Per Repubblica, Corriere e la Stampa 30 milioni di copie in meno #byebyegiornali

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

da Datamediahub

Il Corriere della Sera perde complessivamente nel volume di vendite 10,29 milioni di copie ovvero il 9%, Repubblica ha venduto 13,45 milioni di copie in meno [-14%]. Il Sole 24 Ore perde 9,85 milioni di copie rispetto al 2015 [-14%] mentre la Gazzetta si limita a perderne solo 4,21 milioni [-6%]. Il differenziale sulla voce “totale vendita” della Stampa tra 2016 e 2015 è invece di 7,79 [-13%]. La differenza con lo scorso anno quindi è sensibile visto che tutte le testate perdono volumi complessivi di vendita superiori al 10%, unica eccezione la Gazzetta dello Sport che si limita a un -6%.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • jolia antonio () Utente certificato 10 mesi fa
    Ciao Per la realizzazione dei vostri progetti che si cura di cui non hai abbastanza fondi, la soluzione è che la signora Josina gomez offerte di prestito diversi per i vostri progetti prima fino a 70.000 euro con un tasso del 2% -Viaggi e project financing per studi all'estero -costruzione sfondo imprese e gli investimenti in vari commercio e costruzione progetto e altro -Acquisto di affitto casa e appartamento -Acquisto di auto e prestito per la salute e l'educazione dei vostri figli -pronto soccorso per chiunque in pericolo -settore agricolo e mondo degli affari -finanziamento del progetto milioni Contattare il nostro servizio e-mail prestitobancario2017@gmail.com
  • Dino Muttini 10 mesi fa
    Praticamente gia eliminati dal mio pc molti quotidiani, patendo da repubblica. Invito tutti a fare altrettanto, niente collegamento niente introiti pubblicitari. Se proprio ho voglia di letame faccio una passedggiata in qualche stalla, qui pure il profumo e molto meglio di quello rilasciato da tanti quotidiani. A che serve leggere falsita'. E' si vero che per vincere bisogna conoscere il nemico, ma bastano piccole dosi. PS. sono fuori Italia e uso una tastiera inglese pertanto mi scuso per mancanza di accenti, correggere tutto diventa complicato.
  • Saverio M. Utente certificato 10 mesi fa
    La vittoria di Roma e il mancato punto di svolta. A parte gli attacchi vergognosi di una stampa asservita a poteri più o meno forti, non ci si può nascondere il fatto che il M5s si è infilato, se non in un vicolo cieco, sicuramente in una strettoia. La vittoria di Roma doveva essere l'occasione per aprire un orizzonte diverso ma non è stato così. Bisognava coinvolgere quella parte di società civile del settore privato e quei testimonial, che si erano anche fatti avanti,( mondo dello spettacolo in primis ) che hanno una concezione dell'etica pubblica che viene ben rappresentata dall'approccio del movimento. Questo prima di tentare di governare una delle città più difficili al mondo, sicuramente la più difficile da amministrare in Italia. Bisognava dare respiro a questo senso e modo nuovo di intendere la "polis", non tentare subito un approccio manageriale che ha provocato i disastri e le impasse che conosciamo provocando, inoltre, l'altro grande errore di questo periodo: un Grillo capo politico che è lo strangolamento ( la strettoia ) del movimento. Io conto uno e queste cose le ho dette ma non sono ovviamente arrivate quindi quell'uno è diventato zero.
  • buchi di culo 10 mesi fa
    una volta almeno potevi pulirtici il culo. ora hanno cambiato formulazione della carta e degli inchiostri perciò se ci provi rischi di infiammarti il buco del culo.
  • pik sousana rosa Utente certificato 10 mesi fa
    Ciao Mr / Mrs / Ms E ' con profonda gratitudine che ringrazio portare qui la mia testimonianza, È che sono alla ricerca pronti i soldi, non so come condividere con voi la mia gioia perché me di essere ancora alla ricerca per il prestito, io sono cadde sulla Signora Anissa KHERALLAH donna d'affari. Lei mi ha concesso un prestito di 20.000 euro è ho parlato diversi colleghi che hanno anche ricevuto prestiti in questo Madame senza preoccupazioni. Soprattutto a me, Ho ricevuto la mia domanda di credito, tramite bonifico bancario in un durata di 72 ore senza protocollo e sono abbastanza soddisfatto. Il motivo che mi spinge a pubblicare questo annuncio è questa donna continua a fare meraviglie per le persone che sono veramente nel bisogno. Così ho deciso di condividere questa opportunità che non hanno il favore delle banche, o che aveva dovuto fare finanziatori disonesti che fanno abuso la personalità degli altri; hai un progetto o di un bisogno il finanziamento, è possibile scrivere a lui e spiegare a lui la vostra situazione, vi aiuterà se lei è convinto di la tua onestà. Ecco la sua email : developpement.aide@gmail.com
    • massimo m. Utente certificato 10 mesi fa
      Ciao Iosina Gomez! noto che il tuo italiano va molto meglio. Bravo. Studia... Riguardo a ciò che scrivi: "È che sono alla ricerca pronti i soldi", ti rispondo a malincuore che qui non è aria per te. Soldi non ce ne stanno e siamo anche un po' inca zz... Prova in fondo a destra, c'è sempre il PD. con 30 euro sei troll e torni qui
  • giovanni c. Utente certificato 11 mesi fa
    Il declino italico lo hanno deciso i giornali . Non hanno capito che l'interesse padronale azzoppa sia i lavoratori che quelle degli stessi giornalisti . Penne striscianti come vermi invertebrati che non hanno capito che un lettore ha bisogno di verità e non di sporca propaganda. Amen .
  • Marco Cappannelli Utente certificato 11 mesi fa
    Sono assalito da un dubbio.. ma non sarà mica che i dirigenti de il corriere della sera, la repubblica e la stampa hanno questo tipo di atteggiamento perchè, sotto sotto, in fondo in fondo, si fanno schifo da soli causa anni e anni di calunnie, menzogne e servilismi vari e vogliono favorire il Movimento?
  • SERGIO GIUSTI 11 mesi fa
    sono contento che perdano copie,mal voluto mai abbastanza!l'unico che è in contro tendenza facendo inchiesta è il fatto quotidiano,io è da anni che non acquisto quotidiani governativi o padronali,basta capire chi c'è dietro e si capisce tutto,considero i giornalisti come "impiegatucci" qualunque che vanno dove li porta il padrone.Gente con le palle non se ne vedono all'orizzonte. i tg non li puoi guardare perchè spudoratamente di parte. bravi a fare soltanto gossip.Spero che gli italiani abbiano uno scatto di orgoglio nazionale per cacciarli tutti alle prossime elezioni.
  • cosimo calabrese Utente certificato 11 mesi fa
    QUESTE PERDITE DI VOLUME DI AFFARI DEI GIORNALI, E' UN SEGNALE MERITATO SONO STATI SCORRETTI E INCAPACI DI FARE INFORMAZIONE EQUA, SI OSTINANO A DENIGRARE IL MOVIMENTO 5 STELLE, NEL CONTEMPO FAVORISCONO UN SISTEMA MAFIOSO E FALLIMENTARE, GIA' DA MOLTO TEMPO FA, I LETTORI AVREBBERO DOVUTO DARE QUESTI SEGNALI A QUESTI OPERATORI FASULLI DELLA STAMPA, DELLA INFORMAZIONE TELEVISIVA, HANNO PERSO MOLTISSIMI DEI LORO LETTORI, HANNO PUNTATO SUL CAVALLO VINCENTE, CHE REGALAVA MILIARDI E RACCONTAVA STORIE CON TITOLI CONVINCENTI, NELLA REALTA' NON ERA VERO NIENTE, PURTROPPO IL VINCITORE E' STATO SEMPRE UN BROCCO PER I CITTADINI LETTORI, SI SONO SENTITI PRESI PER IL CULO DAL BROCCO E DALLA STAMPA CHE LO SOSTENEVANO, IN UN SOLO MOMENTO E' SCOPPIATO IL PALLONCINO CHE TENEVANO IN BOCCA CHE LI FACEVA VOLARE COME FARFALLE E RACCONTARE CHIACCHIERE SUI LORO GIORNALI.
  • NO N. Utente certificato 11 mesi fa
    ANDATE AFFANCULO 5* COLLUSI CON IL SISTEMA, STANNO LA A DENUNCIARE E A LAMENTARSI E NON MOBILITANO IL 40% IN PIAZZA MEGLIO A CHIEDERE LE VOTAZIONI, PIU PASSA IL TEMPO E PIU MI CONVINCO CHE SIETE INUTILI,
    • michelotti silvio 11 mesi fa
      e tu piu' scrivi e piu' credo che non c'azzecchi nulla col movimento!
  • Paolo Z. Utente certificato 11 mesi fa
    Va bene, i giornali stanno male, ma QUESTO BLOG, fino a 3 anni fa, a ogni post c'erano migliaia di commenti, adesso è una festa se si arriva a 200. Paolo TV
  • simona verde Utente certificato 11 mesi fa
    GRANDE, GRANDE, GRANDE BARBACETTO!! A L'ARIA CHE TIRA ORA GLIENE HA DETTE QUATTRO A QUELL'IDIOTA DI GASPARRI!
  • BUM BUM 11 mesi fa
    QUANDO BEPPE A QUALCHE GIORNALISTA DICE : " INIZI A CERCARSI UN ALTRO LAVORO " PROFETICO
  • flavio guglielmetto mugion Utente certificato 11 mesi fa
    E' vero , tante edicole vedono la chiusura a Torino , mai ci fu tanto disastro. Rinnovare la categoria con nuovi prodotti? Non so.
  • flavio guglielmetto mugion Utente certificato 11 mesi fa
    Come cambiera' la notizia nel 2050 ??? Forse diventera' una abitudine obsoleta.
  • albino c. Utente certificato 11 mesi fa
    Sono ovviamente dispiaciuto per una stampa "libera" che si contrae così fortemente. Ma, d'altro canto, molta gente è indignata e non acquista più questi giornali ed è la stampa medesima causa del suo male in quanto, appunto, pochissimo libera, dovendo rispondere ai suoi padroni e referenti politici.
  • Francesco Sammartino 11 mesi fa
    Semplicemente divertente. Ho visto il videomessaggio con cui il dottor Calabresi spiega che Repubblica non avrebbe commesso errori sulla vicenda Di Maio-Raggi-Marra. Invece li ha commessi, e pure in malafede. Ma partiamo dal pistolotto finale del commento di Calabresi, quando afferma che gli unici padroni di un giornale sono i suoi lettori. Mi scusi, dottor Calabresi,ma questo non è ciò che gli organi di stampa, quando attaccano il Cinquestelle, chiamano "becero" o "volgare" populismo? Ma chi ci crede ancora che i padroni di un organo d'informazione siano i suoi lettori? Da che mondo è mondo, il padrone di un giornale è colui che lo finanzia, altro che i suoi lettori. Riguardo alla difesa del vergognoso articolo che è stato pubblicato su Di Maio, Repubblica ha accusato pubblicamente Di Maio di aver mentito alla dottoressa Annunziata in un'intervista televisiva. Senza verificare che i messaggi reperibili sul telefono di Marra rappresentassero il pensiero di Di Maio su quel signore, Repubblica ha cercato di sminuire il ruolo della sindaca per attaccare la dirigenza del Cinquestelle attraverso Di Maio e ledere la credibilità dell'intero Movimento. E questa non è un'operazione politica decisa a tavolino da una testata sempre piùlontana dall'essere un giornale e sempre più vicina all'essere un partito politico? Ma non scherziamo!
  • bruno r. Utente certificato 11 mesi fa
    Devono chiudere tutte queste testate serve del potere,quei giornalisti che oggi scrivono il falso li manderei in prima linea nelle zone di guerra, vediamo se anche da li continueranno a mentire.
  • silvana . Utente certificato 11 mesi fa
    quello che mi stupisce sempre....(anche degli esseri umani in genere)....ma quando sti tizi hanno capito che il loro comportamento li fa andare in malora....e ,oltrettutto, favorisce l'avversario....come mai non cambiano rotta???????...mah...le grandi domande della vita!!.....sarà tendenza al suicidio suppongo...da studiare comunque....un abbaraccio
    • paolo 11 mesi fa
      umana stupidita
  • Aldo B. 11 mesi fa
    QUANDO I BAR ITALIANI SI DOTERANNO TUTTI DI SCHERMINI INTERNET INCORPORATI AI TAVOLINI, GLI FAREMO FINALMENTE IL FUNERALE ALLA VECCHIA E DEFUNTA CARTA STRACCIATA!
  • Giampaolo M5S Utente certificato 11 mesi fa
    I giornali hanno perso credibilità, internet é il presente è il futuro.
  • alla lla 11 mesi fa
    Riflessione sui giornalioti.... ma se alla università fanno i master di 2 livello per quelli che stanno col culo flaccido davanti al computer a ricopiare le notizie fasulle del WEB e poi si incazzano perché sono fasulle e vogliono fare una legge per imbavagliare il web. il giornalisa vero non se ne sta col culo flaccido e puzzolente di soregge sulla scrivania dell'ufficio! che quando non trova niente ti tira fuori la notiziola isulsa su taiwan o el salvador e se non trova manco li ti cerca Ustica o Borsellino e Falcone. il giornalista vero muove il culo e si cerca le notizie vere e le verifica. il web non è il posto adatto per riciclare le notizie ma solo per trovare opinioni!
  • massimo m. Utente certificato 11 mesi fa
    Ci siamo quasi. Sono finiti, ed a causa loro| Presto l'ultimo titolo di questi giornali, in prima ed unica pagina, sarà: Capolinea
  • FABRIZIO P. Utente certificato 11 mesi fa
    ...come mi dispiace ...sono triste ...spero gli vada sempre peggio è solo colpa loro ....io mi compro tutti i giorni il fq ..e ho votato e rivotero senza ombra di dubbio il mov ..punto
  • Gianfranco B. Utente certificato 11 mesi fa
    Potremo dire tutto, ma dobbiamo ammettere che la stampa, in generale, sta dando una grossa mano al movimento. Ormai è accertato, qualsiasi cosa scriva la stampa, eccetto i necrologi, la gente la ribalta al contrario. In pratica una nuova forma di verità inversa. Abolire i finanziamenti pubblici e risparmiare la carta. Saluti talelbano
  • Rino Siconolfi Utente certificato 11 mesi fa
    Credibilità=Zero,Vendite a picco #byebyegiornali
  • id &as Utente certificato 11 mesi fa
    OT? come procede il recupero dei contributi all'editoria revocati? http://bit.ly/2kOb8PE
    • id &as Utente certificato 11 mesi fa
      TOTALE CONTRIBUTI REVOCATI* RISULTATI DEGLI ACCERTAMENTI DERIVANTI DA INDAGINI GIUDIZIARIE E DAI CONTROLLI SVOLTI DALLA GUARDIA DI FINANZA € 63.112.127,55
  • Giovanni M. Utente certificato 11 mesi fa
    GODO (Ma no ditelo a nessuno) GODO dei GUAI del GIORNALISMO GERARCHICO. GODO del GEMERE del GIORNALAIO "GERIATRICO". GODO nel GIACERE del GIGANTE GOLIA. GODO nella GENERAZIONE di "GIOVANI" GIORNALI. GODO nella GENESI di GIORNALISMO GENUINO. BYE BYE GIORNALAI
  • Taipan X Utente certificato 11 mesi fa
    Povero di Penedetto,adesso deve tornare di notte per le strade insieme alla sua mammina a fare lavoretti a quattro zampe ahahahah. Le fiamme eterne lo aspettano ahahahaha
  • cip e ciop 11 mesi fa
    Sono proprio contento.. Mi augoro che cambino il tiro perchè comunque abbiamo bisogno del giornalista che però fa il suo mestiere e non il servo del padrone.
  • Alberto O. Utente certificato 11 mesi fa
    Speriamo che il 2017 faccia registrare un ulteriore e cospicuo cale di vendite. Forza, ce la possiamo fare, boicottiamo la stampa di regime.
  • Lothar Matt 11 mesi fa
    Così poco? Io pensavo che il tracollo fosse più forte. Ma chiaro, nel 2015 già avevano perso tanto rispetto agli anni precedenti. Direi che rispetto a 4 o 5 anni si vedono un quarto circa dei giornali di prima in giro ...
  • cristina cassetti 11 mesi fa
    Vedo che sul corriere online la notizia dell'indagine per corruzione, falso d'ufficio e altro del governatore Pd dell'Abruzzo è già stata superata; su Repubblica online resiste ma subito sotto c'è ancora la storia delle polizze di Romeo, su La Stampa viene riportata per prima ma in caratteri che sono manco la metà di quelli della solita polizza di Romeo. Intanto hanno già fatto sparire la notizia, riportata dal Fatto, degli arresti per corruzione dei due sindaci, uno di Vitulazio Luigi Romano del Pd, l’altro di Teverola nel casertano di area centrodestra.
  • Emanuele Talerico 11 mesi fa
    Mia mamma da piccolo mi diceva: "le bugie, caro figlio, hanno le gambe corte. #byebyegiornali
  • Luca Pace 11 mesi fa
    C'è da dire che i mancati introiti sono stati appianati dagli introiti delle loro pagine web.. Soprattutto per Repubblica Comunque sia sono morti che camminano!
  • Gianfranco 11 mesi fa
    Sono talmente idioti da non aver ancora capito che la concorrenza del web impone un aumento della qualità dell'informazione . Invece "la Stampa" , "la Repubblica" e "il Corriere della Sera" pensano di poter continuare ad andare avanti indisturbati a produrre bufale , gossip e informazione spazzatura . A riveder le stelle . Gianfranco
  • Aldo Masotti Utente certificato 11 mesi fa
    Pure io son contento. Ed aggiungo: Sul corriere di oggi un tale Lorenzo Bini Smaghi , proveniente da oscure scuole di economia di Bruxelles ha scritto un articolo di totale mistificazione della realta' . Con affermazioni economicamente non documentate , contrarie alla realta' che si vede, ed orientate all'auto-razzismo contro gli italiani. Naturalmente il corriere lo leggo a sbafo al bar . Per punirmi delle mie morbose letture mi fanno pagare 1,1 euro la lettura del corriere ma mi danno il caffe' gratis . :)
  • Adolfo Treggiari Utente certificato 11 mesi fa
    Sarà' perché' la Gazzetta dello Sport e' l'unica che spara palle vere. Il processo di estinzione di una specie e' comunque graduale nel tempo, salvo meteorite gigante. Basta avere la pazienza di aspettare il corso ineluttabile degli eventi.
  • epiro 11 mesi fa
    E si meravigliano della perdita di lettori (e di "E"lettori)? Il titolo di un articolo visto poco fa sul sito di Repubblica: "Robotica: il Parlamento Europeo boccia il reddito di cittadinanza". Ovviamente la robotica col reddito di cittadinanza c'entra come i cavoli a merenda, ma detto così pare che l'UE bocci una proposta che ricorre spesso nelle proposte del M5S. Poi, leggendo l'articolo, dopo la ripetizione del titolone a caratteri cubitali, si scopre che "...destra e popolari si oppongono all'idea di una tassa sulla produzione e a quella di un sussidio per compensare la probabile perdita di posti di lavoro", ovvero che in tutto questo lo sbandierato "reddito di cittadinanza" non c'entra una mazza ed i titoloni servivano solo a inserire un messaggio nelle menti distratte di chi si forma un'opinione leggendo solo i titoli. Un nuovo lampante esempio di onestà intellettuale.
  • diana dial Utente certificato 11 mesi fa
    finalmente, sono veramente contento ! speriamo che quest' anno calino ancora piu' velocemente finche' non ce li leveremo di torno. sia chiaro che quando saremo al governo non buscheranno neanche un euro da noi e quindi tutti a casa e nei centri per l'impiego a cercare un lavoro! TRANQUILLI SIAMO UMANI NOI A DIFFERENZA DI VOI ALTRI, SE SIETE IN DIFFICOLTA' DAREMO ANCHE A VOI IL REDDITO DI CITTADINANZA! NOI NON LASCIAMO NESSUNO INDIETRO
  • Giovanna Purpura Utente certificato 11 mesi fa
    pensate che il peggio deve ancora venire col le cazzate ultime sul movimento ne perderanno molto di piu
  • triste 11 mesi fa
    Capisco la crociata contro la stampa, però si dimentica che oltre a giornalisti ed editori ci sono tante altre persone oneste il cui lavoro è legato al mondo della carta stampata;penso a impiegati, contabili, tipografici, edicolanti che rischiano di perdere il proprio lavoro, per questo trovo di cattivo gusto rallegrarsi per i dati che avete riportato.
    • Michele C. Utente certificato 11 mesi fa
      Un sacrificio accettabile, comunque chiediti di chi è la colpa...
    • Gianfranco B. Utente certificato 11 mesi fa
      Purtroppo è vero, oltre i servi della penna, altri, incolpevoli, perderanno il lavoro. La stessa cosa accadde per le fabbriche delle mine antiuomo. Purtroppo, non possiamo accettare il ricatto dei posti di lavoro, in tutte quelle situazioni,m dove sono in giuoco vite umane e libertà. Ciao Talelebano
    • ciro r. Utente certificato 11 mesi fa
      anche la camorra da lavoro a tantissime persone , ma questo non può essere un alibi per legittimarla .
    • cosimo patrono Utente certificato 11 mesi fa
      Posso capire la tua sensibilità, ma con ciò non si può soggiacere a codesto ricatto da parte della Stampa, d' altra parte col reddito di cittadinanza (che vedrà la luce appena il M5S andrà al governo) si farà in modo di convertire la loro attività! Mi pare che si possa accettare bene il declino della "cattiva informazione"
    • Anna D. Utente certificato 11 mesi fa
      E poi, mi scusi.. ma 'crociata contro la Stampa' cosa?! Se su un quotidiano venissero scritte di lei cose false, lei non si lamenterebbe? La prenderebbe a ridere? Esiste anche la possibilità di criticare la cattiva stampa? O è lesa maestà? Essere liberi di scrivere va bene, ma non di mistificare la realtà per trarne un vantaggio più o meno indirettamente. Esiste anche la deontologia professionale.. non è che prendere di mira, inventandosi fatti o manipolando la realtà sia molto deontologico.. quando ciò è dimostrato, deve seguire rettifica e scuse. Non mi pare cosa strabiliante, avviene così nel resto del mondo (civile, democratico, e occidentale.
    • Anna D. Utente certificato 11 mesi fa
      Per il signore o la signora triste: Non gioisco se lavoratori incolpevoli perderanno il lavoro. Anche a me dispiace, però, queste persone dovrebbero chiedersi di chi sarà la colpa se ciò si verificasse. Se i giornali non avessero venduto la loro anima al padrone/editore e/o rispettivo partito di riferimento, rinunciando alla semplice e onesta divulgazione di notizie non avvelenate e non inquinate da tesi 'creative' nella migliore delle ipotesi e, meno ammissibili, falsi veri e propri nella peggiore, loro non rischierebbero il posto. Detto ciò, è anche ammesso l'errore, tutti sbagliano, chi li fa in buona fede, però, poi rettifica e chiede scusa e finirebbe li'. E poi, come tutto ciò che è sul mercato sottostà alle sue regole sia quando dice bene sia quando dice male. Siamo tutti sotto lo stesso cielo e vale per tutti.. o quasi.. i politici anche se falliscono sono hilander.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus