120 euro in più in bolletta per un nuovo contatore inutile

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.


di Davide Crippa, Commissione Attività produttive M5S

E-distribuzione sta provvedendo a lanciare il suo piano di sostituzione dei contatori con i "2G". Si tratta di 32.000.000 di contatori da sostituire: e bisogna tenere conto che la stessa Enel ha terminato da poco la "vecchia" campagna di sostituzione che era iniziata nel 2001. Stiamo parlando di una quantità abnorme di utenze. Bisogna ricordare che l’Autorità riconosce al distributore (in questo caso ENEL) un costo per la sostituzione dell’apparecchiatura, che dovrebbe aggirarsi sui 120 euro ad apparecchio. Moltiplicato per 32 milioni di utenze ammonta all’abnorme cifra di 4 miliardi di euro.

E poi, trascorsi 15 anni, facciamo fatica a immaginare che il nostro Paese debba puntare a sostituire il parco attuale con qualcosa che tecnologicamente non sarà nemmeno in grado di trasmettere una lettura ogni 15 minuti, e che assolutamente non è in grado di fornire un consumo istantaneo, tanto da poterlo connettere con dispositivi di smart home o smart city.

Questa sostituzione, che sarà pagata in bolletta da tutti i consumatori, che benefici porterà all’utente? Pensiamo all’utente medio, ai pensionati, alle famiglie alle prese con mille problemi: a loro questa sostituzione non servirà a nulla. Ma c’è di più: questa sostituzione non servirà nemmeno all’ipotetico nipote della signora pensionata perché, anche se fossimo di fronte a una persona tecnologicamente aggiornata e molto attenta a verificare i consumi domestici, non riuscirà a connettersi direttamente con i dati forniti dal contatore, perché tale contatore al momento non riesce a dialogare con nessuna interfaccia esterna. Pertanto, se l’utente volesse conoscere i suoi consumi istantanei per gestirli al meglio, e massimizzare magari l’impianto fotovoltaico che ha sul tetto per consumare tutta l’energia che produce, non potrà di certo utilizzare il nuovo contatore.

Ma quindi a chi servirà l’installazione di questo nuovo contatore? Purtroppo, nel paese dove regna a tutti i livelli il conflitto di interessi, la risposta è scontata. Anche in questo caso, infatti, il controllore è il controllato, e la verifica sul corretto funzionamento delle apparecchiature rimane in capo allo stesso distributore e proprietario dell’apparecchiatura. Ci chiediamo se alla luce dei recenti black out in Centro Italia, non sia di maggior priorità investire e ammodernare le linee di distribuzione, piuttosto che caricare di costi le bollette dei cittadini senza averne un beneficio. Infine, ma non in ultimo, un altro problema: il sistema di misura. Il Ministero dello Sviluppo economico ad oggi non ha ancora definito un sistema di misura.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • undefined 11 mesi fa mostra
    @Viviana tu sei diventata lesbica da bambina perché avevi un padre manesco che beveva e menava tua madre (e magari ti voleva anche trombare), questa è la tua esperienza spirituale che noi comuni mortali non potremmo capire. Ai tuoi tempi a essere lesbica o si finiva dall'esorcista o in una casa di cura o ci si suicidava . E da grande la tua sfiga è stata sposare un altro elemento come tuo padre. Sei la Skunk Anansie in versione cattolica del blog.
    • JQKA 11 mesi fa mostra
      Tu più che un comune mortale sei un immenso pezzo di merda.
  • undefined 11 mesi fa mostra
    @Viviana se vuoi scoprire la spiritualità dovevi dedicarti all'arte non alla religione, non puoi spiegare in maniera razionale una religione, perché non ha nulla di razionale, tutti facciamo delle esperienze spirituali che non si possono spiegare a parole, per questo esiste la poesia e la musica. Tu non sapevi chi eri perché la religione ti ha plagiata e difatti non hai mai preso l'iniziativa di lasciare un marito che quando era ubriaco ti maltrattata, perché né la legge né la religione ha mai tutelato le donne in passato.
    • viviana vivarelli Utente certificato 11 mesi fa mostra
      Caro Mantovano io non sono mai stata osservante né seguo sette religiose o esoteriche per cui non so di che cavolo di plagio stai parlando. Ho la mia spiritualità e con tutto rispetto per la musica o per l'arte in genere, che amo molto, non credo che la spiritualità debba passare necessariamente attraverso la musica o l'arte per metterci in contatto col mistero. Non capisco perché ti rallegra tanto insultare la memoria di mio marito che è sempre stato un'ottima persona, non è mai stato ubriaco e non mi ha mai maltrattata. Mio marito era una persona eccezionale, non solo di viva intelligenza e di gran cuore, ma molto utile al mondo, cosa che viene testimoniata da tutti quelli che hanno avuto la fortuna di conoscerlo. Ma tu insulti chi non conosci, sei arrivato alla bassezza di insultarlo anche mentre moriva, spandendo calunnie per il solo gusto di fare del male, il che dice chiaramente che persona di basso livello sei. Forse buttarti in queste sporche calunnie ai vivi e ai morti ti fa sentire più forte. Ma chi calunnia chi non conosce e addirittura chi è buono può essere solo due cose: un malvagio e un cretino. Per me la spiritualità si effonde attraverso il volontariato. Vedi bene come siamo agli opposti.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus