Nota sulla scelta delle opzioni per la Consultazione sui gruppi europei

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.
consultazioni_nota.jpg

"In relazione alla consultazione online del Movimento 5 Stelle per la scelta del Gruppo Politico Europeo nel quale confluire, si precisa che i negoziati, condotti da Beppe Grillo, sono stati aperti a tutti i gruppi che hanno manifestato, in maniera unitaria e per voce dei loro segretari generali, l’intenzione di accogliere la delegazione italiana M5S, chiarendo in maniera trasparente e anticipata l’offerta di adesione, illustrandone vantaggi e svantaggi e consegnando così agli elettori (gli attivisti certificati, i soli titolati a decidere) dati chiari, certi e ufficiali sulla base dei quali compiere una scelta responsabile e concreta. Il Gruppo Politico dei Verdi europei, sulla scorta delle differenti vedute coesistenti al suo interno e nonostante le richieste del M5S fatte pervenire a vari livelli, ha dapprima espresso la chiara intenzione di non partecipare alla consultazione senza che dallo stesso venissero preventivamente esclusi altri candidati (una richiesta che non è ricevibile perché nel M5S sono i cittadini a decidere, secondo i principi della democrazia diretta, quali opzioni considerare valide e quali no), e ha poi solo ieri sera comunicato che, nel caso in cui la consultazione si fosse espressa favorevolmente al loro Gruppo, allora successivamente sarebbe stato possibile eventualmente intavolare una trattativa. Un tale approccio inverte sostanzialmente il corretto ordine di composizione dell’offerta consultativa, perché prima di scegliere i cittadini devono sapere in anticipo se un Gruppo Politico europeo, in maniera unitaria e ufficiale, accoglierà il M5S al suo interno, e se sì a quali condizioni. Per fare un raffronto con altri settori della società e aiutare a comprendere i termini della questione, sarebbe come se un venditore chiedesse ai suoi clienti di firmare “prima” per l’acquisto della sua merce, della quale solo in seguito saprà indicare le caratteristiche, il prezzo e perfino la disponibilità. Per tali motivi, ovvero per consentire ai cittadini a Cinque Stelle di operare una scelta su opzioni reali, con caratteristiche certe, i Gruppi Politici Europei disponibili per la votazione nel referendum odierno sono l’EFD (il Gruppo Europa per la Libertà e la Democrazia) e l’ECR (il Gruppo dei Conservatori Riformisti Europei), gli unici che hanno accettato da subito di avviare un negoziato reale con il Movimento 5 Stelle, affidandolo ufficialmente a chi ha la titolarità formale per condurre le trattative nel quadro di una visione unitaria rispetto alla volontà politica del Gruppo stesso. Quando si deve comprare casa, si deve firmare il contratto con il proprietario della stessa, non con gli inquilini, con i parenti o con gli amici degli amici. E si deve sapere in anticipo quando sarà libera e quanto verrà a costare." M5S Europa

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Carlo Corazza 3 anni fa mostra
    Congratulazioni, avete appena perso il mio voto e la mia partecipazione al movimento. Ho appena cancellato la mia iscrizione.
  • Maurizio A. Utente certificato 3 anni fa mostra
    Continuate pure per la vostra strada... Io da parte mia non vi seguirò
  • Andrea P. Utente certificato 3 anni fa mostra
    ma dai va, mo basta questo post scritto in modo composto per rimettere a posto le cose? la vicenda intera è stata gestita male, dall'inizio, e si è sempre spinto per una soluzione dando solo dopo ( come in questo caso ) le spiegazioni e le motivazioni.. devono essere gli iscritti a scegliere la strategia, anche se questa è sbagliata, se no siamo esattametne come i partiti che critichiamo tanto...bello schifo...
    • Edoardo Zamarra 3 anni fa mostra
      I verdi li ha tirati in ballo ILFATTO. Da quando in quando un giornale detta la linea a un movimentoP Basta Repubblica con i Pdemocristiani. I verdi di bile volevano Grillo con il cappello in mano a parlare con loro, a supplicarli. Ma scherziamo? Un bel vaffanculo a questi politicanti di quarta, servi della Merkel e degli Schultz, servi delle scelte più oltranziste dell'Europa, guerra compresa. Farage è l'unica opposizione seria, ai verdi compresi, malati del fondamentalismo politicante tipico del partitino di sinistra. La LE PEN sta per i fatti suoi, rifiutata da Farage proprio per la sua ideologia retrograda. Grande Farage: gay, musulmani e donne in posti chiave. Altrimenti come diventava primo partito? Per lui un voto very British, altro che teppismo razzista. Di cosa stiamo parlando, allora? Leggo chiacchiere, chiacchiere, mentre si perde la sostanza: i nostri 17 potranno lavorare ora seriamente, liberi. Potranno incidere. Il resto lo lascio al Fatto che ha scoperto le carte scadenti che teneva in mano. Ha giocato sporco e ha perso.
  • alessandro giglio Utente certificato 3 anni fa mostra
    Oh Beppe hai fatto un doppio salto avanti carpiato...e pure uscito bene... Lasciatelo dite col bene che ti voglio Stai uscendo dal solco che tu stesso con Gianroberto e pochi di noi abbiamo insieme tracciato: le scelte non le proponi Tu o un altro e noi votiamo si no si no... Le scelte devono nascere dai militanti e iscritti...solo poi dopo 2/3 mesi di discussione si arriva alla sintesi con 2/3 votazioni di scopo e di profitto inteso come massimizzazione degli interessi condivisi in maggioranza. Tu 6=1 non 1=20.000 es claro?
  • gigi 3 anni fa mostra
    Ormai siamo alla bugia e manipolazione continua. Votare su una sola opzione di gruppo per loro é democrazia diretta! Nemmeno in Cina o in Russia fanno cosi'...
  • il decerebrato di rho 3 anni fa mostra
    Beppeeeeee non deeeeeviiii spiegaaareeeee nieeeeenteeee noiiii tiiii seguiamoooo qualunqueeeee boiaaaataaaa diiiiciiii :)))))))
  • andrea e. Utente certificato 3 anni fa mostra
    Ma se lo staff avesse dato l’opportunità alla base di scegliere tra tutti, o almeno tra tutti i plausibili (cioè eurocritici, euroscettici e antieuro), i gruppi, costituiti e costituendi, e la base avesse espresso il proprio voto maggioritario per un gruppo che ancora non aveva “manifestato, in maniera unitaria e per voce dei loro segretari generali, l’intenzione di accogliere la delegazione italiana M5S” anticipatamente, in tal caso i portavoce europei non si sarebbero sentiti in dovere di contattare, loro per primi, il gruppo individuato dalla base, di intavolare con esso una trattativa, di fare insomma il primo passo? Per quale arcano motivo il primo passo avrebbe dovuto farlo comunque l’atro, e non invece il Movimento stesso verso l'altro, su indicazione della sua base? Di quale voce siete portavoce?
    • Giampaolo A. Utente certificato 3 anni fa mostra
      Nonostante non mi dispiaccia, tutto sommato, l'alleanza strategica con l'UKIP, concordo con questa tua analisi. Le argomentazioni qui esposte dal M5S Europa mi sembrano un po' da avvocato azzeccagarbugli (pur avendo un titolo di studio post lauream, ho dovuto leggerle con certosina attenzione 2 volte per comprenderle appieno). Ciò che conta davvero è innanzitutto dare voce e spazio a tutte le diverse componenti del Movimento, giacché tutte sono importanti e ugualmente legittimate a determinare l'indirizzo politico del Movimento.
  • Luca F. Utente certificato 3 anni fa mostra
    Finitela di arrampicarvi sugli specchi! Questa è una pagina nera nella storia del movimento! Una presa per i fondelli della democrazia, una sua parodia grottesca! State facendo dei principi del movimento carta igienica! Chi si spaccia come nuovo assomiglia sempre più al vecchio. Un nuovo slogan per il movimento: il vecchio che avanza! Il sottoscritto scrive in questo blog dal lontano 2005 almeno..... Che delusione!
  • fan7 3 anni fa mostra
    ripropongo il commento postato alle 22:13, e censurato - CENSURATO! - dopo circa 20 minuti, il che la dice lunga sul modus agendi democratico che connota la gestione di questo blog! "Mediocre tentativo di salvataggio in corner. E' inutile celare quel che si paventa in modo inequivoco. Una gestione inopportuna del tema alleanze politiche in Europa, che andava affrontato con ogni singola formazione interna al Parlamento europeo. Siamo democratici? E' alla rete che compete decidere sulle alleanze? Vogliamo davvero garantire trasparenza nei processi decisionali? E allora occorreva inserire sul blog, a seguito delle elezioni, una chiara informativa nella quale si descrivevano programmi e componenti di ogni gruppo parlamentare. Dopodiché con una prima votazione si sarebbero scelti i gruppi con cui intavolare una trattativa. E solo a seguito di un confronto aperto con costoro, poteva procedersi ad una seconda votazione sulla base di quanto sarebbe emerso all'esito degli incontri con gli altri esponenti politici europei. Qui si dà adito alle voci che vedono nel M5S una gestione accentrata ed autoreferenziale del movimento. E mi dispiace dirlo, ma con questa manovra, non ci sono spazi per argomentare diversamente. Per non parlare della pessima colata di merda che continuate a riversare su Pizzarotti. Avanti così! BAH!"
    • Alessandro B. Utente certificato 3 anni fa mostra
      "...che andava affrontato con ogni singola formazione interna al Parlamento europeo..." Se volevi informarti meglio o avere più info sui vari gruppi parlamentari, potevi anche cercare e leggere su altri siti (quello che ho fatto io). A voler fare quello che dici tu sarebbe stato impossibile (ma non a venirne a capo: ma nemmeno a cominciare): è innegabile che abbiamo invitato i verdi a parlare e ad esporsi... sappiamo poi come è finita... inoltre mi pare evidemte che ti sei tradito da solo: "...Per non parlare della pessima colata di merda che continuate a riversare su Pizzarotti."
  • Fraco Ef 3 anni fa mostra
    ma siete sicuri di allearvi con una forza così xenofoba? siete altrettanto sicuri che il 4 per mille di votanti sia una reale rappresentanza diretta? spero che "il fine giustifica i mezzi" non sia ormai l'unico modo di portare avanti ilmovimento firmato 1 sciocco (che vale 1) e che mette in discussione le scelte perché ha 1 testa
  • fan7 3 anni fa mostra
    Mediocre tentativo di salvataggio in corner. E' inutile celare quel che si paventa in modo inequivoco. Una gestione inopportuna del tema alleanze politiche in Europa, che andava affrontato con ogni singola formazione interna al Parlamento europeo. Siamo democratici? E' alla rete che compete decidere sulle alleanze? Vogliamo davvero garantire trasparenza nei processi decisionali? E allora occorreva inserire sul blog, a seguito delle elezioni, una chiara informativa nella quale si descrivevano programmi e componenti di ogni gruppo parlamentare. Dopodiché con una prima votazione si sarebbero scelti i gruppi con cui intavolare una trattativa. E solo a seguito di un confronto aperto con costoro, poteva procedersi ad una seconda votazione sulla base di quanto sarebbe emerso all'esito degli incontri con gli altri esponenti politici europei. Qui si dà adito alle voci che vedono nel M5S una gestione accentrata ed autoreferenziale del movimento. E mi dispiace dirlo, ma con questa manovra, non ci sono spazi per argomentare diversamente. Per non parlare della pessima colata di merda che continuate a riversare su Pizzarotti. Avanti così! BAH!
    • laporeggio 3 anni fa mostra
      Hai perfettamente ragione, le finte consultazioni mi hanno aperto gli occhi.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus