Il Fisco contro il risparmio

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

redditometro_2013.jpg

Il Fisco è contro il risparmio, con il redditometro devi rendere conto anche delle spese non coperte dal reddito annuale. Ma non è il cittadino che deve dimostrare allo Stato come spende i suoi soldi, ma è lo Stato che deve spiegare,al centesimo, al cittadino come spende i soldi delle sue tasse. Il redditometro, una mostruosità, va abolito insieme ad Equitalia. Prima è, meglio sarà per tutti.

da Brunoleoni.it
"La circolare con cui, pochi giorni fa, l’Agenzia delle entrate ha reso operative le norme sul nuovo redditometro non contiene indicazioni particolarmente significative rispetto a quanto già non sapessimo dal testo della legge e del decreto attuativo. Sapevamo già che da un lato il nuovo redditometro è più severo del precedente, dal momento che lo scostamento tra reddito dichiarato e spese presunte si riduce da un quarto a un quinto, che è sufficiente che lo scostamento si verifichi per un solo periodo di imposta, anziché due, e che si ritiene che le spese siano sostenute con redditi dell’anno in corso, come se il risparmio non esistesse; dall’altro lato, più garantista nel valorizzare il contraddittorio presso gli uffici dell’agenzia, evenienza tuttavia necessaria data la mole e l’importanza delle presunzioni introdotte.
Erano note anche le tipologie di spese che finiscono sotto lo sguardo dell’Agenzia e come si calcolano induttivamente in mancanza di dati certi, provenienti, ad esempio, dall’anagrafe tributaria o dimostrati dal contribuente. Sapevamo pure che il nuovo redditometro segna la mortificazione del risparmio, quell’attitudine costituzionalmente tutelata che ha evitato finora di individuare una nuova Bastiglia da assaltare.
La circolare, quindi, conferma lo spirito e la ratio che hanno animato il legislatore nella perenne lotta al fantasma dell’evasore, contribuendo a delinearne il profilo: un uomo qualsiasi; un piccolo borghese che si ricorda, bontà sua, di detrarre le spese farmaceutiche dai redditi imponibili e che si premunisce per i tempi duri con una polizza sanitaria. Gente di cui l’Italia è piena, che ha un abbonamento alla stagione teatrale per trascorrere qualche serata diversa, o che si allieta voltairianamente nella cura del proprio orticello (piante e fiori sono elemento indicativo di capacità contributiva per la categoria tempo libero, cultura e giochi). Uomini qualunque, di quelli che ancora per poco avranno la forza morale e economica di foraggiare questo Stato vorace, che da loro tutto vuol sapere, compreso quante volte al giorno chiamano i loro figli (v. voce “spese telefono”), ma che a loro nessuna spesa deve giustificare.
Come si è detto, gli effetti di questo redditometro andranno valutati una volta che sarà utilizzato, dal momento che molto dipenderà dall’uso che l’Agenzia ne farà. Accantonando il fatto che già questa discrezionalità, per non dire alea, è di per sé inquietante, ciò che più inquieta è che in un sistema fiscale da Ancien Régime, in cui una pressione insopportabile sta schiacciando imprese e famiglie, la vite della vessazione giri ancora una volta intorno alla gola del contribuente: sono le sue spese ancora una volta ad essere messe in discussione, mai quelle dello Stato o chi per esso.
Per l’Agenzia delle entrate, questi uomini di medie qualità, così simili l’uno all’altro nei gusti, nei comportamenti e nelle priorità, al punto che ad ogni comportamento di spesa è assegnato un valore medio come se non esistessero le preferenze individuali, sono evasori “salvo prova contraria”, nemici dello Stato, spettri a cui dare la caccia a scopo dimostrativo, perché tutti imparino non più che le tasse sono una cosa bellissima, ma che le spese e i risparmi sono una cosa bruttissima."

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • lostranito rosso Utente certificato 4 anni fa mostra
    Non tutti i simpatizzanti di Grillo sono dei GRULLI CITRULLI. Non ci provi; se vuole un plauso da Berlusconi, Brancher, Cicchitto, Santanchè, Gasparri e Bondi, non si presenti con queste argomentazioni da evasore fiscale, in questo sito. Non ci provi. Non siamo tutti GRULLI CITRULLI
  • ab 4 anni fa mostra
    W MALTA W AUSTRALIA VOLI DIRETTI LAMPEDUSA BRUXELLES, LAMPEDUSA STOCCOLMA PER TRASFERIRE I MIGRANTI. L'IMMIGRAZIONE E' MATERIA UE, SE LI PRENDANO ANCHE LORO UN PO', ASSIEME AD UN PO' DI TUBERCOLOSI. CECILIA PORTATELI A CASA TUA. RIPRISTINARE SUBITO I RESPINGIMENTI. IL DIRITTO INTERNAIZONALE E' CONSUETUDINARIO, LA REALTA' E' CAMBIATA, OCCORRE CAMBIARE ANCHE IL DIRITTO INTERNAZIONALE. E'IN ATTO UN'INVASIONE, DOBBIAMO FERMARLA.
    • dario del sogno Utente certificato 4 anni fa mostra
      Brancaleone: Quella pallida ma appetibile chi è? Teofilatto: Mia sorella. Brancaleone: No, intendo quella a latere con la faccia di baldracca. Teofilatto: Mia matre. Abacuc: Ah!
  • lostranito rosso Utente certificato 4 anni fa mostra
    Lei continua a considerare i sostenitori di Grillo, come dei GRULLI CITRULLI. E' vero che alle ultime politiche sono risultati il primo partito con 8.689.458 voti; è vero che grazie a loro abbiamo un governo "PdL e PD meno elle" (tra l'altro avrebbe dovuto dire PdL e PdL meno elle) condizionato dal pregiudicato Berlusconi; è vero che hanno fatto in modo da costringere Napolitano a rimanere, suo malgrado al suo posto... dicevo tutto ciò è vero, ma lei esagera. Pretende di convincerci che una moltitudine di italiani goda di una polizza sanitaria privata extra aziendale, che si rechi regolarmente al teatro dove è abbonato e che si dedichi con amore e pazienza a recidere i fiori del proprio giardino . Gli stessi GRULLI CITRULLI non sarebbero a conoscenza di quale sia l'evasione fiscale (180 MLD) il costo della corruzione (40 MLD) il baratro del debito pubblico (2050 MLD) la spesa per i relativi interessi annui (90 MLD) ed il disavanzo previdenziale (2830 MLD S.E.O.)? E lei cosa propone? di togliere gli strumenti più efficaci in mano ad Equitalia ed alla Agenzia delle Entrate per provare a ridistribuire più equamente gli oneri fiscali. Complimenti, Brancher, Cicchitto, Paniz e Previti non sarebbaro stati più bravi di lei. A proposito, ha ricevuto già i complimenti di Berlusconi?
    • Luca M. Utente certificato 4 anni fa mostra
      sei davvero un citrullo!!!grazie di averlo dimostrato.anche se non ne sentivamo il bisogno.ora vota pure pd!!!puah..
  • Pinco Pallino 4 anni fa mostra
    BRIATORE Facciano tutti i controlli che vogliono, tanto qui non c’è più nessuno da mettere sotto tiro – si sfoga – Oramai sono già tutti fuggiti”. SIAMO PEGGIO CHE NEL FEUDALESIMO DOVE A CHI LAVORAVA GLI VENIVA LASCIATO IL MINIMO PER SOPRAVVIVERE ... A STENTI! QUESTE PERCENTUALI DI TASSAZIONE NON SONO ALTRO CHE USURA E RAPINA!
  • Pinco Pallino 4 anni fa mostra
    LALLA E' RIMASTA AL REGNO DELLE DUE SICILIE! DIFFICILE DA SCUSARE! BRASILE ED INDIA IN 150 ANNI SONO DIVENTATE SUPERPOTENZE ECONOMICHE, LA TERRONIA E' IL FANALINO DI CODA IN QUALUNQUE COSA. PRIMEGGIA SOLO IN COSE ILLEGALI!
  • Pinco Pallino 4 anni fa mostra
    IN TERRONIA IL REDDITOMETRO GLI FA UNA SEGA!
    • Lalla M. Utente certificato 4 anni fa mostra
      I primati del Regno delle Due Sicilie prima dell'occupazione piemontese (finanziata dai Rothschild) https://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded
  • Pinco Pallino 4 anni fa mostra
    michele ., rimini NON ERA IL MOVIMENTO 5 STELLE CHE VOLEVA VENISSE SOSPESA L'IMU PER GLI ALBERGATORI? AH AH AH AH
    • michele . Utente certificato 4 anni fa mostra
      Non sono abituato a bermi di tutto.. Votare m5s non vuol dire mettersi il paraocchi Di cazzoni ce nè anche qui
  • Pinco Pallino 4 anni fa mostra
    Il governo del tassare! Andrea Zanella, Pedavena ++++ IL SINDACO DI PARMA, GRILLINO, PARE CHE NON SIA IN CONTROTENDENZA!!! A MINOR TRASFERIMENTI STATALI E' D'OBBLIGO COMUNQUE FAR QUADRARE IL BILANCIO E I SINDACI COME LO FANNO? ALZANDO LE ENTRATE LOCALI! RICORDO A TUTTI, ANCHE I GRULLI PRESENTI IN PARLAMENTO CHE GLI 0,30 EURO A METRO QUADRATO DELLA TARES ANDRANNO ALLO STATO CHISSA' PER SPEDIRLI DOVE! RICORDO ANCORA CHE L'IMU DEL FABBRICATI CATEGORIA "D", QUASI TUTTI AL NORD, VERRA' TASFERITA PER INTERO ALLO STATO CHISSA' PER SPEDIRLI DOVE! NEL MERIDIONE ...... OVVIAMENTE!
  • Pinco Pallino 4 anni fa mostra
    Il redditometro, una mostruosità, va abolito insieme ad Equitalia. Prima è, meglio sarà per tutti. ++++++ VISTO CHE IN RETE SI LEGGONO CHE GLI STRUMENTI PER SBARAZZARSI DI EQUITALIA CI SONO E SONO STATI UTILIZZATI A BUON FINE DA ALTRI SINDACI, CI SI CHIEDE PERCHE' AD ESEMPIO IL SINDACO DI PARMA NON VI HA ANCORA PROVVEDUTO!!! COME AL SOLITO RAZZOLATE MOOOOLTO MALE!
  • Pinco Pallino 4 anni fa mostra
    Il redditometro, una mostruosità, va abolito insieme ad Equitalia. Prima è, meglio sarà per tutti. ++++++ VISTO CHE IN RETE SI LEGGONO CHE GLI STRUMENTI PER SBARAZZARSI DI EQUITALIA CI SONO E SONO STATI UTILIZZATI A BUON FINE DA ALTRI SINDACI, CI SI CHIEDE PERCHE' AD ESEMPIO IL SINDACO DI PARMA NON VI HA ANCORA PROVVEDUTO!!! COME AL SOLITO RAZZOLATE MOOOOLTO MALE!
  • guest 4 anni fa mostra
    Il redditometro c'e' in tutti i paesi Europei. E quando ti beccano a non pagare le tasse negli altri paesi ti danno multe che ti fanno fallire. Direi che questo e' un'altro post da dimenticare. L'Italia e' il paese dove sono tutti furbi e le cose devono cambiare. Concordo pero' che tale rigidita' deve essere replicata con la spesa pubblica e le tasse delle grandi corporazioni con sedi a San Marino, Caime etc La frontiera con San Marino andrebbe chiusa del tutto fino a che non danno totale trasparenza bancaria e fiscale.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus