La morte della piccola impresa italiana

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.
impresefallite.jpg

Le PMI sono il cuore pulsante del Paese, devono essere protette. Il M5S porta avanti il “Pmi Tour” in tutta Italia. Il primo scopo è raccogliere il punto di vista delle piccole e medie imprese, raccontando al contempo le nostre proposte e iniziative finalizzate a un alleggerimento fiscale e a una semplificazione delle regole e della burocrazia per chi crea ricchezza

"I fallimenti hanno raggiunto livelli mai visti e nella provincia da cui provengo, Monza e Brianza e nelle altre zone d'Italia non penso si sia messi meglio. Dopo aver saputo dell'iniziativa dei Drappi bianchi - la scelta di alcuni piccoli artigiani di esporre fuori dalle aziende un tessuto bianco listato a lutto, per significare la morte della piccola industria italiana - ho cercato di capire se ci fossero dati ufficiali in merito. L'Ufficio studi della "Camera di Commercio di Monza e Brianza" ci ha fornito il numero di fallimenti nella provincia a cui ovviamente vanno aggiunte le chiusure.
2008: 115 aziende chiuse per fallimento;
2011: 221
2012: 189
2014: 225 (e i dati arrivano fino a Novembre)
Sono numeri che rappresentano come nient'altro una cosa chiara: questa crisi finaziaria e produttiva non è finita. Vorrei sentire il governo parlare di produzione e del perchè le aziende chiudono e falliscono in una continua escalation. Di riconversione, di tassazione eccessiva verso le imprese, di deburocratizzazione, di rilancio REALE delle nostra produzione. Invece si parla solo di Jobs act e di abbassamento degli stipendi dei lavoratori per poter concedere alle grandi lobby internazionali di venire sul nostro territorio, devastarlo, e sfruttarne la manodopera!" Davide Tripiedi

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus