L'Italia non si trivella!

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.
estrazioni_italia.jpg

"Da qualche tempo a questa parte, prima da Prodi e adesso ultimamente da Renzi, l’intenzione del Governo è quell di raddoppiare la produzione energetica da fonti fossili: PETROLIO. Vengo dalla Basilicata, una regione dove si estrae petrolio da oltre 30 anni. La Basilicata è tra le regioni più povere d’Italia c’è un altissimo tasso di disoccupazione, c’è stata a causa di queste estrazioni la distruzione delle economie locali e dell’agricoltura in particolare, lo spopolamento della regione, un inquinamento delle falde acquifere e soprattutto c’è stata una crescita delle incidenze di tutti quei tumori che sono correlati all’esposizioni da idrocarburi. Tumori alla mammella, alla prostata, al colon retto, linfomi e leucemie. Non pensate che sia un problema localle: permessi di estrazione sono state concesse in tutta la Valle Padana nell’alto Adriatico, nell’Adriatico centrale compreso l’Abruzzo e il Molise, nell’Adriatico meridionale sulla Puglia, tutta la Basilicata, la Campania in particolare il Sannio e l’Avellinese, la Sicilia e qualche permesso anche in Sardegna. Quindi stiamo parlando di un problema tutt’altro che locale. Tra l’altro il raddoppio delle estrazioni in mare comporterà anche un impatto importante finora non ancora sperimentato alla pesca, al turismo immaginate tutte le piattaforme nel mare Adriatico con i rischi che si corrono di un eventuale incidente in un mare chiuso come l’Adriatico. L'Europa ci chiede di puntare sulle energie rinnovabili ed entro il 2030 di alimentarci fino al 30% producendo energie da fonti rinnovabili di cui l’Italia ne è piena. Tuttavia il governo decide di puntare in direzione opposta sul raddoppio della produzione energetica basata su fonti fossili. Questo significherà perdere un’occasione di sviluppo per cui la Germania, la Francia, l’Olanda investiranno in ricerca produrranno nuove tecnologie che fra 10 anni quando noi avremo esaurito il nostro petrolio ci venderanno a caro prezzo questo per dire che siamo nelle mani di autentici incompetenti di politica energetica oltre che mossi dalle commistioni forti che hanno, questo il Governo centrale, con queste lobby che hanno un fortissimo, fortissimo potere." Piernicola Pedicini, Commissione ambiente M5S Europa

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Manuel Barone 3 anni fa
    quella del governo Renzi, in linea con quelle dei governi Berlusconi, Prodi, Monti, Letta, oltre a essere una politica energetica demenziale, è anche una politica energetica criminale! la Basilicata, una ragione bellissima, è stata trivellata quasi dappertutto. molti agricoltori hanno abbandonato i loro terreni, ormai inutilizzabili perché inquinati dal petrolio e dai suoi derivati. le falde acquifere in tanti punti sono state avvelenate. e pensare che la Basilicata avrebbe avuto ( e avrebbe tuttora ) tutti i presupposti per diventare un luogo visitato da moltissimi turisti, anche stranieri: una bellissima natura, boschi, montagne, mare. ma questo esecutivo, come quelli che l'hanno preceduto hanno preferito dare a numerose compagnie petrolifere le concessioni per trivellare questa bellissima regione. dovremmo ridurre del 50% l'energia prodotta da fonti fossili entro il 2020 e azzerarla entro il 2030. Beppe lo ha detto nei comizi per le europee. Renzi, come su tutte le questioni importanti, sul tema energia è stato molto vago...ma aveva in realtà le idee chiarissime: voleva essere il cameriere dei petrolieri e delle grandi aziende del carbone. Renzi, per me, è un uomo squallido e una persona ripugnante: Beppe quando non lo fece parlare nel famoso primo incontro istituzionale che ebbe con questo figuro, fece la cosa migliore: Beppe non gli permise di parlare, e fece benissimo, perché aveva capito che razza di persona aveva di fronte. il M5S vuole implementare l'efficienza energetica degli edifici pubblici e privati e puntare sul solare e sull'eolico, misure che permetterebbero di creare milioni di posti di lavoro e di salvare la biodiversità e i paesaggi dell'Italia, il PD, FI, Sciolta Civica, Lega e brutta compagnia cantante sono i cani da riporto delle compagnie petrolifere e del carbone e vogliono aumentare l'energia prodotta da fonti fossili. spero che tanti italiani che hanno votato questa gentaglia si sveglino, e diano fiducia al M5S. W Grillo e W il M5S !
  • Rosa Anna 3 anni fa
    Vedere x credere Leggo tenta ignoranza Ho un impianto fotovoltaico dal 2003 produce sempre la stessa energia e la produrrà per altri vent'anni poi diminuirà un pochino dovrò aggiungere altri 2 pannelli con spesa irrisoria Il mio impianto costava 27000 euro Gli impianti attuali un terzo di allora Unico consiglio comprare pannelli di buona qualità La disinformazione fa parte delle aberranti politiche attuate da circa venti anni. Svegliatevi ogni casa può arrivare alla quasi autonomia . Questo naturalmente chi lucra sulle altre fonti di energia non lo vuole. Non lo vogliono anche i poteri politici che molto probabilmente prendono la cresta sulle vostre bollette energetiche. Fanno di tutto. Stanno rendendo complicate le pratiche burocratiche. Può un paese così progredire.? La deflazione ! È dovuta anche a queste motivazioni Lo sapete quanti posti di lavoro darebbero gli impiantisti del settore ? Ed invece chiudono. p.s. Abito in un paese in una valle al nord non nelle soleggiate Latitudini del sud.
    • dico laverità (dicolvero) Utente certificato 3 anni fa
      Mi incuriosisci. Leggi tanta ignoranza nei commenti a questo post o in generale da qualsiasi altra parte? Li ho riletti e non vedo tutta questa "tanta" ignoranza. Siccome per me non posso parlare, potresti dirmi sa avessi detto qualcosa di sbagliato?
  • antonello c. Utente certificato 3 anni fa
    La prima stella , l'ambiente
  • sara pivac 3 anni fa
    si ma un paio di settimane fa' non stavate discutendo che i croati volevano trivellare nel mar adriatico e l italia invece non intendeva farlo...?! ....immaginavo che la prima fosse una bufala, considerando quanto in croazia sia importante la preservazione ambietale a fini turistici
    • mirta tomas 3 anni fa
      In Croazia poche persone consapevoli, altri IGNORANO o fanno finta, importante e' raccogliere euro dal turbo-turismo con offerte poco originali, senza idee ne prospettive. Triste ma vero...
  • Giancarlo Basta 3 anni fa
    O ci rendiamo conto che dobbiamo urgentemente prendere la situazione nelle nostre stesse mani oppure non si viene fuori da un problema che è tale solo per noi cittadini e che, per contro, è "un affare" solo per pochi uomini. Mi domado spesso come può essere possibile che di fronte a queste informazioni alcuni possano restare inerti. Fino a che punto siamo stati "addormentati"?
  • dico laverità (dicolvero) Utente certificato 3 anni fa
    Una dimanda di un amico qui sotto mi spinge a dire che per quanto riguarda l'autonomia con le rinnovabili siamo troppo lontani dall'ottenerla. Si deve cominciare ad accelerare ma la strada è lunghissima. Senza gas e petrolio (per il carbone forse no) non possiamo stare. Però non vogliamo i rigassificatori. Giusto, ecologicamente parlando in senso stretto. Ma non sono peggiori delle raffinerie o delle petroliere che scaricano i residui i mare. Ci opponiamo ai gasdotti. Giusto, niente da dire. Anche perchè partirebbero dalla zona russa o dall'Africa e di questi tempi ... A chi propone le rinnovabili - io le voglio e ho espresso i miei dubbi a breve termine - vorrei che spiegasse come si fa in caso di crisi energetica immediata. Ne vedo una in arrivo tra un paio di mesi.
  • dico laverità (dicolvero) Utente certificato 3 anni fa
    Dimenticavo: un generatore silenziato con annessi e connessi per quando piove e gli accumulatori (locale dedicato) sono scarichi.
  • Andrea Zanella Utente certificato 3 anni fa
    Gli italiani a maggio scorso hanno scelto questo, non credo noi si possa fare molto in proposito.
  • gianni di gianvincenzo 3 anni fa
    ciao , io avrei una domanda da fare , perchè non è possibile essere autonomi con l'energia rinnovabile ? cioè perchè prima di usare la mia energia prodottacon es fotovoltaico o eolico devo inviarla nella rete enel ?
    • dico laverità (dicolvero) Utente certificato 3 anni fa
      non cambia nulla alla fine, produci e consumi, il conto si pareggia. Ma se vuoi l'impianto te lo fai autonomo staccandoti dalla rete. Batterie di accumulatori per la notte. Alti costi e rogne a non finire con la manutenzione.
  • elisabetta g. Utente certificato 3 anni fa
    E' urgente risolvere il problema ...gia' dal prossimo inverno le previsioni dicono Gelo apocalittico(-20)e le forniture di gas per l europa sono a rischio da parte della russia visto che la maggior parte della fornitura passa dal ucraina!Sono molto preoccupata ...ma se gli arabi maggiori produttori di petrolio hanno deciso di investire miliardi nelle rinnovabili..perche' il petrolio Finira'noi italia siamo sempre indietro..purtroppo chi ci governa non ha la volonta' di cambiare..se ci fossero M5s tutto sarebbe migliore..e almeno ci sarebbe la volonta' e le idee chiare che ora non ci sono per niente troppi interessi a mantenere cosi..si fino a che non si morira' di freddo?Che dio ci aiuti per ora e l inverno che verra'..
  • Notizie informatiche Utente certificato 3 anni fa
    Grazie M5S
  • Elisa G 3 anni fa
    E' URGENTE RISOLVERE IL PROBLEMA ...HANNO PREVISTO UN GELO APOCALITTICO (-20)A GENNAIO E PROPIO OGGI RICEVO LA NOTIZIA CHE SONO A RISCHIO LE FORNITURE DI GAS PER L EUROPA DA PARTE DELLA RUSSIA PER IL FATTO CHE LA MAGGIOR PARTE DELLA FORNITURA PASSA DAL UCRAINA!!!
  • Elisa G 3 anni fa
    E'urgente invece risolvere questi problemi..gia'per il prossimo inverno prevedono a gennaio un gelo apocalittico (-20)e oggi ricevo notizie ma l avevo gia' sentite che sono a rischio le forniture di gas all europa visto che la maggior parte del rifornimento russo passa dal ucraina....io sono molto preoccupata...visto che abito in una palazzina senza isolamento e cappotto e devo andare in causa contro il condominio per averlo...Grillo bisognerebbe obbligare tutti a farlo..e una casa isolata bene ci protegge dal gelo dal caldo e dall umidita'e cmq dobbiamo diventare indipendenti in energia quanto prima..ma io ho sentito un paio di anni fa che i maggiori produttori di petrolio gli arabi avevano investito miliardi nelle energie rinnovabili.....perche ' il Petrolio finira'!
  • antoniogiordano 3 anni fa
    beppeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee io ti rivoto ancora per cento volte dai belin che cè la fai
  • Paolo Z. Utente certificato 3 anni fa
    L'energia che adoperiamo è solo il 25%(circa) elettrica. Per fare l'energia elettrica ci voglion le centrali, e se sono distanti dal luogo di consumo ( esempio, 500 chilometri, Puglia- Roma) se ne va un 5-10% ; dipende dalla tensione della linea, cavi dimensionati bene, ecc. Molto dell' energia che adoperiamo è consumata dai trasporti, dal aereo fino al treno passando con l'auto. E il riscaldamento delle nostre stanze costa. Per assurdo la miglior fonte è il risparmio. Non penso di far soffrire il freddo. Mi spiego, in una scuola hanno installato l'impianto fotovoltaico, che rende dai 22 ai 0 ( zero, di notte) Kwh. Dopo 10-15 anni i pannelli decadono. Se cambiavano gli infissi, risparmiavano sul gasolio/metano, facevano lavorare gli italiani al posto dei tedeschi/cinesi. A giugno gli studenti soffrivano meno il caldo L'energia in Italia costa tanto perchè abbiamo fotovoltaico che costa, centrali a gas che il gas costa ( già tanto meno del fotovoltaico), non abbiamo nè carbone nè nucleare. Un poco di idroelettrico ( il più conveniente, ma già sovrasfruttato )e olio. Io mi sono aperto gli occhi con "ENERGIA PER I PRESIDENTI DEL FUTURO" da Le Scienze. Tutti i costi dell' energia, che non è solo energia elettrica, ma anche ambientale, di sudditanza ecc. Paolo TV
  • Paolo Z. Utente certificato 3 anni fa
    Ma se gli stati confinanti, Albania, Croazia, trivellano, dobbiamo andare a comprare il petrolio da loro? Come l'energia nucleare, niet in Italia, si va a comprare l'energia prodotta dalle centrali in Slovenia e Francia. Mi piacerebbe che i verdi facessero la loro energia verde, ma non sono contento che in bolletta dell'Enel bisogna che paghi io la quota per finanziare gli impianti. Col piffero ci sono solo i petrolieri hanno lobby, le hanno anche i “verdi” che hanno coperto i campi/tetti di pannelli fotovoltaici, e non c'era nessuna legge che diceva di comprarli tutti in Cina. E il mercato degli inverter (il dispositivo che trasforma la tensione prodotta dal pannello in 230 (o 400) AC) è in mano dei tedeschi. Paolo TV
    • Inca Tsato 3 anni fa
      se molti mercati che potrebbero benissimo essere in mano all'italia sono invece nelle mani degli stranieri, di chi e' la responsabilita'?
  • GIOVANNI I. Utente certificato 3 anni fa
    Qua si tratta di politiche criminali fatte apposta per arricchire i veri padroni della politica Italiana De Benedetti e Berlusconi. Da un anno a questa parte , hanno ulteriormente peggiorato le politiche rinnovabili a discapito del fossile , ammazzando l'economia Italiana che già paga l'energia il doppio del costo Europeo. Solo per fare arricchire ulteriormente questi due signori che hanno investito i loro miliardi nel business più redditizio che uno stato può avere L'ENERGIA . Dovrebbero privarsi di parecchi miliardi per riacciuffare le rinnovabili ed essendo ladri ed ingorghi non vogliono farlo , questo lo faranno gli altri dato chè è il futuro per orà stanno razziando il più possibile con il fossile e si vede dalle leggi che le varie commissioni ad hoc gli hanno fatto in materia. ITALIANI capite che un gruppo piccolo di persone per arricchirsi ancora di più sta affossando un INTERO PAESE . Non contenti stanno anche vendendo Eni e ENEL , solo per spartirsi mazzette ( loro dicono abbassare il debito pubblico di 2000 miliardi di euro ) con la vendita di piccole quote gli fanno il solletico al debito incassando pochi miliardi , che tra l'altro queste quote se le compreranno con i soldi che gireranno di mazzette . M5s svegliatevi e fate intervenire la magistratura , non possono fare questo in nome del POPOLO che non li vuole .
    • Paolo Z. Utente certificato 3 anni fa
      Guarda che l'energia in italia costa tanto perchè abbiamo fotovoltaico che costa, centrali a gas che il gas costa ( già tanto meno del fotovoltaico), non abbiamo nè carbone nè nucleare. Un poco di idroelettrico ( il più conveniente, ma già sovrasfruttato )e olio. Se vuoi sapere i costi, tutti i costi dell' energia ti consiglio il libro "ENERGIA PER I PRESIDENTI DEL FUTURO" da Le Scienze. Paolo TV
  • alvise fossa 3 anni fa
    DOBBIAMO ASSOLUTISSIMAMENTE PUNTARE SULLLE ENERGIE RINNOVABILI,SE NO NON AVREMO PIU' FUTURO ENERGETICO
  • alfonsina p. Utente certificato 3 anni fa
    Ma non avete capito che questa "gentaglia incapace" investe SOLO dove c'è un ritorno economico per loro? Del cittadino, della sua salute, della sua povertà non gliene frega un cazxo. Mi piacerebbe tanto che gli Italiani si rendessero conto che, per salvaguardare il loro salario, oggi, distruggeranno la vita dei loro figli e dei loro nipoti, un domani. ITALIANI, se ci tenete ai vostri cari, votate 5*****, io non ho nessun interesse privato a chiedere questo, semplicemente credo che sia l'unico mov. che ha davvero a cuore le sorti di questo paese. Se non siete convinti, votate chi vi pare, tanto non passerà molto tempo e vi accorgerete che questi politici fanno tutto, esclusivamente, per i PROPRI INTERESSI. Almeno siate obiettivi a giudicare l'operato dell'uno è quello dell'altro, senza farvi condizionare dai media, che fanno parte del sistema.
    • francesco domenico schiavone (speed777) Utente certificato 3 anni fa
      mi chiedo se i nostri governanti hanno fatto un'analisi dei costi-benefici della nostra economia per poter attuare un progetto di trivellazione oppure hanno pensato solo a un ritorno economico
  • Mario Pimazzoni 3 anni fa
    IL TERRITORIO E'UN BENE CHE VA SALVATO AD OGNI COSTO,QUESTA CASTA PARASSITA DEVE SPARIRE E LASCIARE CHE I CITTADINI ITALIANI DECIDANO COME MEGLIO VIVERE IN QUESTO SPLENDIDO PAESE.TUTTI A ROMA E IN ALTO I CUORI!!!!!
  • ciotoli angelo 3 anni fa
    il M5S.è l'unico ad avere un senso di appartenenza all'ITALIA...è il momento di dare una spinta a BEPPE e ai SUOI...perchè stanno dimostrando di stare dalla nostra parte...solo chi è contro non lo ammette
  • GIORGIO S. Utente certificato 3 anni fa
    Che l'Italia non si debba trivellare è giusto. Un suolo montagnoso, densamente popolato, mari chiusi per non parlare dei gestori della cosa pubblica che sono una frana. Che si debba investire sulle rinnovabili è sacrosanto. Detto ciò vengo al "ma". Non poteva mancare con una premessa così come la mia. Ma come si potrebbe andare avanti con i trasporti, i riscaldamenti dei condomini già costruiti e, senza menarla, con tutti quegli utenti che del fossile, nel frattempo, non possono farne a meno? Gas e petrolio dobbiamo pur comprarli senza dimenticare che dove vengono estratti possono provocare danni (vedi golfo Messico). Piazzare rinnovabili in Italia è molto difficile. Eolico e fotovoltaico sono osteggiati dalle belle arti e dai paesaggisti. E sono comunque gestiti da gente di cui non mi fido. Ho visto il sito del CAAB di Bologna. Fotovoltaico a iosa. Ma come è stato piazzato? In che direzione? Sud? Non mi sembra. E gli ostacoli naturali? Mi sembra che i tetti si facciano ombra l'un l'altro. Dal sito non si capisce bene e vorrei un chiarimento se qualcuno lo sapesse. In sostanza dico: avanti con gli investimenti per le rinnovabili. Ma come dobbiamo comportarsi fino al raggiungimento di una percentuale, per esempio, del 50%?
  • giorgio p. Utente certificato 3 anni fa
    Adesso devono privatizzare ancora un po di enel,con il fossile ce' da mangiarci sopra a iosa,sarà già un miracolo se non riproporranno il nucleare.
  • Alessandro Calvi 3 anni fa
    L'europa fa il doppio gioco: da una parte fa vedere che chiede investimenti nelle risorse alternative, ma sotto ordina ai nostri pseudo governanti di andare a petrolio.
  • davide iannello 3 anni fa
    in venezuela la benzina costa0,3 centesimi al litro,nessuno glielá compra,perché ?basta pensare a mattei che voleva comprare da compagnie differenti che gli é successo
    • Paolo Z. Utente certificato 3 anni fa
      da quanto ne so io, è un costo politico. Il Venezuela sarebbe già ricco senza petrolio e gas, con altre industrie estrattive. E hanno acqua, sole, pesca. E quando finiranno il petrolio, avranno il 40% del mondo delle sabbie bituminose, quelle che in Canada stan già sfruttando. Però molto impattanti. Un'altra ricchezza nazionale del Venezuela è il comunismo.. Risultato, la gente non fa un cazzo, (rispetto ai parametri del nord est italiano) ma si lamentano di esser poveri. Paolo TV
  • Bruno Bonandin Utente certificato 3 anni fa
    la longimiranza di queste pseudo governanti è impressionante. Pd e renzusconi sono OGGETTIVAMENTE incapaci e collusi. Anche i bimbi delle elementari saprebbero gestire meglio la cosa. Qui è evidente e senza ombra di dubbio che ci sia un bel giro di mazzette e favori. Come si può diversamente puntare sul fossile mentre tutto il mondo va verso il rinnovabile? Delle due l'una.. o si è inetti o si è collusi e non so cosa sia peggio..
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus