La fake news del Nyt e Buzzfeed sulle fake news

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di MoVimento 5 Stelle

Partiamo dai tempi, perché sono importanti. Il New York Times, considerato uno dei quotidiani più prestigiosi al mondo, e il sito di notizie Buzzfeed pubblicano, a distanza di tre giorni tra il 21 e il 24 novembre, due presunte "inchieste giornalistiche", secondo le quali "l'Italia sarà il prossimo obiettivo di una campagna di fake news". Nel mirino dei due quotidiani, ovviamente, non poteva che esserci il M5S.

Le due inchieste arrivano, guarda il caso, alla vigilia della Leopolda di Matteo Renzi, quest'anno dedicata, guarda ancora il caso, proprio alle fake news. Entrambi i pezzi, apparentemente indipendenti, nascono però da una ricerca condotta da un tecnico del web non strettamente indipendente, Andrea Stroppa, che di fatti viene citato nei due articoli. In calce, Buzzfeed scrive testualmente: "Andrea Stroppa, an independent cybersecurity researcher, contributed research for this story. Stroppa has advised former Italian PM Matteo Renzi on cybersecurity issues". E in effetti è lo stesso Stroppa a reclamare i meriti del proprio lavoro sul suo profilo Twitter (qui e qui).

Chi è Andrea Stroppa?
E' un giovane esperto informatico, ex dipendente della Cys4, la società di sicurezza presieduta da Marco Carrai. Chi è Marco Carrai? E' il braccio destro di Matteo Renzi, nonché grande sostenitore delle sue campagna elettorali, al quale l'ex premier voleva persino affidare la guida dei servizi segreti italiani. In sostanza, Buzzfeed e il New York Times pubblicano due articoli spacciandoli per inchieste giornalistiche sulle fake news partendo da una ricerca condotta da un dipendente di Marco Carrai, fonte - vista la sua estrema vicinanza a Matteo Renzi - piuttosto discutibile. E lo fanno proprio alla vigilia della Leopolda di Matteo Renzi, aperta all'insegna delle fake news, puntando il dito ancora una volta contro il M5S.

Diciamocelo chiaramente: sembra un giochino apparecchiato su misura al segretario del Pd, oramai in caduta libera. Ed è molto triste che a prestarsi siano state due note testate giornalistiche come il Nyt e Buzzfeed. Questo, giusto per sottolineare la complessità del mondo delle fake news. Perché, a ben vedere, quella dei due quotidiani è un'altra fake news sulle fake news. Le due testate avrebbero infatti dovuto approfondire quanto meno la ricerca invece di prendere come oro colato lo studio di un giovane sotto contratto con la coppia Carrai/Renzi. Se lo avessero fatto, magari consultando un esperto in materia realmente autonomo e senza alcuna tessera di partito, avrebbero compreso che l'accusa mossa è priva di ogni logica. Si parla di siti web sensazionalistici, a sostegno di una o l'altra forza politica, che riporterebbero i medesimi codici di Analytics e di Adsense.

E non ci vuole un genio a capire che questi siti nascono spontaneamente. Sul web ognuno, anche per mero scopo di guadagno attraverso la pubblicità, chiuso nella sua stanza può scegliere di aprire più di una piattaforma e pubblicare quel che vuole. Ma ciò non significa che ci debba essere un coinvolgimento della forza politica di riferimento. Se sono un tifoso di calcio e apro una pagina in cui diffondo notizie false sul Torino non significa che io sia a libro paga della Juventus. Anzi, è una follia solo pensarlo. Speriamo di esserci spiegati. E speriamo che il New York Times e Buzzfeed tornino finalmente ad occuparsi di vero giornalismo.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Barlafuss 1 mese fa
    Pensavo che stasera su la7 labbragommedaneve avesse come oggetto del programma su quanto fosse controproducente fidanzarsi con un politico del 5S che non vogliono impegnarsi con la famiglia, allevare figli, mantenere una casa, compromettersi con nessuno insomma proprio dei tipi impreparati e qualunquisti. Chissà il NYT cosa ne pensa. Potremmo chiedere parere a Beppe. Che non è Grillo.
  • Vittoriano Mezzi 1 mese fa
    A mo' di commento vorrei ricordarci alcuni fatti e autorevoli opinioni attraverso la segnalazione dei seguenti 'links' : Crociata Anti Bufala: Situazione tragica ma non seria | SakerItalia sakeritalia.it/mondo/crociata-anti-bufala-situazione-tragica-ma-non-seria/ 04 gen 2017 – ...Questa volta l’obiettivo sono le bufale, le fake news come va di moda chiamarle. Un calderone in cui vengono abilmente mescolate le notizie false consapevolmente spacciate per vere dai cacciatori di click, quelle semplicemente non verificate, quelle vere e verificate ma colpevolmente omesse dai media mainstream e le semplici opinioni dissenzienti. Un caos da cui non può palesemente venire alcunché di buono... Udo Ulfkotte è morto. Aveva rivelato che giornalisti ... - Sputnik Italia https://it.sputniknews.com/.../201701163935593-udo-ulfkotte-morto-rivelato-giornali... 16 gen 2017 … Aveva rivelato che i giornalisti sono comprati dalla CIA … è stato il primo a rendere pubblico il fatto che i media scrivono "fake news"(notizie false)a pagamento. Oggi sono i media ad accusare i social di diffondere notizie false. … I blogger avevano ragione, la grande stampa torto. Vogliamo dirlo? – il ... blog.ilgiornale.it/.../i-blogger-avevano-ragione-la-grande-stampa-torto-vogliamo-dirl... 09 ago 2017 - Ebbene sì, i blogger, i “liberi pensatori”, i giornalisti davvero liberi continuano ad aver ragione e la grande stampa mainstream torto, nel senso ... - Foa: col bavaglio ai blog sparisce la verità, le vere fake news provengono dalla stampa mainstream che non ci informa. “Fake news, colti in flagrante”. Il video che ... - Controinformazione https://www.controinformazione.info/fake-news- Trump, Cnn fonte fake news nel mondo - Ultima Ora - ANSA.it www.ansa.it › Ultima Ora 26 nov2017 - "FoxNews è molto più importante negli Stati Uniti della Cnn, ma fuori dagli Usa CnnInternational è ancora una principale fonte di (false) notizie ...
  • Lorenzo Accornero 1 mese fa
    La Corea del Nord minaccia il mondo. -Ma se in realtà ce l'hanno con gli Stati Uniti,perché si arrogano il diritto di definirsi il "mondo" questi ultimi? Megalomania??? O fuck news?
    • Zampano . Utente certificato 1 mese fa
      Beh, i missili sono stati lanciati in direzione del Giappone, e anche la Corea del sud è stata più volte provocata. Non direi che il dittatore comunista ce l'ha solo con l'America...
  • undefined 1 mese fa
    Fact cheking affidato ad un ex Hacker di Anonimous.. e commissionato dal Pd!! Ma non è l'inizio di una barzelletta?? "Ci sono un forzista (Mediaset).. e un piddino (Rai, Unità, La Repubblica e tutti i media network a loro asserviti).. che tramite un ex Hacker di Anonimous vorrebbero ristabilire la verità.. e impedire diffusione di fake news.. loro.. Per cui, la Raggi beccata che cantava 'meno male che Silvio c'è' non era lei.. ma un pochino somigliava.. e questa è notizia vera .. poi beccata l'unità risponde: " vabbè.. ma è giornalismo 2.0!". Poi, vabbè.. Beatrice Di Maio.. con quel Nick nane.. vuoi che non sia grillina?? Ma chi? La moglie di BRUNETTA?? Ah.. tutto può essere nella vita! Anche la ragazza di Berlu, comunista convinta.. e anche lì.. Sara' stato giornalismo 2.0.. poi.. l'incontro con Salvini.. oppure e qui, non è un giornalista o un supporter ma, il segretario Pd a buttare fango su chi non può difendersi.. inventando frase detta da Casaleggio padre.. e giustamente il figlio si è un attimo incazzato.. e quell' impunito noncurante di ballista, continua imperterrito nella bufala. Da sotterrarlo di querele!! Ma che la smettessero sti impuniti! Si vergognassero e cercassero altre trovate meno stupide x la campagna elettorale..
  • ciro r. Utente certificato 1 mese fa
    adesso abbiamo capito perchè renzi ad ottobre è sceso dal treno per correre ad incontrare Obama in america , e anche cosa gli ha chiesto . http://www.lettera43.it/it/articoli/politica/2017/10/30/renzi-sospende-il-viaggio-in-treno-e-vola-da-obama/215154/
    • Lorenzo Accornero 1 mese fa
      Gli amici del Partito Democratico americano hanno una longa manus sulla censura di Facebook e Youtube
  • SANDRO MARRONE Utente certificato 1 mese fa
    La faccenda delle fake news è molto più importante di quanto appaia, e diventa sempre più una molto concreta lotta per il potere. Quanto più si diffonde nell'opinione pubblica mondiale la consapevolezza di come i grandi mass media manipolano l'informazione, e con essa la democrazia, tanto più la reazione si fa concreta e prende la forma di provvedimenti restrittivi alla libera circolazione delle idee nella Rete. Che i più spudorati fabbricanti di fake news siano le corazzate dell'informazione mondiale e, a cascata, le testate nazionali, è ormai una opinione assai diffusa. Il controllo dei grandi gruppi editoriali come New York Time, Washington Post, The Times da parte di un certo gruppo di interesse è il mezzo di elezione per controllare politicamente interi Stati. Ed è di ieri la notizia che i fratelli Kock hanno acquisito la proprietà del gruppo editoriale Time, e di certo non perché si tratta di una impresa più redditizia rispetto ad altre. Ma acquisire la proprietà delle aziende produttrici di informazione non serve a nulla se la gente non crede più alle loro menzogne. E la prova di questa caduta di credibilità è l'elezione alla presidenza USA di due outsider come Obama e Trump, invisi ai padroni dei media, che avrebbero voluto Hillary Clinton alla Casa Bianca. La campagna sulle fake news, che prelude a provvedimenti legislativi contro la libera circolazione delle idee in Rete, è il tentativo di eliminare ogni canale di conoscenza diverso da quello da loro controllato. Quasi tutto fa capo alla lobby pro-Israele, o sionista, sponsor di Renzi in Italia, della Clinton in USA, di Macron in Francia e di altri leader politici tra Europa e Stati Uniti. Quello che bisogna fare è contrastare con ogni mezzo il varo di leggi che abbiano l'effetto di limitare l'accesso alla Rete e smascherare le falsità prodotte per giustificarlo.
  • fabio cavina 1 mese fa
    non e' un segreto che sia il movimento 5 stelle che la lega siano CONTRARI all'embargo imposto alla russia, una posizione che ritengo LEGITTIMA e giustificata, e' curioso che gente che IN PRIMA PERSONA negli anni della guerra fredda prendeva soldi da KGB e CIA oggi si scandalizzi, partiti che NON rendono pubblici i bilanci ed i loro finanziatori nascondendosi nel diritto di privacy, oggi insinuano sospetti di tradimento verso la NATO e l'europa, si subisce la continuazione della caccia alle streghe che sta subendo TRUMPH in america
  • Giancarlo Albricci 1 mese fa
    Questo vostro articolo contiene diverse falsità che proprio Andrea Stroppa corregge nella sua pagina facebook. Dovreste avere, cari grillini, l'onestà intellettuale di chiedergli scusa. Perchè davvero chi frequenta la Rete da molti anni è decisamente stanco della propaganda falsa e faziosa da qualsiasi parte venga. Il link alla pagina di Andrea:
  • ultron2 1 mese fa
    Carrai, fatto non certo irrilevante ed omesso nell'articolo, era pure quello che aveva dato gratuitamente la casa a Renzi a Firenze, ricevendo in cambio appalti su appalti da comune e Provincia. Questo si chiama interessi privati in atti di ufficio.
  • Marco F. Utente certificato 1 mese fa
    Io in realtà sto ancora aspettando la rettifica di Repubblica e del suo direttore Calabresi riguardo l'incontro segreto tra Casaleggio e Salvini. E parlano di fake-news, loro. La faccia come il c.
  • massimo m. Utente certificato 1 mese fa
    Matteo Renzi, un trufolo nella mòta: il falso è la sua essenza; se dicesse la verità, sparirebbe. Più invece si rotola nel brago più ritrova sé stesso, ed altri porci. "Non è sincero neanche quando sale una scala, lo fa con dei trucchi ma il trufolo è l'essenza, è uno spot, è la pubblicità. Renzi ti vende un mondo, lui mente in una maniera esistenziale. Ci mette cifre meravigliose, fa delle cose strepitose, le cifre servono a imbastire la balla e renderla più attraente perché le percentuali non vogliono dire un caz...o" (L'Insonne).
    • massimo m. Utente certificato 1 mese fa
      Forza Epos! Mi sa che reciteranno ancora per poco, la loro farsa è finita
    • Eposmail. ,, Utente certificato 1 mese fa
      Il MESTIERE di ATTORE chissà quanti attori al mondo prendono un bel po’ di soldi. Forse saranno le Star americane in testa alla classifica per introiti stratosferici. Chi recita non ha problemi di coscienza o quant’altro…lui RECITA e lo fa per mestiere. Poi abbiamo altri attori che recitano . Quelli che abbiamo al comando nella nostra CASTA di governo. Molti di questi attori spacciandosi per POLITICI, credo abbiano oltre ai loro lauti stipendioli,.. anche dei bei GRUZZOLI che si accumulano quotidianamente al di fuori dei perimetri nazionali,..sto parlando di PAGAMENTI ESTERO su ESTERO frutto di compensi per i vari intrallazzi politico/economici.. Credo che qualcuno ai vertici della nostra politica, incassi cifre che fanno rabbrividire tanto sono alte , in rapporto a quelle che percepiscono gli attori più pagati al mondo. Le parole di : DIGNITA’, .. VERGOGNA, .. CAFONAGGINE.. SLEALTA’, ..RUBERIA,.. . TRADIMENTO,..non fanno parte del loro vocabolario, e le stesse PAROLE scivolano ( senza intaccarla ) sulla coscienza di quest’ altro tipo….. di attori. Loro a fronte di GUADAGNI IMMENSI …”.RECITANO” …come fanno le star di Hollyvood. Stanno RECITANDO BEATI & TRANQUILLI Eposmail. ,,, ; 25.10.17 21:42|
  • franco rosso 1 mese fa
    Il punto è che ce una GUERRA ALL'ULTIMO SANGUE per la conmquista dell'egemonia in COMUNICAZIONE. lA POLITICA CLASSICA CHE SI SENTE MANCARE IL TERRENO SOTTO I PIEDI, per il venir meno di un mezzo che manovrava a piacimento LA CARTA SPORCATA DI INCHIOSTRO E IL MESIASTREAM che vede sfumare ogni sogno di EGEMONIA E DI POTERE PROPRIO SUL PIU BELLO. La debacle americana della CARTA è un incubo che si riaccende giorno e notte. --------------------------------------------------- I primi propalatori di notizie false e MANIPOLATE SONO PROPRIO QUESTI SIGNORI che ancora detengono un potere UNIDIREZIONALE, mentre lo SCACCO MATTO che ricevono dalla RETE, non sono le FAKE NEWS, ESSENDO PROPRIO LA CARTA DI MERDA MAESTRA NEL RAMO, ma il venir meno del materiale sui quali agire e cioe i milioni e milioni di soggetti che delle loro fake news SI SONO ROTTI I COGLIONI. ------------------------------------------------ Qualunque soggetto si metta al loro servizio -della carta-, per tentare di arginare l'ineluttabile destino e il benvenuto, comprese LE STRABILIANTI STRATEGIE MESSE INSIEME DAL bomba cazzaro e dalla sua corte dei miracoli di teste di cazzo. franco rosso
  • Clarabella Digiorno 1 mese fa mostra
    Preso atto che le mie riflessioni sulle fake news non interessano allo Staff Bellandi, posto di nuovo il commento censurato. Siamo partiti ieri col Post sull’ articolo del NYT in cui Servergnini dice di Di Maio: Even though he never completed his studies and has never held down a proper job, Mr. Di Maio will be the party’s candidate in March for prime minister. Five Star’s supporters clearly like him, but the rest of Italy is puzzled. He’s completely inexperienced. ...... Ora non so se ciò che ha scritto Severgnini su di Maio sia degno di nota in America, qui da noi mi pare risaputo che non ha completato gli studi e non aveva un lavoro. Delle altre tre news, si può forse considerare fake quella che lo definisce inesperto, non credo quella su la sua candidatura a premier che piace ai sostenitori del M5S. Visto poi che non si può pretendere di piacere a tutti, non definirei fake nemmeno la notizia relativa alla perplessità di altri italiani. Buon giorno
  • FABRIZIO P. Utente certificato 1 mese fa
    ..in sostanza ..na faccia da doppio curriculum ...
  • maurizio armanetti 1 mese fa
    Il nuovo pifferaio magico... PROPONGO PIERO ANGELA PER L'OSCAR DELLE FAKE NEWS ... c'è un grande produttore di "FAKE NEWS" di regime che indisturbato le produce da 30 oltre anni. Si chiama Piero Angela, ha l'abilità di insinuarsi ovunque come una metastasi. Esempio esilarante: anche i 5stelle (Torino) di cui Piero Angela è un nemico storico gli hanno dato la cittadinanza onoraria !!! Nemmeno i maghi e Uri Geller sono così bravi ad "abbindolare" come lo è Piero Angela.
    • Zampano . Utente certificato 1 mese fa
      Caro Alessandro Pegone, oggi siamo sotto regime comunista (PCI= PD), e come vedi le cose non sono così diverse: censura, censura, censura. Renzi vuole persino controllare la rete, peggio di così..
    • Alessandro Pegone 1 mese fa
      Considerare i giornalisti che criticano m5s dei nemici significa avere un concetto di giornalismo molto fascista
    • andrea a44 Utente certificato 1 mese fa
      pero agnella quello che dice che gli animali sono scemi e lui e furbo, ha ha ha ha ha apero a' pero'?.
  • Clarabella Digiorno 1 mese fa mostra
    - fake news sulle fake news - Siamo partiti ieri col Post sull’articolo del New York Times in cui Servegnini dice di Di Maio: Even though he never completed his studies and has never held down a proper job, Mr. Di Maio will be the party’s candidate in March for prime minister. Five Star’s supporters clearly like him, but the rest of Italy is puzzled. He’s completely inexperienced. ....... Ora non so se ciò che ha scritto Severgnini su di Maio sia degno di nota in America, qui da noi mi pare risaputo che non ha completato gli studi e non aveva un lavoro. Delle altre tre news, si può forse considere fake quella che lo definisce inesperto, non certo quella su la sua candidatura a premier che piace ai sostenitori del M5S. Visto poi che non si può pretendere di piacere a tutti, non definirei fake nemmeno la notizia relativa alla perplessità di altri italiani.
  • Armando Pace 1 mese fa
    Il cazzaro e ronzino vive ancora ed è in mezzo a noi...dalla sua Leopolda le spara ancora grosse le palle....I suoi cannoni sono sempre ben lubrificati....ronzino cazzaro e spara balle. ..
  • giuseppe belotti Utente certificato 1 mese fa
    NYT uno dei giornali più prestigiosi? Sarebbe interessante sapere chi sono i finanziatori di questo quotidiano e vedrete che tutto si spiega. Beppe
  • Gianfranco 1 mese fa
    Proprio Maria Etruria Loschi parla di notizie false ? Lei che aveva affermato alla viglia delle elezioni di Torino che Chiara Appendino era contro la Cittadella della Salute ... ? Questa gente non ha vergogna , perchè non ha dignità . Ben oltre lo schifo . A riveder le stelle . Gianfranco .
  • Gianfranco 1 mese fa
    Rènzi e la sua banda da 5 anni sparano quotidianamente notizie false sul M5S , sia sui media tradizionali che sul web : chi ha un minimo di intelligenza se n'è accorto da tempo . Ad esempio : il "resort" di Beppe Grillo che fine ha fatto ? Dove si trova ? Eppure "L'Espresso" e "la Repubblica" 5 anni fa erano convinti che esistesse ... magari nei loro sogni , perchè non hanno mai fornito prove in merito . E come dimenticare il tentativo di Calabresi , direttore de "la Repubblica" , di assassinare politicamente Di Maio attraverso un grossolano "taglia&cuci" degli sms di Luigi ... Per tacere di Jacopo Jacoboni "me cojoni" de "La Stampa" : oltremodo patetico . Si era innamorato di un profilo twitter , poi è collassato quando ha scoperto che quel profilo twitter era moglie di Brunetta ! Fa più pena che rabbia . Dai Babbeo Rènzi , davvero : basta stRENZate . La gente non è stupida , come ti ha fatto capire il 4 dicembre 2016 e come ti ricorda ogni volta che ti incontra per strada . La tua scorta non è "la gente" ma "l'agente" : fagli un bel regalo a Natale ! Anche per ricambiare il bel paio di braccialetti d'acciaio che qualcuno di tua conoscenza potrebbe presto ricevere ... A riveder le stelle . Gianfranco .
  • undefined 1 mese fa
    Mi pare una matrioska, una fake dentro l'altra!
  • anna quercia Utente certificato 1 mese fa
    https://rumoriapiancogno-annaquercia.blogspot.com/ intanto limitano noi, su facebook, su google e su twitter, io ve lì'ho scritto un sacco di volte, facciamo qualche cosa, ad esempio boicottiamo le tv, ieri sera ho visto che tempo che fa, c'era la Nannini e io quando c'è in tv la vedo,sono una sua fans, ma prima mi sono sorbita berlusconi, ebbene lo schifo che la rai fa è assurdo,io pago il canone per vedere un pregiudicato in prima serata ,fazio lo lascia fare, va a ruota libera, non ha nessun senso un'intervista così, mi chiedo che caxxo ci sta a fare fico, la foglia di fico?o fa qualche cosa op si dimetta, me ne frego del suo volere fare l'onesto a tutti i costi, se poi i risultati sono questi, la rai è tutta contro il m5s, mediaset pure, la 7 adesso anche e io devo mantenerli, facciamo qualche cosa, esempio sciopero nel vedere questi canali, adesso resta il web e come vediamo ci hanno messo sotto,io che ho un piccolo blog, senza pubblicità che si sono rifiutati di darmela perchè scrivo come scrivo, adesso se metto il mio post su facebook, me lo mandano senza locandina, se per caso ho un post che cliccano metti più di 10.000 clik si mobilitano tutti, mi blooccano, con scuse da deficienti e questa non è manco censura pè regime
  • alessandro s. Utente certificato 1 mese fa
    Il panorama è chiaro il pd alla canna del gas cerca scoop contro il MOvimento e se non ne trova li costruisce ad arte. non trovando fake deil m5s inventa fake ad hoc. il nyt è del gioco, sporco. l'allarme contro Beppe per il "diffondersi" (?) del morbillo in Italia è un esempio. ebbene quell'uscita ha sterilizzato un intervebto più deciso contro la coercizione vaccinale che ormai lamenta solo zaia(!)... Il mitico Severgnini è stato dirottato in italia cosìcome prima molinari per gettare fango e discredito al m5s in Italia e negli usa. in Italia se lo dice nyt vale il triplo del detto su corriere o su scablica. così possono far scorrere nei sottopancia dei media compiacenti le loro fake news contro di noi. credo sia un continuo centrifugare le povere menti che ancora seguono e votano come vuole il sistemino pd e pd-l. meglio inaugurare una pagina nel blog su questi generatori fake con annesse le loro migliori performance del loro poco esaltante palmares! Tanto tra tv cartastampata e web sono irraggiungibili questi poveracci!
  • DOMENICO FORZIATI 1 mese fa
    Le fake news sono probabilmente un falso problema perchè la gente è portata a credere solo a quello che desidera sia vero. Il vero problema è il voto di scambio che non sarà facile contrastare. Almeno per rendere difficile la vita ai capobasto-ni si dovrebbe impedire di poter documentare al-l'esterno quello che è stato consegnato al segreto delle urne. Non potendo sperare che chi imbroglia rispetti il divieto di portare con sè il cellulare nella cabi-na elettorale, si dovrebbero dotare tutti i seggi di jammer oppure perquisire tutti gli elettori. Domenico Forziati
  • Andrea Zanella Utente certificato 1 mese fa
    Una roba talmente chiara che fa paura pensare che qualcuno gli vada dietro a sti menomati del pd!
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus