Ricollocamenti subito o non versiamo più 16 miliardi all'UE

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

Intervento di Luigi Di Maio alla conferenza stampa al Parlamento europeo "#Migrantopoli: la chiamano ospitalità ma è solo business".

"L'82% dei migranti che arriva in Europa sbarca in Italia. Di questi migranti l'Italia si fa carico per il 98% della spesa. Noi italiani ci mettiamo quattro miliardi e mezzo di euro all'anno. L'Unione Europea solo 91 milioni di euro.

La rotta Mediterranea è un problema di tutta l'Unione Europea. E bisogna lavorare per chiudere la rotta del Mediterraneo. In questi giorni tutti parlano di un rafforzamento dell'asse Franco-Tedesco. Bene, lavorino per chiudere la rotta mediterranea, come hanno chiuso altre rotte in passato. Ma soprattutto inizino a dare sanzioni ai Paesi che non rispettano i ricollocamenti per quote. L'asse Franco-Tedesco venga in Sicilia a vedere l'emergenza che stiamo vivendo.

I partiti di Governo hanno favorito la mafia e i furbetti nel business dei migranti. È da Mafia Capitale che sappiamo che questo sistema andava riformato. Il fatto che il Governo Renzi e poi Gentiloni non abbiano mosso un dito dimostra la loro complicità. Servivano leggi per fermare la corruzione in questo ambito, non maggiori finanziamenti alle solite cooperative, alberghi e altre strutture private di accoglienza. Aspettare le sentenze definitive è una sciocchezza. Le inchieste ci hanno già lanciato un allarme e non possiamo aspettare 10 anni per agire.

Per noi si devono subito sospendere i finanziamenti ai privati che gestiscono l'accoglienza. A questi privati che fingono di fare accoglienza ma che in realtà fanno solo affari con i nostri soldi, non deve essere dato più un solo euro da domani.

Lasciamo finanziate solo le realtà gestite direttamente dallo Stato e se serve potenziamole. Dove mettiamo tutte quelle persone che sono in quei centri? Prima di tutto assumano una regia pubblica di gestione.

Ma da domani iniziamo subito i ricollocamenti e i rimpatri. L'Unione Europea sia seria. Noi faremo in modo da essere seri nella gestione dei fondi. Voi però sbloccate i ricollocamenti. Altrimenti smettiamo di darvi 16 miliardi di euro all'anno. E anche sulle ONG. Nessuna nave delle Ong dovrà più approdare nei porti europei se non esibiscono tutti i bilanci e accettano la presenza della polizia giudiziaria italiana a bordo durante le operazioni di sbarco.

I numeri degli sbarchi creano un'emergenza nazionale. Il caso ONG crea un problema di sicurezza nazionale. Tutte e due vanno affrontati subito. E non ci sono sentenze definitive da aspettare. Chiedo all'Europa se voglia darci una mano. Altrimenti faremo da soli. Con i 16 miliardi che gli diamo".

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • vajra 7 mesi fa
    Ma non era "aiutiamoli a casa loro"!!?? Da un Di Maio, che ho contribuito anch'io ad eleggere, mi aspetterei qualcosa di più azzardato e generoso, rispetto a questo intervento ineccepibile ma tanto convenzionale. Tanto da sembrare più un Di Macron. "Aiutiamoli a casa loro" è l'UNICA cosa realistica, a meno che non si voglia scivolare nel linciaggio indiscriminato... ma per quello ci sono già Meloni & Salvini che bastano e avanzano. Aiutiarli in quel modo comporta l'abrogazione sia culturale che pratica - E DA SUBITO - del colonialismo; pur sperando di contagiarne altre nazioni va fatto unilateralmente, se no campa cavallo; e va affermato subito... non è che "prima prendo i voti e poi vedrai saranno ca&&i", perchè poi ai beceri forcaioli gli devi rendere il favore ad usura e saranno loro che cambiano te, non viceversa come credono anche qui alcune patetiche figure postberlingueriane vasi di coccio in mezzo a una canea di neorazzisti. Beppe ma lo dai mai uno sguardo della madonna al TUO BLOG?
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus