Vuoi fidarti ancora dei professionisti della promessa e della poltrona?

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Luigi Di Maio

In campagna elettorale i professionisti della poltrona danno il peggio e si trasformano in professionisti della promessa rigorosamente pre-elezioni.

Dopo aver fatto per anni i loro interessi in Parlamento, a pochi mesi dalle votazioni sono pronti a rimangiarsi tutto quello che hanno fatto e a sparare incredibili promesse, che puntualmente disattenderanno quando raggiungeranno il loro vero obbiettivo: la poltrona parlamentare con mega stipendio e annessi privilegi. In questi giorni si stanno scatenando da tutte le parti. Il Pd, che ancora governa il Paese, dopo aver infilato il canone RAI nella tua bolletta della luce, ora vuole farti credere che lo abolirà del tutto introducendo un finanziamento pubblico alla RAI, che poi sono sempre soldi tuoi. Che credibilità ha questa gente? Se questa era davvero "da sempre proposta del Pd" perché non l'hanno fatta quando erano al governo, anziché mettere il canone in bolletta? Promesse per poltrone.

Dall'altra parte c'è la coalizione del centrodestra, una clamorosa ammucchiata che vedrà insieme non solo Salvini (che ha passato gli ultimi 5 anni a mentire dicendo che non si sarebbe mai più alleato con Berlusconi), Meloni e Berlusconi, ma anche dinosauri della politica come Mastella, Cirino Pomicino, Miccichè e chi più ne ha più ne metta. Ieri si sono riuniti e hanno sparato la loro promessa: cancellare la legge Fornero. Ma chi l'ha votata questa legge? Proprio Berlusconi e la Meloni che ora promettono di abolirla. Qui trovate tutti i nomi di chi ha votato la legge Fornero, tra cui tanti degli stessi che oggi ti raccontano che la vogliono abolire. Vuoi fidarti ancora di queste persone che oggi ti dicono una cosa, ma che sai già che domani ne faranno un'altra? Promesse per poltrone.

Il popolo italiano merita rispetto. Il MoVimento 5 Stelle non porta promesse, ma una visione di Paese. Abbiamo un programma con tutte le coperture finanziarie. Sappiamo cosa andare a toccare e quali sprechi tagliare. Sappiamo che i cittadini non possono essere lasciati sotto la soglia di povertà, sappiamo che si possono creare posti di lavoro se si ha la volontà politica di farlo, sappiamo che alle aziende va semplificata la vita, sappiamo che l'immigrazione deve essere regolamentata e deve smettere di essere un business, sappiamo che spendere per la sicurezza è un investimento, sappiamo che scuola e sanità non possono più sopportare tagli. Proprio perché siamo consapevoli di tutto quello che è urgente fare, stiamo mettendo a punto una squadra di governo eccellente che conoscerete prima del voto e una squadra di parlamentari competenti che conoscerete entro fine mese. Alcuni li avete conosciuti, e ce ne sono tanti altri pronti a dare battaglia in ogni collegio uninominale e i partiti che oggi già cantano vittoria presto capiranno di aver fatto i conti senza l'oste.

L'era delle promesse per garantirsi la poltrona è finita. Il tempo in cui i politici possono dire qualsiasi cosa e poi permettersi di fare l’opposto è tramontato. Adesso c’è spazio solo per chi ha la libertà di dire le cose come stanno. E' il momento di pensare in grande.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • gianluigi f. Utente certificato 7 giorni fa
    Gli italiani si meritano rispetto ? No gli italiani si meritano i politici che votano.Un popolo che permette tutto questo schifo da oltre 20 anni non è vittima ma complice dei delinquenti che hanno ridotto il paese in una latrina maleodorante.
    • Pantomima Rossa Utente certificato 7 giorni fa
      Nel popolo italiano c'è una componente masochista che fa fatica a morire. Potremmo tutti aspirare a molto di più ma ci limitiamo a vivere di luce riflessa sulla ricchezza di questo o quel politico.
    • Rolando Turco Utente certificato 7 giorni fa
      Concordo,c'è da dire però che prima non c'erano alternative sui ladroni di turno da votare;ora fortunatamente è nato ilM5S.
  • Maria Pia Caporuscio 7 giorni fa
    Sentire quel vecchio sozzone (risuscitato dal burattinaio fiorentino) sputtanare il M5S che non ha mai governato, quando lui l’ha distrutta l’Italia, fa ribollire il sangue. Un essere corrotto fino al midollo, che osa accusare di incapacità i 5 Stelle è da brivido e mi chiedo come si può permettere ad un avanzo di galera che ha portato una ricca nazione ai livelli di terzo mondo, di diffamare in televisione, nei telegiornali addirittura, un Movimento totalmente estraneo alla rovina d’Italia. Questa vergogna è la dimostrazione che in questo paese l’informazione è morta e ha lasciato il posto alla disinformazione. E’ vergognoso per chi si ritiene “giornalista” stravolgere le notizie tradendo una nobile professione. E’ per davvero osceno manipolare la popolazione plagiandola nelle scelte, Oltretutto si obbligano i cittadini a pagare il canone per farsi fare del male da questo lurido e corrotto sistema di manipolazione di massa. Questa oscenità permette alla peggio categoria politica di avere sempre la meglio e di continuare a depredare la nostra povera nazione. Ma ci rendiamo conto che questo individuo ha portato le sue amanti in Parlamento? Ci rendiamo conto quale feccia sgoverna questa nazione? Cristo, ma l’Italia non è anche la patria di queste serve di potere? E non si sparano prima di far violentare il paese più bello del mondo? Con quale coraggio osano diffamare i 5 Stelle proprio quelli che dovrebbero essere giudicati dalla corte marziale per alto tradimento? Nessuno di questi politicanti è degno di nominare un Movimento che ha il solo scopo di restituire agli italiani e alla nazione quella dignità che gli è stata tolta. Come si fa a riproporre alle prossime elezioni un essere inaffidabile che ha trascinato gli italiani in miseria, che li ha sputtanati col suo vergognoso comportamento e tutte le schifezze commesse nelle sue residenze con mignotte e papponi, ma anche per aver messo in ridicolo gli italiani con la sua crassa ignoranza continua sotto
    • ilpartitosulniente 7 giorni fa mostra
      STAI PARLANDO DI BERLUSCONI? DA ANTIBERLUSCONIANO TI GARANTISCO CHE PREFERISCO 1000 GOVERNI BERLUSCONI PIUTTOSTO DI UNO SOLO TUO DA ZECCACOMUNISTOIDEMONDIALISTA!
    • Maria Pia Caporuscio 7 giorni fa
      e la ridicola ostentazione di onnipotenza. Un essere che ha permesso a delle escort di dettare legge agli italiani? Ma si rende conto il popolo italiano che razza di merde dovrebbe governare l’Italia? Gentaglia priva di onore e dignità che osa diffamare i 5 Stelle quando dovrebbe lavarsi la bocca con l’acido muriatico prima di nominare l’onesto e pulito Movimento 5 Stelle!
  • Daniela bonciani 7 giorni fa
    Avete visto cosa scriveva ad agosto su facebook l'antischettino De Falco su Dibba e Di Maio? Uno che derideva il movimento dovrebbe diventare un nostro portavoce? CORRERE AI RIPARI PER FAVORE!
    • A.Hux. 7 giorni fa
      Ecco di nuovo la vexata quaestio sui mezzi e i fini. Nella fattispecie, De Falco: tirerà voti? Senz'altro; è meglio di Schettino? Mahh!!!
    • harry haller Utente certificato 7 giorni fa
      ...scusate, se parlava der Suino Arcoriensis.....
    • harry haller Utente certificato 7 giorni fa
      ...ah, quello che diceva de conosce a memoria " l'elogio della follìa" de Erasmo da Rotterdam...(ma che 'nvece, se confonneva cor "Taccuino di un vecchio sporcaccione" de Bukowski......
    • harry haller Utente certificato 7 giorni fa
      ..ad essere precisi, derideva le persone, ma per "proprieta' transitiva", pure il Movimento....
    • harry haller Utente certificato 7 giorni fa
      Ho letto ; non posso che condividere.
  • Nadia R. Utente certificato 7 giorni fa
    Da FQ - Maroni: "Ho una sola preoccupazione: che possa assumere un incarico di governo il candidato dei Cinque stelle Di Maio, perché so cosa vuol dire governare. Di Maio per me è la Raggi al cubo e il rischio è che l’Italia finisca come spelacchio”. SOLO ALCUNE REAZIONI: -... Si permette perfino di dare giudizi su esponenti di altri partiti che non hanno ancora svolto incarichi e quindi non sono giudicabili. Ma perchè non procede ad una autovalutazione delle tantissime ca***te fatte nello svolgimento dei suoi incarichi a livello sia nazionale che regionale? -Maroni maroni,cresciuto alla scuola di bossi,alleato con b,dopo più di un ventennio al governo,nessuno ti ha mai notato,ti permetti di dire di essere preoccupato se ad assumere un incarico di governo fosse Di Maio? Io credo che dovresti preoccuparti di ben altro..A stare zitti,si fa più bella figura. -Io so quello che avete fatto in 20 anni come centro- dx. E non meritate assolutamente nulla -CARO MARONI, LA POLITICA NON É COME I .....DIAMANTI. NON È PER SEMPRE !!!! NOI SIAMO COME GLI ELEFANTI. ABBIAMO LA MEMORIA LUNGA -Che fifa che hanno questi... lo sanno che il movimento sta crescendo giorno dopo giorno e le stanno provando tutte... ma non basterà -Parla quello che è stato al governo per 10 anni, Voi l'Italia come l'avete ridotta? Non sapete più cosa dire, dovreste andare a nascondervi. -Rassicurate Gentiloni, Maroni e co.., gli italiani hanno già provato il PD, Forza Italia e anche la grande ammucchiata tra loro e andranno OLTRE
    • andrea a44 Utente certificato 7 giorni fa
      marroni il can da prosciutti condannato per aver morsicato il polpaccio di un poliziotto,ha ha ha ha ha ma vaffffffffffff...culoooooo.
  • Dino Colombo. Utente certificato 7 giorni fa
    Esempio?...la Svizzera... Sono forse secoli che non partecipa a una guerra! E la Svizzera sta mille volte MEGLIO economicamente di forse tutte le Nazioni che la circondano (italia in testa che le sta attaccata sotto il culo...alla Svizzera). Eppure, passi la sottile linea del confine tra Italia e Svizzera (basta un passo solo sulle Alpi) e si vive in due mondi diametralmente opposti. PERCHE'???
  • bruno leonardi 7 giorni fa
    La foto del Post con commento appropriato andrebbe SBATTUTA SUI MURI DI TUTTA ITALIA !!! Sul Blog è bella ma poco utile a fare danni a Giorgina e Silviuzzo. Fatelo, chiedeteci i soldi per le spese - ma in fretta - e... i soldi arriveranno. MA IN FRETTA !!!
    • Adelaide C. Utente certificato 7 giorni fa
      GIUSTO!!!!!!!Ragazzi, qui bisogna mettersi all'opera.Basta subire in silenzio.
  • Silvio . Utente certificato 7 giorni fa
    Siamo in campagna elettorale: Fico fai qualcosa affinché sia rispettata la par condicio...fai un casino se non succedesse. NB: questi hanno una credibilità pari a zero ma infinocchiano ugualmente, grazie ai media mainstream compiacenti, una miriade di anziani che si illudono di salvare il proprio orticello con "promesse elettorali" che, inequivocabilmente, saranno disattese. Spiegarglielo anche a chi ormai non crede più a nulla e quindi non si pone il problema di andare a votare...
  • bruno p. Utente certificato 7 giorni fa
    LA METTO,LA TOLGO,LA METTO Negli ultimi decenni le campagne elettorali sono state un continuo via vai di intenti e di promesse. Alcune mantenute che hanno fatto ancora più danni ed altre riproposte da partiti diversi ma l’obiettivo non è stato mai raggiunto. Vogliamo parlare ad esempio della tassa sulla casa?Giusta,ingiusta,ce lo chiede l’Europa. Il vero problema è sempre stato l’adeguamento catastale perché molti ricchi pagano una cifra irrisoria per i loro immobili prestigiosi mentre le periferie,che prevedono costruzioni recenti e quindi un catasto aggiornato pagano di più pur avendo abitazioni con metrature inferiori e in contesti da schifo. E allora che si fa?Per non offendere i “nobili” via la tassa sulla prima casa a cani e porci tanto alla fine sono i comuni che si trovano a corto di tributi mentre il cetto laqualunque fa la sua bella figura di fronte agli elettori. Canone rai?Lo leviamo,lo mettiamo ma mai andare a ritoccare gli stipendi di manager e direttori che la stessa politica impone per ritagliarsi le notizie a proprio piacimento. E poi tanti bla bla bla,la legge Fornero,il Fiscal Compact,il job act,l’articolo 18.Tutte cose votate e stravotate da una maggioranza opportunistica di destra e di sinistra che se ne è altamente fottuta del debito pubblico,dell’occupazione giovanile e dei diritti del lavoratore. Tutti hanno votato per salvare quella parte di paese che se la passa bene a danno di tutti gli altri lanciando qualche bonus e un pò di elemosina pezzente ai più poveri di cui tanto si riempiono la bocca. Sono per la famiglia,quella dei caxxi loro,sono per l’abolizione dei vitalizi ma non votano la legge,sono per lo ius soli ma solo se fa più chic. Destra e sinistra sono la stessa cloaca.
  • bruno p. Utente certificato 6 giorni fa
    PER UN PO’ DI RIPRESA La campagna elettorale delle prossime politiche sta superando ogni immaginazione e i partiti pur di fare proseliti stanno promettendo ciò che mai si potrà realizzare. I conti come sempre non tornano ma questa volta non ci sono proprio le basi visto che nessuno parla di tagli ma solo di aumenti. Tutti i partiti contro il reddito di cittadinanza proposto dal M5S che prevede una spesa di 20 miliardi di euro con tagli mirati di spesa a sprechi ed aumenti di tassazione per quei comparti che l’hanno sempre fatta franca come banche, assicurazioni e gioco d’azzardo. Nonostante per tale proposta ci sia la bollinatura della ragioneria di stato i partiti fanno proposte oscene come la cancellazione della legge Fornero e come? Come rinunciare a 350 miliardi di introiti fino al 2060 senza alcun taglio di spesa o si pensa di agire ancora sul sociale? Come fa Berlusconi a portare il reddito di inclusione a mille euro nella stessa maniera con la quale propose un milione di posti di lavoro in più? E poi c’è l’abolizione delle tasse universitarie di Grasso,il “nuovo” job act di Renzi come se non bastasse il vecchio. Naturalmente i partiti promettono tutto senza alcun risparmio ma solo col debito perché risparmiare vuol dire fare le corna a quelli che li hanno sempre votati. E le promesse di riduzione del debito come avverrebbero?Ma davvero l’Italia può permettersi di sedersi sugli allori? La verità è che il Bel Paese è l’ultima economia occidentale,l’unica con una disoccupazione oltre il 10%,con uno stato ingessato da burocrazia e lavoratori da scambio clientelare.Le imprese faticano a stare sul mercato oberate di tasse e statalismo asfissiante.La disoccupazione giovanile è tra le più alte d’Europa ed il merito non è il nostro fiore all’occhiello. Non c’è alcun paradiso ad attenderci ma sempre e solo lacrime e sangue anche se stavolta potrebbero essere redistribuite in maniera più equa.
    • Eposmail. ,, Utente certificato 6 giorni fa
      tanto semplice quanto ottimo commento.
    • oreste .. Utente certificato 6 giorni fa
      bravo bruno,grazie per i nostri pensieri! Come al solito centri i problemi! Condivido in toto!!!!!!!!!!!!!!!
  • bruno leonardi 7 giorni fa
    -2- Lo vedi che muore troppo presto, ed è una morte assurda come capita quasi sempre agli artisti, che vivono vite tutte loro ed è inutile che proviate a giudicarli coi canoni idioti e stolti del pensiero comune. Lo vedi che canta "nun me scoccia'", inno sublime contro tutti quei rompicoglioni dei logorroici che non hanno nulla da dire e per questo lo dicono. Lo vedi mentre canta di esser pazzo, e se non lo fosse stato non sarebbe stato il genio che è stato, e a sentirlo c'è Careca cotto come un copertone, e poi Maradona che balla neanche lui sa cosa, con un gilet dai colori più vietati di ogni cosa per cui lo hanno condannato. E poi lo vedi con Troisi, con il suo Massimo, che canta "Quando". E lì puoi solo piangere, perché è una canzone che ti strappa l'anima. Che non esiste. Che andrebbe vietata per troppa bellezza. Pino Daniele è uno dei più grandi talenti mai visti, sentiti e vissuti in questo paese. Altro che i guepequeno re di Spotify. Altro che questi pesci piccoli e inutili. Troppo inutili. Dobbiamo coltivare la memoria, ragazzi. E' un nostro dovere: viviamo in un paese che trasuda genio. Solo che siamo i primi a scordarlo. O, peggio, a sputarci sopra. E questo è imperdonabile. Speriamo solo che, prima o poi, piova. "Ma po' quanno chiove/ L'acqua te ‘nfonne e va/ Tanto l'aria s'adda cagna'". Speriamo proprio che piova. Che l'aria cambi. Sì, che l'aria cambi. ***** Post di Andrea Scanzi su FB
  • elio 6 giorni fa
    Loro si che sono bravi a governare,Berlusconi con dell'Utri,Renzi padre e figlio e mamma,Boschi e padre e figlia e fratello. W 5stelle mandiamoli a casa tutti fino al 5°grado .
  • max 6 giorni fa
    La banda renzi e la banda berlusca sono il peggio di questo paese. Forza 5stelle, unica speranza per questo paese.
  • Claudia G 7 giorni fa
    Ah ah ah ah... Renzi non ha idee fa solo un copia incolla...Ecco le sue parole "Sono pronto per la campagna elettorale: il mio collegio sarà Firenze. Passo dall’auto blu alla vespa blu: andrò casa per casa." Di Battista esci da questo corpo!! Ah ah ah!!!
  • Arturo Riccobono 6 giorni fa
    Al M5S posso dire solo GRAZIE DI ESISTERE!! Siete capaci di ridare entusiasmo anche a chi oramai questo paese lo detesta.
  • bruno leonardi 7 giorni fa
    -1- Torni a casa e trovi, su RaiTre, uno speciale su Pino Daniele. "Il tempo resterà". Non ti racconta nulla che non sai, ma te lo racconta bene. Che è poi quasi tutto, per un documentario. Chissà cosa c'era, in questo cazzo di straordinario paese, a cavallo tra i Settanta e gli Ottanta. C'era Ivan Graziani che inventava una musica tutta sua. C'era Rino Gaetano che era il fratello figlio unico di tutti noi. C'era Gaber che aveva già capito tutto. C'erano cantautori mostruosamente bellissimi, tra le torri di Babele di Edo, la musica ribelle di Eugenio, le case del serpente di Ivano, le avvelenate e i rimmel dei due Francesco. La Rimini mai esistita di Fabrizio. C'erano le voci del padrone. C'era il mare profondo di Lucio. C'era Pierangelo a muso duro. C'era Vasco che era già Vasco. C'era il divino Lucio, la batteria il contrabbasso eccetera. C'era una creatività mostruosa, che chissà dove è finita, ora che viviamo 'sta contemporaneità mediamente di merda. E poi c'era Pino. Un illuminato folle, intriso di "appocundria", che metteva sullo stesso piano il blues e la tradizione napoletana, inventando orizzonti alieni con un sound che aveva due palle così e che teneva dentro James Senese, Tullio De Piscopo, Tony Esposito, Rino Zurzolo, Joe Amoruso e talenti infiniti. Pino ha creato un genere e poi ha assecondato l'onda. Sempre l'onda. Anche onde che neanche gli piacevano granché. Lo vedi, adesso, che duetta con Al Di Meola. Con Joe Bonamassa. Con Pat Metheny. Lo vedi che dà del tu a Eric Clapton, no dico Eric Clapton, uno che ha vissuto cinquanta vite ed è morto altrettante volte senza neanche accorgersene. Ed Eric lo guarda, giustamente, come un parigrado. Lo vedi che cambia genere, cambia capelli, cambia chitarre. Ma lo sguardo e il genio no: quelli restano intatti. Post di Andrea Scanzi su FB
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus