Nomine, continua l’occupazione renziana

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Alessio Villarosa e Daniele Pesco

Sotto le feste è andato in scena l’ennesimo blitz del governo che ha proposto la nomina di tre consiglieri di Stato vicini alla maggioranza. Fra costoro c’è anche Carla Ciuffetti, capo dipartimento delle riforme istituzionali della Presidenza del Consiglio, una stretta collaboratrice della sottosegretaria Boschi.

Nel silenzio dei media Gentiloni che, a Camere sciolte, per prassi istituzionale dovrebbe svolgere solo il disbrigo degli affari correnti, continua a piazzare amici di Renzi e dell’esecutivo in posti chiave. Se ciò non bastasse, fra le tre nomine in oggetto, c’è quella del professor Pierluigi Mantini, vicepresidente dell’organo di autogoverno dei magistrati dei tribunali amministrativi regionali, (Cgpa), lo stesso organo a cui è pervenuta la richiesta del Governo, per il prescritto parere di competenza, a seguito del Consiglio dei ministri dello scorso 23 dicembre. Avete capito bene: a fine anno il governo chiede al Cgpa, di cui Mantini era all’epoca il vicepresidente, un parere sulla nomina di tre funzionari a consiglieri di Stato, fra cui lo stesso Mantini e l’amica della Boschi.

Un conflitto d’interessi enorme, e per nulla mitigato dalle successive dimissioni di Mantini dal Cgpa. E’ molto scorretto, inoltre, il fatto che, fra l’altro, non c’era nessuna urgenza di procedere a tale nomine, nessuna scadenza o carenza d’organico, e il cui apporto è del tutto indifferente per la funzionalità del Consiglio di Stato. Inoltre è grave, sul piano dei rapporti tra organi costituzionali, che il Governo possa designare a consigliere di Stato il vicepresidente dell'organo di autogoverno della giustizia amministrativa, il cui compito istituzionale era appunto quello di garantirne l’autonomia e l’indipendenza, proprio nei confronti del governo stesso.

Gentiloni, poi, dovrebbe spiegare anche il motivo per cui, in questo caso, non è neanche stata rispettata la prassi costituzionale, fino adesso sempre rispettata, che prevedeva il conferimento della designazione a consigliere di Stato, unicamente a funzionari di vertice della Pubblica amministrazione mentre, in questo caso, è stato designato un professore associato, ed ex parlamentare come Mantini, e una funzionaria parlamentare di medio livello, neanche dirigente, come la collaboratrice della Boschi. Proprio domani l’organo esecutivo del Consiglio di Stato voterà la ratifica di queste tre nomine governative, fra cui c’è anche quella di Luigi Fiorentino, consigliere della presidenza del Consiglio dei ministri, con funzioni di vice segretario generale. Il Consiglio di Stato è un organo chiamato a dirimere le più importanti controversie tra cittadino e pubblica amministrazione, e non luogo dove il governo possa piazzare gli amici degli amici.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Roberto Augustinus Utente certificato 4 giorni fa
    Dunque, se il M5S andrà, come spero, al governo, stanno preparando pezzo dopo pezzo tutti i bastoni da mettere nelle ruote del governo per non poter governare. Avete presente Roma? Ecco, lì si sono allenati per vedere come rompere le uova ad una amministrazione onesta, competente e capace. Si sta vedendo il risultato, tra sindacati, dirigenti infedeli o "orientati", imbuccati dei partiti e malati immaginari, tecnici "sabotatori" ed autisti sfaticati. Immagino facilmente ciò che succederà a livello nazionale ed internazionale. Povero amatissimo paese: prepariamoci al peggio, purtroppo. Sarà dura. Come diceva Beppe Grillo, ci vorranno 2 o 3 GENERAZIONI per portare l'Italia alla semplice "normalità".
    • Silcardo 3 giorni fa
      Ma se, invece, il giorno dopo le elezioni svoltassimo di colpo? Mi spiego. Si va da Moscovici o chi per lui e gli si dice: "Tieniti 'sto ca**o di 3% di defecit/pil, ma in cambio mi dai sostegno per... Di Maio prende carta, penna e calamaio; intinge la penna sulla lingua, mischia l'inchiosto e scrive: "Leggi anticorruzione, anticoncussione, antiriciclaggio... "Leggi antievasione, antielusione, contro il falso in bilancio... "Abolizione di 400 leggi, snellimento della burocrazia, spendig review fatta bene... "Leggi antimafia, leggi di incandidablità e decadenza dei condannati, riforma dei partiti... "Green Economy, Diritti Sociali e dissesto idrogeologico... "Etc. Etc. Etc. Ma vi andrebbe così male?
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus