Un commento su Roberto Cotti

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.
ballaro_cotti.jpg

"Ballarò non si smentisce: il senatore cinquestelle in un collegamento che non funziona. A proposito, domandina per gli strateghi della comunicazione del movimento, ma con tanta gente giovane e brava a parlare proprio 'sto senatore dovevamo mandare a ballarò?" Rita L.

La presenza del portavoce Roberto Cotti non è stata concordata né con gli altri senatori né con il gruppo di comunicazione. E' stata una sorpresa per tutti.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Francesco L. Utente certificato 3 anni fa
    Beppe ti prego, lasciate perdere. Non fate nulla, ma dalla prossima volta in televisione ci va solo chi è stato deciso dal gruppo. PUNTO. Ma adesso non fate nulla, non date ai giornalisti il pasto per potervi screditare nuovamente. Non lo fate, ammonite soltanto il senatore e dite che le regole della comunicazione sono quelle, ma non espellete nessuno e non buttate nella caciara questo fatto. BEPPE LEGGIMI! NON LO FARE ORA! DARAI SPERANZE A RENZI!
    • Kasap Aia, Cifre Utente certificato 3 anni fa
      MAMMA MIA ! A parte i contenuti, uno così smorto potrebbe fare almeno il ministro :-( Ho sofferto, molto, ero in ansia ... Tra collegamento TV ballerino e intervistato Floris è riuscito nella sua opera di ottimo disinformatore della pubblica opinione. Diciamo che in Sardegna non eccellono nella razionale valutazione di sè stessi, almeno dal punto di vista della "televisibilità" dei personaggi e poi ... La tesi che senza alleanze non si fa una mazza è fuori dall'orizzonte del M5S E SI ATTAGLIA PERFETTAMENTE ALL'IMMAGINE CHE TV E PARTITOCRAZIA VOGLIONO DARE DEL M5S ! FORZA SARDI, POTETE FARE MEGLIO ... MOLTO MEGLIO A VOLTE SERVE UN BAGNO DI ... PRESUNZIONE.
  • paolo ricchiuto 3 anni fa
    Cotti è una brava persona e si vede , ma a combattere contro gli sciacalli dell'informazione TV si deve mandare la prima linea dei Cinque Stelle , tostissimi e preparatissimi come Di Battista , Taverna , Di Maio , Fico , Fraccaro e molti altri , anzi sarebbe auspicabile un aumento delle loro presenze h24 su tutti i fronti televisivi , non è un caso che l'aumento del consenso verso i Cinque Stelle è contemporaneo alle apparizioni televisive dei grillini con un successo di immagine e competenza , senza trascurare ovviamente la strada maestra che rimane la rete ! ma adesso è un momento particolare e serve contrastare questa classe politica corrotta sopratutto in TV , l'ultimo fortino rimasto loro , non diamogli tregua nemmeno li , incalziamoli su tutti i fronti , il nostro esercito cresce sempre di più ed è sempre più forte !! serrare i ranghi e all'attacco , VINCIAMO NOI !!
  • Gabriele Capri 3 anni fa
    Appello personale e credo della gran parte degli attivisti del movimento cinque stelle di tutta Italia.A tutti i portavoce nelle istituzioni che non condividono l'opinione della base su qualsivoglia tema e non quella di Grillo o Casaleggio,ma della base e soprattutto di coloro che ogni weekend si fanno il mazzo in banchetti,incontri,ecc. Oppure agli eletti che puntano al "malloppo",non facciamo i buonisti o gli scandalizzati il denaro a cui rinunciare ogni mese è tanto e l'uomo è fatto di carne,in più sicuramente il moVimento non aiuta con i suoi modi alcune volte bruschi e i suoi attivisti alcune volte irrequieti.Uscite dal movimento in silenzio, passate al gruppo misto per motivi personali,per intolleranza verso i capelli di Casaleggio,per insofferenza verso le riunioni fiume alla camera, per preferenza nel sedersi a sinistra nelle istituzioni,oppure per qualsiasi altra motivazione ma non cercate scuse che non stanno ne in cielo ne in terra, se si vota tutti insieme e si decide una linea a maggioranza non è democratico minare il lavoro di tutti con scuse inverosimili. Se si fanno votare gli iscritti al blog su un argomento discusso da mesi, perché uscirsene con "non siamo stati abbastanza avvisati!" è come spaccare il capello in quattro e gli unici che ascoltano queste polemiche sterili sono i servi del regime. Oppure perché partecipare a un programma di propaganda che si è dimostrato in molteplici occasioni di parte e contro gli interessi dei cittadini, più volte additato da noi come di scarsa importanza e anche avulso ai nostri canali comunicativi?In più utilizzando un collegamento precario e per regalarci una figura modesta?SAPENDO CHE AVREBBE AIZZATO LA RABBIA DEI Più E LA SCOMUNICA DEL GRUPPO?Quindi mi ripeto il gruppo misto vi aspetta a braccia aperte nessuno vi crocifiggerà o cercherà sotto casa MA PER FAVORE NON MANDATE IN FUMO IL LAVORO DI TANTI, I SOGNI DEGLI ATTIVISTI E GLI SFORZI DEI MOLTI CHE LAVORANO NEL SILENZIO E CHE MANDANO AVANTI QUESTO MOVIMENTO
  • carlo b. Utente certificato 3 anni fa
    Lanciare il sasso e nascondere la mano, ancora una volta, come per l'attivista che ha bruciato il libro di Augias, come per gli insulti alla Boldrini.... Va un componente MS5 che "non funziona", non riscuote successo e che si fa? Si dice "l'intervento non era stato concordato". Io fossi un senatore mi arrabbierei....lo scudo della rete, il creare squadra ma poi? Al dunque chi ti deve appoggiare prende le distanze. Se questo tizio avesse sbaragliato la platea, avesse rastrellato applausi, fosse stato un gladiatore allora l'intervento non concordato non sarebbe stato un problema. Non è stato particolarmente brillante, critiche dl blog e nessuno che abbia il coraggio per dire "va bene lo stesso, è uno dei nostri, avanti tutta". No, non mi piace.
    • carlo b. Utente certificato 3 anni fa
      Per Giorgio: siamo veramente sicuri, che non ha rispettato le regole? Quelli che hanno risposto quando si parlava della Boldrini le regole le avevano rispettate oppure no? Il tizio che ha bruciato un libro di Augias (che poi era il suo, lo aveva comprato) dopo che sul blog c'erano critiche molto più pesanti del gesto in sè ha rispettato o no le regole? Perchè allora prendere le distanze? Io penso che non va bene. E vale anche per Casalino, adesso sono tutti lì a dargli addosso per certe frasi. Ma perchèèèè??? Ma non si capisce che è un gioco al massacro? E' lo spirito di squadra, che crea il gruppo. E la situazione è troppo grave per consentire al movimento di non fare quadrato verso i suoi esponenti e attivisti. Questa è la mia critica.
    • Antonio Caracciolo 3 anni fa
      Tu dici: “rastrellare applausi”. Quando ero studente, parecchi anni fa, un mio compagno di liceo, mi disse che racimolava qualche soldo per andare a sedere nella parte dei pubblico a non so quali trasmissioni televisive... Dovevano applaudire quando veniva loro richiesto e così il mio amico si guadagnava mille lire a ogni seduta... Non so se le cose stiano ancora così, ma mi chiedo: chi è questo pubblico che "applaude” o "non applaude”. Sono stati forse eletti per rappresentare il "popolo” che fa da spettatore subalterno, piuttosto coglione, che applaude o non applaude ed è tenuto a bacchetta... Io mi chiedo quando ci saremo liberati mentalmente di questi spettacoli osceni e truffaldini... E come possiamo farlo? Dobbiamo sviluppare in noi stessi l'autonomia e la capacità critica di giudizio e aiutare gli altri a pensare con la loro testa, non importa se poi questa testa funzionerà male e ci daranno del torto... Anche un "nemico” può essere in grado di saper ragionare con la sua testa, ma non per questo ci sarà meno nemico... Dobbiamo ben sapere che qualcuno (l’1%) ci è e ci sarà sempre contro... 80 persone non possiedono tutta la ricchezza del mondo? Non sono loro che ci mandano in guerra per scannarci l’un l’altro? Lilly non era fra i Bilbberger? Che ci stava a fare lì? A quale titolo? Chi possiede l'intera rete mondiale della comunicazione mediatica?
    • Augusto B. Utente certificato 3 anni fa
      Cacciamoli tutti!!!
    • Giorgio Cigolotti Utente certificato 3 anni fa
      Cazzate. Io lo critico senza nemmeno averlo visto, dato che non ha rispettato le nostre regole. Impari il significato de "rispettare le regole" e imparalo anche tu.
  • massimiliano S. Utente certificato 3 anni fa
    secondo il mio modesto parere i nostri rappresentanti del M5S dovrebbero smetterla di fare collegamenti e dovrebbero andare di persona in tutte le trasmissioni (logicamente quelli più preparati e smaliziati per non farsi mettere i piedi in testa)... questi collegamenti esterni ormai si dimostrano più dannosi che a favore, anche perchè gli altri giocano sul fatto che i nostri non hanno il coraggio di confrontarsi, non hanno argomenti, ecc...ecc... cari cittadini che ci rappresentate svegliatevi che se volete gli argomenti ce li avete per zittire tutti quei lupi, fatevi sentire, siate sempre presenti dappertutto e a tutte le ore... il popolo italiano, la grande maggioranza, mi duole dirlo ma purtroppo è ignorante... segue le trasmissioni televisive e viene turlupinato a a piacimento dal parlamentare di turno.
  • lucifero 3 anni fa
    Se e qualora il M5S dovesse andare al governo. Chiedo allo staff della comunicazione di proibire categoricamente ai futuri ministri o cittadini portavoce di andare in quella scatola delle illusioni che è Ballarò. La soddisfazione a Floris non gliela dobbiamo dare in alcun modo. Isoliamoli, lasciamoli a cantarsela e a suonarsela fino a che si accorgeranno di quanto siano ormai grotteschi. Quando si accorgeranno che perderanno punti di share perchè nessuno del governo andrà da loro, allora forse abbasseranno la cresta. Ma anche in quel caso il veto dovrà rimanere. Mai e poi mai, vorrei vedere un 5 stelle a Ballarò, che sembra una trasmissione da istituto luce.
  • Michele Ginevra Utente certificato 3 anni fa
    Il senatore Cotti non se l'è cavta male a mio avviso. Certo non è una volpe della comunicazione!! Il M5S deve "programmare" una maggiore presenza in TV (non da collegamento che è sempre uno svsntsggio) Ballarò compresa, ma deve mandare le loro punte di diamante in termini di comunicazione, e ce ne sono tante (Diba, Di Maio, Fico, Morra, Giarrusso, Taverna, e tanti altre ancora. Possibile che non si capisce che dopo un calo nei sondaggi perchè era passata sui media il messaggio che non facevamo un cazzo, i sondaggi ci dicono in netto rialzo DOPO LA PRESENZA IN TV DEI NOSTRI MIGLIORI RAPPRESENTANTI che hanno spiegato bene alla gente che guarda la TV (e sono tanti) qual è stato e qual è il lavoro encomiabile che si fa in Parlamento??
  • Antonio Barba Barba Utente certificato 3 anni fa
    sono del parere che devono andare tutti , qualcuno farà una grande figura e un altro meno , ma prenderà contatto col mondo in cui dovranno cimentarsi . non si possono tenere in naftalina quelli meno impattanti perché devono essere tutti in grado di menare . Si dice che la strada è maestra di vita e allora che ci vadano e si tolgano la scorza , Cotti non è stato male e poi oggi non è solo ha uno staff comunicazione che lo può supportare e i suoi/nostri grandi amici parlamentari . Si deve lavorare sui collegamenti in esterna che con questo ritardo tecnico lascia spazio all’accavallamento che è pericoloso ed ingestibile . Anche Fraccaro ha avuto gli stessi problemi , gestiti un po’ meglio , ma sempre un po’ penalizzato .
  • ROBERTO GHIDONI Utente certificato 3 anni fa
    Cotti sicuramente non ha il dono della comunicazione,ma per quale motivo deve essere oggetto di critiche o espulsioni non ha detto nulla di male.Il M5S e' composto da persone che nulla hanno da spartire con i menestrelli politici e per quale motivo devono avere il permesso di parlare. Il M5S e' questo che ci piaccia o no e come diciamo sempre uno vale uno.
    • Fabio Z. Utente certificato 3 anni fa
      condivido
    • ROBERTO GHIDONI Utente certificato 3 anni fa mostra
      Rispondo all'amico Angelo nel sottocommento al mio post precedente: Ma perche' dobbiamo sempre pensare ad accordi sottobanco, e per quale motivo deve prendere degli accordi per parlare. Abbiamo eletto delle persone e non dei robot che devono parlare a comando.Ci lamentiamo che il M5S non abbia giustamente la visibilita' a noi dovuta ora leggo che non dobbiamo intervenire a Ballaro'o altri talk show leggo che dobbiamo solo fare andare in televisione chi ha il dono della comunicazione tipo Di Battista ,Di Maio o la Taverna,secondo me e' giusto che chi vuole andare in Tv sia libero di andare la gente deve sapere che il M5S e' fatto di persone normali che hanno deciso di dedicare del loro tempo a una causa comune a tutti e non solo al M5S.
    • Angelo P. Utente certificato 3 anni fa
      Con quale criterio, si è presentato a quella trasmissione? Se NON ha concordato la sua presenza, né con gli altri senatori, né con il gruppo di comunicazione, PERCHE' ERA LI? CON CHI HA FATTO ACCORDI?
  • Antonio Caracciolo 3 anni fa
    Ho detto e confermo che i talk show sono dei cessi pubblici, dei postriboli che il Movimento fa bene a non frequentare... In particolare mi riferisco ora a "Piazza Pulita” che è in onda in questo momento... Per tutta la trasmissione di cosa stanno parlando? Di una telefonata a Barca carpita da un finto Vendola. Vi è una chiara e disgustosa violazione della privacy, un "reato". Dove sta lo "scherzo”? Cosa vi è da ridere? Se ricevo una telefonata, è illegale che ne faccia registrazione senza l'altrui consenso. Figuriamoci poi a rendere pubblico il contenuto senza neppure l’autorizzazione del partner. Quei cialtroni della Zanzara hanno fatto una bella serie di reati: 1) falsa identità di Vendola; 2) illegale registrazione della telefonata; 3) messa in onda della stessa. E ancora: 4) quelli di Piazza Pulita ci fanno pure una trasmissione in compagnia dello Zanzaroto. Ma che letamaio è questo? Vi ricordate qual è stata la reazione del vero Vendola contro un parlamentare Cinque Stelle pure oggetto di un analogo scherzo? Il Vendola vero ha coperto di insulti il parlamentare Cinque Stelle, minacciando pure di querelarlo per essere stato vittima di uno scherzo. Adesso di Vendola non si è sentito nulla: nessuna protesta da parte sua contro chi ha assunto la sua identità (un "furto"). La trasmissione è iniziata con un attacco a 5 Stelle, poiché i parlamentari verrebbero in "Piazza" se non fosse "proibito” dal Gruppo di comunicazione. È ben chiaro che se la Comunicazione sconsiglia e i parlamentari si adeguano, non vuole assolutamente dire che Messora abbia un potere diverso da quello che loro stessi gli hanno conferito, quale "esperto". Se mai vuol dire, che i parlamentari Cinque Stelle si fidano del parere di chi sconsiglia di frequentare luoghi di malaffare. E come non essere d'accordo a giudicare dalla ignobile trasmissione che stanno conducendo? Passigli non pare capisca questo. Figuriamoci a mettersi nelle sue mani e lasciare condurre a lui il losco gioco.
  • Daniele M. Utente certificato 3 anni fa
    Allora Cotti ha sbagliato, ha pensato di andare a dire due cose in TV, senza tener conto della delicatezza del momento e dei temi di discussione, e senza tener conto che andando a Ballarò trova persone specializzate in dibattito televisivo, e lui non lo è, chiaramente. Detto questo, non iniziamo con scomuniche o cavolate varie, la rete è già piena di articoli a doc per parlare di come Grillo e Casaleggio ti buttano fuori appena fai qualcosa senza chiedere il permesso. Finiamola qui. Questa esperienza deve essere un monito per il futuro: Prima di andare in televisione si parla col gruppo, e chiaramente va chi è adatto a farlo.
  • Antonio Caracciolo 3 anni fa
    Ho sentito a tappe Ballarò... durante la pausa pubblicitaria mentre guardavo la fiction sull'Inghilterra del XIV sec,m ben più interessante... Ho però sentito anche Cotti... Non capivo bene chi fosse, ma onestamente non mi pare che abbia sfigurato, come altri dicono... Tra le cose che ho sentito: - vogliamo ripulire la politica - non abbiamo "alleati” con i quali ci possiamo riconoscere... L’intervista era disturbata e si capiva bene che il conduttore era ostile al Movimento Cinque Stelle... Per evitare la facile critica di parzialità e faziosità a questi conduttori basta tirar dentro in qualche modo Cinque Stelle, per poter poi dire che vi è stata la "par condicio”. Francamente, non ho trovato "perdente" l'intervento di Coti, per quello che ho potuto seguire. La sostanza del discorso resta però a mio avviso quella sulla natura e la funzione di tutti i talk show, che sono in pratica una macchina che il conduttore gira come vuole, per fare apparire le cose come vuole, per sostenere le "sue" tesi e farle passare in buona luce, mentre getta cattiva luce sulle tesi altrui o sulle persone che... Beppe sa quel che dice quando sconsiglia di "andare in televisione". Non esiste una oggettività o neutralità dei talk show, che possono parlare più o meno male del Movimento. In ogni caso, il format del talk show, concepito per la "rappresentanza politica" è incompatibile con il Movimento che è una forma embrionale di "democrazia diretta". Non concordo con quegli attivisti secondo cui occorre essere maggiormente e più efficacemente presenti in questi bordelli televisivi. Ritengo invece che ancora molto si debba fare per sviluppare una nostra propria forma di comunicazione rivolta soprattutto al nostro più naturale alleato: il potente partito dell’Astensione. Se porteremo a noi l’area dell’astensione, avremo raggiunto e superato il 51 %. Agli elettori degli altri partiti, da rispettare perché gente ingannata, non dobbiamo dedicare il nostro tempo... Impareranno da soli.
    • pamela b. Utente certificato 3 anni fa
      Dovete andare ancora di più in televisione , ma ....scegliere meglio
  • giuseppe i. Utente certificato 3 anni fa
    Ma la vogliamo finire di dire stronzaTe, ha fatto fiasco...e allora?????Ci sono centinaia di deputati e senatori M5S in giro per l'italia che stanno dimostrando di essere dei leoni, preparati e motivati, se uno ogni tanto sbaglia nessun problema....non possiamo essere tutti uguali......W il M5S.....
  • marioz o. Utente certificato 3 anni fa
    certamente quel senatore avrebbe potuto replicare al renziano dicendo che il movimento 5 stelle aveva ottenuto su sua proposta decreti importanti come la defiscalizzazione per le PMI terremotate, per la bonifica delle aree con amianto, per lo smaltimento dei rifiuti. Avrebbe potuto dire le proposte dei 5 stelle per finanziare le imprese che investono in lavoro in italia e togliere i finanziamenti a quelle che delocalizzano, avrebbe potuto dire dello smascheramento del tentativo della casta di far pagare più tasse ai comuni che combattono il gioco d'azzardo. Avrebbe potuto rimarcare il ruolo del 5 stelle per smascherare ogni volta i trucchi e trucchetti dei mafiosi a nostro danno (gli aumenti e aumentini, le leggi canaglia, i tentativi per salvare berlusconi), avrebbe potuto aggiungere che se evasori come la Idem, faccendieri come la De Girolamo sono fuori è grazie ai 5 stelle, avrebbe potuto accusare il PD di salvare la Cancellieri colpevole di frequentare un delinquente come Ligresti, avrebbe potuto sottolineare che se Berlusconi oggi è fuori dal parlamento è grazie al fatto che sono entrati i 5 stelle, oltre naturalmente al fatto di dire che grazie alla rinuncia delle laute prebende offerte dalla casta esiste un meccanismo virtuoso di sostegno alle imprese italiane ad affrontare la crisi. Come mai non l'ha detto ? Mi auguro che gli altri senatori prendano questo deputato senatore e gli facciano un corso accelerato per insegnargli ad affrontare dignitosamente un confronto televisivo o per lo meno a sapere cosa sta facendo lì grazie alla nostra fiducia.
    • antonella b. Utente certificato 3 anni fa
      il problema è se te le fanno dire...!
  • Luigi Muroni Utente certificato 3 anni fa
    Su Cotti, anche da sardo, esprimo tutto il mio disappunto...certe sue iniziative personali non mi sono mai piaciute....se anche ieri, senza un minimo gioco di squadra, ha deciso di fare di testa sua non và assolutamente bene...questo è il mio pensiero.
  • Massia Ellecibò Utente certificato 3 anni fa
    Senza nulla togliere ai cittadini a 5 stelle, ma attenzione, quando ti invitano nella gabbia dei leoni, ci deve andare una tigre e non un gattino. Qualcuno è più predisposto alla comunicazione televisiva, bisogna ammetterlo, non è una critica sterile bensì costruttiva. A Ballarò, un Di Battista..se li mangiava "ancora vivi", invece si sentivano in sottofondo dei vergognosissimi ghigni, ed era quello che il conduttore Floris desiderava probabilmente.
  • Paolo C. Utente certificato 3 anni fa
    Tutto lascia presagire che questo Cotti sia una delle prossime stampelle di Renzi
  • Carmelo Maiolino 3 anni fa
    Credo nella buona fede del senatore Cotti, ed ovviamente nella malafede dei media, ha sbagliato a non concordare la partecipazione con il gruppo, ma se se siamo troppo rigidi addirittura chiedendo l'espulsione dello stesso dal movimento, i media ci marceranno alla grande additando come il movimento non democratico ecc ecc. Semplicemente più attenzione alle trappole mediatiche e soprattutto concordate in anticipo con il gruppo di comunicazione e gli altri senatori.
  • Massimo Lafranconi Utente certificato 3 anni fa
    Nulla contro Roberto Cotti che sarà anche una persona onesta, ma vista la magra figura fatta dovrebbe meditare se la sua esposizione mediatica allo sbaraglio ha giovato al movimento o meno. I trucchi scorretti di Floris per metterlo in ridicolo li abbiamo visti tutti, dall'audio, alle interruzioni per finire con le risatine in studio. Mi dispiace per lui ma se non ha concordato con il gruppo di comunicazione questo intervento é andato incontro consapevolmente ad un'inevitabile ed umiliante brutta figura. Mi lascia perplesso questa uscita proprio ora, in un momento delicato per il governo, spero tanto che non sia una mossa alla Salsi/Mastrangeli per farsi buttare fuori, sarebbe davvero una cosa triste. E' gradita una spiegazione dall'interessato che a questo punto dovrebbe metterci la faccia e uscire allo scoperto se non gli sta bene qualcosa, a partire dalle presenze televisive a sorpresa in certe trasmissioni su tele-Pd
  • stefano rollero Utente certificato 3 anni fa
    Tutta la mia stima al Senatore portavoce Roberto Cotti, Professore di Economia del Turismo all’Università di Cagliari, fa bene il suo lavoro in Commissione al Senato. Detto ciò, non dico di avere la preparazione dialettica e comunicativa di Paola Taverna, Alessandro Di Battista o Roberto Fico ma in tv andiamo poco, e nn possiamo permetterci di fare figure da “ciofeca!” .....e figuraccia per tutto il M5S.....
  • Ale.t 3 anni fa
    Non ho visto la trasmissione ma se questo qui fa da se forse è il caso che cambia aria
  • maurizio p. Utente certificato 3 anni fa
    Da Saarcanda a Ballaró ne è passata di acqua sotto i ponti. Comunque a parte i 10 minuti di Crozza, i primi 10 minuti di Piazza Pulita e tutta La gabbia in TV non si riesce a vedere nulla. L'unica cosa che si vede chiaramente è l'aumento dei consensi. Se a febbraio del 2013 ci davano al 12% ADESSO CHE CI DANNO AL 24%... Ma quanti siamo?!!!!!!!!!!!
  • airoldo airoldo Utente certificato 3 anni fa
    Cotti non è stato eccezionale ma con i suoi modi pacati poi alla fine h dimostrato di essere una persona a modo considerando che si è dovuto confrontare con quel logorroico di gasbarri .
  • Orage Grimaldi 3 anni fa
    Non credo di essere fuori tema ma è solo una conferma: "Mi meraviglia la meraviglia di Formigli, ieri a PIAZZAPULITA, che insisteva sull'inesplicabile assenza di un esponente M5S, ancorchè invitato, e, credendo di sciorinare la sua più limpida buona fede, ha mostrato l'ottimo Montesano che, ingenuamente, ha partecipato come sostenitore del M5S. Mi rivolgo a Formigli; ma ti pare ... il povero Montesano ... messo lì ... come una scimmia in gabbia ... al quale hai dato la parola per un totale, si e no, di 45 secondi ... che è stato costretto a scrivere su quel cartello le sue (nostre) idee perchè potessero essere almeno lette e quegli imbonitori in poltrona che hammo blaterato per ore .... A Formigli ancora ti chiedi perchè il M5S non partecipa? A Formigli....... mavaffan *****.
  • Carmelino Fenudi 3 anni fa
    Certi colpi di testa, quale la decisione autonoma del Senatore Cotti, non discussa e condivisa, con gli altri portavoce e con lo staff della comunicazione lasciano interdetti. Voleva ottenere visibilità personale a prescindere dagli interessi del Movimento? Si è reso conto del danno che ha fatto? Soprattutto in un momento in cui il Movimento, a livello di comunicazione viaggia spedito come un treno ed è apprezzato da tutti? ( V. Di Battista, Di Maio, Taverna, Ruocco, Lezzi e tantissimi altri il cui elenco è per fortuna molto lungo) In Sardegna ha già causato danni molto gravi al Movimento. Il Movimento è in una fase nuova, pur giovane, è già maturo. NON SIAMO, NÈ DOBBIAMO ESSERE, DILETTANTI ALLO SBARAGLIO.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus