Rifiuti dal Lazio all'Emilia? Ecco cosa sta succedendo veramente

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Vittorio Ferraresi, Portavoce MoVimento 5 Stelle Camera

Su molti giornali si legge la notizia dei rifiuti romani smaltiti in Emilia. Peccato che la maggior parte delle cose scritte sia un guazzabuglio di inesattezze, omissioni e falsità. Proviamo quindi a fare un po’ di chiarezza su quanto sta succedendo.

La Regione Lazio governata da Zingaretti (a guida PD) ad oggi non ha un piano rifiuti aggiornato (ebbene sì, la gestione dei rifiuti è di competenza delle Regioni) così appena la Toscana (a guida PD) a causa di una grave inchiesta (ricordate l'intercettazione shock “I bambini? Che muoiano tutti, non mi importa!”, ecco quell’inchiesta) ha dovuto sospendere gli accordi sullo smaltimento con il Lazio tutta la Regione è andata in tilt.

La Regione Lazio è dovuta quindi correre ai ripari con una richiesta fatta ad altre regioni, richiesta resa possibile dall'approvazione dello "Sblocca Italia" (votato da PD e Forza Italia in questa legislatura) che ha permesso l'export di rifiuti in tutto il Paese. Occasione ghiotta per alcuni, compreso il presidente dell'Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, che non se la è fatta scappare. Quello dei rifiuti è un business di non poco conto.

Veniamo ora a Roma. La Capitale ad oggi tocca il 45% di raccolta differenziata ma la giunta 5 Stelle ha avviato un piano di gestione rifiuti 2017-2021 con l’obiettivo del 70% di differenziata e riduzione rifiuti. A febbraio partirà la raccolta differenziata porta a porta spinta per 490mila cittadini ed entro il 2018 saranno 1.1 milioni di cittadini serviti da questo sistema. Nel frattempo, sempre a Roma, è iniziato l’iter per costruire 2 impianti di compostaggio e 1 impianto di riciclo.
Ovviamente i problemi creati da decenni di malgoverno di destra e sinistra sui rifiuti non possono essere risolti in un anno ma richiedono più tempo. Questione che però, come sottolinea da Roma il nostro portavoce Diaco, c'entra il giusto: "Chi "aiuta" si permette anche di dare lezioni di stile alla sindaca di Roma in merito alla presunta arroganza da lei usata, dimenticando che la Sindaca Raggi non disse una sola parola sulla questione perché gli accordi erano fuori dal suo perimetro, bensì nel perimetro dei governatori regionali. È il copione teatrale che richiedeva questo strumentale colpo di scena per conquistare più audience dell'eroe per caso Bonaccini che scade come lo yogurt.

Veniamo ora al grande salvataggio. Il copione teatrale regge confidando nell'ignoranza di chi non è addetto del settore e nella strumentale complicità mediatica.
E se il pubblico si accorgesse che non si tratta di un salvataggio ma di uno spot natalizio di un partito allo sbando in cerca di un posto nella storia? Gli improvvisati registi troppo compiaciuti per l'anteprima teatrale apparentemente ben riuscita si sono dimenticati di scrivere il finale della commedia con il rischio che gli italiani se ne possano accorgere..."

Concludendo, in Emilia-Romagna i rifiuti potrebbero addirittura non arrivare, visto che l’ipotesi più plausibile è che siano trattati in impianti più vicini, più economici e meno impattanti.

Stiamo seguendo l'evolversi della situazione, ma due cose devono essere chiare:

1) la si deve smettere di raccontare bugie ai cittadini;
2) l'Emilia ha già dato.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Vera Vento 12 giorni fa mostra
    Il M5S è morto, viva il M5S. Ecco cosa è successo veramente: visto che il tentativo di far ratificare le modifiche al Non Statuto dai 3/4 degli iscritti era fallito, i Vertici hanno “democraticamente” deciso la morte di quel M5S, che non si intendeva diventasse un partito, sostituendolo con una Associazione partito. Una partito che non c’entra niente con un “Movimento di cittadini punto e basta, senza capi né padroni”, e tanto meno con “un movimento rivoluzionario venuto al mondo per riconsegnare la politica nelle mani dei cittadini”, “riconoscendo alla totalità degli utenti della Rete il ruolo di governo ed indirizzo normalmente attribuito a pochi.” Una Associazione che come tutti i partiti ha l’obiettivo tipico di GOVERNARE, non certo di attivare una Trasparente Piattaforma con cui Testimoniare la e-democracy anti delega uno vale uno. Un partito che non si contraddistingue certo per “la Democrazia Diretta e la Trasparenza” e dove non sono certo “gli iscritti a dettare la linea politica che i Portavoce devono semplicemente eseguire.” Un partito nel cui programma “deciso dai Vertici”, non leggeremo certo punti per una sovranità appartenente davvero al popolo, tipo una Banca e una moneta appartenenti al popolo o tipo una Italia Federale e una Europa Confederale, ordinamenti dove si decide Direttamente dal basso. Un partito che non convocherà certo una Assemblea online degli iscritti allo scopo sia di decidere le caratteristiche tecniche, le modalità gestionali e di verifica dati per una Trasparente Piattaforma “ uno spazio dove ognuno veramente conterà uno”, sia di eleggere Democraticamente i gestori degli Strumenti di Rete del M5s : Piattaforma, Forun e Blog delle Stelle. P.S. Voi potete censurare un post dal Blog ma non potete fermare il vento. https://youtu.be/0ro1ksuJV2A
  • ugo morelli 12 giorni fa mostra
    AVV.UGO MORELLI, PRESENTAZIONE PROPOSTA CANDIDATURA NEL M5S ELEZIONI NAZIONALI DEL 4 MARZO 2018, PER I COLLEGI DI ROMA e COSENZA CHI E’ MORELLI ? -------------------------------------------------------------- IL PASSATO: Prima della nascita del m5s, DAL 1986 AL 1990, sono stato CONSIGLIERE di PROVINCIA COSENZA,NEL VECCHIO e DEFUNTO PARTITO PSI, militando nella sinistra di Mancini. Alla PROVINCIA DI COSENZA, nel 1986, fui eletto con circa 85% voti a Consigliere, nel collegio di Cosenza Città, dopo che avevo fatto annullare le votazioni da TAR e CONSIGLIO STATO, per brogli elettorali, quale candidato non eletto. Nel psi sono stato pure RESPONSABILE di Commissione Naz. Giustizia. Appena è nato il m5s vi ho subito aderito. ATTUALMENTE SONO RESPONSABILE COORDINAMENTO MEETUP M5S di Roma e Provincia, nonchè responsabile meetup Giustizia Sociale di BRACCIANO, ANGUILLARA,MANZIANA E ROMA-CLODIO Municipio 1. Ho aderito subito al m5s,sin dalla sua nascita. Ho fatto tutte le campagne elettorali, e spesso presente in eventi pubblici del m5s a Roma e provincia, e Cosenza. Sono iscritto, da diversi anni, in circa 50 meetup, nonchè nel blog di Grillo. Su FACEBOOK: ho circa 5'000 amici, di cui circa il 70% sono conosciuti personalmente. AVVOCATO, iscritto Ordine di Roma dal lontano 3.12.1976, e dal 19.4.1991 sono avvocato di Magistrature superiori, Corte Suprema Cassazione ,Corte dei Conti e Consiglio di Stato. DIFENSORE DI UFFICIO, nel settore penale, presso tutti uffici giud.di Roma,da molti anni. Sono stato GIUDICE ONORARIO PENALE DI ROMA, per circa 13 anni, di cui tre come PM in udienza. Sono iscritto a ORDINE GIORNALISTI, dal lontano 16.10.1971. Sono tuttora Direttore resp., e fondatore nel 1975, del giornale CORRIERE DI CALABRIA Sono stato Direttore resp. e fondatore di RADIO COSENZA CENTRALE e della TELEVISIONE TELEVIDEO PM DI COSENZA. Sono stato PRESIDENTE COMITATO PROV.LE PRO-LOCO DI COSENZA e PROVINCIA. Tuttora sono PRESIDENTE ASSOC.AMICIZIA CALABRIA-LAZIO
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus