Polli alla diossina nel Nord Italia: chi nasconde lo scandalo?

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Marco Zullo, Efdd - MoVimento 5 Stelle Europa

"La Commissione europea ha finalmente risposto al mio ennesimo accesso agli atti inviandomi il documento che fa chiarezza su chi le abbia comunicato i dati che minimizzavano la grave situazione di diffuso inquinamento ambientale presente nell'area di Maniago (PN), non permettendole di prendere in considerazione i due polli che risultavano contaminati dalla diossina.

Da tempo mi sto occupando personalmente del caso. La risposta alla mia seconda interrogazione che ho presentato il 6 ottobre 2016 al Commissario alla Salute Andriukaitis è stata: "i due campioni non conformi ai limiti massimi di diossina presenti nelle carni di pollo analizzati nel 2015 provenivano da due piccole aziende a conduzione familiare, situate l'una vicino all'altra, in cui era allevato solo un numero ridotto di galline ovaiole. La situazione di queste aziende a conduzione familiare è stata oggetto di verifica in loco da parte delle autorità sanitarie locali mediante analisi dell'ambiente e degli alimenti di origine animale. Il problema è stato individuato nella cattiva manutenzione del cortile in cui erano allevati i polli ruspanti, dove sono state riscontrate prove dello sversamento di rifiuti (oli lubrificanti, ceneri residue e rifiuti incombusti)".

Finalmente ho in mano il documento in cui si vede che la suddetta frase incriminata proviene in realtà dalla comunicazione ufficiale del Ministero della Salute italiana, che risponde alla Commissione europea proprio in merito alla mia prima interrogazione del 16 febbraio 2016, come si può leggere nell'oggetto stesso della comunicazione, che potete trovare qui in allegato.

Visto che il Ministero per rispondere alla Commissione europea si basa sui documenti che riceve dalla Regione Friuli Venezia Giulia, che è dunque la prima responsabile della grave minimizzazione del caso, chiedo ancora una volta a gran voce che la Regione scopra le carte e adotti tutti i provvedimenti necessari per portare alla luce il responsabile di questa inadeguata vigilanza. Saranno in grado di risponderci chiaramente una volta per tutte?"

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • alessandro diana Utente certificato 8 mesi fa
    Ma , a prescindere dal singolo caso , non e' giunto il momento di fare una proposta di legge per avere in Italia solo allevamenti di animali allevati in modo non intensivo , liberi di pascolare felicemente dove vogliono . Penso che sarebbe cosa buona mangiare meno carne ( quando ero bambino la mangiavo solo alla domenica ) ma se proprio la voglio mangiare , che almeno sia di un animale che ha vissuto vedendo rispettata la sua dignita' di essere vivente .
    • Alessandro Poggi 8 mesi fa
      La malafede porta alle tue affermazioni. Gli allevamenti dai quali provenivano gli animali in questione erano a carattere rurale, non realtà industriali. Inoltre, non ha senso ridurre il consumo di carne bianca, salvo non sostituirla con uova, pesce, formaggi. Sei libero di ridurre il consumo di carne, basta non appartenere alle categorie VEGETARIANO o, peggio, VEGANO, serve dei massoni USA, quelli che vogliono imporci CETA e TTIP. In caso di militanza demenziale, torniamo alla malafede di cui sopra.
    • rosanna scarpa 8 mesi fa
      sono d'accordissimo con lei su tutto. abbiamo bisogno di chiarezza e nel frattempo io non mangio carne da anni, per evitare. se lo stato non fa qualche cosa e se tutti smettessero di mangiarne per protesta, cambierebbero subito i metodi di allevamento. anch'io pretendo una vita degna e felice per tutti gli animali, compresi noi. sara' tutta salute per tutti. ma lei crede veramente che qualcuno capisca? davanti ai soldi perdono quasi tutti la testa. basta guardare i mari che sono stati saccheggiati con la scusa dei soldi e della famiglia. ora che non e' rimasto quasi piu' niente, tutte quelle famiglie non avranno nulla. contenti? ma a volte penso che e' la giusta fine che meritiamo. questo vale anche per la terra e l'aria. si mangeranno i soldi e faremo la fine di re mida.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus