Milano, il reddito dell'assessore Cocco rimane un mistero

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di Gianluca Corrado, consigliere MoVimento 5 Stelle Milano

Roberta Cocco è l’Assessore a Trasformazione digitale e Servizi civici della Giunta Sala. La sua nomina fece subito clamore dal momento che la Cocco ha nel suo curriculum una lunghissima esperienza in Microsoft, dove negli ultimi anni ha ricoperto importanti ruoli dirigenziali. In questi giorni, il suo nome sta suscitando polemiche. Il motivo? Sul sito web del Comune di Milano l’assessora non ha ancora provveduto a dichiarare la sua situazione patrimoniale e reddituale.

Lo riteniamo un fatto molto grave: chi si occupa della cosa pubblica ha il dovere di tenere un comportamento irreprensibile, rispettando le regole e dando il buon esempio davanti ai cittadini che amministra. Anche se, come ha dichiarato la stessa Cocco, nel 2015 ‘ricopriva un'altra posizione lavorativa, i miei piani e i miei progetti erano lontani dal Comune di Milano’, perché non pubblicare il proprio reddito? Cosa c’è di tanto misterioso? Noi, come tutti i milanesi, pretendiamo solo chiarezza e trasparenza che, siamo sicuri, l’Anac ci fornirà.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • .pablo portugal gomez Utente certificato 11 mesi fa mostra
    La ringrazio, signora. Anissa KHERALLAH ( developpement.aide@gmail.com per il vostro gentile aiuto oggi.All'inizio non avevo preso sul serio il vostro business, ma oggi quando ho visto il credito che ho voluto nel mio account , grande è la mia gioia e sinceramente chiedo scusa per aver dubitato di te e la tua abilità per aiutare le persone. Grazie e grazie per la vostra attenzione. Grazie a voi ho dovuto pagare i miei debiti .
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus