbe essere ancorata magari a elementi indiziali già forti, come per esempio la sperequazione fra i redditi e i tenori di vita, per essere sicuri di andare a individuare persone che già sono sospettabili.

Mose, Expo, MafiaCapitale: le nuove tangentopoli

Morra: Quindi test di integrità e massima trasparenza possibile. L'idea di un politometro poteva anche essere efficace. Io sono convinto per esempio che tutti gli ufficiali pubblici debbano dar conto di quello che guadagnano e consumano. Giudice però con gli scandali degli anni 90 che hanno funestato la partitocrazia dell'epoca ci fu una reazione popolare molto feroce, indignata. Io ricordo molto bene che tantissimi italiani seguivano giornalmente i collegamenti con la procura di Milano perchè volevano aver notizia. Adesso invece sembra che MOSE, EXPO, MafiaCapitale, siano seguiti quasi con distrazione perchè quasi ci si è fatti l'idea che queste patologie siano inestirpabili dal costume italico. Le sembra corretta questa analisi? E' come se ci fossimo assuefatti?

Davigo: Io credo che più che assuefatta l'opinione pubblica sia rassegnata, nel senso che essendo state vanificate molte volte le speranze di un miglioramento della situazione, ritenga inevitabile ciò che sta accadendo. Però bisogna tener presente che uno dei problemi principali che scoraggia gli investimenti dall'estero che determina il malfunzionamento della pubblica amministrazione sono il crimine organizzato e la corruzione. Se l'Italia non affronta questi due problemi drammatici non uscirà mai dalla situazione di difficoltà in cui si trova, anche nei rapporti con gli altri paesi. Non dobbiamo mai dimenticare che al contrario di quello che si è raccontato per diverso tempo, l'Italia non è affatto un paese insicuro, però ha due forme molto gravi di criminalità: uno è il crimine organizzato, l'altra è la devianza delle classi dirigenti che in queste misure sono tipiche solo dell'Italia. Noi esportiamo criminalità organizzata in altri paesi che ce l'hanno perchè l'abbiamo portata noi. Così come in altri paesi per atti di gravità infinitamente minore rispetto a quelli che ogni sera apprendiamo dai notiziari televisivi, le persone vengono costrette alle dimissioni. Da noi restano al loro posto fino a quando non vengono i carabinieri a prenderli!

Le norme anticorruzione non esistono

Morra: Giudice un'ultima domanda. Da circa nove mesi il cosiddetto pacchetto anticorruzione giace in Senato, ogni tanto viene ripreso, ogni tanto poi viene bloccato e di fatto le aspettative relative all'approvazione di nuove norme che con vigore contrastino la corruzione vengono puntualmente deluse. Di cosa c'è necessità, anche, per esempio, a livello parlamentare? Come si può fare per far sì che il paese si doti di norme certe? Anche perchè gli ultimi avvenimenti di natura parlamentare e ministeriale raccontano di manine che introducono norme, come dire... “opinabili”, rimanendo sull'eufemismo...

Davigo: Anche qui io credo che se ci fosse una maggiore sensibilità da parte dei parlamentari, soprattutto alle pressioni che vengono dalla comunità internazionale, la quale da molto tempo chiede all'Italia di fare pulizia della sua classe dirigente e ci chiede l'attuazione delle convenzioni internazionali che l'Italia ha sottoscritto, a cominciare da quella dell'OCSE sulla corruzione transnazionale, a quella dell'ONU sulla corruzione, da quella del Consiglio d'Europa sempre sulla corruzione, di introdurre una serie di normative che riducano il fenomeno a fisologia, dando per scontato che la situazione italiana non è affatto fisiologica. Del resto negli indici di percezioni siamo agli ultimi posti in Europa.

L'importanza della cultura

Morra: Quindi da questo punto di vista dobbiamo sperare che l'Europa rappresenti una via d'uscita e non una causa di ulteriore aggravamento della situazione. Un ultimissimo quesito, di natura... cultural-morale: lei che per tanti anni ha dedicato la vita all'amministrazione della giustizia, cosa pensa si possa e si debba fare in termini di investimenti culturali per far fare al nostro paese questo benedetto “salto di qualità”? Perchè io noto che proprio in termini di percezione della corruzione e anche dell'effettività delle norme noi anche nelle piccole cose siamo ormai rassegnati a veder sempre chi evade la norma, chi viola la norma a farla franca. C'è proprio un atteggiamento diffuso.

Davigo: C'è un problema molto serio che riguarda anche le istituzioni scolastiche. Io racconto sempre che pur essendo andato alle scuole elementari in un piccolo comune della provincia di Pavia dove sono nato, alle scuole elementari ho ricevuto una formazione culturale di tipo mafioso, perchè quando il maestro usciva di classe, lasciava al capoclasse l'incarico di segnare sulla lavagna i buoni e i cattivi. Il capoclasse andava alla lavagna a tirare una riga, scriveva i buoni e i cattivi sottolineati, solo sulla base di rapporti clientelari: chi gli dava il cioccolato, chi gli dava gli pallone, cose di questo genere. I cattivi non li segnava mai. Se qualcuno esagerava nel fare baccano, dopo averlo richiamato varie volte, cominciava a scrivere le prime lettere del cognome dei cattivi e immancabilmente dai banchi arrivava il grido "SPIA"! Ora, quando si è spia? Si è spia rispetto al nemico invasore, si è spia rispetto al tiranno. Non si è spia rispetto alla legittima autorità del proprio paese. Nessuno di noi aveva mai dubitato che il maestro fosse investito di legittima autorità. E che anche il capoclasse, ancorchè fetente, fosse investito di legittima autorità per delega del maestro. Ma in quel contesto il grido “spia” diventava apologia dell'omertà che è uno dei pilastri fondanti della cultura mafiosa. Cioè non importa che quello sia davvero cattivo, tu non lo devi scrivere. C'è però di più e di peggio. Sono stato ovviamente studente anche io e ho dovuto verificare sula base dei miei ricordi che era vero quello che diceva l'onorevole Andreatta e cioè che la scuola italiana crea pessimi studenti abituati a coalizzarsi fra di loro a danno dell'insegnante e in prospettiva saranno pessimi cittadini perchè il rapporto insegnate-studenti è metafora del rapporto Stato-cittadini. Una volta negli Stati Uniti mi hanno raccontato una cosa a cui ho stentato a credere. E allora mi hanno portato in una scuola per convincermi che era vero. La cosa a cui non ero disposto a credere era che gli insegnanti dessero esercizi da fare a casa a tempo. Per cui gli studenti andavano a casa, mettevano il contaminuti e allo scadere del tempo smettevano di fare l'esercizio che stavano facendo e tornavano a scuola il giorno dopo con il compito al punto in cui erano arrivati. Ora, andai in questa scuola e la prima cosa che mi colpì fu lo stupore di insegnanti e studenti per la mia incredulità, cioè non riuscivano a capire perchè io non volessi credere a una cosa che per loro era ovvia. E poi mi hanno spiegato perchè funzionava così, dopo che io dissi a loro guardate che da noi non è così, se a noi viene data una ricerca da fare a casa vengono mobilitati parenti e affini fino al quindicesimo grado per far fare una bella ricerca allo studente. E mi spiegarono che da loro nessuno copia. Se qualcuno non sa una cosa si alza e chiede spiegazioni all'insegnante. Al mio stuopore mi spiegarono che questo accade, intanto perchè non c'è il valore legale del titolo di studio e quindi non conta ciò che uno è ma ciò che uno sa, ma soprattutto gli esami importanti nella vita non sono come da noi quelli di uscita da un ciclo scolastico, ma quelli di entrata e di ammissione al ciclo scolastico successivo. Esami che gli studenti faranno davanti a persone che non hanno mai visto. In quel contesto l'insegnante è l'allenatore che li prepara alle prove vere che faranno davanti a qualcun'altro. Ingannare non ha alcun senso. Io non so se la loro scuola sia migliore della nostra, magari no, non è questo. Ma la loro scuola insegna la lealtà. La nostra insegna la furbizia.

Morra: anche da questo punto di vista c'è molto da lavorare. Giudice, la ringrazio.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Max Stirner Utente certificato 2 anni fa
    MI DISPIACE SOLTANTO CHE CHI HA TRADITO UN POPOLO, DORMA TRANQUILLO Il mio desiderio è che un giorno questi vigliacchi abbiano incubi; non possono cavarsela senza conseguenze! Io questo lo spero. I loro nomi rimarranno indelebili in internet per sempre e sono abbastanza giovani perché un periodo storico chieda loro conto del loro tradimento.
    • savi s. Utente certificato 2 anni fa
      E profonda la mia rabbia nei confronti di quelli che sono stati eletti nel movimento, preso voti da disperati,cassaintegrati,idealisti ecc.e che alla prima difficolta hanno fatto i voltagabbana,lo sapevano quanto era importante il loro mandato per gli elettori.non sono solo traditori x me sono peggio degli infami.adattati immediatamente ai teatrini della peggiore politica di cui vogliamo liberarci.nn so se è gia stato pensato ma mi auguro che in futuro chi fa questo debba ampiamente risarcire il movimento 5*****
  • Max Stirner Utente certificato 2 anni fa
    VI SPIEGO IL TRUCCO DEI FINTI PRESTITI ALLA GRECIA: LE MATRIOSKE Da coadiutore fallimentare, attività svolta per 13 anni, mi sono trovato qualche volta di fronte al trucco delle matrioske. Si costituiva una società srl con un capitale sociale di 20.000.000 £., I vari soci non versavano l'intero capitale sociale, ma semplicemente il 25% come li obbligava la legge (ora non più), ovvero versavano soltanto 5.000.000. Gli ulteriori 15.000.000 i soci versavano, ognuno per la sua quota, un assegno bancario in cassa (IN CASSA); con lo scopo ovvio di non versare mai gli assegni in banca, perchè sarebbero risultati scoperti. Contabilmente il capitale sociale risultave INTERAMENTE VERSATO, ma in realtà erano versati solo 5.000.000. Costituita la prima società, con lo stesso sistema si costituiva un'altra srl con solo una parte dei soci, che figurava controllata dalla prima società: anche questa capitale interamente versato, ma solo con il 25%. Successivamente, sempre con lo stesso sistema, se ne costituiva un'altra, con i soci che erano stati esclusi dalla prima matriosca, poi un'altra ancora, fino a quando risalire ai soci fondatori. In questo modo era possibile chiedre prestiti in banca o presso finanziare, dimostrando di avere una specie di holding che vanta un grade capitale sociale interamente versato, ma in realtà era solo fumo. COSA C'ENTRA LA GRECIA? Stesso gioco! I miliardi dati effettivamente dall'Italia, con accordi bilaterali, sono soltanto 14, mentre si mena vanto di un credi to di 40 miliardi. In realtà Gli altri 26 miliardi, l'Italia si è impegnata, insieme ad altre nazioni a farli confluire al fondo "salva stati", ovvero al fondo ESM. Quei 26 miliardi non solo non sono stati dati alla Grecia, ma al fondo, ma non sono neppure stati liquidati, come non li hanno liquidati le altre nazioni se non in minima parte. Tutti parlano di miliardi dati alla Grecia, ma in realtà sono stati deliberati di darli al fondo salva stati ESM ma hanno versato assegni in cassa
    • Max Stirner Utente certificato 2 anni fa
      @ Questa è la situazione e su questa si valuta la possibilità di recupero. Intanto è bene ribadire che la balla dei 40 miliardi è una.... balla. I 14 miliardi se diluiti nel tempo possono essere recuperati, ma occorre pazienza. Chi ha concesso i crediti alla Grecia li conosciamo, ma quando si fa parte di una società se ne accettano anche le conseguenze negative. Tu pensi forse che i nostri oltre 2000 miliardi sia pagabile? Ciao
    • PaoloY Z. Utente certificato 2 anni fa
      @Max Stirner Se io fossi una banca, e se avessi un cliente come la Grecia, purtroppo avrei la tentazione di iscrivere il debito di questo cliente tra le sofferenze. Ma come vuoi che ne escano? Solo con il turismo? Non hanno industrie, finanza, agricoltura. Stamani sentivo i paragoni con il Brasile di Lula.. Ma il Brasile ha tutto, basta avere voglia, come il Venezuela. Notte. Paolo TV
    • Max Stirner Utente certificato 2 anni fa
      PaoloY Z. Guarda che nel programma greco non c'è l'ipotesi di non onorare i prestiti ricevuti (quelli effettivamente ricevuti, non quelli millantati). Il programma prevede una revisione dei tempi di restituzione. Ciao
    • PaoloY Z. Utente certificato 2 anni fa
      14 al posto di 40 miliardi. Tradotto per noi, che tiriamo fuori i soldi, €233 a testa al posto di €666. Io che ho una famiglia di 5 persone, €1166 al posto di €3333. Per chi? Io che sono stato in Grecia no da turista, ma da collaudatore/montatore di macchine, 15...8 anni fa, ero perplesso per quanto riguardava la voglia di fare dei greci. Tipo i nostri forestali della Sicilia-Calabria. Paolo TV
    • Max Stirner Utente certificato 2 anni fa
      Purtroppo c'è molto di vero. Ciao
    • Rosa Anna 2 anni fa
      Ciao Max. Cosa c'è di vero della elocubrazione tg sui nostri parlamentari ? Ho chiesto a dei nostri bene informati Non ne sanno nulla
  • silvia roma 2 anni fa
    La mia coscienza purtroppo non finisce tranquillamente nel cestino, o nella cartella spam, come tutte le vostte lettere, richieste, proposte di legge, dichiarazioni e denunce. Ne fate tante, tutti i giorni, per chi come me segue i 5stelle non basta la giornata per restare informata su tutto, leggere i tweet (grandiosi e tanti), le email e il blog. Ma come, voi non fate nulla?!! Invece fate più di tutti gli altri e più politica di chi fa politica da 30 anni! Vicini ai cittadini, a chi vi ha votato e non, in piazza e in aula, nelle grandi città e nei paesini, al nord e al sud. Non so come fate, si direbbe che la vs giornata duri 48h... Ma tutto sembra inutile, e mi viene da piangere. Lo so che come è stato detto da borsellino e imposimato alla notte dell'onestà bisogna resistere, il cambiamento culturale non è semplice. Ma qui sono stati capovolti i significati, lealtà/furbizia, democrazia/dittatura, onestà/ruberia, le persone sono disorientate, di si formate, stufe, ignoranti, divise, diffidenti, inermi. Stiamo vivendo una tragedia storico politica, c'è poco da sperare. E la mia coscienza mi logora. Sto male ogni giorno peggio. Sono impiegata in una grande azienda, pagata da quel potere che ci vuole così asserviti, il mio 'lavoro' sarebbe quello di informare, comunicare, ma è tutt'altro, xche ovviamente tante cose non si possono scrivere, né pensare. Io invece vorrei licenziarmi e fare qualcosa per il paese, avendo quel minimo x sopravvive re, ma felice e orgogliosa del mio/ns piccolo contributo - per chi verrà dopo, non certo x me che morirò prima di un simile cambiamento, se avverrà. È dura, per tanti, soprattutto per chi è disperato e lavoro non ha, certo, ma cmq è faticoso per tutti i pensanti questo tempo oscuro. Grazie Movimento
    • oreste M, (:★★★★★) Utente certificato 2 anni fa
      hai perfettamente ragione,ma siamo in un regime che non ti permette....nulla,neppure quello previsto dalla Costituzione. Siamo in mano a dei ladri patentati senza scrupoli e gli Italiani abboccano al l'amo della TV! Maledetta TV scoppiasse in tutte le case...agli Italiani si potrebbe aprire il cervello! Invece è tutto un rincoglionimento!
  • Nando Meliconi (in arte "l'americano") Utente certificato 2 anni fa
    PASSAPAROLA: LE #NuoveTangentopoli. di Piercamillo Davigo. Norme, cavilli, scappatoie, manine, questi sono talmente presuntuosi e certi di non pagarla mai, che fanno quel che vogliono! L'indignazione popolare non monta mai, e questo è da imputarsi ai media, è vero, con tangentopoli la gente era assetata di notizie, voleva vedere le facce dei "ladri" e veniva accontentata, risultati? Stamo peggio de prima, si sono organizzati meglio! L'unica cosa che può farli tremare, è un'azione legale collettiva con richiesta dei danni, un "Attacco ai Polpacci"! Ora la cosa è una: È possibile organizzare un'azione legale collettiva a prima firma di 140 parlamentari e poi a firma di un milione di persone? Se raccogliamo firme per mandarli in galera, e sequestragli i beni, sono convinto che la fila per firmare sarà chilometrica! Poi ancora: Uno Studio Legale 5 Stelle, è possibile? Buona giornata, ci fottono a Norma di Legge, ma la volemo usà pure noi sta caxxo de legge per pararci il cxlo? ATTACCHIAMOLI AI POLPACCI, VOJO PURE I SOLDI INDIETRO, NON MI BASTA LA CONDANNA! Arrivederci e grazie, graziella, e grazie a sti banditi! Nando da Roma.
    • sandro p. Utente certificato 2 anni fa
      a Nando bho? me sembra tutta na farsa, questi politici co le denunce ce se puliscono er ...o. Galan stà agli arresti domiciliari dentro na mega villa e lo pagamo pure, sò tanti che cianno pendenze,denunce,sò inquisiti, indagati,condannati,ma sempre al governo stanno. Stavo a piazza del popolo sabato, un pò me sò rincuorato, bella gente belle parole, mo leggo che altri 10 nostri parlamentari se ne vonno annà, che je voi di? annate a f.....o!!!! Se voi fà quarcosa tiemme presente.. ciao sandro
    • Rosa Anna 2 anni fa
      A norma di legge siamo finiti dalla padella del Faso tutto mi Al qui comando solo io
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus