Il M5S salva le partite IVA

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.
ruocco_partitaiva.jpg

"Renzi in legge di Stabilità ha preparato una vera batosta per le piccole partite Iva e per i giovani precari. Una mazzata che in queste ore, con il cadavere della dignità del Parlamento ancora caldo dopo l'assassinio della discussione sulla manovra, fa già mugugnare molti anche nel governo e nella maggioranza. Fin dal primo anno di attività, infatti, freelance e professionisti si troveranno a pagare un'aliquota di imposta pari al 15% e non al 5% come oggi accade. Inoltre, sarà preclusa la possibilità di accedere a questo regime agevolato, a tutti coloro che avranno un fatturato annuo superiore a 15 mila euro (20mila per redditi da lavoro dipendente). Ciò significa che, una persona che volesse aprire una partita Iva oggi e che avesse un fatturato appena superiore a quella soglia sarebbe sottoposto a una tassazione pesantissima. Una vera e proria mazzata che ha come finalità quella di aiutare, sì, i giovani ma, probabilmente, a emigrare.
Grazie alle nostre pressioni, pare adesso che il governo ci stia "ripensando'". Allora chiediamo ufficialmente, con l'occasione, ancora una volta, di prendere in considerazione la nostra proposta già presente in legge di Stabilità e che prevede un'aliquota unica per i primi 5 anni di attività, pari al 5% e pari al 15% dal sesto anno in avanti, per TUTTE le piccole partite IVA che abbiano un fatturato fino a 40mila euro." Carla Ruocco, M5S Camera

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • valentina b. Utente certificato 3 anni fa
    Credo che ad oggi si possa dire "nulla di guadagnato" visto che tutti gli articoli del web stanno passando come concreta la nuova riforma sulle partite iva, non adeguate chiaramente all'europa (il ce lo chiede l'europa vale solo nel dare.)Qual'è la verità? Sino ad oggi il regime dei minimi permetteva a tanti giovani, come me, di eseguire il proprio lavoro da libero professionista vedendosi almeno la metà di ciò che dichiarava restare in tasca. Fate ben attenzione che non passi il messaggio che noi dei minimi paghiamo solo il 5%, è un dato così..poi ci sono gli anticipi ben corposi, l'inps, il commercialista e tutte le altre varie ed eventuali che portano a lievitare il tutto. Mi domando quindi se dimezzano i minimi portandoli a 15 mila uero e se portano il 5% al 15% cosa diventeranno queste p ive? Non funziona così, i giovani dovrebbero avere agevolazioni anche nell'inps, di cui tanto non godranno probabilmente mai, 15 mila euro lordi sono 600/700 euro al mese, chi può vivere con questa cifra?
  • gaetano giordano Utente certificato 3 anni fa
    In questo post da una parte si dice che il M5S sta difendendo le partite IVA e dall'altra si afferma che chiudono 250 negozi al giorno;non voglio dire che vi è una contraddizione;ma,in riferimento alla situazione bisognerebbe dire, com'é vero, che la nave delle partite iva sta per affondare e dall'altra bisognerebbe poter dire che il M5S sta preparando le barricate per impedirne l'affondamento.E' inutile voler salvare qualcuno dopo che è morto;queste cose poteva farle solo Gesù di Nazaret.
  • Mario Biondi 3 anni fa
    INPS 33% IRPEF dal 23% al 27% 60.000 KM annui, l'auto è considerata uso promiscuo quindi il gasolio è detraibile solo al 20% Costo autostrada detraibile al 20% come sopra Pago il gasolio, e in più su quello non detraibile (80%), ci pago le tasse, quindi il carburante CHE MI SERVE PERLAVORARE, mi costa una volta e mezza. L'INPS dovrebbe essere abolita e lasciar decidere al singolo dove mettere i soldi per la propria pensione, invece dobbiamo riempire le loro casse per pagare previdenze sociali a cui non abbiamo nemmeno accesso !!!
  • Filippo Gruni 3 anni fa
    Scusate ma non per penserete mica che il problema sia il 5 p il 15% vero? Il problema, unico e inconfondibile è l'INPS con il suo buco nero fiscale. Acconto 100% impossibilità di scaricare fatture fuori dall'Italia, aumento fino al 33% del contributo quando la cassa privata di ingegneri e architetti ne chiede solo il 12% (correggetemi vado a ricordo). Il vero problema è l'Inps
  • Max B. 3 anni fa
    Comunque io che sono sotto regime dei minimi il più grande problema lo riscontro nel fatto che fatturo 15000 ma devo pagare 3000 euro di inps... è questo che va cambiato!
  • Luigi 3 anni fa
    questi incompetenti ben pagati in primis i burocrati tromboni della PA , alti dirigenti con retribuzioni stellari, ci dimostrano ogni giorno che passa quanto lontani sono dalla realtà quotidiana delle persone. Il saltimbanco di Firenze va a dire in giro nelle trasmissioni che abbassava le tasse. ma dove? ai suoi amici del magna-magna forse, non certo agli italiani normali. Ma se questi si sono persino attaccati al bollo delle auto ultraventennali per succhiare sangue.
  • domenico ing 3 anni fa
    Ciao a tutti.... sono un vecchio di 36 anni....si vecchio....perché in questi paese si è vecchi alla mia età. Sfruttato fino all'osso da chi se ne approfitta si ciò che questa mia amata italietta consente loro. Sono un ingegnere che ha un fatturato lordo di poco superiore ai 20 mila..netto è ridicolo....dato che si vive lontani da casa...pagando tutto ciò che respira uscendo fuori dall'uscio di casa....ah....forse anche ciò che si respira in casa....tasse luce acqua gas...auto per muoversi ed andare a lavoro....poi lo statolino italiano consente a chi ti sfrutta (si lavora dalle 10 alle 12 ore....con pretese assurde....e con al speranza di essere pagati....e chi lo sa se un giorno il tizio si sveglia e dice:non vi pago più anche se hai lavorato per mesi.....tanto non hai tutele di nessun tipo)....di non pagarti contributi previdenziali che non vedremo mai....di farti pagare tutto ciò che è tassabile fino a all'inverosimile. ...di non farti avere tutele sanitarie ....insomma lo statolino consente loro di rende persone come. ..che vorrebbero rende la loro professionalità dignitosa degli assoluti sconosciuti.il vecchio come ...solo perché è vecchio a 36 anni non viene aiutato in bessun modo. Sei fuori limite d'età. ..sei fuori limite di reddito (elevatisimo direi ...) stai zitto e fatti sfruttare! Sei il nostro pane quotidiano dal quale attingere...quindi stai zitto! Lo statolino non cambierà mai! Si spera cambino le cose....ma mai accadrà. Fate sentire la voce di tutti noi perfetti sconosciuti
  • Matteo bondi 3 anni fa
    Poi il problema che oggi assorge anche il fatto che per prendere lavori il ricavo diminuisce uno scontro tra poveri al ribasso con il rischio di fare il lavoro fatturare pagare le tasse e non riscuotere il denaro come è capitato, alla fine ti trovi con un buco che nessuno colmerà. Ecco il rilancio economico
  • daniel palmieri 3 anni fa
    2 anni fa ho aperto la mia P.Iva dopo 2 anni di marketing sottopagato. Ho rilanciato l'attività in decadenza di mio padre e il tutto a costo zero, perchè un padre lo fa pagare una persona marcia. Ora il crollo della sua azienda sta tornando, e ogni giorno cerchi una nuova strategia, ma ti rendi conto che puoi fare marketing quanto vuoi, essere un giovane talentuoso, ma quando equitalia e la banca ti uccido non hai potere per investire, nulla di nulla.. ho aperto la mia attività e per un po' sono riuscito a far lavorare anche i miei amici. Oggi a distanza di 2 anni ho avuto solo perdite. Non ho ancora ammortizzato le spese materiali, mi si chiedono anticipi tasse che ho dovuto usare per pagare l'inps. A 25 anni ho una casa con un piccolo prestito ricevuto dopo aver firmato quasi al diavolo la vendita dell'anima. tra meno di due mesi arriva la nuova rata dell'inps. Ho bollette e una famiglia da mantenere . Me lo spiega Renzi che gli do il 16? Saro' anche io vittima di cartelle? Mio padre ha 5 rate indietro del mutuo, è rimasto da solo a lavorare, dopo anni e anni con vari dipendenti. ma che importa sono solo chiacchiere ed una triste lettura! Spero in un futuro, il problema è arrivarci a quel futuro. Dove si va quando non hai soldi per fare la spesa? mi metto anche io col canotto lungo la costa e mi tingo la faccia di nero? forse cosi qualcuno ti accetta e qualche guanto bianco 50 € te li da. Mia sorella è già partita a 19 anni per trovare lavoro fuori. l'ha trovato dopo 4 giorni in Inghilterra. Ha avuto un contratto dopo 7 giorni! Devo andarmene anche io? Perchè c'è chi mangia e spreca soldi ad escort che poi le invita in parlamento, i miei soldi, i nostri soldi? PRIMA O POI TUTTI FAREMO I CONTI. BUONE FESTE
  • Enrico Pelilli 3 anni fa
    Tenuto conto che un professionista che inizia a lavorare ha spese fisse, non comprimibili, fra telefono, auto, luce, riscaldamento e ufficio, che sono indipendenti dal fatturato, € 15.000 sono già le spese, e su un reddito = a 0 dovrebbe pagare le tasse! Quindi papà, dopo aver mantenuto e pagato le tasse universitarie del figlio (7.000 - 10.000 €), dovrebbe pagare il mantenimento e le tasse del figlio, per altri 4-5 anni, nella speranza che l'attività economica (con i tempi che tirano...) decolli. Rimpiango i tempi in cui Renzi faceva il Boy Scout!
  • Notizie informatica Utente certificato 3 anni fa
    Sono incompetenti, solo il peggio possiamo aspettarci. Poi ci si chiede perchè nessuno paga le tasse. Se abbassero le tasse, se rendessero la vita migliore e dessero il buon esempio, per forza di cose ridurrebbero tantissimo la criminalità e renderebbero questo paese abitabile e civile.
  • marco pradi 3 anni fa
    Buon giorno, il 31/12 finisce la mia posizione di regime agevolato,ovvero 5% di tasse, fatturato massimo 30 mila euro, sforabile per il 50%, ovvero fino 45mila, quello che è capitato a me, pena il cambio di regime fiscale l'anno successivo o diminuzione del fatturato massimo(per intenderci 60 mila massimo in 2 anni. Io, visto il job act, visto l'aumento di faturato, mi muoverò verso la partita IVA classica, quella che ti assorbe energie e denari... Detto questo, devo rimarcare il fatto che il regime dei minimi mi ha introdotto nel mondo del lavoro, insieme al mio impegno mi ha permesso di essere socialmente utile e guadagnarmi uno stipendio se pur minimo... Avevo 30 anni, avevo una professione in cui ero capace(elettrotecnico-elettronico), ma ero disoccupato. Il regime dei minimi,mi ha invogliato a mettermi in proprio e smettere di inviare C.V. a vuoto... ecco da cosa è nata cosa e oggi fortunatamente lavoro,non sono ricco, ma lavoro... Togliere le agevolazioni al regime dei minimi, a mio avviso toglie la voglia di "rischiare" ai giovani freelance disoccupati. Questo paese si muove alla rovescia... no regime minimi, IVA al 25%(a breve), IMU,TASI e compagnia bella... come ripartiranno i consumi??? semplice, con gli 80 euro, che ogni giorno in tv e in radio il cartone animato twittante ci ricorda!
  • Lorena Panebianco 3 anni fa
    E per chi come me ha la partita iva dal 2005 e non arriva a 15.000 euro di modello unico? Sono oberata da cartelle Equitalia, agenzia entrate, rientro fidi banche....quel poco che riesco a guadagnare non basta x pagare i debiti. .. le tasse mi ammazzano! Ma che vita è questa?? E ho mamma e sorella disabili al 100% e sono sola...meglio morire!
    • Max B. 3 anni fa
      Ma il problema non è la tassazione, è l'INPS!!! Io fatturo 15000, spendo 3000 che scarico e il 5% di tasse me ne rimangono 12000 - 3000 di inps!!! E per cosa? Per non potermi neanche ammalare. Vergogna!
  • antonello c. Utente certificato 3 anni fa
    Ot http://shar.es/1Hox2a
  • Carlo Nocentini Utente certificato 3 anni fa
    15.000 di limite è risibile. Ma anche 40.000 , dipende dai settori. E' piuttosto assurdo, con questi livelli, parlare di fatturato e non di ricavo netto. Se ha da avere un senso economico e non essere solo specchietto per le allodole.
    • valentina b. Utente certificato 3 anni fa
      Probabilmente non comprende la differenza che passa tra piccole partite ive ed imprenditori. Il regime dei minimi oggi consente una tassazione agevolata per 3 anni e per gli under 35. Questo consente una "prova" senza spargimento di sangue, o limitandolo al minimo, tuttavia non contento il governo ben sapendo che le partite ive sono soprattutto quelle dei giovani decide di dimezzare i massimali di reddito , devi dichiarare 15 mila euro all'anno, e le assicuro che da 15 ai 40 mila per attività freelance, di servizi, web, la differenza è molto sostanziosa.
  • Antonio Salvagno Utente certificato 3 anni fa
    Ho un lavoro dipendente ma a causa dello stipendio da morto di fame ho anche una P.I. Se non mi agevolano chiudo la P.I. e perdono soldi in tasse, che senso ha lavorare dalla mattina alla sera se poi i tuoi guadagni finiscono a loro???
  • Davide B. Utente certificato 3 anni fa
    Io ero una futura partita iva ma al momento non mi posso più permettere di aprirne una. Spero che riusciate a fargli cambiare idea ma intanto non dite che avete vinto perchè il risultato non c'è ancora purtroppo!!! Un consiglio, fate togliere il limite del reddito da dipendente di 20.000€ e fatelo ripristinare a 30.000€ che erano prima.
  • Francesco Boccaccio Utente certificato 3 anni fa
    Perchè non proponete per tutte le piva fino a 65000€ (come ratificato dalla UE): - zero acconti come fanno in altre nazioni di europa (es. Olanda, Inghilterra) - imposta sostitutiva 5% - contributi previdenziali 30% - no iva, scritture contabili, studi di settore La proposta del post non ha benefici, tanto con la crisi che c'è e le tasse, in pochi anni si è costretti a chiudere la PIVA a meno che il lavoratore autonomo sia contento di versare tutti i ricavi a INPS-stato e nutrirsi di quasi niente.
  • Alessio Santi Utente certificato 3 anni fa
    Brava Carla, ma loro intanto vanno a braccetto con i Marchionne della industria che delocalizzano a Londra la sede fiscale, che portano via le fabbriche nei Paesi Low cost, vanno a braccetto con i Farinetti che , con Cantone in pieno accordo, si aggiudicano a chiamata diretta gli stand milionari dell'Expo, con l'Expo che serve anche a fare gli affari agli amici e agli amici degli amici sia negli appalti truccati e pilotati, su cui indaga la magistratura, sia sulla gestione tout court di questo baraccone
  • Angelo 3 anni fa
    Le piccole P.Iva sono l'unica forma di sviluppo per i giovani professionisti, tartassare loro, significa bloccare l'economia. Le piccole p.iva sono la futura classe media! Grazie per la battaglia.
  • Adriano Perrone 3 anni fa
    Il 5% per 5 anni sarebbe fantastico. Sarebbe la rinascita dell'economia, quella vera. La rinascita della creatività tipicamente italiana, della varietà, della speranaza... della voglia di vivere e costruire qualcosa
    • Alberto Santangelo 3 anni fa
      E' già al 5%. Il problema sono i contributi inps pari al 28%. Quindi in realtà le tasse sono al 30/35%.
  • Silvio . Utente certificato 3 anni fa
    Il buon senso non è di casa nel pd. il bene comune neppure. Si fanno gli affaracci loro alla faccia nostra. Le indicazioni e i vincoli li detta l'Europa...dobbiamo far breccia nell'ottusità elargita dalla tv e andare a governare. Unico modo che abbiamo per cambiare 'sto sistema. Sembra semplice, basta volerlo e avere una matita.
  • DARIO P. Utente certificato 3 anni fa
    Stiamo combattendo una dura battaglia contro 2 multinazionali molto potenti (ebay e amazon) che stanno distruggendo migliaia di aziende. Il gruppo che segnalo nel link sta collaborando con M5S per portare alla luce questo annoso problema poco noto alle grandi masse: https://www.facebook.com/groups/1548438592057520/ se siete stufi dei soprusi di ebay e amazon vi invito ad iscrivervi. Ringrazio la deputata Mara Mucci del M5S che ha presentato un'interrogazione parlamentare per far luce a questa spinosa vicenda: http://www.maramucci.it/ecommerce/ Vi invito a partecipare per garantire giustizia, legalità e diritti in rete...grazie
    • Giuseppe Persiani Utente certificato 3 anni fa
      Io lavoro per una grande azienda nel settore dell'ecommerce, in un anno siamo passati da 4000 a 7000 dipendenti, e tutto grazie alle nostre forze. Ovviamente questo accade in UK, dall'Italia sono dovuto fuggire, altrimenti io ed i miei figli saremmo morti di fame perche' ero troppo specializzato e nessuno mi offriva un lavoro. Se questo lo chiami distruggere...
  • Affari Miei 3 anni fa
    Si tratta dell'ennesima sola messa in atto da Renzie e soci. Ecco i danni che produrrà questa riforma http://goo.gl/gcLRRB Ha fatto bene il M5S a parlare a favore delle Partite Iva anche se pare difficile pensare che i parassiti del PD, abituati a rubare agli autonomi per dare ai cialtroni che raccomandano, possano intervenire. Bisogna restituire l'Italia a chi lavora!
  • Luca Mazzetto 3 anni fa
    scusate apprezzo la buona volontà. Io sono un artigiano elettricista di 47 anni e faccio questa domanda non solo ai 5 stelle che ho votato ma anche agli altri partiti. Ma non vi sfiora lontanamente il cervello che dare la possibilità alle nuove p.iva di avere le tasse al 5% per 5 anni possa danneggiare le p.iva come la mia con conseguente concorrenza sleale data la tassazione più bassa? inoltre la soglia dei 40000 euro è troppo alta, già lo era 30000. in questo momento di crisi dare queste soglie alle nuove partite iva vuol dire permettergli per quasi tutto l'anno fiscale di farci una concorrenza senza precedenti. Bene le tasse al 5% x tre anni e soglia di 20000 euro.
    • Alberto Santangelo 3 anni fa
      @TheFiscalist Non meriti neanche risposta per la valanga di sciocchezze che hai scritto
    • TheFiscalist 3 anni fa
      E invece io sono felice della stretta. Il regime "dei minimi" è un'autentica follia economica e fiscale. Molto italiano, devo dire: un vero premio all' incapace, al pigro, a colui che non ha voglia di investire. Ha così tante controindicazioni che si fa fatica ad elencarle. 1. è una forma di concorrenza sleale: chi è bravo/onesto deve applicare l' iva al 22%, chi è meno bravo/disonesto, nulla; 2. chi è bravo, lavora e fattura paga il 68% di imposte e contributi; chi non ha clienti o lavora da cani o tre ore al giorno...il 5%! 3. chi assume un dipendente...esce dal regime dei minimi. Chi non lo assume, no; 4. chi ha voglia di investire è costretto ad uscire dal regime dei minimi, non potendo "scaricare" nulla. Quindi, meglio non investire! 5. è un imbroglio per i giovani, che sono invogliati a fare un mestiere senza una vera selezione all'ingresso: i primi anni è una pacchia (neanche alla finanziaria alle Cayman paga così poco!): ma dopo qualche anno arriva il Fisco, e ti riportaalla realtà: prendendoti quasi tutto, e lasciandoti alla fame.
    • Alberto Santangelo 3 anni fa
      Secondo me le cose non stanno esattamente così. Nell'attuale regime dei minimi all'aliquota del 5% vanno aggiunti i contributi inps pari al 28% del reddito imponibile, quindi a spanne si paga circa il 32% di tasse. Se si sfora il limite di 30 mila euro annui o si perdono i requisiti per godere del regime agevolato si passa automaticamente a una tassazione superiore al 50%. Inoltre va considerato il fatto che per godere del regime agevolato le spese annue non possono superare i 20 mila euro. Quindi sarebbe impossibile aprire la p iva per esercitare certi tipi di attività che richiedono spese ingenti, tipo mi immagino quella di artigiano. La proposta dei 5 stelle mi pare equilibrata, il reddito minimo non può essere troppo alto. E' migliorabile, nel senso che a oggi chi dichiara 30 mila euro sta nel regime agevolato e chi dichiara un euro in più deve pagare molte più tasse, quindi la tassazione dovrebbe essere più progressiva.
  • adriano 3 anni fa
    Teneteci aggiornati, perchè da Gennaio nel nostro gruppo, mi prenderò il compito di far sapere a tutte le partite IVA (io sono un ex, ho capito per tempo dove si andava a parare) quello che 'sta facendo questo governo di merda. Vi assicuro che questa volta tanti apriranno gli occhi, e la battaglia non la faremo fare a quei voltagabbana della Lega!
  • han van Utente certificato 3 anni fa
    Sono proposte ridicole…Non tappano nemmeno i buchi di falle ENORMI…Qui tutti i vari Napolitani e Renzi elogiano chi apre attivita’ in proprio e poi…sistemano TUTTI i loro congiunti e relazionati in Ambienti Statali. Questa e’ la vera MAFIA italiana e mediterranea. E questi sono voti sicuri. Voti di scambio appunto. Che M5S presenti una VERA legge di cambiamento: In linea retta, Genitori, Figli e Nipoti…MAX 1 in ambienti statali. E MAX 1 remunerazione cadauno per CHIUNQUE nello Stato. E che sia max 10 volte lo stipendio minimo. Questo M5S contro Europa ed Euro distoglie l’attenzione dai VERI problemi nepotistici e dalle corruzioni italiane e dei paesi mediterranei. Ed e’ SOLO funzionale alla perpetuazione del potere delle Mafie dei Partiti e Sindacati e di tutti i vari Banchettatori dello Stato.
  • Patrizia Belli 3 anni fa
    Tutto risulta inutile,tutto cio' che stanno facendo al governo è inutile.Vogliono farci credere cio' che noi gia' sappiamo che non e. L'unica via d'uscita è VERAMENTE e senza fanatismi emarginare questi corrotti.Le mafie e la corruzione sono nel nostro tessuto sociale,e'la nostra postura mentale che dobbiamo raddrizzare altrimenti....e quella meta' di popolazione che ha votato PD o altri come loro be'...li definirei COLLUSI!
  • AUGUSTO PALUMBO Utente certificato 3 anni fa
    Facciamoci una risata Se avete tempo leggetevi questo http://antoniomenna.com/2011/10/08/se-steve-fosse-in-provincia-di-napoli/ Esistono altre variabili che limitano l'attività autonoma in questa disgraziata nazione. Buone feste e buon anno a tutti noi.
  • E I VOSTRI EMENDAMENTI 3 anni fa
    AVETE PRESENTATO VOI EMENDAMENTI A RIGUARDO?NO...E PERCHE' NON PARLATE DI INPS GESTIONE SEPARATA-IGNOMINIA D'ITALIA? BELLO IL CINQUE O IL QUINDICI...MA CON IL 33,72 DI INPS DOVE SI VA? VE LO DICO IO....A PAGARE LE PENSIONI D'ORO!
  • Paolo M5S Utente certificato 3 anni fa
    RENZI IL TASSINARO
  • simone russo 3 anni fa
    Buongiorno egregi, sono un vostro elettore Simone Russo 3473984471 Vorrei portare alla vostra attenzione , il giro di finanziamenti a fondo perduto, che viene dato alle cantine vinicole, per l acquisto di barrique . Funziona che le varie cantine d' Italia chiedono finanziamenti per comprare barrique e fare il prodotto docg. Fin qui tutto bene . Ecco però cosa succede , io sono un bottaio lavoro presso le cantine di tutta Italia , il mio lavoro consiste nel piallare le parti interne belle botti , per permettere la traspirazione del vino , questo perche dopo tre passaggi di vino il poro del legno si ostruisce , non permettendo quindi , appunto la traspirazione o l invecchiamento del vino. Parecchie cantine dove io ho lavorato ,dopo che gli ho pulito le botti dentro e fuori, facevano richiesta di finanziamento alla regione per acquistare delle botti, ma in effetti , le botti non le hanno mai comprate anzi , l unica cosa che hanno fatto è un bel giro di fatture fasulle. A parte questo io capisco i privati che comprano con i soldi loro , ma le cantine che comprano con i soldi della regione, possono poi fare perdere le botti o non adoperarle piu? Ecco cosa succede in tantissime cantine di Italia, non esistono periti che possono garantire se realmente la botte permette la traspirazione del vino , di fatti alcune dentro hanno fino a 3 centimetri di tartaro. Altre cantine si prestano le botti per farsi denominare il vino docg. Altre addirittura hanno le botti comprate con i soldi della regione a fondo perduto , e le lasciano semplicemente perdere, perche gli servono solo come immagine. Quello che vorrei proporre è di fare una proposta per fare controllare bene chi ruba i soldi della regione, e sono veramente tanti. Di certo i periti devono essere dei bottai in grado di aprire una botte e assicurarsi che non sia piena di tartaro o che sia veramente nuova .. quando hanno chiesto i soldi per l acquisto della stessa ovvio
  • Beppe A. Utente certificato 3 anni fa
    Finche' non si ricrea la domanda interna e ci si svincoli dalle imposizioni mercantiliste imposte dall'esterno, sono solo partite di giro che a nulla servono se non a creare miraggi fiscali evanescenti nel tempo. Non e' cosi' che riparte il lavoro. O si abbia il coraggio di dirlo o si taccia.
  • Aldo Masotti Utente certificato 3 anni fa
    Giusto intervento correttivo , ma non serve a nulla . Le aliquote fiscali reali superano il 50% in ogni caso . Inoltre creano sperequazioni con le persone anziane rimaste senza lavoro . Una attivita di un singolo puo sopravvivere solo se evade o elude . Sono leggi criminogene e che creano confusione . Una via d uscita potrebbe essere la tassazione con "CAP" al 30 % per le partite iva fino a 800.000 euro di reddito. cioe: analogamente ad un mutuo con cap tutte le imposte e tasse documentatamente pagate non possono superare il 30% dell imponibile fiscale . Cosi si evita anche lo scaricabarile fra amministrazione centrale e periferica .
  • Marco Franzin 3 anni fa
    sono un agente di commercio da 13 anni. Per chi pensa che questa attività possa arricchire si sbaglia. Fatturando tutto al centesimo e pagando il dovuto non si arriva a fine mese. Ci vorrebbe un lordo di 4000 euro al mese per tirare fuori uno stipendio da1200 euro, e non ho conteggiato il mutuo e carburante comunque investito per girare. Purtroppo, come molti miei colleghi, fatturati di questo tipo oggi sono un miraggio e così stento a sopravvivere. Fortuna non ho figli. Il rappresentante è parte fondamentale dell'economia, eppure non è assolutamente tutelato o ha agevolazioni. So che il singolo è una voce impercettibile, ma spero che ci si muova anche per avere aliquote se non altro più equilibrate in modo da non farci soffocare......
  • giovanni . Utente certificato 3 anni fa
    Sarebbe una proposta giusta ma chissà se frottolo la recepirà? magari ci farà una piccola variazione per intestarsi l'agevolazione alle piccole imprese.
  • Giuseppe Polizzi 3 anni fa
    oltre agli aspetti meramente tecnici, occorre evidenziare l'intento "politico" del nuovo regime. Chi è infatti la nuova p.iva? spesso, nel settore professionale parliamo di giovani e validi neolaureati, che hanno maturato l'idea di uno stato libero nel quale inserirsi professionalmente magari non inseguendo le logiche clientelari del posto fisso che ovviamente genera voti ai politici, puntando sulle proprie capacità e rischiando tutto in termini economici e di professione dato il contesto attuale. Ovviamente questi soggetti, cui appartengo potrebbero essere deleteri...disincentivare il lavoro autonomo significa accentrare il potere occupazionale in mano a pochi pertanto si porta avanti quel concetto che chiamo "Stato esclusivo" ovvero si tracciano le linee di demarcazione fra un'area totalmente assistita e tutelata e un'area (libero professionale") totalmente abbandonata a se stessa. faccio riflettere su un ambito meramente numerico: componenti positive per un dipendente: 1) certezza stipendio, 2)ammortizzatori sociali 3)ferie 4) permessi 5) malattie 6) 13°, 7) 14°, 8) premi produzione 9)tfr 10) scatti anzianità..e potrei proseguire. tutti questi punti hanno anche una valenza economica infatti oggi un lavoratore nei minimi che rientra nei 15000€ corrisponde ad un dipendente che guadagna circa 500€ al mese se consideriamo le spese sicuramente maggiori (spostamenti, rischi professionali e rappresentanza per esempio). Per fortuna che le banche appoggiano gli autonomi..provate a chiedere un prestito con 15000 annui con p.iva?? ahahah. Per il giovane professionista non rimane altro che la mortificante paghetta mensile dei genitori in barba a tutti i sogni di gloria personali e degli stessi genitori... A questo punto si emigra e si "libera il campo" lasciando il futuro in mano a chi ci ha rovinato il passato e azzerato il presente!!! Mala Tempora Currunt
  • Antonella Zanatta 3 anni fa
    Proponete inoltre di ridurre le quote degli acconti INPS e degli acconti IVA... sono infatti soldi che ancora non percepiamo, essendo acconto di un introito venturo, ma che siamo costretti a versare erodendo il nostro già povero conto corrente!!! Pago anticipi di lavori che non so nemmeno se avrò il prossimo anno.. è un furto legalizzato! Un processo all'intenzione!
  • Ing. Giorelli 3 anni fa
    La solita tecnica che funziona sempre. Basta annunciare ad un paio di mesi dalla fine dell'anno solare che dall'anno successivo ci sarà un brutale incremento nella tassazione per le nuove P.Iva. I caproni italici presi dalla paura, si affretteranno ad aprire P.Iva, incrementando così il numero dei contribuenti. A quel punto, i furbastri al governo, a Gennaio, faranno FINTA di ritornare sui loro passi (dopo aver preso un bel po' di pesci nella rete del fisco), risytabilendo la "normale" tassazione, già prevista in realtà di largo anticipo. A quel punto verrà fuori il movimento (colluso al massimo, in realtà con il governo e i poteri forti,tentando di assumersene il merito). I caproni talebani a cinque stelle, ovviamente applaudiranno e ci crederanno.
    • Daniele . Utente certificato 3 anni fa
      1°Lei al limete crede di avere la verità in tasca visto che spara sentenze, dando dei talebani dei caproni e dei collusi agli elettori,alla gente e ai politici! quindi chi ha la verità in tasca? 2°Come lei si prende il diritto di darmi del talebano, visto che voto 5 stelle, me lo prendo e come il diritto di risponderle e darle torto, perchè se io sono talebano, lei che cosa mi rappresenta visto che parla di politica e non fa nulla per cambiarla non andando a votare? 3°I fatti danno ragione a lei? fino a prova contraria quale OPPOSIZIONE in Italia è riuscita a cambiare qualcosa? Dovrebbe ringraziare il M5S che almeno fa VERA opposizione! 4°Io non le tolgo assolutamente il diritto di commentare, ma confermo che se non va a votare di cosa cazzo si lamenta? Si prenda quello che viene e taccia che ci fa più bella figura! Capisco che è facilissimo sputare sentenze rimanendo nel limbo, lei non vota quindi nessuno le può controbattere nulla tantomeno criticarla giusto? Io questo comportamento lo definisco da codardi! che opinione esprime non andando a votare??? La logica mi suggerisce che almeno, visto che non la rappresenta nessuno, dovrebbe andare ad annullare la scheda, magari con le definizioni giuste ad ogni movimento politico, mi sembra ben preparato in questo!!!
    • Ing. Giorelli 3 anni fa
      Mi dica una cosa Daniele: Lei per caso ha la verità in tasca ? Con quale faccia tosta si arroga il diritto di mettermi dalla parte del torto ? Lavora per caso nei servizi segreti ? Nopn credo. Quindi ? Fino a prova contraria i fatti darebbero ragione a me e non a lei, visto che sono passati circa 8 anni dalla fondzione del Blog,3 anni da quella del movimento e quasi due dall'ingresso nelle istituzioni. Risultati concreti ? ZERO Inoltre....è vero io NON VOTO e sono fiero di farlo, semplicemente perchè 1) Non credo di vivere in una Democrazia reale - 2) Non esiste una forza politica o movimento che mi rappresenti - 3) Non mi faccio prendere per il kulo da 4 furbetti che a quanto pare fanno ciò che vogliono della mente di molti italiani. Il DIRITTO però ad esemprimere la mia opinione, sia scrivendo su questo Blog e sia "non andando a votare" non me lo toglierà certo lei. Perchè anche il "non andare a votare" è espressione della propria opinione e lo preferisco alla scheda bianca. Addio
    • Daniele . Utente certificato 3 anni fa
      Caro ING. Mi sa che è un po' confuso... Qualche brindisi di troppo?? Comunque se il M5S e composto da mentitori talebani collusi con il governo e i poteri forti, Lei che sicuramente la sa lunga, continui pure a votare un qualsiasi partito che NON sia il M5S. Gli altri partiti si che sono composti di persone oneste e sincere che fanno e dicono ogni cosa esclusivamente per il NOSTRO bene! BRAVO!!!! E proprio grazie a persone AVANTI come lei che l'Italia è messa così bene, e TUTTI gli italiani di ogni ceto(pensionati e disoccupati compresi) stanno così bene, fanno una vita così agiata!! Geniale. E se invece e uno tra i moltissimi benpensanti che non vanno a votare, eviti di commentare la politica, perché semplicemente non ne ha il diritto! Auguri.
  • Mau 3 anni fa
    E' sempre la stessa storia: se non diffondete la notizia su tutti i mezzi di comunicazione, altri se ne prenderanno il merito
  • ROBERTO SCANNAPIECO Utente certificato 3 anni fa
    infine occorre eliminare quelle barriere finanziarie e i controlli bancari che hanno reso possibile a poche grosse imprese di accaparrarsi tutto il credito e le agevolazioni impedendo alle piccole e medie imprese di crescere e creando di fatto un monopolio di imprese legate al mondo politico e finanziario che controllano anche grazie alla corruzione ed nepotismo, al clientelismo. E' indispensabile un cambiamento di rotta o l'Italia diventerà come quei paesi dove poche migliaia di persone sono stramiliardarie e tutti gli altri fanno la fame. Infine occorre ripulire la politica dai corrotti INDAGANDO SULLE LORO FORTUNE, SPECIE LA VECCHIA GUARDIA CHE SI NASCONDE DIETRO LE PRIME LINEE CHE SI ASSUMONO LE RESPONSABILITA' AL LORO POSTO
  • ROBERTO SCANNAPIECO Utente certificato 3 anni fa
    altro elemento fondamentale è il recupero del know how perso con la chiusura o il trasferimento all'estero delle fabbriche. Necessita che attraverso forme di cooperazione gli operai ed i tecnici licenziati si riprendano la produzione delocalizzata. Deve essere possibile attraverso corsi formativi e interventi pubblici generare cooperative fra i lavoratori licenziati che riprendano produzioni perse o peggio delocalizzate come auto, elettrodomestici, computer ecc. affinché l'Italia non diventi un deserto tecnologico alla stregua del peggiore terzo mondo. Poi occorre incentivare la ricerca e l'istruzione scientifica e creare meritocrazia bandendo per sempre il nepotismo, il clientelismo, la corruzione.
  • FABRIZIO P. Utente certificato 3 anni fa
    il governo si impegna tanto ..ma solo per i grandi gruppi ...amici degli amici ..punto
  • alvise fossa 3 anni fa
    AVANTI COSI' 5 STELLE
  • ROBERTO SCANNAPIECO Utente certificato 3 anni fa
    Quello che pesa veramente sono i contributi minimi che si pagano indipendentemente dal reddito. L'altro elemento che potrebbe aiutare sono delle agevolazioni in termini di finanziamenti agevolati a chi apre una nuova attività specie se trattasi di attività artigianali o che richiedono macchinari. Poi occorrerebbero veri corsi di formazione per giovani con tirocini gratuiti per mestieri come cuochi, falegnami, pellettieri, sarti, lavoratori del vetro, orafi, argentieri, fabbri,ceramisti, orologiai, tappezzieri, muratori, idraulici, elettricisti e tutti quei mestieri che la nostra società richiede, specie quelli che hanno fatto grande il made in Italy.
  • Giancarlo G. Utente certificato 3 anni fa
    Io non concordo con questa mania sinistrorsa di creare diversità tra i soggetti. Crea distorsione fra avvantaggiati e svantaggiati. Non vedo perché un giovane debba essere avvantaggiato rispetto ad un anziano che cerca di farsi un lavoro. Come non vedo il perché un anziano abbia diritti acquisiti che lo differenziano dal giovane. Vedi pensioni contributive e non. Entrambi alla fine della giornata devono poter vivere. Se gli organi agissero per il proprio particolare interesse porterebbero alla morte del corpo. Tutto questo mina la forza di un gruppo sociale chiamato Italia che ora non esiste. Le regole devono essere poche, semplici e uguali per tutti indipendenti dal sesso, età credenze e inclinazioni. Spetterà allo Stato conformarle per difendere la comunità nel complesso.
  • Michele P. Utente certificato 3 anni fa
    Nuovo ASPI a 24 mesi solo nel 2015 e 2016! Nel 2017 solo un anno e mezzo. Altra cosa non detta da Renzi!
  • Giusy Romano Utente certificato 3 anni fa
    Ogni iniziativa resta nel cassetto, non ci sono le condizioni, non puoi provare a fare impresa senza essere sbranato dallo Stato. L'attuale sistema di tassazione è una palla al piede, il lavoro e le merci sono prese di mira come base imponibile maggiore, i prodotti costerebbero la metà se lo stato non vi imponesse le tasse. La fiscalità monetaria, cioè la tassazione unica sul denaro, consente allo stato di incamerare il denaro per la spesa pubblica e per il reddito di cittadinanza, è la forma che aderisce perfettamente all.art. 53 della Costituzione che dice che ognuno partecipa con la sua capacità contributiva. L'eliminazione dell'attuale sistema di tassazione produce il raddoppio del potere d'acquisto perché i produttori di beni e servizi non hanno più bisogno di scaricare la tassazione sui prodotti. Con il reddito di cittadinanza universale si mette fine al falso problema disoccupazione in quanto il lavoro è stato e sempre più sarà sostituito dalle macchine.
  • Mattia 3 anni fa
    Concordo con Carla, e' impensabile un aliquota del 15% sin dal primo anno di attività. Una start up già appesantita dal fisco sul nascere, e' inevitabilmente penalizzata sul mercato. Quello che stupisce, e' la totale inettitudine delle parti antagoniste della stessa maggioranza, che accettano passivamente questo delirio di macelleria fiscale. Ad ogni modo, avanti così m5s.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus