5 Giorni a 5 Stelle/14: #BastaImbrogli

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.
basta_imbrogli.jpg

"Basta imbrogli! Con il MoVimento 5 Stelle sono tempi duri per chi cerca d'ingannare i cittadini. Alla Camera abbiamo denunciato l'ennesimo favore ai concessionari di slot machine. Pd e Pdl hanno concesso ai signori dell'azzardo ulteriori 100 milioni di euro di sconto sulle multe non pagate. Non bastavano i 2 miliardi di euro già condonati?
Al Senato, proseguendo la battaglia iniziata alla Camera, i portavoce 5 stelle sono intervenuti per due giorni di seguito in difesa della Costituzione, portando in aula alcune parole del Premio Nobel Dario Fo. La lotta ha portato al rinvio del voto finale di una settimana. Il M5S ha smascherato la Legge Truffa sul finanziamento pubblico ai partiti e si è battuto affinchè il nostro disegno di legge contro gli orari selvaggi dei negozi non venga snaturato da Pd e Pdl proni agli interessi delle lobby dei centri commerciali. Su questo argomento, tra l'altro, i cittadini si pronunciarono nel 1995 con un referendum dove il 62% votò contro la liberalizzazione selvaggia degli orari.
In Senato si è discusso di Telecom, gioiello italiano distrutto dai partiti ed è stata approvata una nostra mozione. Del testo hanno bocciato una sola parte. Indovinate quale? Quella relativa ai diritti della Rete. Siamo scesi in piazza al fianco dei cittadini che con forza hanno chiesto l'abolizione del voto segreto sulla decadenza di Berlusconi e non solo. Grazie alle mosse del M5S siamo sulla buona strada per ottenere il voto palese. Ma vogliamo fatti non parole: li aspettiamo al varco!" M5S Camera e Senato

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus