L'#Italia5Stelle è a rifiuti zero

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.


"La legge rifiuti 2.0 del M5S è in linea con l’economia circolare verso Zero Rifiuti, le direttive europee e la stessa enciclica Laudato Si' di Papa Francesco. Una legge che unisce sostenibilità ambientale ed economica, che il MoVimento 5 Stelle ha costruito ascoltando cittadini, iscritti al portale Lex, esperti, associazioni ambientaliste e realtà del settore.

La proposta punta a rafforzare la prevenzione-riduzione di rifiuti (attraverso anche l'istituzione del vuoto a rendere, l'analisi del ciclo di vita dei prodotti in fase di progettazione e le cosiddette Fabbriche dei Materiali), il riciclo e l'implementazione della raccolta differenziata con obiettivo del 75% entro il prossimo anno, l'85% al 2020 ed il 95% al 2025 e redigendo un piano di dismissione di inceneritori e discariche.
Come arrivare a questi obiettivi di civiltà? Attraverso l'incentivazione al riciclo/compostaggio ed il reale recupero di materia e disincentivando il 'recupero d'energia' (incenerimento etc.) attraverso il divieto di smaltimento e combustione di ogni materiale riutilizzabile e non trattato. Premiando cittadini ed aziende virtuose attraverso la 'tariffa puntuale' (più ricicli meno paghi) punto di arrivo di ogni raccolta differenziata domiciliare spinta. Tutto questo unito alla separazione tra chi raccoglie e chi smaltisce, creando società pubbliche prive di conflitti d'interesse, riformando i consorzi di riciclo e tante altre proposte utili a cittadini e imprese.
Ti invitiamo a conoscere la nostra idea di economia e di Paese a Imola il 17-18 ottobre all'autodromo "Enzo Ferrari". Siamo l’unica forza politica che rifiuta il finanziamento pubblico e quindi ti chiediamo di contribuire con una donazione per sostenere Italia a 5 Stelle.
L'Italia che vogliamo vuole "adottare un modello circolare di produzione che assicuri risorse per tutti e per le generazioni future, moderare il consumo, massimizzare l'efficienza dello sfruttamento, riutilizzare e riciclare".
L’Italia che vogliamo è un’Italia a 5 stelle." Stefano Vignaroli, portavoce M5S Camera

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Anacreonte La Mantia 2 anni fa
    Il M5S? NIENTE PAROLE VUOTE MA FATTI!
  • gaetano savoca 2 anni fa
    La serietà, l'impegno, l'intelligenza, la professionalità di questo giovane Signore romano porterà l'Italia fra i paesi più evoluti al mondo per quanto concerne l'ecologia dei rifiuti.
  • rosanna scarpa 2 anni fa
    finalmente si comincia a parlare di vuoti a rendere. il riciclo e' solo un ripiego. bisogna tornare alle origini e cercare di non produrre rifiuti. io lo sostengo da sempre e cioe' da quando cera ancora la bottiglia del latte di vetro. finche' le persone non capiranno che non bisogna produrli i rifiuti e continuera' ad esserci questa teoria che tanto c'e' il riciclo, il risultato sara' sempre relativo. insistete per favore. io cerco di farlo da un sacco di anni. per ora cerco di non acquistare merci con tanto imaballaggio ed uso i miei contenitori per quando vado a fare la spesa, ecc. ci vuole poco. solo un po'0 di buona volonta'.
  • Michele Borrielli 2 anni fa
    ATTENZIONE!!! PER LO STAFF TECNICO I VIDEO SU "LA COSA" NON SI RIESCONO A VEDERE
  • marco barbon Utente certificato 2 anni fa
    Deve dimettersi Marino per sette scontrini e qualche bugia, o per una difesa goffa e improvvisata? Soprattutto dopo la lunga lista di ottime cose fatte per Roma? No, la mia risposta è NO. Semplicemente perché, per la mia modesta visone delle cose, Marino, doveva dimettersi la sera del 28 Giugno 2013 due giorni dopo il suo insediamento, dopo aver approvato la determina 381 del 28 giugno 2013 che prorogava l’affidamento del servizio di assistenza temporanea alloggiativa emergenziale, in palese violazione delle normative vigenti perché, come in questo caso, quando un importo supera la soglia comunitaria è obbligatoria una gara d’appalto, e a favore di chi andavano queste proroghe? Ne beneficiava la cooperativa 29 Giugno di Buzzi, quella a cui Marino aveva promesso di devolvere il suo stipendio in campagna elettorale, salvo poi fare finta di non conoscerlo a scandalo scoppiato. Lo spiegano bene Lamanna e Tatò, i due ispettori della Ragioneria generale dello Stato in un rapporto di 320 pagine. Saranno grillini linciatori anche loro? Spiegano gli ispettori del tesoro che anche ad ottobre 2013 a proroghe scadute la Cooperativa di Buzzi continuava a erogare il servizio, senza neanche il bisogno della proroga. Ora l’affidamento al Consorzio di cooperative sociali Eriches 29 del servizio di assistenza abitativa temporanea violava la legge sulle gare pubbliche, le continue proroghe violavano la legge, ma niente, andava tutto bene, e si andava avanti, di deroga in deroga e anche senza, al contratto assegnato più di tre anni fa dal Comune di Roma a Salvatore Buzzi. Affidamenti diretti, deroghe su deroghe e Buzzi non era il solo ad usufruirne. Dunque lo faceva la giunta Alemanno, cosa nota grazie ai continui esposti dei Radicali prima, e continuava a farlo la giunta dell’ignaro Marino dopo. Da li a pochi mesi scoppia lo scandalo Mafia Capitale e ti ritrovi tutte vergini immacolate. Ecco, questo manca nella lista a difesa dell’ignaro Marino.
  • enrico di franco 2 anni fa
    Cari Signori, "contribuire con una donazione per sostenere Italia a 5 Stelle" capisco ed ammetto le Vs.posizioni al riguardo ma abbiamo giá pagato;perché dovremmo farlo un'altra volta? tutto il mio sostegno morale,elettorale e divulgativo ma soldi non ne ho! buon lavoro ciaoo
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus