5 giorni a 5 stelle: Roma ai romani

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

"Settimana decisiva per il M5S a Roma: finalmente abbiamo il nostro candidato sindaco scelto in Rete! Si chiama Virginia Raggi e ascoltate, alla conferenza stampa di presentazione, come spiega ai giornalisti i principi fondanti del MoVimento: noi non ci rivolgiamo agli "elettori" ma ai cittadini, perché i cittadini non esistono solo al momento del voto. Il governo M5S a Roma seguirà ogni giorno le esigenze e i bisogni di tutti i cittadini romani, insieme a loro.

Al Senato si è arrivati alla conclusione sulla legge per le unioni civili. Alberto Airola, in aula, denuncia come alla fine la maggioranza abbia ascoltato ingerenze vaticane, mentre Nunzia Catalfo senza mezzi termini dichiara che questa legge sancisce il matrimonio tra Renzi e Verdini, un matrimonio con obbligo di fedeltà e obbedienza come nella migliore tradizione massonica! E colmo della vergogna, hanno anche cercato di incolpare il M5S.

Alla Camera, Danilo Toninelli ci racconta come la "nuova" legge sul conflitto di interessi sia in realtà l'ennesima finta, una legge che riguarda appena quattro gatti che per giunta nomineranno da sé i propri controllori. Si sono ridotti a comprare gli arbitri! Noi combatteremo questa legge anche al Senato perché, come sostiene in aula Andrea Cecconi, siamo gli unici a preoccuparci dell'interesse pubblico.

Al Senato si è parlato anche di Milleproroghe, un decreto che, come spiega Vito Crimi, ha il suo fallimento già nel nome: è solo un inno a favori, scambi e marchette. Dentro c'è di tutto, e sancisce la proroga eterna per legge per amici e potenti.

Da Bruxelles, Marco Zullo ci mostra la birra tedesca: proprio quella in cui, nei giorni scorsi, si sono rinvenute pericolose quantità di glifosato. Il Glifosato è un erbicida cancerogeno, e pensate: la UE vuole rinnovarne l'autorizzazione. Ora in seguito a questo scandalo vedremo se hanno il coraggio di farlo, il M5S ha invece chiesto di vietarlo del tutto.

Francesco Cariello e Laura Castelli, dalla Camera, denunciano un nuovo strumento tecnocratico della UE: un comitato di 5 membri che controlleranno le finanze pubbliche degli Stati. Il Parlamento non è stato neppure interpellato, e noi ci opporremo a questa ennesima scelta antidemocratica che serve solo a togliere sovranità.

Video pirata da Bruxelles! Il nostro Ignazio Corrao presenta una lettera alla Mogherini per chiedere un incontro urgente sulla questione dell'olio tunisino, per trovare una soluzione alternativa all'importazione di migliaia di tonnellate di olio che distruggerebbero il settore in Italia. Sapete cosa risponde la Mogherini? "Sì, ma questo è quello che i tunisini vogliono"! E allora chi decide in Europa, i tunisini?

Per finire, importante appuntamento domenica 28 febbraio, alle 14,30, a Milano sotto il Pirellone. In seguito agli arresti e ai nuovi scandali che coinvolgono esponenti della Lega, tutti i parlamentari lombardi ci invitano ad essere presenti per dire basta con la Lega ladrona, #fuoridaiMaroni!".
MoVimento 5 Stelle Parlamento

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus