Fermiamo la rotta del greggio

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di MoVimento 5 Stelle

Ogni giorno 170 camion pieni di greggio attraverseranno l’Italia dalla Basilicata verso Roma e verso Falconara per stoccare il petrolio estratto a Tempa Rossa da Total spa.
Ogni giorno un’invasione sulle strade. Ogni giorno l’ambiente a la nostra salute a rischio. Ogni giorno. Uno scenario inquietante che è stato programmato mentre gli italiani erano in vacanza, i progetti sono stati depositati in pieno agosto, cambiati e riconfermati a cavallo di ferragosto. Nel silenzio generale.

Tutto questo accadrà, se non ci opporremo tutti.

Sul sito del ministero dell’Ambiente c’è tutto il progetto, che comprende l’ampliamento della Raffineria di Roma per poter accogliere il greggio lucano. Un ampliamento per il quale addirittura si chiede l’esclusione dalla Valutazione di impatto ambientale.
Secondo la società non ci sono impatti ambientali.
Il sito naturalistico protetto più vicino è a soli 400 metri. Ma sostengono che è una distanza sufficiente alla sua salvaguardia.

Sì, ci sarà un via vai di camion, ma tanto a Malagrotta - dicono - con la chiusura della discarica, non ci sono altri traffici di tir.
Sbagliato: Malagrotta non funziona più come discarica ma continua a pretrattare i rifiuti. I camion ci sono eccome.
Si preleverà più acqua dolce dall’acquedotto romano, ma anche questo è un non problema, secondo gli illuminati imprenditori del petrolio. Dove è finito il ministro dell’Ambiente così preoccupato per l’emergenza siccità? Dove sono i ministri in prima fila a parlare di inquinamento ambientale, sostenibilità, ora che bisogna rigettare in toto un progetto che vuole far attraversare l’Italia da 170 tir al giorno?
Cosa accadrebbe se solo uno di essi avesse un problema, un incidente, un imprevisto? E le emissioni dei camion? Sono state valutate?

Il MoVimento 5 Stelle si opporrà in tutti i modi:
il Comune di Roma sta preparando le proprie osservazioni da presentare entro il 18 settembre, i parlamentari stanno scrivendo interrogazioni e predisponendo atti ispettivi, ma tutti i cittadini devono essere allertati: qualcuno sta giocando con la nostra salute, e lo fa come al solito di soppiatto, approfittando delle ferie, del sole, delle vacanze. Ma questa volta troverà di fronte un muro di cittadini informati.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • sebastiano b. Utente certificato 4 mesi fa
    Buonasera Bravi ragazzi scovata altra fogna sul nascere e allora.... IN TV TV TV TV TV TV TV TV TV TV TV TV TV TV TV TV TV quella nostra pronta a dare notizie nude e crude con tanto di colpevoli e soluzioni. Questo a noi manca informare il Popolo co i mezzi che più gradisce e riconosce .
  • gianluigi f. Utente certificato 4 mesi fa
    Maledetti cialtroni di ministri di un governo mai eletto da nessuno, dobbiamo in tutti i modi bloccare questo ennesimo scempio ambientale. I presunti ministri galletti e del rio devono immediatamente venire in parlamento a spiegare questa ennesima porcata. Non dategli tregua.
  • FABRIZIO P. Utente certificato 4 mesi fa
    perchè abbiamo 1 ministro dell ambiente ?
  • Pio Bovio Utente certificato 4 mesi fa
    Il problema è che le FS hanno distrutto il trasporto su rotaia, quindi la merce pericolosa viaggia su strada aumentando i rischi e i pericoli per la gente. Dei 170 camion che attraversano l'italia potevano essere impiegati su treni cargo, 5 treni al giorno avremmo tolto 170 camion dalla strada. Ma il ministro dell'ambiente queste cose dovrebbe saperle con il suo compare di infrastruttura che hanno rovinato e mortificato il trasporto su rotaia incasinando le autostrade. Il facilone che dice meno male che lo hanno trovato pur rovinando il territorio, spero che la puzza della Lucania possa riversarsi sotto casa sua.
  • Fabio Rossi 4 mesi fa
    Non è solo un problema di Roma. Da lucano vi chiedo di guardate anche alla fonte. La terra lucana è sfruttata ed inquinata e la politica tutta è distante dai nostri problemi. In Basilicata ci siete?
  • Enrico Marcarlo 4 mesi fa
    Antonella, è brutto ma evidente che la popolazione lì è compromessa, ma fra i vicini lucani c'è gente tosta: fate che la Basilicata occupi la Calabria e vedi che mettono a posto tutti!
  • bron shine 4 mesi fa
    Avete sempre questi toni castristo-landiniani. Il problema non e', comunque, fermare queste rotte. Il problema e' identificare piu' corretti posti di stoccaggio. E, questo dovete fare. Invece di stracciarvi le vesti a protestare sbraitando qua e la', CERCATE un migliore posto di stoccaggio. Da qualche parte devono pur metterlo. E, ringraziare che l'hanno trovato e non hanno distrutto un territorio per niente.
    • Pio Bovio Utente certificato 4 mesi fa
      Vedi per fortuna nessuno di noi ha idee bellicose,con questa situazione di caos creata dal nazareno altro che "landiniani" questi ti tirano mazzate dalle mani e non solo. Perciò
    • Luigi Di Pietro 4 mesi fa
      Scusa, ma che cazzo dici??? Il M5S è per le energie rinnovabili !!! ... REGALIAMO OGNI ANNO 13 MILIARDI DI "INCENTIVI" AI PETROLIERI ... NON SAREBBE MEGLIO REGALARLI AI PRODUTTORI DI RINNOVABILI PER AFFRANCARCI DAI FOSSILI ??? OLtretutto creeremmo un SACCO DI POSTI DI LAVORO IN PIU' E SALVAGUARDEREMMO L'AMBIENTE E LA NOSTRA SALUTE !!!
  • Antonella Policastrese 4 mesi fa
    L'ambiente andrebbe tutelato a costo della vita, cominciando a buttare giù manufatti abusivi costruiti sui litorali in nome del turismo. A Crotone il soprintendente ai Beni Culturali di Cosenza ha querelato l'archeologa Margherita Corrado per aver denunciato lo scempio di Punta Scifo.La magistratura ha sequestrato un megavillaggio turistico nel parco archeologico dell'area marina protetta, dove è emerso che a curare gli interessi degli imprenditori c'era l'avvocato Grande Aracri,fratello di quel Nicolino, detto mano di gomma. E come se non bastasse il soprintendente Pagano ha chiuso tutti e due gli occhi, querelando l'archeologa. Eppure Pagano è stato rinviato a giudizio e nonostante tutto fa conferenze stampe con il sottosegretario Dorina Bianchi, invece di essere sospeso dal servizio. Questo rende l'idea di come l'ambiente sia un optional e a prevalere siano interessi speculativi a danno dei territori. Bisogna cominciare a redimere situazioni dal basso prima di sparare in alto altrimenti non si arriverá a capo di niente.
  • unodeitanti 4 mesi fa
    amici della Basilicata, se tenete alla vostra bellissima regione manifestate la vs opposizione e noi, tutti, vi sosterremo.. il M5S non lascia indietro nessuno!
  • Alessandro Panetti 4 mesi fa
    La battaglia contro l'inquinamento da petrolio deve essere un cambio epocale ad iniziare dai nuovi rappresentanti politici. La terribile siccità che incombe non basta evidentemente a far capire agli attuali miseri e miopi governanti (e al popolo degli automobilisti ad ogni costo) che qui ne va di mezzo la sopravvivenza di tutti
  • Adolfo Treggiari Utente certificato 4 mesi fa
    Ne inventano una più del diavolo, quando finirà la tirannia del maledetto petrolio?
    • francesco i 4 mesi fa
      comincia ad usare la bicicletta.
  • Enrico Marcarlo Utente certificato 4 mesi fa
    In Basilicata c'è gente tosta, amici di Matera e dintorni dite la vostra su quei camion
  • Enrico Marcarlo 4 mesi fa
    urge BUTTARE GIU' IL GOVERNO E VOTARE per raddrizzare l'Italia messa a pecora da Renzi e Berlusconi!
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus