Il gioco della paura

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Beppe Grillo

Giovedì il populista Corbyn, laburista, ha ottenuto molti più seggi di quanto ci si aspettava, ma ha perso contro la populista May che comunque non avrà la maggioranza con il suo ministro (sarà primo ministro con un parlamento in cui si troverà “appesa”). Ieri sera c’era un’aria euforica nei media italiani, un vero dilemma “mandato in caciara” dai grandi commentatori. Mentre commentavano la schifezza sulla legge elettorale. c'era chi era talmente euforico da dire che "perlomeno il governo Gentiloni non rompe i coglioni a nessuno". Caspita Zucconi!

Adesso chi è il populista? Erano pronti a dare del populista al perdente assoluto ma... non ha perso nessuno dei due (May e Corbyn) e allora per un po’ il blatereccio dei nostri commentatori e analisti più esperti è diventato bipartisan.

La May è populista perché gioca sulla sicurezza, sulla paura degli attentati, e tifa per la brexit, mentre Corbyn è populista perché parla di Welfare e di diritti dei cittadini!

Ecco un effetto paradossale della paura immaginata da chi la fomenta, da chi vuole sfruttarla: risultati imprevedibili alle elezioni perché non sappiamo nulla delle vere paure, timori e preoccupazioni della gente. In questo caso il popolo inglese non era così terrorizzato dai terroristi da consegnare del tutto in mano alla May il paese, ma neppure così prostrabile alle banche. Per questo i commentatori erano confusi, euforici, addirittura prima della chiusura delle urne, durante l’apertura e dopo.

Di che cosa hanno più paura gli elettori inglesi? Probabilmente non hanno paura come si immaginano i terroristi e chi li esalta condannandoli (o li condanna esaltandoli). Sono preoccupati, è un popolo forte, cresciuto sotto gli attentati dell’IRA ed è difficile che abbiano abusato del termine populista come succede qui in italia da parte dell’establishment.

Così l'altra sera i media italiani erano in stato confusionale ma sereno, forse perché non avevano già la certezza di chi avrebbero dovuto leccare: accidenti un attimo di tregua fa bene a tutti.

La “May ha giocato sulla paura” quindi è populista.

Se di gioco stiamo parlando allora ha giocato male. Se la paura è il vero soggetto della frase mi chiedo se è mai successo che la politica abbia provato a considerare la paura in se stessa, invece di una specie di risorsa da sfruttare alle elezioni. E’ sicuramente vero che il mondo occidentale sta vivendo una grande incertezza, eppure io non saprei dire se i cittadini hanno più paura di perdere il lavoro oppure di essere attaccati (in Europa) dai terroristi.

Noi condanniamo ciò che temiamo di più oppure quello che i media ci propinano dalla mattina alla sera?
So che moltissimi italiani hanno paura della loro buca delle lettere. Quel governo che “non rompe i coglioni a nessuno” abolisce Equitalia, e poi sostiene che era possibile toccare i conti corrente senza il giudice anche prima, ma non dice che adesso chi li può toccare è lo stesso ente creditore!

Non si fanno le porcate solo di diritto, si fanno anche per omissione!
Abolire Equitalia senza dare delle precise norme attuative che impediscano questo avvicinamento fra creditore e conto in banca del debitore è mostruoso, altro che governo che non rompe i coglioni!

Questo fa paura, immagino che coloro che hanno capito il meccanismo abbiano più paura adesso.
Ora potrebbe sembrare che pure io voglia usare la paura, non è così: vorrei guardare in faccia la paura della gente, capire insieme cosa temono gli italiani. Questo è il senso di uno stato democratico ed il senso di pagare le tasse. Accogliere le istanze dei cittadini invece di crearle con la malastampa.

I media si preoccupano così tanto delle paure che scelgono da soli (si chiama propaganda) e noi lasciamo che siano gli italiani a decidere cosa temono di più. Se ciò che temono di più è il terrorismo allora che sia quello il primo argomento da trattare in cronaca e nei dibattiti. Ma al secondo posto ci sarà, ad esempio, il timore di perdere il lavoro, quello di andare in pensione (come e quando) oppure di vedersi depredato il conto corrente senza avere capito il perché. Forse ci sarà una ragione se muoiono più persone per suicidio che per attentati e guerre da tanti anni (la fonte è questa).

Scopriamo prima di cosa sono realmente preoccupate le persone e poi parliamone: questo è il dovere di un servizio pubblico come la RAI. Questo sarà il nostro impegno come Movimento, non somministrare a tutti i faccioni rubicondi dei camerieri mentre tirano il fiato per due orette, perché sono ancora senza ordini dall’establishment, soltanto perché non si era capito a chi dare del populista tra May e Corbyn.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • ALEX SCANTALMASSI 7 mesi fa mostra
    gli italiani vogliono bene a Mattarella, il Presidente della nostra Repubblica, è un giurista, un uomo vedovo cehììhe ha amato la moglie, porcate non ne ha fatte la sua legge era più giusta delle porcate o invezioni che si leggono oggi
  • ALEX SCANTALMASSI 7 mesi fa mostra
    hai visto la May vincitrice ma senza maggioranza ? ti è già successo nel 2013 e ci accadrà di nuovo se perdi la bussola del buon senso molla gli arruffapopoli di mezz'estate e datti una stabilità che duri nel tempo
  • ALEX SCANTALMASSI 7 mesi fa mostra
    dai che non si rimedia a una porcata con un'altra porcata, quando si abaglia si cerca in ogni modo di rifarsi una verginità ! il nostro Presidente della Repubblica non aspetta altro che di vedere in noi i lime del buon senso dopo avere sopportato porcelli e deficentelli
    • ALEX SCANTALMASSI 7 mesi fa mostra
      lume..e questo è quanto :)
  • ALEX SCANTALMASSI 7 mesi fa mostra
    buon sabato pomeriggio signore e signori, come andremo a votare nel 2018? con quale legge ? io lo so che nella vostra mente alberga il buon senso e che la vostra risposta sarà univoca andremo a votare con il Mattarellum... sbarramento al 4%, maggioritario al 75% e bl bla bla... https://it.wikipedia.org/wiki/Legge_Mattarella come biasimare il nostro presidente ? basta con le cazzate che vi fanno comodo, lo sbarramento al 4% è persin troppo alto in un sistema proporzionale che avete voluto
  • Ambra Cadambra 7 mesi fa mostra
    - Il Gioco della verità - “Nell’epoca dell’inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario” Chi sa perché il Trasparente M5S ha difficoltà persino a dire quei tre o quattro nomi dei moderatori - censori del Blog e quali sono le reali regole di censura. Comunque, caro Garante delle regole, è vero o no che il M5S leaderless, senza capi né padroni, ha Regole costituenti che riconoscono il Ruolo di governo ed indirizzo Direttamente alla Rete, senza la mediazione di organismi direttivi o rappresentativi? E’ vero o no che non è attiva alcuna Piattaforma Trasparente che Garantisca alla Rete di esercitare il proprio Ruolo come previsto dal Non Statuto?
    • oreste ★★★★★ °.° Utente certificato 7 mesi fa mostra
      imbecille!
  • Er caciara Utente certificato 7 mesi fa mostra
    la fortuna di viviana vivarelli - bologna è simile a quella di silvio berlusconi - arcore............ hanno abolito i manicomi....... altrimenti, i due, sarebbero stati ospiti sine die... di quelle strutture
    • Patty Ghera Utente certificato 7 mesi fa mostra
      5 manine verdi:)
  • viviana vivarelli Utente certificato 7 mesi fa
    Cerco di farmi spiegare da mia figlia che vive a Londra qualcosa sulle elezioni in UK Intanto l'apparente rimonta di Corbyn (che corrispondo alla nostra vecchia sx) è meno grande di quel che sembra, perché in UK non c'è il sistema proporzionale, si vota per seggi (è un po' come in USA dove si vota per Stati per cui non conta il numero dei votanti ma i voti di ogni Stato e accade che vince TRUMP con 3 milioni di elettori in meno della Clinton, qui è un po' lo stesso) e, se si guarda la distribuzione di seggi sulla cartina inglese, si vede che ci sono solo tre zone dove prevalgono i laburisti: Londra, Manchester e Birmingham. Il resto del Paese è desolatamente in mano ai conservatori (a proposito, nessuno in Inghilterra usa il termine Tories che è offensivo ma magari i nostri giornalisti non lo sanno). Sembra strano che abbia vinto la Brexit quando i conservatori inglesi volevano restare con l'Ue per chiari interessi economici, ma anche qui ha giocato la paura dell'invasione dei flussi stranieri, con tutto che, a causa dell'ex Commonwealth, l'Inghilterra e specie Londra è un coacervo di razze e popoli, e sia la chiesa cattolica che la nuova chiesa d'Inghilterra si profondono moltissimo per sollecitare l'accoglienza e la convivenza, cosa che la nostra chiesa di Roma qui non sembra fare affatto. Il fatto è che il problema del Terzo Mondo che sta incombendo su di noi è enorme e bisognerà che prima possibile sia affrontato in modo serio e che i nostri protettorati europei la piantino di occuparsi solo di patti commerciali e di salvataggi bancari per decidere qualcosa e la miseria di qualche miliardo di affamati spazzerà via l'intera Europa.
    • Gian Paolo Barsi Utente certificato 7 mesi fa
      Anche mia figlia vive a Londra, ma non mi ha spiegato niente. Mi sembra che loro siano molto meno tifosi della politica rispetto a noi. E non hanno problemi di legge elettorale. Beati loro.
    • Viviana Lopia in Via Vivarelli 7 mesi fa mostra
      .Viviana, che bel commento! L'Italia deve imparare ad essere accogliente verso i poveri migranti!! In fondo a loro basta mangiare, dormire, avere il tablet, il telefonino, dei soldi per qualche spesa, qualche scopatina alla'aria aperta tra la gente! Viviana, vieni oggi al circolo? C'è una conferenza sui migranti e ci saranno parecchi neri!! Da divertirsi sicuro!!
  • Bailemme Rodriguez 7 mesi fa mostra
    X Eleuteri Caro Terenzio ti avevo risposto, esponendoti il mio punto di vista, già nel Post precedente ma, dato che la Signora Censura ha messo il pollice verso, vediamo se puoi leggermi qui. Dicevo che il letamaio lo vedo ma non posso fare, come mi suggerisci, “le STESSE riflessioni e considerazioni su tutti gli altri giocatori dell’ occulto ...” perché nessuno degli altri ha mai promesso “uno spazio dove veramente ognuno conta uno” o ha mai detto che il suo partito è un Movimento leaderless - orizzontale nato per Testimoniare la Democrazia Diretta uno vale uno, senza capi né padroni. Nessuno ha mai affermato di essere solo il Garante delle regole e dei principi fondanti né si è dato Regole costituenti che riconoscono il ruolo di governo ed indirizzo direttamente alla Rete, senza la mediazione di organismi direttivi o rappresentativi. Nessuno ha mai parlato di PotaVoce come sempilici terminali nelle Istituzioni, sostenendo che la linea politica e il Programma sono decisi on line dagli iscritti. Nessuno ha mai detto “Se il tuo voto è una delega a qualcuno che decida al tuo posto, non votarci.” Su tutti gli altri giocatori dell’ occulto potrei fare ALTRE riflessioni e considerazioni... ma non li ho mai votati e non mi interessa perderci tempo. p.s. causa ban, mi leggi con un nick diverso, comunque mi chiamo Daniela, nome che deriva dall’ebraico e significa “il mio giudice è -Dio-”, non la -Signora Censura- o il -Signor Ban-. p.p.s. chi sa perché certi nick di yesmen o yeswomen non vengono mai bannati, neppure quando insultano, saranno mica i nick dei Signori dello Staff? Ciao
  • Bailamme Rodriguez 7 mesi fa mostra
    Personalmente sono assai preoccupata dall’ establishment in sé, degli ordini o di qualsiasi cosa cali dall’alto. Buongiorno
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus