Virginia Raggi: la candidata sindaco favorita a Roma, da The Guardian

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

virginiafavorita.jpg

Di seguito la traduzione, concordata con l'autrice dell'articolo, del pezzo uscito oggi sul Guardian dal titolo "Corruzione e rifiuti, temi top nell'agenda dell'inaspettata e favorita candidata sindaco di Roma"

L'avvocatessa Virginia Raggi rappresenta il partito euroscettico fondato da un comico, e cerca di scuotere la Città Eterna. Nella Roma che ha in mente Virginia Raggi, che compete per diventare il prossimo sindaco della città, una nuova flotta di autobus viaggia in corsie preferenziali, il traffico scorre senza intoppi grazie a un sistema di semafori intelligente, la raccolta dei rifiuti avviene regolarmente e i contratti pubblici sono vagliati e gestiti con attenzione.
Potrà non sembrare un piano particolarmente ambizioso per una delle principali capitali europee. Ma per chi abita nella Città Eterna e conosce molto bene l'enorme gap tra la visione romantica della città e la realtà quotidiana di chi ci vive – i cassonetti strapieni, i trasporti pubblici inaffidabili, i parcheggi illegali dilaganti e i parchi pubblici trascurati, questo non è azzardato definirlo una rivoluzione.
La nostra visione è quella di una città vivibile, prima di tutto, cosa che al momento non è, per tutti i Romani che vivono qui e per tutti i turisti che si ritrovano in una città devastata a molto difficile,” dichiara Raggi.

VIDEO La Raggi è la donna giusta per Roma

La ribelle avvocatessa di 37 anni, ex consigliera comunale di Roma, è emersa come una dei favoriti nelle elezioni che dovrebbero tenersi a Giugno, otto mesi dopo che Ignazio Marino, l'ex sindaco del PD e chirurgo che aveva promesso di resuscitare la città, è stato fatto fuori in seguito a uno scandalo che riguardava le sue spese.
Se vincesse, Virginia Raggi non solo sarebbe la prima donna ad amministrare la città, ma segnerebbe anche una vittoria significativa per il Movimento 5 Stelle, il partito euroscettico populista fondato dall'ex comico Beppe Grillo, che ora è il secondo partito in Italia.
Mentre il M5S di Grillo è stato visto per tanto tempo come partito di protesta a corto di strategie politiche e decisamente bizzarro, l'ascesa di raffinate figure politiche come la Raggi segna in Italia un importante punto di svolta per il partito ed è un segno che questo potrebbe andare oltre Grillo. Sarebbe anche una sconfitta umiliante per il Primo Ministro del PD Matteo Renzi. Alla domanda che opinione abbia del premier, anche lui ex sindaco, la Raggi non esita a dire in modo tranchant che “sta lavorando per le banche e non per i cittadini.”
Per quanto riguarda l'altro uomo importante a Roma – Papa Francesco – la Raggi dice che ha pensato che fosse un grillino, come sostenitore delle idee del M5S sull'ambiente e per le sue dichiarazioni contro la corruzione. Se venisse eletta, uno dei suoi obiettivi sarebbe richiedere il pagamento di una somma che oscilla tra i 250 e i 400 milioni di € di tasse apparentemente dovute su beni immobili del Vaticano non destinati a fini religiosi, che- a quando dichiara- non sono mai stati riscossi dalle precedenti amministrazioni per il timore di sfidare la Chiesa.
Io penso che su questo punto potremmo avere una discussione franca” dice, e fa notare che il Papa ha già sollevato la questione in passato. In un'intervista al Guardian in un ufficio che è a pochi metri dalla residenza del Primo Ministro, Palazzo Chigi, e nel bel mezzo di una corsa che è stata dominata ultimamente dai battibecchi tra rivali di destra – sul fatto che una donna che è anche madre possa fare il sindaco – Virginia Raggi si è mostrata felice di potere parlare dei temi che sono le tre priorità: mobilità, trasparenza e gestione dei rifiuti.
Lei è contraria al fenomeno tipicamente romano e che “praticamente non esiste all'estero” di persone che viaggiano sui mezzi pubblici senza pagare il biglietto (è un sistema che si basa sulla fiducia e che effettua controlli molto raramente).
C'è bisogno di più controllori, e pensiamo di rendere obbligatoria la salita dalla parte anteriore dell'autobus. Faremo piccole cose, cose di buon senso, cose che non sono mai state fatte”.
Dobbiamo riportare la legalità, qualcosa che a Roma, in Italia non c'è” dice.
Raggi si focalizza sul tema del trasporto pubblico: intende sostituire i bus cittadini vecchi di 15 anni con una nuova flotta di mezzi ibridi e dice che non una fan di Uber, che lei ritiene crei “concorrenza sleale”. Intende anche riorganizzare la circolazione dei furgoni in città, e afferma che non è sostenibile che ce ne siano migliaia che circolano per Roma a volte solo per trasportare un pacco o due.
Ma Raggi riconosce che per ottenere risultati a Roma bisogna fare i conti con l'alto livello di corruzione. Mentre Roma prima era considerata esterna alle capitali ufficiose del crimine organizzato italiano, la Sicilia, Napoli, Reggio Calabria – la serie inarrestabile di scandali conosciuti come “Mafia Capitale” ha mostrato chiaramente che praticamente tutti i servizi pubblici della capitale d'Italia sono macchiati dalla corruzione e da una gestione inefficiente. La risposta di Raggi è più trasparenza, più controlli e un sistema open data.
Ci sono dipendenti che vogliono lavorare onestamente a Roma e che vogliono aumentare i controlli interni ed esterni”, dice.
Si tratta di un tema su cui lei è chiaramente allineata con il leader Beppe Grillo. Ma è più morbida su altre, controverse, opinioni di Grillo, che è stato sostenitore di Nigel Farage ed altre figure anti EU.
Alla domanda se lei è d'accordo sul fatto che in Italia ci debba essere un referendum sull'Euro, Raggi dice che i cittadini dovrebbero potere “esprimere la loro opinione” sull'Eurozona, ma riconosce anche che per l'Italia è meglio essere parte dell'Europa che non esserlo.
Penso che sarebbe difficile uscire dall'Europa, ma l'Europa deve cambiare.
Mentre difende una recente e controversa mossa di Grillo, che ha respinto un un accordo politico in cui il M5S avrebbe supportato i diritti genitoriali di coppie dello stesso sesso come parte di un decreto più ampio sulle unioni civili – la proposta ha dovuto essere ritirata – dichiara di essere personalmente a favore dei diritti di genitori dello stesso sesso.
Mostra punti di vista diversi anche rispetto alle opinioni a volte xenofobe di Grillo sull'immigrazione, e afferma che Roma ha bisogno di identificare più rapidamente chi sono i richiedenti asilo, ma che la città ha degli obblighi di legge rispetto all'accoglienza dei migranti.
Dobbiamo capire i motivi per cui queste persone lasciano i loro Paesi – si tratta di guerre che tutti noi abbiamo contribuito a generare”, dice.
Per ora, la sua candidatura è stata offuscata solo da un'unica controversia: il suo apprendistato, da neolaureata, in uno studio legale dell'avvocato dell'ex premier Silvio Berlusconi, Cesare Previti, che è stato poi condannato per corruzione di un giudice.
Lei denuncia un dibattito che ha generato molta confusione ed afferma che si trattato di un attacco a tutta la categoria degli avvocati.
Il messaggio che hanno trasmesso è che se si un avvocato e difendi un criminale, anche l'avvocato è un criminale. Se sei un medico e operi un mafioso, sei anche tu mafioso?”, chiede.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • bruno p. Utente certificato 1 anno fa
    LA COERENZA E' LA SUA FORZA Il M5S da quando è entrato in Parlamento non ha mai disatteso le richieste e le aspettative dei suoi elettori,mai.Certo ci sono state le defezioni,gli allontanamenti,qualche bega interna ma durante ogni votazione su proposte o disegni di legge non è mai stata tradita la volontà degli elettori anche a rischio di perdere consensi per la testardaggine di non scendere mai a compromessi con i partiti e viceversa per aver sostenuto gli stessi quando una determinata proposta rispecchiava a pieno ciò che faceva parte del programma. Nelle amministrazioni si segue la stessa linea.Le persone sono scelte dagli iscritti,quelli storici per evitare qualsiasi contaminazione e manipolazione del voto.Inutile avere 50.000 votanti alle primarie se più della metà non conoscono neanche il candidato o il suo programma o se la stessa persona vota più volte per fare numero.In sintesi pochi ma buoni. Parlano tutti di cambiamento e di rottamazione ma nessun partito poi si rinnova realmente candidando sempre gli stessi politici di carriera puntando più sul marketing che sulla sostanza del prescelto. Gli eletti del M5S commetteranno anche errori all'inizio del loro insediamento ma sono persone con facce ed anime nuove nell'ingessato panorama politico Italiano per poi scoprire che hanno doti e qualità di amministrazione ben al di sopra di quanto prevedevano opinionisti prezzolati. Bisognerebbe capire fino in fondo cosa vuole la gente e quali siano le reali esigenze dei cittadini ma se la linea della coerenza del movimento è sempre la stessa i suoi candidati alle amministrazioni avranno sempre il vantaggio di offrire un programma ben coordinato e sopratutto la rinata volontà di partire dall'onestà per dirigere le comunità. Volevate il nuovo ecco ora c'è la possibilità di cambiare davvero altrimenti rassegniamoci tutti a dire "piove,governo ladro"
    • Eposmail. ,, Utente certificato 1 anno fa
      ..è forse troppo ottimistico ambire che la gente possa sapere esattamente cosa vuole,... Un popolo deve essere certamente ascoltato..ma anche consigliato..e guidato.
  • Maria Pia Caporuscio Utente certificato 1 anno fa
    Caro elettore che con fiducia ti rechi alle urne per votare un partito che ancora ritieni di sinistra, non sai quanto ti stai sbagliando: la sinistra è morta, uccisa proprio da quelli che ancora si professano “sinistra”. Hanno ucciso il loro partito proprio come Bruto e i fedelissimi uccisero Cesare. Caro elettore quel glorioso Partito Comunista è morto con Berlinguer e tutti coloro che sono venuti dopo, lo hanno demolito dalle fondamenta. Per favore ragiona prima di apporre quella x che li autorizzerà ad impoverirti ancora di più, a toglierti gli ultimi tuoi diritti, ad impedirti di mangiare e curarti dalle malattie perché la sanità la dovrai pagare a tue spese, perché il pane che mangi sarà sempre più caro per chi come te ha ha speso la vita a lavorare, invece di rubare come hanno fatto e fanno tutti quelli che ti appresti a votare e che col tuo voto li autorizzerai a continuare a farlo. Rifletti Cristo: se la guerra la chiamano pace, se la disoccupazione la chiamano crescita, cosa credi che intendono quando ti dicono che aumenteranno le pensioni? Ragiona prima di apporre quella x, ricordati come vivevi prima e fai la differenza a come ti hanno ridotto: ti alzavi la mattina con la certezza del lavoro, che ti permetteva di comprarti una casa o di poter pagare con tranquillità l’affitto, di avere il frigo pieno, di portare la famiglia al mare durante il mese di ferie, di assicurarti una vecchiaia serena e senza problemi e fai la differenza con tuo figlio, che non avendo un lavoro fisso può essere licenziato su due piedi e senza neppure una giusta causa. Come può farsi una famiglia senza la certezza di un lavoro: se lo licenziano come la mantiene? Rifletti sul perché vogliono il tuo voto, perché loro il posto fisso ce l’hanno e intendono mantenerselo a qualunque costo, perché guadagnano in un giorno quello che tu guadagni in un anno, te ne rendi conto o no? (continua nei sottotitoli)
    • Maria Pia Caporuscio Utente certificato 1 anno fa
      Caro Mic i pensionati riuscirono a conquistarsi quei diritti che noi ci siamo fatti togliere
    • Maria Pia Caporuscio Utente certificato 1 anno fa
      io credo siano più svegli dei giovani
    • mic. 1 anno fa
      se aspettia che si svegli il pensionato italiano, siamo fottuti
    • Maria Pia Caporuscio Utente certificato 1 anno fa
      auguriamoci che ci riflettano almeno carissimo Oreste
    • oreste ★★★★★ °.° Utente certificato 1 anno fa
      grazie Maria Pia,ma servirà per un popolo di rincoglioniti? Smack ^.^
    • Maria Pia Caporuscio Utente certificato 1 anno fa
      Li terrorizza l’idea che vi possiate svegliare, che arriviate a scoprire che vi stanno ingannando, temono più della peste la nascita dei Movimenti contro il sistema, per questo gettano fango su di loro attraverso i media, per impedire a quelli come te (che ancora credono da romantici sognatori) che siano rimasti di sinistra, quando sono diventati addirittura peggiori delle destre, perché abusano della buona fede degli ingenui e onesti cittadini per depredarli e depredare la nazione per quell’insana sete di potere e denaro di cui sono affamati. Svegliati caro pensionato che sogni un mondo migliore, non è dal partito dei traditori che potrai realizzarlo, perché il mondo sarà migliore solo se li manderemo a casa!
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus