La sicurezza sul lavoro stia fuori dal caos

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Marco Bazzoni, Operaio metalmeccanico e Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza - Firenze

In Toscana, a Lucca, sono morti sul lavoro due operai, precipitando da 10 metri per il cedimento della gru. Proprio ieri la Regione Toscana, con il decreto dirigenziale 11866 del 10 Agosto 2017 (pubblicato sul BURT il 23 Agosto), ha chiuso il Settore Prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro. Loro la chiamano riorganizzazione, ma è ben peggio. Verrà costituito un nuovo settore, generico, di cui si sa ben poco, che accorperà tante materie, dagli alimenti, alla veterinaria, ai vaccini, all'igiene pubblica, fino ad arrivare alla sicurezza sul lavoro.

Dopo le parole di cordoglio di ieri del Governatore Enrico Rossi sulle ennesime morti sul lavoro, viene da domandarsi se è davvero al corrente della cancellazione di un intero settore. In ogni caso, credo sia giusto che dica qualcosa in merito al perché di questa cancellazione. Un nuovo settore, dove il dirigente incaricato, oltre ad una valanga di materie diverse tra loro, si troverà a gestire un personale formato da circa 50 persone.La questione della sicurezza sul lavoro è stata a dir poco "accantonata" da un Presidente che ha spiccato il volo proprio grazie al suo impegno anche sui temi della salute e sicurezza dei lavoratori, nel suo lungo mandato politico in qualità di assessore alla sanità.

E' proprio un salto nel passato la scelta della Regione Toscana, di calare il sipario sulla tutela delle lavoratrici e dei lavoratori.Una Regione, che fino a qualche anno fa, era punto di riferimento per quanto riguarda la salute e sicurezza sul lavoro. E' inaccettabile che la Regione Toscana arretri sulla sicurezza sul lavoro, per giunta a Ferragosto.Se questa scelta e' dettata dal risparmio, come dicono, perché non e' stata fatta un anno fa, invece di tenere una dirigente a doppio incarico? C'è qualcosa che non mi torna.Voglio ricordare al Presidente Rossi, all'Assessore alla Salute Saccardi, che il 21 Luglio 2017, è stata deposita in Consiglio Regionale Toscano, a firma dei consiglieri di Sinistra Italiana Fattori e Sarti, l'interrogazione n 14885, in merito all'organizzazione del Settore Prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro della RT. Ancora aspettiamo che qualcuno in Regione Toscana si degni di rispondere.I dati sugli infortuni in toscana proprio dei primi mesi di quest'anno non lasciano assolutamente tranquilli e chiedono a gran voce "PIÙ SALUTE E SICUREZZA" e basta morti sul lavoro.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • sergio boscariol 4 mesi fa
    il lavoro non e' una merce se lo fosse stato dumila anni fa'cosa troverebbero gli archeologi oggi??? basta al ricatto politico sul lavoro e' una vergogna!!!
  • A L. Utente certificato 4 mesi fa
    Siamo un Paese dove la vita dei lavoratori, quelli veri, quelli che si sudano ancora il salario, vale niente. Un problema antico che getta sempre di più una luce da terzo mondo su questa Italia che, dal piano inclinato dove è stata gettata da anni, scivola sempre più in basso.
  • Ennio Vitalini 4 mesi fa
    Sto cercando da un paio di mesi di mettermi in contatto con un responsabile del Movimento a Roma per cercare di capire la situazione di un piano di zona sito nel IVX Municipio. Adesso mi rendo conto che un problema che il movimento deve risolvere è quello di facilitare il cittadino che vuole parlare con un rappresentante del Movimento che, come nel mio caso, ha votato, a farlo, ma non solo, a ricevere anche una risposta. Mi scuso ma ho scritto a tanti esponenti senza ricevere risposta, speriamo che questa sia la volta buona, cordialmente Ennio Vitalini.
  • pericle seneca () Utente certificato 4 mesi fa
    Il sig. Rossi ha spiccato il volo da Assessore alla Sanità solo perchè il suo partito PCI PDS DS PD lo ha sempre supportato e non certo per meriti personali ! Quando era Assessore della Sanità a Massa sono spariti oltre 400 milioni di euro e Lui è stato premiato con la Presidenza della Regione ! Ora che è uscito dal partito stà solo cercando di ritagliarsi un nuovo strapuntino politico, cosa volete che gliene freghi del Settore prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro dei lavoratori ?
  • Massimo Pampena 4 mesi fa
    tanto onore e cordoglio per i due operai morti, però temo che ne vedremo ancora fino a quando le grandi e piccole imprese dovranno fare i conti con dei ribassi assurdi per poter vincere un appalto sia pubblico che privato. E' inevitabile che dovendo rientrare nei costi si tralasciano due aspetti fondamentali del settore edile: formazione degli operai e manutenzione periodica delle attrezzature, visto che oramai i capitolati d'appalto hanno ben specificato i materiali da usare per le singole lavorazioni.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus