Renzi e il Pd: un danno per l'ambiente #PdFossile

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.

di MoVimento 5 Stelle

Non lo dice il Movimento 5 Stelle. Lo hanno denunciato, numeri alla mano, esperti e docenti universitari che hanno partecipato al convegno “Energia 5 Stelle: dal fossile a efficienza e rinnovabili, quale via”.

Mentre il MoVimento 5 Stelle ha presentato un programma energetico che punta alla transizione ecologica, portando l’Italia fuori dal carbone entro la fine della prossima legislatura e fuori dall’era del petrolio e dei fossili entro il 2050.
Renzi e i governi Pd, con le mani e piedi legati ai conflitti d’interessi delle lobby del fossile e dalle difese delle posizioni di rendita di chi distribuisce energia, in questi ultimi quattro anni hanno danneggiato il settore delle rinnovabili. Un settore fortemente legato al ‘made in Italy’ e che potrebbe creare centinaia di migliaia di nuovi posti di lavoro.


Qualche dato del disastro targato Renzi e governi Pd dal 2013. Sono numeri da far impallidire il peggior Berlusconi.

- Tra il 2013 ed il 2015 in Italia la produzione da energie rinnovabili è calata del 7,5%

- Tra il 2013 ed il 2015 le emissioni di CO2 in Italia sono aumentate (aumentate!) del 10%.

- Nella mappa mondiale degli investimenti del settore delle rinnovabili, l'Italia è passata dal 6° posto del 2012 al 25° del 2016.

- Nel 2016 in Italia sono stati installati in Italia solo 360 MW di nuovo fotovoltaico e 290 MW di nuovi impianti eolici, con un calo annuale del 19% relativo alle installazioni di solare, eolico ed idroelettrico.

- Renzi in questi anni ha ostacolato lo sviluppo della mobilità elettrica. Un'enorme opportunità industriale anche per il nostro Paese con risorse accessibili. Secondo il Politecnico di Milano, per servire 1 milione di veicoli elettrici è sufficiente un investimento sulle infrastrutture di ricarica di 450 milioni di euro, cioè 450 euro a veicolo elettrico circolante e circa 1 TWh di elettricità che potrebbe essere prodotta da energia rinnovabile.

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • Gian Paolo ♞ 7 mesi fa
    Sapete perché l'integrazione è utopia? 1 - i terroristi sono di seconda e terza generazione, nati in Europa 2 - hanno fatto le scuole con noi, hanno ballato con noi, hanno riso e pianto con noi. Poi, un bel giorno si incazzano, come ci incazziamo noi, perché questa società è profondamente ingiusta: studi e non trovi lavoro. Il governo toglie ai poveri per dare ai ricchi. Non esiste più un orizzonte di futuro. 3 - Noi ci incazziamo con la casta, col governo, col potere. Ma loro scoprono che sono diversi da noi. 4 - Quando non hai più prospettive, cominci a notare certe differenze. Sentono d'essere di troppo in questa società. Si sentono, a torto o a ragione, "guardati male" ed è facile, in tale clima di sospetto, che alcuni, frustrati ed esasperati, cadano tra le braccia dei terroristi. 5 - Allora noi tutti diventiamo il nemico, in quanto occidentali: cristiani o atei, non fa differenza: siamo "infedeli", destinati comunque a non entrare nel regno dei cieli, e tanto basta. Siamo "depravati", beviamo alcolici e mangiamo carne di porco. Le nostre donne sono tutte "puttane". Perché mai dovrebbero avere pietà di noi? 6 - Noi, quando ci vediamo presi in giro da governi osceni venduti alle banche, ce la prendiamo con le autorità. Per loro, invece, non c'è poi troppa differenza tra un politico corrotto e un cittadino "depravato". Pensano che tutti i mali ci provengano dalla mancanza di "vera" fede. E quindi, fare strage di "infedeli" diventa quasi un merito, quando non addirittura un dovere. Anche se il lavaggio del cervello degli ultimi 50 anni, ci ripete che una società multiculturale è bella, la realtà è ben diversa. La convivenza è difficile anche per chi crede negli stessi princìpi e perfino tra uomo e donna che si amino. Figurarci tra culture tanto distanti. Noi e i musulmani possiamo andare d'accordo soltanto se ognuno se ne sta a casa propria. E se i premi Nobel per la pace smettano di bombardare nazioni sovrane.
    • Gian Paolo ♞ 7 mesi fa
      Purtroppo, vedo uno Stato assente in tutto: nel risolvere i problemi dei cittadini come nella sicurezza. Ciao Vincenzo
    • Vincenzo A. Utente certificato 7 mesi fa
      Gian Paolo, Purtroppo penso tu abbia ragione. Ciao.
    • Gian Paolo ♞ 7 mesi fa
      Ho visto gente ai margini della società. Si "rifugiava" nella droga. Era e si sentiva "inutile". Si lasciava sopravvivere tra dipendenza da droga e psicofarmaci, sigarette, caffè e degrado. Già anni fa, pensavo che sarebbe stato un terreno fertile per la penetrazione di idee radicali, che le avrebbe dato l'illusione di dare un senso alla propria esistenza. Ma tu sai quante migliaia di potenziali terroristi ci sono soltanto in Italia? Finora c'è andata bene, ma se continuiamo a tenerceli qua, senza nessuna logica, la vedo brutta assai.
  • oreste ★★★★★ °.° Utente certificato 7 mesi fa
    Nel silenzio più assoluto...va avanti l'inchiesta Consip. Leggere Lillo e De Bortoli è un sollievo! Ma sono in pochi na dire quello che sta succedendo. Tutti avvinghiati insieme nel disperato tentativo di salvarsi il culo. Spero molto nel popolo italiano. Azz...che facce da tolle hanno i nostri governanti.
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus