La lettera di Luigi Di Maio al direttore de Il Giornale Sallusti

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Luigi Di Maio, pubblicato oggi su Il Giornale, pagina 8

Caro direttore,

innanzitutto la ringrazio per questo spazio sul suo giornale. Il motivo per cui le scrivo è perché sono rimasto sorpreso per come è stato raccontato il mio appello a tutte le forze politiche per portare a termine l'iter legislativo sulla proposta di legge sulle chiusure festive. I motivi sono tanti, il principale è il seguente: quella proposta di legge è stata votata dalla Camera dei Deputati senza nessun voto contrario. Nessuno ha votato contro. Il MoVimento 5 Stelle l'ha proposta e ha fatto convergere buona parte dell'arco costituzionale su una proposta di buon senso.

Non si tratta di una proposta scriteriata, estremista o sragionata. Anzi! Tutte le forze politiche presenti in Aula ne hanno riconosciuto la bontà. E come potrebbe essere altrimenti? La proposta prevede che ci siano per tutti sei chiusure festive su dodici totali. Stiamo parlando per intenderci di festività che fanno parte della nostra tradizione: il Natale, Santo Stefano, Capodanno, Pasqua, Pasquetta e così via. E' un diritto di tutte le famiglie avere la possibilità di godersi in santa pace queste feste e personalmente trovo anche che sia un bel messaggio per tutti. Ci deve essere il tempo da dedicare ai valori e alle tradizioni familiari, soprattutto in questi tempi di incertezza.

Lei, usando abilmente le parole, ha detto che "la scelta di lavorare o riposarsi nei giorni festivi è un diritto inalienabile del singolo". Io questo non lo metto in discussione. Metto in discussione il fatto che la legge di Monti che è in vigore attualmente non lascia scelta: devi lavorare a Natale anche se vuoi stare con i tuoi familiari. Questo non è liberalismo. Questo è lacrime e sangue. Mio padre è un imprenditore. Quante volte nei giorni di festa l'ho visto appartarsi per lavorare! Per rivedere i conti, per verificare le buste paga, per chiamare un fornitore in ritardo. Ma almeno era in casa con mia madre e i miei fratelli e poteva prendersi qualche ora per sbrigare i suoi affari e dedicare a noi il resto del tempo. Nessuno lo obbligava ad andarsene in azienda e passare la giornata lì, era il suo dovere conciliato con il piacere del calore familiare. Qui stiamo parlando di costringere delle madri, magari commesse in un grande centro commerciale, a stare 10 ore lontane dai figli a Natale.

Qui stiamo parlando di costringere dei padri, magari titolari di un piccolo esercizio commerciale, a passare il Natale alla cassa perché altrimenti soccombe alla concorrenza del grande centro. Questo è folle, caro direttore. E io questa follia la voglio eliminare una volta per tutte, così come vogliono farlo tutte le forze politiche presenti in Parlamento e che si presentano alle politiche del 2018. Il senso del mio appello è che è insensato che una proposta di legge che ha ottenuta l'unanimità alla Camera venga bloccata al Senato per colpa delle pressioni delle lobby della grande distribuzione. Il Senato ha il dovere di mettere in discussione e votare quella legge. L'obbiettivo a tendere è far decidere, non allo Stato centrale come ha voluto Monti, ma agli enti locali e in base alle esigenze del territorio quando tenere chiuso e quando lasciare aperto. Sempre mantenendo fede al principio per cui le feste sono un diritto.
Infine un passaggio sulla felicità.

L'obbiettivo del nostro governo è garantire una vita di qualità. Sono d'accordo con lei che saremo più felici con meno leggi e meno vincoli. E' quello che sto raccontando in queste settimane agli imprenditori del nord: abbiamo un piano per l'abolizione di migliaia di leggi inutili e presto lanceremo anche un sito per raccogliere le proposte di cittadini e categorie che si chiamerà leggidaabolire.it. Il senso dell'iniziativa sarà proprio: "Meno leggi, più felicità" e visto che lei si interessa dell'argomento, attendo anche le sue proposte.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Natalina Ottocesure 1 mese fa mostra
    Caro Di Maio, a proposito di troppe leggi, c’è un detto in latino che afferma “Summum ius, summa iniuria”. Se ora mi permette un piccolo fuori tema, vorrei chiederle se Le risulta che il M5S, a cui sono iscritta, sia ancora una “non associazione” oppure sia diventata una associazione con il conseguente obbligo di convocare un’ Assemblea almeno una volta l'anno entro il mese di aprile. In ogni caso vorrei sapere se concorda con me che sarebbe interessante partecipare a una - Assemblea degli iscritti al Movimento politico M5S - convocata quanto prima presso la Sede www.movimento5stelle.it con il seguente programma dibattimentale : 1° giorno Statuto e Finalità. Coerenza ai valori e principi fondanti che contraddistinguono il M5S e lo differenziano dal partito che non intende diventare. 2° giorno Piattaforma e Forum. Caratteristiche tecniche, modalità gestionali e di verifica dati, per Strumenti propositivo - decisionali idonei a Testimoniare un metodo e-democracy Trasparente e Orizzontale. 3° giorno Redazione delle decisioni assunte dell’Assemblea. Democratica elezione dei gestori degli Strumenti di Rete del M5S: Piattaforma, Forum e Blog delle Stelle. Grazie per l’attenzione
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus