I migranti sbarcati in Italia devono essere ricollocati negli altri Paesi europei

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di MoVimento 5 Stelle Europa

I migranti sbarcati in Italia devono essere ricollocati negli altri Paesi europei subito! La sentenza della Corte di giustizia europea, che respinge i ricorsi presentati nel 2015 da Slovacchia e Ungheria, deve essere immediatamente rispettata o, ancora una volta, l'Unione europea avrà perso la faccia.

L'Unione europea non ha nessuna intenzione di prorogare la decisione e questa della Corte di Giustizia europea dunque potrebbe essere una vittoria di Pirro se non arriva una decisione immediata del Consiglio di prolungare i ricollocamenti e renderli obbligatori.

Finora hanno lasciato il nostro Paese appena 8.402 migranti sui 35 mila promessi (dati aggiornati al 1 settembre 2017), appena il 24% del totale. Bulgaria, Repubblica ceca, Danimarca, Estonia, Ungheria, Irlanda, Polonia, Slovacchia e Inghilterra non rispettano i patti presi in sede di Consiglio. Questo è l'assurdo: l'Europa oggi è talmente debole che non riesce nemmeno a far rispettare le decisioni che prende. Persino la Svizzera e la Norvegia che non fanno parte dell'Unione europea si sono mostrati solidali accettando il ricollocamento di circa 1.500 migranti.

Nel 2017 sono sbarcati nel nostro Paese 99.742 migranti: il 79% dei migranti sbarcati in Europa ha toccato le coste italiane. Per essere chiari: tutti gli Stati europei devono accogliere, l'immigrazione è un tema europeo e nessun Paese può considerarsi escluso. Quello delle ricollocazione non è un sistema perfetto ma è un primo passo che l'Europa compie verso una redistribuzione obbligatoria e permanente delle quote dei richiedenti asilo, così come chiesto più volte dal gruppo Efdd - Movimento 5 Stelle in Europa.

La decisione della Corte è importante in quanto sottolinea il principio di solidarietà tra gli Stati membri, già sancito dai Trattati, ma troppo spesso disatteso. Davanti alla chiusura di Slovacchia e Ungheria, quindi, la Corte di giustizia alza il cartellino rosso e, aprendo un precedente, richiama tutti i Paesi dell'Unione alle proprie responsabilità. Perché, come scrivono i giudici, "il meccanismo contribuisce effettivamente e in modo proporzionato a far sì che la Grecia e l'Italia possano far fronte alle conseguenze della crisi migratoria del 2015". Ora andiamo avanti con la nostra proposta, presentata in sede di riforma del regolamento di Dublino, di sospendere l'erogazione dei fondi strutturali a quei Paesi che non cooperano nella ricollocazione dei richiedenti asilo.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Michele Babich 4 mesi fa mostra
    Buonasera. Quando si ha bisogno di una somma di soldi ma non si intende specificare l’utilizzo che se ne farà, la soluzione migliore è un prestlti personale. I prestlti personali possono essere erogati a dipendenti, pensionati, lavoratori autonomi, artigiani ed imprenditori. Il richiedente può essere un cittadino italiano o straniero residente in Italia e al momento della richiesta deve avere un'età compresa fra i 18 e i 70 anni. Puoi scegliere l'importo del tuo prestlto personale: da € 2.000 fino a € 100.000; puoi dilazionare il tuo prestlto: fino a 120 mesi; puoi avere tassi vantaggiosi e competitivi; se scegli un prestlto personale e se hai già un tuo conto corrente non devi cambiare Banca! michele_babich@virgilio.it
  • Walter Bianchi 4 mesi fa mostra
    Prestito affidabile e sicuro senza protocollo Salve. Sono una personna privato che aiuti li gente che avete bisogno. Puoi richiedere fino a € 100.000 in sole 48 ore e rimborsare l’importo nel modo più comodo. Scopri il finanziamento affidabile e sicuro per realizzare il tuo progetto. Attendiamo la vostra risposta presto. Ringrazio per la cortese attenzione. Email: walter.bianchi@virgilio.it www.mutuo.cla.fr
  • Donna Cannone 4 mesi fa mostra
    Premesso che concordo con il sotto commento di Carlo al post di Viviana delle 12:01, se mi è consentito, mi rivolgo @ il Garante della Finalità statutaria, del principio Orizzontale fondante “Ognuno conta uno”, della Democrazia Diretta e Trasparenza che contraddistinguono il MoVimento 5 Stelle. Caro Beppe, se come dici tu, per “ribaltare una realtà artificiale dove la menzogna viene fatta passare per verità e la dittatura per democrazia”, “il primo insegnamento è l’esempio”, allora è imprescindibile che le parole corrispondano alla verità dei fatti. Concorderai perciò che “un programma deciso dagli iscritti” significa punti programmatici proposti e elaborati, in modo efficiente ed efficace, Direttamente dalla Rete degli iscritti e non da dirigenti o rappresentanti. Il Ruolo di governo e di indirizzo attribuito alla Rete significa un processo decisionale Orizzontale, partecipato dall’inizio alla fine. Portavoce significa Portavoce dell’intelligenza collettiva condivisa in Rete. Trasparenza e Democrazia significano un S.O. di Rete gestito in modo Trasparente da responsabili eletti democraticamente. Se mai sarà attiva la promessa Piattaforma, uno spazio Trasparente dove ognuno veramente conta uno, contando uno fra gli uni, posterò allora su quella Piattaforma un punto programmatico che ritengo basilare per una Vera Democrazia dal basso. - Il rivoluzionario M5S, nato per realizzare la Democrazia Diretta, opererà gli interventi necessari affinché la Costituzione conferisca al popolo una reale e piena sovranità, esercitata Direttamente, attraverso semplici Portavoce i quali hanno il Ruolo di accertare ed eseguire la volontà del popolo sovrano, tale e quale come espressa su un’idonea Piattaforma e-democracy anti delega uno vale uno. Buongiorno
  • bambacionia5s 4 mesi fa mostra
    Bambacioni!! http://bit.ly/2oyckIm
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus