L'ennesimo abuso

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

messico_5stelle.jpg
"E' dal' 6 Febbraio che teoricamente possiamo votare dalle circoscrizioni estere, ma in Messico ancora non ci sono arrivate le schede elettorali. Non é la prima volta che ci arrivano a elezioni concluse. La data massima per rispedirle é il 14 Febbraio. Ho provato a chiamare insistentemente l'ambasciata italiana a Citta del Messico, ma anche nell'orario di attenzione telefonica non risponde nessuno. Una volta che per fortuna mi ha risposto una persona, ho esposto il mio problema, e mi ha prontamente collegato con una linea inesistente. Sono andato personalmente al consolato italiano di Playa del Carmen e ho chiesto aiuto, ma mi dicono che dipende esclusivamente dall'ambasciata. Ho chiesto se potevano chiedere i numeri di invio di DHL, per vedere dove e quando e stato spedito, pero mi hanno risposto di no. Un mio amico si trova nella stessa situazione, ha scritto al consolato di Cancun. Gli rispondono di aspettare sino al 10, prima di contattarli, per poi chiedere a loro volta una copia all' ambasciata. Il 10 é domenica, e se l'11 lo richiede, è quasi sicuro che non avrà il tempo di spedirlo in tempo. Qui a Playa del Carmen, siamo circa 30 mila Italiani, non so quanti di questi siano iscritti al AIRE, ma in ogni caso mi sembra assurdo che si temporeggi cosi, rischiando di lasciarci senza poter votare. Spero non sia l' ennesimo abuso." un simpatizzante dal Messico

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Carmelo Raccioppi 4 anni fa
    Il diritto di voto non ha senso di esistere per chi vive all'estero, amenoche' questi connazionali non condividano gli stessi doveri e leggi di chi in Italia ci vive! non ha senso il voto di chi si trova all'altro capo del mondo.
  • ivano Rovere 4 anni fa
    Ma se ci sono così tanti problemi "creati ad och" non potresti Beppe creare un contenitore dove tutti i residenti all'estero possano indicando nome e cognome manifestare il propio voto o almeno la loro presenza.Potreste contrapporre alle statistiche "false", dati certi.... UNO VALE UNO :) Ciao
  • Davide Mantovani 4 anni fa
    Il problema in Messico è stato generato da Estafeta che ha copiato male gli indirizzi dei destinatari dal file consegnato dal consolato. I plichi degli italiani che vivono a Playa del Carmen e Tulum sono stati recapitati presso il consolato onorario ubicato nella avenida 10 tra calle 12 e 14 ed è stata affissa una lista con i nomi sulla vetrata esterna.
  • Piero Mazzoni Utente certificato 4 anni fa
    No so se è giunta la notizia che in cambogia hanno ricevuto la lettera pre affrancata per spedire le schede , con i francobolli sbagliati ovvero in parte cambogiani e in parte laotiani , un attivista mi ha informato essendo tutti dipendenti dalla stessa ambasciat cioè Bangkok il fatto è grave in quanto se inbucata cosi come è arrivata verra cestinata in quanto priva di mittente non puo essere rispedita indietro . Ciao da Bangkok
  • Cristina Rocchi 4 anni fa
    Anche a me non sono arrivate. Il problema sono i comuni italiani che non comunicano il nullaosta al ministero. Chiamate subito l'ambasciata che invierà la richiesta di nullaosta al comune di appartenenza, arriva entro un giorno. Io ho chiamato ieri, oggi è arrivato il nullaosta e dovrebbero spedirmi le schede oggi.
  • Antonio Riccardo Abondio 4 anni fa
    io vivo in germania da 25 anni e nemmeno a me e`arrivata la scheda elettorale,anche se sono registrato al consolato e al mio comune( Stellonello) in italia
  • Umberto Monaci 4 anni fa
    Sono sicuro al 99,99% che, pur non avendo ricevuto schede elettorali, risulteranno votanti.
  • Alberto Fontanella Solimena 4 anni fa
    Vorrei sapere quanto guadagna l'Ambasciatore italiano in Messico...
    • andrea d. Utente certificato 4 anni fa
      Ciao, é successo lo stesso a me, ma in Irlanda: regolarmente iscritto all'AIRE ma plico non pervenuto. Morale: ho dovuto prendere la mattina libera al lavoro e andarlo a prendere di persona. Non sto qui a raccontare le innumerevoli telefonate senza risposta e le decine di email inviate.
  • Alessandro Scetta 4 anni fa
    Io vivo a Cancun (Messico) e non ho ricevuto il plico con le schede, ed il consolato non ne sa niente.
  • Max Calevino 4 anni fa
    Salve a tutti, Io vivo in Oregon Usa ed ancora oggi 11 febbraio non mi e' arrivato nulla. Solo due brochure del PDL e PDmenoL che ho prontamente archiviato nel bidone riciclo carta. Forza M5S siete l'ultima speranza per i tanti giovani che non volgiono e non devono emigrare per trovare un lavoro. Grazie a tutti.
  • Luigino Biagetti Utente certificato 4 anni fa
    Salve a tutti, un mio amico che vive alle Hawai non ha ancora ricevuto la scheda elettorale, e quel che è peggio è che gli è arrivata solo una brochure pubblicitaria del PDL. Aiutiamo è uno dei nostri. Saluti
  • Francesco C 4 anni fa
    Niente schede in Olanda. Meno male è un paese piccolo e il consolato non è lontanissimo. È comunque una vergogna.
  • Primo Orsilli 4 anni fa
    Tra gli argomenti che potrebbero essere oggetto di discussione c'è uno che non vedo mai trattato veramente ed è relativo all'acquisto di beni e servizi tramite le gare CONSIP. E' diventato obbligatorio per gli Enti Pubblici acquistare beni e servizi tramite CONSIP ovvero da quelle imprese che hanno vinto uno o più lotti CONSIP. Ultimamente nè ho sentito parlare in televisione in modo superficiale ad essere gentili e come rimedio per controllare le spese degli Enti Pubblici. Questo argomento potrebbe andare bene quando si parla di acquisto di beni, ma anche in questo caso sarebbe da discutere sulla possibilità delle imprese di poter partecipare a queste gare ovvero i requisiti richiesti alle imprese partecipanti spesso e volentieri sono troppo alti e la cosidetta concorrenza è assai limitata, questo va bene alle grandi imprese e cooperative che spingono in questa direzione ma non sicuramente alle piccole e medie imprese e/o cooperative. Per gli Enti Pubblici acquisire i servizi ( facchinaggio, pulizie, portierato,giardinaggio,..... ) tramite le imprese che hanno vinto uno o più lotti CONSIP, diventa un "enorme" spreco di denaro pubblico e di questo non nè parla nessuno. Chi vince questi lotti di CONSIP spesso e volentieri finisce per sub-appaltare i lavori alle piccole e medie aziende e/o cooperative del territorio trattenendosi percentuali a due cifre percentuali esempio 20/25 %. Pertanto un Ente che ad esempio spende 1 milione di euro in un anno per un servizio di pulizie di propri locali in realtà chi sarà chiamato a svolgere il servizio in questione avrà a disposizione nella migliore delle ipotesi € 750.000/800.000 anno da cui dovrà cercare di coprire i costi (personale, attrezzature, macchinari, costi generali, .) e ricavarci anche un utile. Secondo voi che tipo di servizio sarà erogato all'Ente in questione. Purtroppo in questo modo non si diminuiscono le spese degli Enti, va in forte crisi il tessuto delle delle piccole e medie imprese e migliaia persone.
  • Mauro Marsala 4 anni fa
    Combattete con tutte le vostre forze!!!! Forza M5s
  • Claudio Cerea 4 anni fa
    Anche qui in UK sono gia' arrivate la settimana scorsa e ho votato. Ora speriamo che vengano effettivamente contate. Quello del Messico sara' probabilmente piu' un problema di servizio postale che di volonta' politica.
  • mrMApippo 4 anni fa
    Se riusciamo a rivoltare il sistema riportiamo tutto il personale all'estero a casa. Ci sono tanti servizi sociali da svolgere per far fronte alla miseria in cui siamo stati gettati.
    • Pippo M. Utente certificato 4 anni fa
      ovviamente mi riferisco ai responsabili del disservizio
  • simone sgroi 4 anni fa
    Qui da Mallorca (isoli Baleari) tutto regolare e gia' votato per M5S........dai che si va! Sara' un piacere......e per chi dice che dall'estero non si dovrebbe votare dico che spesso siamo piu' preoccupati ed interessati noi al nostro paese che i residenti stessi...
  • Pasquale Perrini 4 anni fa
    Da Brasilia è tutto ok! Ho già ricevuto tutto, spedito in tempi perfetti dall'Ambasciata (timbro postale in partenza del 06/02/2013 e di arrivo del 07/02/2013...). Grazie e complimenti all'Ufficio Consolare di Brasilia per aver sempre mantenuto gli interessi personali e di parte fuori dagli obblighi istituzionali. Se tutte le istituzioni italiane lavorassero così non ci troveremmo al punto in cui siamo in Italia. W la democrazia vera!
  • Maria Sarti 4 anni fa
    Eh no, scusate, nei Consolati e nelle Ambasciate lavorano anche tante persone che non hanno santi in paradiso né di destra né di sinistra, ma che hanno sudato sui libri per passare un concorso e che quando sono a Roma, guadagnano al massimo 1.300 euro al mese. Generalizzare e sparare nel mucchio é ingiusto e qualunquista. E´come dire che se un ospedale non funziona, bisogna licenziare tutti i medici. Siamo d'accordo che la legge per il voto all'estero fa acqua da tutte le parti e comporta solo uno spreco enorme di denaro pubblico. (degli aventi diritto al voto vota si e no il 30%!) Ma certo non dipende da chi ci lavora che in questi giorni sta dando il massimo per far funzionare un meccanismo di per sé poco efficace. Se spediamo i plichi entro il termine datoci e non arrivano subito puó dipendere anche dalle poste del paese in cui siamo, se non rispondiamo sempre al telefono é perché non c'è nessuno che possa dedicarsi esclusivamente a questo per tutta la giornata, visto che siamo sotto organico e quei pochi che sono si devono dividere tra mille cose. Una riforma della legge per il voto all'estero é piú che auspicabile, un licenziamento di massa del personale della Farnesina francamente é solo un proposito bislacco che ha come unico effetto quello di allontanare dal M5s una categoria di impiegati pubblici che si sentono attaccati a priori!!
    • luca d'arena 4 anni fa
      Quanto guadagnano nei consolati??? 1300 al mese???? Verresti a vivere a bogota (un media 4 omicidi al giorno) per 1300 euro al mese???? Ma mi faccia mil piacereeeeeeee, diceva aquello.....
  • Giuliano Corona Utente certificato 4 anni fa
    Io vivo in Thailandia e le schede sono arrivate il 6 febbraio come annunciato e ho gia' votato M5 Stelle.
  • Luca Scalia Utente certificato 4 anni fa
    Qui da Monaco di Baviera tutto in ordine. Anche per la raccolta firme erano stati gentilissimi e disponibilissimi. Ho votato, speriamo bene! Non tutte le ambasciate sono uguali!
    • Ivan Macella 4 anni fa
      Salve io non ho ricevuto niente e non riesco a contattare telefonicamente l'ufficio elettorale...qialche idea? grazie....
  • Andrea C. 4 anni fa
    ecco il comunicato sul pdf scaricato dal sito del consolato italiano a francoforte . vi riporto alcune righe A ciascun elettore residente all’estero, che non abbia optato per il voto in Italia entro il 3 gennaio, il Consolato competente invia per posta, entro il 6 febbraio, un plico contenente: un foglio informativo Oggi 11 febbraio non ho ancora ricevuto nulla e a sto punto mi sa che non arriverà piu nulla visto che la scadenza era per il 6 Febbraio.
    • salvatore lombardo 4 anni fa
      Mi associo, sono inscritto all AIRE di Colonia, CARTELLE NON RICEVUTE;Pero´sul sito del consolato ci dicono che possiamo farci un 100io di kilometri per andare il 16 e 17 febbrio a richiedere un duplicato.Mi sa che l hanno studiata bene!
    • Andrea C. 4 anni fa
      volevo anche aggiungere che anche lo streaming su youtube è criptato su rete telekom deutschland e non ho mai potuto seguire la diretta della COSA.
    • Luca Scalia Utente certificato 4 anni fa
      Ci avevano avvertito qui a Monaco che se non fossero arrivate entro il 7, da giorno 11 sarebbe stato possibile contattarli per segnalare il disguido e sollecitarne l'invio. Li chiami!
  • Madonia Ale 4 anni fa
    Tantissimi studenti fuorisede e studenti erasmus non possono votare poichè lontani dalla propria sezione!!!E' vergognoso!
  • simone rizzo 4 anni fa
    Che senso ha per chi vive e lavora all'estero di voler votare per L'Italia? Secondo me non dovrebbero averne diritto. Perche queste persone dovrebbero poter scegliere il governo in un paese in cui neanche vivono?? allora tornate in Italia ,viveteci e lavorateci cosi da prendervi le vostre responsabilità di cittadini italiani e allora si..potrete averne il pieno diritto. Cosa siete se no, spettatori votanti? ma restate a quel paese!
    • Elettra Morandi Utente certificato 4 anni fa
      luca d'arena.... NESSUNO è + italiano di nessuno!! qui è stato detto semplicemente che voi, che vivete all'estero, votate x un governo che non "VIVETE" sulla vostra pelle!!! leggi meglio...
    • luca d'arena 4 anni fa
      Forse dovresti informarti, scopriresti che l'economia dell'italia vive di export. Scopriresti che migliaia di imprese italiane hanno filiali sparse in tutto il mondo. scopriresti che la cultura,l'arte,la musica e tantissime altre attivita hanno bisogno di italiani all'estero. E poi, ti credi forse piu italiano di me perche viví un Italia. Ma vaccagare...
    • Elettra Morandi Utente certificato 4 anni fa
      però solo una domanda, allora tu daresti diritto di voto agli immigrati con regolare permesso di soggiorno?
    • Elettra Morandi Utente certificato 4 anni fa
      beh, tanto x cominciare è la cittadinanza che conta x le politiche e la residenza x le regionali. Tu sei cittadino italiano e voti x le politiche italiane, sei residente a nilano e voti x il sindaco di milano. la cazzata che non va in italia è che se non sei nel comune di residenza non puoi votare le politiche e l'ultima volta è successa anche a me la stessa cosa...sono stata un anno ad abitare nella meravigliosa puglia ma nella casa in cui abitavo x problemi vari nn ho potuto fare la residenza (ed è stata una delle ragioni x cui non sono rimasta lì)quindi mi era rimasta a reggio emilia e non ho votato. Ma il discorso è un altro, anche io ho abitato in mezza italia (sono nata a milano ed ho vissuto lì, poi in piemonte, in emilia romagna, di nuovo in puglia ed ora a roma) ma siamo sempre nella nostra nazione e x quanto di posso dare atto del fatto che abitare qui è difficile, immagina di andartene lontano,magari x la disperazione, dove sei l'immigrato, con una lingua nuova lasciando qui parenti ed amici.. tu da milano votando anche solo alle politiche puoi migliorare il governo e tornare un giorno al tuo paese(è il governo centrale che CONTA) e loro? mai come ora che esiste il m5s il votro ha dato qualche speranza di cambiare le cose!!poi ovviamente ognuno pensa quello che vuole :)
    • simone r. Utente certificato 4 anni fa
      Elettra ti faccio il MIO esempio: io sono Catanese ma da 5 anni vivo e lavoro a Milano e ho residenza a Milano.. perchè non posso votare il sindaco di Catania? perchè non posso votare le regionali in Sicilia? perche ? magari se cambiasse l'organizazione politica bla bla bla potrei tornare a casa mia.. bla bla bla voglio votare bla bla bla... ti rendi conto dell'ipocrisia ?? gli italiani in italia no..gli italiani all estero si? aggiungo un altra cosa.. mi sono dovuto traferire il 6 aprile 2008.. lo sai che non ho potuto votare alle scorse politiche?
    • Elettra Morandi Utente certificato 4 anni fa
      ma che discorsi sono?? una persona che ha DOVUTO LASCIARE L'ITALIA per lavorare xkè magari qui nn c'era spazio x lui ha tutto il DIRITTO di voler migliorare il proprio paese...magari anche con la speranza di poterci tornare!! è come se gli extra comunitari che stanno qui qualche anno dovessero votare x l'italia invece che x il loro paese d'origine...
    • simone r. Utente certificato 4 anni fa
      @Alessandro: siamo nel 2013 non nel dopoguerra, ergo , non ha senso cio che dici in questo contesto.I tempi sono cambiati. @Riccardo: ottuso sarai tu,infatti io condivido il tuo pensiero.Si rimane sempre italiani ma il poter tornare dipende da te non dal tuo voto.al voto condominiale allora dovrebbero partecipare anche gli ex proprietari di appartamento,cosi se cambiano le cose ricompra casa li perchè gli piaceva stare li? assurdo. @Antares 62: solo una parola.. SUCA.
    • Antares 62 Utente certificato 4 anni fa
      TU SEI MEZZO SCEMO
    • riccardo reccia Utente certificato 4 anni fa
      ti ha mai sfiorato l'idea che magari qualcuno se ne è andato via per trovare un lavoro dignitoso e che magari vorrebbe ritornare in Italia ma finchè ci governa questa massa di ladri e ci sono persone ottuse come te non puo' farlo?
    • Alessandro Martinello Utente certificato 4 anni fa
      Finché l'ambasciata chiede denari per rilasciarmi un documento che dica che io sono io e senza il quale non posso viaggiare, ho diritto a votare. Poi pensa: una gran parte del benessere italiano odierno è stato generato dai frutti del lavoro di milioni di emigrati che inviavano i loro risparmi in Italia. Ora che facciamo: ci restituite i soldi?
    • Alessandro Martinello Utente certificato 4 anni fa
      Finché l'ambasciata chiede denari per rilasciarmi un documento che dica che io sono io, ho diritto di votare. Poi pensa: una gran parte del benessere inaliano è stato generato dai frutti del lavoro di milioni di emigrati che inviavano i loro risparmi in Italia. Ora che facciamo: ci restituite i soldi?
    • Massimiliano Sardelli 4 anni fa
      Molti connazionali oggi residenti all'estero sono dovuti emigrare loro malgrado per innumerevoli motivi, principalmente economici e di lavoro... credo pertanto che abbiano il sacrosanto diritto di poter esprimere una preferenza politica che possa determinare un ceto politico capace di creare dei presupposti in Italia per un loro possibile rimpatrio !
    • simone r. Utente certificato 4 anni fa
      Mi sono registrato ma sono l'autore del post. Volevo sottolineare che non volevo offendere nessun italiano all'estero. Mi fa rabbia che io che ho scelto di rimanere perchè voglio scommettere sul mio paese, debba pagare con le mie tasse la possibilità a tutti quelli che hanno abbandonato la barca la possibilità di votare la gestione della stessa barca in cui io sto remando. Chi è residente in via definitiva perche lavora all'estero e vive all'estero è giusto che voti all'estero per quel paese in cui vive! non per l'Italia! per chi scrive : ma noi votiamo per il bene dei nostri cari... Anche no grazie.. votate per il vostro nuovo paese..oppure tornate e tirate su le maniche e spalate con noi... Grazie.
    • Angelica F 4 anni fa
      Purtroppo c'è gente che è scappata dall'Italia proprio per colpa dei nostri cari politici!!! Tantissima gente vive all'estero e viene continuamente presa per i fondelli perchè in italia funziona tutto con la macchina mafiosa della corruzione..! Io se vivessi all'estero sarei LA PRIMA ad andare a votare, proprio perchè l'italia mi piace e vorrei non dovermene mai andare!
    • Lucio Tavaroli 4 anni fa
      Cosa c'entra.............è un loro DIRITTO poter votare ? SI ! quindi l'Italia DEVE mettere in condizione (TUTTI) di poterlo fare. Un mio amico che abita negli States, da mo che ha ricevuto le cartelle....per dire .
    • Tony Di Dietro Utente certificato 4 anni fa
      Magari sono persone che hanno dovuto loro malgrado emigrare x sopravvivere, ma che vorrebbero tornare nel loro amato paese nelle condizioni di poterci vivere degnamente !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! C..zzo dici !!!!!!!!!!!!!
    • Andrea C. 4 anni fa
      il senso è che nel nostro paese vivono i nostri genitori e amici e per chi come me si sente ancora italiano al 100 % vuole il meglio per i nostri cittadini , amici e parenti visto che nonostante viviamo all'estero siamo costantemente aggiornati della merda che i nostri cari devono mangiare.
    • Domenico M. Utente certificato 4 anni fa
      forse non sai che essere iscritti all'AIRE significa essere temporaneamente residenti all'estero ma ITALIANI a tutti gli effetti e molti se ne vanno proprio perchè in Italia il governo fa schifo e non si può fare impresa. io stesso mi sto trasferendo all'estero ma se cambiasse la politica economica rientrerei volentieri e quindi da CITTADINI ITALIANI il diritto al voto è SACROSANTO
    • Carlo M. 4 anni fa
      Sono d'accordo con te....una cosa è che io mi trovo fuori dalla mia città o all'estero per motivi di lavoro (o anche vacanze) ed avere la possibilità di votare ovunque mi trovo,un conto è se ho deciso di vivere in un altro paese e quindi l'Italia non mi interessa più. Se ti trovi a 100km di distanza per far visita i nonni non puoi votare se non rientri nella tua città, basterebbe una carta identità elettronica per velocizzare tutto.
  • sergio ariu' 4 anni fa
    bisogna cambiare, si deve votare in ogni luogo in via informatica. i sistemi ci sono per farlo
  • Lucia Petrozzi 4 anni fa
    Grazie all'ambasciata di Londra che per una volta ha mandato il plico con le schede elettorali in tempo. Il mio voto e quello di mio marito sono stati spediti! Yay!!!
  • paola friggeri 4 anni fa
    In questa campagna elettorale si parla piu' che altro di imu: la tolgo,la lascio,la rimodulo ecc. Voglio fare un esempio che riguarda milioni di italiani. Giuseppe e' sposato con Maria . Vivono nella casa di esclusiva proprieta' di Giuseppe. Maria a sua volta e' proprietaria di una casa acquistata anni fa dai suoi genitori a prezzo di enormi sacrifici. E' di Maria ma ci abitavano i suoi genitori e poi suo figlio: Maria non ha mai percepito un euro da quella casa anzi ci ha speso i suoi risparmi per renderla decorosa. Lo stato italiano ha deciso che la casa di Maria e' la sua seconda casa e come tale le ha fatto pagare un botto di imu. Lo stato italiano ha PER CASO APPLICATO UNA LEGGE CANCELLATA NEI LONTANI ANNI 80 CHE SI CHIAMA CUMULO DEI REDDITI FRA CONIUGI? Se cosi' fosse non sarebbe un tantino anticostituzionale? Qualcuno l'ha chiamata cosi'? Non sento nessun politico parlare di questa situazione. Eppure le case degli italiani - a ogni coniuge la sua - sono prevalentemente abitate da parenti di primo grado (cio' che costituiva esenzione per l'ici). Se mio marito per ipotesi vuole cacciarmi di casa puo' farlo, sta a casa sua. La mia UNICA E SOLA CASA e' abitata da mio figlio. Che faccio: chiedo asilo a Monti?
    • Rafal Wisniewski 4 anni fa
      Maria e Giuseppe "moderni" in fatti di arrangiano in questo modo: non si sposano, ognuno ha la sua residenza a casa sua (1ª casa) e vivono in una delle due. Viva la famiglia.
  • Johnny Gaspari Utente certificato 4 anni fa
    Io sono per la vivisezione......DEI POLITICI E DEI LORO SERVI GIORNALISTI...IN PRIMIS IL CONTAINER DI MERDA DEL FOGLIO
  • Tegoni Luca 4 anni fa
    NON MOLLATE RAGAZZI !!!!! W IL M5S!!!! PURTROPPO L'ITALIA E' FATTA DI PIZZA MAFIA E CACHI.. MA LA MAGGIOR PARTE E' GENTE MERAVIGLIOSA! E QUESTA GENTE CAMBIERA' QUESTA TERRA COMPRATA,SVENDUTA ED AVVILITA.. FORZA RAGAZZI !!!!! W BEPPE !!!!!!
    • Francesco Carbonaro 4 anni fa
      "C'E'LA DOBBIAMO FARE X NN CONSEGNARE LA NAZIONE A QUESTI ASSASSINI VOTATE E FATE VOTRE E SPARGETE LA VOCE AI4VENTI MOVOMENTO5STELLE BEPPE GRILLO E FORZA DOBBIAM RIUSCIRCI IN QUESTA IMPRESA TITANICA ALTRIMENTI SARA'LA NS.MORTE DI CITTADINI ITALIANI".
  • rolando guerra 4 anni fa
    anche a me successe con il consolato di londra e scrissi alla farnesina lamentandomi della loro inefficienza. fui contattato immediatamente :)
  • Massimo Lucania Utente certificato 4 anni fa
    Io sono nell filippine e mi sono iscritto all aire solo per votare ma ..non so come mai..il mio comune non mi ha rilasciato il nulla osta perche' secondo l=art . patapim...e l'art. patapam.... non me lo danno per farmi votare qui nlle filippine...e quindi non potre' votare! Mi sembra una cosa ..magari seconod la legge....ma sta legge va cambiata! e io voglio votare M5S ma i consolati comuni e ambasciate sono in mano a questi politicanti maiali che stanno facedno di tutto per non farci votare all'estero Forza e speriamo di spazzarli via
  • alice kappa Utente certificato 4 anni fa
    I consoli, gli ambasciatori e il loro personale dovranno pagare caro questo disservizio. Molto presto.
  • Fulvio costantini 4 anni fa
    Qui nel new jersey, USA questa volta tutto sembra funzionare. Devo dire che mi sono mosso pou' di un mese fa' per vedere se tutto era a posto e foruna ha voluto che dal consolato di Newark mi hanno ridposto e aghiornato nel casellario AIRE da dove sia io che mia moglie e mio figlio eravamo spariti, o meglio dati per irreperibili. Io ho cosi' potuto votare(domani mando via le mie due schede per posta (busta pre-affrancata). Moglie e mio figlio lo faranno la settimana entrante. Vegliero' su di loro, e massimo gli do' altri 3 giorni. Un saluto carissimo ai connazionali all'estero.
  • Roberto Corsi 4 anni fa
    Confermo quanto scritto sopra dal simpatizzante del Mexico, a Playa del Carmen alla data odierna del 10 febbraio non sono ancora arrivate le schede elettorali ... siamo in attesa, ma domani mattina passerò direttamente al consolato per veirificare. Saluti caraibici Roberto
  • Andrea Sopranzetti 4 anni fa
    Buonasera, io vivo a Citta del Messico, venerdi scorso ho ricevuto le schede elettorali, per consegnare le quali c'e' tempo fino alle 16 del 21 febbraio. Quindi sembra che almeno qui non ci siano stati problemi. Saluti, Andrea Sopranzetti
  • Fabio Farfaglio 4 anni fa
    A New York non è ancora arrivato, aspetto, il consolato non risponde !
  • luca d'arena 4 anni fa
    La stessa cosa mi sta succedendo un colombia. Dopo aver contattato vía mail l'ambasciata di bogota ( visto che telefónicamente i signori non si degnano) per avere conferma sulle modalita di voto e dei miei dati anagrafici, avevo avuto una mal di conferma nella quale mi informavano che avrei ricevuto una busta con le schede elettorali entro il 10 febbraio. Ad oggi ancora non e arrivato nie te.
  • Pietro M. Utente certificato 4 anni fa
    Cari amici Cinquestelle, non posso altro che dispiacermi con voi per la protervia e l'inettitudine di quei personaggi di ambasciate e consolati che non fanno il loro dovere, pur troppo lautamente pagati. Sono sicuro che farete tutto quanto possibile per far comunque pervenire i vostri voti in Italia. Sono altrettanto certo che non mancherete di annotarvi i nomi e cognomi di quelle solerti persone per annotarli nella nostra memoria collettiva. Ne abbiamo già tanti e ce ne ricorderemo a tempo debito. Un caro saluto. Delenda burocratia necesse est!Viva l'Italia!Cincinnatus da Genova
  • Francesco R. 4 anni fa
    ah, brutta cosa la gestione ambasciata consolati in Messico (certo anche il vaticano con i suoi nunzi in messico non ha fatto bella figura). In ogni caso per esperienza personale posso dirvi che (almeno fino a qualche anno fa) ambasciata e consolati erano roba della sinistra, e pur di portara a casa consenso, hanno fatto finta di non accorgersi di usi ed abusi dei propri consoli. Mitico il caso di Monterrey, e la storia dei consoli locali.... Le ambasciate sono distanti ahinoi, ma per fortuna grazie alla rete le informazioni circolano, e tante cose vengono a galla. Consiglio a tutti di prendere nota e conservare carte e fatti delle porcate che vengono fatte ora, verrà il tempo in cui tante cose verranno a galla... loro saranno certo vecchiotti, ma noi ricorderemo e gli ricorderemo le furbate che hanno fatto... che almeno non se ne vadano pensando di essere statisti....
  • tortorici angelo enrico 4 anni fa
    caro beppe, sono un dipendente pubblico, lavoro nei vigili del fuoco a palermo, ti domando : credi che sia giusto che i lavoratori dipendenti paghino l'addizionale regionale irpef e l'addizionale comunale irpef, circa 100 euro al mese, mentre i nostri soldi sono utilizzati per festini, champagne, donne, trans, ecc. Io mi fido di te, mi auguro che se il m5s va in parlamento, possa proporre di abolire, nelle prossime finanziarie, questo "pizzo".
  • luca paolino 4 anni fa
    La prima cosa da fare una volta che saremo presenti al parlamento o nelle sedi delle poltrone: licenziare il personale delle ambasciate con consoli e ambasciatori in testa, oltre a questi anche quelli degli uffici esteri e Farnesina. Quelli più bravi saranno premiati con una revisionata totale ai loro stipendi (prendono di più di certi presidenti e primi ministri) oltre a diritti e privilegi auto votati o votati dai compagni di merende dei partiti di Roma! Ovviamente se non si farà subito si farà dopo, sempre se esisterà ancora un barlume di Italia e qualche ombra di Italiani.
  • pierpaolo c. Utente certificato 4 anni fa
    http://www.esteri.it/MAE/IT/Sala_Stampa/ArchivioNotizie/Approf_PostingDettaglio/2013/01/Elezioni%202013.htm
  • pierpaolo c. Utente certificato 4 anni fa
    http://www.esteri.it/MAE/IT/Sala_Stampa/ArchivioNotizie/Approf_PostingDettaglio/2013/01/Elezioni%202013.htm
  • pierpaolo c. Utente certificato 4 anni fa
    L’elettore, utilizzando la busta già affrancata e seguendo attentamente le istruzioni contenute nel foglio informativo, dovrà spedire SENZA RITARDO le schede elettorali votate, in modo che arrivino al proprio Consolato entro - e non oltre - le ore 16 (ora locale) del 21 febbraio. Il voto è personale e segreto. E’ fatto divieto di votare più volte e inoltrare schede per conto di altre persone. Chiunque violi le disposizioni in materia elettorale, sarà punito a norma di legge. In caso di mancata ricezione del plico elettorale entro il 10 febbraio, gli elettori potranno recarsi di persona all’Ufficio consolare di riferimento per verificare la propria posizione elettorale: nel caso in cui i nominativi già figurino nell’elenco degli elettori in possesso dell’Ufficio consolare, si potrà ottenere un duplicato del plico elettorale, mentre in caso contrario si potrà chiedere al consolato di attivare le procedure per essere aggiunti all’elenco degli elettori.
  • Roberto Catania 4 anni fa
    Vogliamo parlare della questione Erasmus, ai quali non è stata data la disponibilità di votare all'estero?! Vorrei capire qual è stato l'impedimento?! Comunque io tornerò in Italia per votare e mandarli a fare in culo!
  • euro europeo 4 anni fa
    Con l'Unione Europea ci dovrebbe essere una sola Ambasciata che rappresenta l'Unione Europea e i 27,a breve 28, paesi membri. Soldi risparmiati e servizi per tutti. All'interno dell'Unione Europea nessuna Ambasciata ma il Ministero dell'interno dovrebbe scrivere direttamente agli interessati poichè iscritti all'anagrafe degli italiani all'estero. L'anagrafe dovrebbe essere aggiornata in tempo reale collegando le anagrafi dei paesi membri dell'Unione. Mi chiedo perchè non siano predisposti i seggi in modo che possano funzionare tutto l'anno in base alle necessità senza dover chiudere scuole o giustificare assenze nel posto di lavoro. Ci sono centri commerciali, palestre, locali statali, regionali o comunali ma anche piazze dove posizionare prefabbricati. Poter votare dove è più comodo e magari nell'intero territorio dell'Unione Europea. Non credo al voto elettronico a casa ma in seggi predisposti si può fare in modo che ci siano testimoni che non ci siano ricatti o sostituzioni di voto.
  • andrea i. Utente certificato 4 anni fa
    tra le tasse assurde e inconcepibili in italia IL BOLLO SUL PASSAPORTO, se sono in italia e voglio andare in vacanza devo pagare la tassa... SOLO IN ITALIA, nessun paese del "terzo" mondo ha una tassa simile. deprimente
  • giuseppe vezzola 4 anni fa
    io vivo in Nicaragua e voglio ringraziare pubblicamente l'ambasciata italiana in Managua per la gentilezza e la tempestività sia nelle informazioni da me richieste sia nella puntualità della spedizione del plico elettorale ,( abbiamo già votato e spedito )grazie ancora
  • Bruno Cinque (b5) Utente certificato 4 anni fa
    è veramente pazzesco cosa riescono a fare consolati ed ambasciate, altri parassiti assieme alla classe politica che devono andare a lavorare in miniera o nei call center a 5 € l'ora, ma manco quello sanno fare!
    • Luna C. Utente certificato 4 anni fa
      Il problema reale che rende difficile la resa dei servizi e' il grave sottorganico di cui soffrono Ambasciate e Consolati
    • Luna C. Utente certificato 4 anni fa
      I dati di fatto sono attualmente forniti ai consolati dal Ministero degli Interni.
  • Alessandro P. Utente certificato 4 anni fa
    Non vi è alcun errore nella procedura ma un abuso ben calcolato: probabilmente qualcuno ritarda appositamente le schede che (in base alle elezioni precedenti) non portano vantaggio al committente. I disguidi possono essere un caso o un incidente però ricordiamoci che "a pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca"
  • Piero C. Utente certificato 4 anni fa
    Grillo non mollare questo un momento decisivo che farà la differenza .............FUORI TUTTI TUTTI
  • Piero C. Utente certificato 4 anni fa
    Si deve assolutamente intervenire questa non e' democrazia il nostro consolato deve assolutamente intervenire per dimostrare che l'Italia e' un paese Democratico deve intervenire per permettere agli ITALIANI di votare ......... Fuori TUTTI TUTTI
  • fracatz 4 anni fa
    bisognerebbe intervistare tutti coloro che a fatica voteranno e poi prendere la decisione di farla finita con questi voti epistolari. Mi convinco sempre di più che potrebbbero essere falsificati o appropriati, facendo votare anche gente defunta. D'altronde non influiranno sulle percentuali nazionali, ma magari tireranno in camera qualche altro razzinger o scsciliano
  • Da Creta Utente certificato 4 anni fa
    Anche a Creta la situazine e' simile. L'ambasciata da Atene dice di aver spedito, nei tempi previsti, a tutti i nominativi iscritti all' AIRE e, nel caso di mancata consegna del plico, bisognerebbe recarsi personalmente all'ambasciata etc. Ma e' possibile che ancora non si sia pensato a soluzioni alternative? Speriamo che i prossimi portavoce del movimento si facciano carico anche di questo.
  • Carlo Pandolfini Utente certificato 4 anni fa
    Il Signor Presidente della Repubblica Italiana su queste cose vigila, monita, richiama .....oppure i suoi assistenti che costano SOLO 242 MILIONI DI EURO preferiscono evitare di informarlo?
  • Maria Sarti 4 anni fa
    Con troppa facilitá si spara a zero su Consolati e Ambasciate, oltretutto spesso non essendo neanche ben informati. Prima di tutto sui termini: il 6 é il termine di spedizione del plico non di ricezione. Nel periodo elettorale gli uffici sono sotto una pressione fortissima, quasi sempre sotto organico devono lavorare alacremente per rispettare le scadenze con pochissimo tempo per organizzare il tutto. Dal 6 iniziano ad arrivare centinaia di telefonate di connazionali inferociti perché non hanno "ancora" ricevuto il plico. E nonostante si faccia massiccia campagna informativa su termini e modalitá. Detto ció per piacere informatevi prima di attaccare persone che stanno lavorando solo perché tutti possano votare! Detto ció legge per il voto degli italiani all´estero tutta da rifare! E´inaudito lo spreco di denaro per inviare le schede a chi non sa neanche leggere l´italiano e in Italia non ha mai messo piede e proibire il voto a chi magari per studio si trova all´estero....
    • Francesco R. 4 anni fa
      ecco certo, ancora soldi e dipendenti alle ambasciate!!! ma per piacere. Sono anni che l'ambasciata riceve messicani ed italiani con una maleducazione che ispira solo vendetta!!! Ricordo un amico: poveretto, gli avete fatto fare 2000 km per niente, solo per avergli risposto non cortettamente al telefono! avete seminato bene, ed ora raccogliete! ben vi sta L'educazione non è problema di organico o soldi. che vi possano tagliare fondi a non finire, che non servite ad un pitto!
    • Luna C. Utente certificato 4 anni fa
      Il problema reale che rende difficile la resa dei servizi e' il grave sottorganico di cui soffrono Ambasciate e Consolati.
  • Giovanni 4 anni fa
    Io rispondo da Londra che, con tutto il rispetto per il Messico, è decisamente più vicina del Centro America... 1. Il consolato non risponde mai, neppure a Londra. E quando lo fa (negli orari designati) ascolti i messaggi registrati, chiedi di parlare con un operatore e... risponde la segreteria telefonica!!!! Ripeto siamo a Londra... 2. Ho ricevuto 3 conferme in un mese dal consolato che per me e mia moglie l'indirizzo inglese dove viviamo è stato registrato, ma sembra che dopo 6 mesi dalla richiesta di iscrizione AIRE, i miei dati debbano anche avere il nulla osta del comune per essere iscritto nelle liste elettorali. 3. In teoria posso votare nel mio borough londinese per le elezioni locali. L'iscrizione è stata fatta on-line dopo 2 mesi dal mio arrivo (preciso: dopo aver, via posta, inviato i miei dati e ricevuto le password per il mio account). E' mai possibile che il mio paese invece debba sempre creare disguidi e ritardi? Conseguenza? Rischio di non poter votare perché il mio paese si dimentica dei suoi cittadini all'estero.
  • Luca 4 anni fa
    Capisco che siamo in Messico ma il Console potrebbe pure mettere freno alla siesta e cominciare a darsi da fare visto che viene pagato profumatamente. Questo è un esempio di pubblica amministrazione che non fa il suo dovere. Naturalmente il console sarà il solito politico messo li a svolgere un incarico per cui non è capace.
  • Massimo M. Utente certificato 4 anni fa
    Io segnalo che a noi residenti in Laos (che per fortuna non sono tanti) l'ambasciata di Bangkok ha inviato le schede molto velocemente, peccato che pero' abbiano usato (sulle buste preaffrancate da rispedire con le schede) dei francobolli CAMBOGIANI! Io mi sono accorto per caso del clamoroso errore e ho subito provveduto ad aggiungere, di tasca mia, i francoboli mancanti ma chi non ha avuto modo di farlo ha rispedito le buste con affrancatura non valida e quindi rimarranno nel limbo delle poste laotiane e voto buttato al vento. Ho scritto all'ambasciata e al ministero degli Esteri per fare presente la cosa ma difficilmente mi diranno qualcosa. Il voto all'estero deve essere completamente riformato perche' cosi' non va, ma e' possibile che nel 2013 non si possa creare, almeno per gli iscritti AIRE, un sistema di votazione online (per i candidati nel comune di domicilio in Italia) con firma certificata? Chi non certifica la propria firma non vota e fine della storia. Oltretutto si eviterebbero i vari brogli che sicuramente sono avvenuti in passato e avveranno in futuro visto che e' facile con delle schede cartacee che non riportano neanche un timbro ufficiale e possono passare in molte mani.
  • Claudio Gazzano 4 anni fa
    Beh.. a San Pietroburgo la busta è arrivata il 7 tramite corriere UPS e l'ho rispedita AL CONSOLATO (l'indirizzo prestampato era quello).. Ho letto che se non arriva, il concittadino può andare al consolato e gli danno un "duplicato"... Il mio consiglio ... se non arriva e non ti danno il duplicato... parlare con il console... e formalizzare una denuncia querela... TI DEVONO FAR VOTARE!!! In bocca al lupo!!
    • Massimo M. Utente certificato 4 anni fa
      Bisogna anche tenere conto che non vivono tutti a portata di mano delle ambasciate e consolati. Io, ad esempio, dovrei varcare una frontiera e fare piu' di 700 km per presentarmi a ritirare un duplicato al consolato. E' inutile, bisogna cambiare il sistema se si vuole dare il voto ai residenti estero, la tecnologia c'e', e' la volonta' che manca come sempre.
  • Katherine Infantino 4 anni fa
    Io invece sono in Germania ed ho ricevuto il plico per votare secondo i tempi prestabiliti. Qui abbiamo tempo fino al 21 Febbraio per far pervenire i voti al consolato. Mai come quest'anno aspettavo con impazienza questo momento!
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus