L’olio extravergine d’oliva made in Italy di qualità

Articolo estratto dal blog di Beppe Grillo, consulta il contenuti originale.


di Giulio Di Gropello

"La definizione di extravergine è una definizione di un parametro di legge che ti dice che l’olio extra vergine ha un’acidità inferiore a 0,80, ma non ti dice quanto deve essere vecchia o giovane l’oliva, non ti dice se tu devi fare questo in fretta o meno, per cui non c’è nessuna correlazione con la produzione, non ti dice neanche che devi avere le piante.

Da due anni quando tu fai uscire una bottiglia dal frantoio devi fare la comunicazione online al Ministero dell’agricoltura attraverso un software che siamo stati obbligati a comprare, che questa bottiglia è uscita dal frantoio, quindi in linea di principio dovrebbe essere una filiera controllata. Il problema è che il prodotto considerato extravergine venduto come Made in Italy negli scaffali della grande distribuzione viene venduto sulla base di leggi esistenti che permettono di fare un prodotto che non è di gamma, non è interessante, non è neanche curativo l’olio d’oliva, perché forse l’olio d’oliva è il più grande medicina che esiste in natura, però è legalissimo farlo. [continua a leggere su LaFucina]

VIDEO L’eurodeputato M5S che porta l’olio di oliva al parlamento europeo

Commenti

NOTE: Alcuni commenti possono essere erroneamente contrassegnati come rimossi, perché la paginazione nel blog tarda ad arrivare (normalmente è assente fino il giorno dopo della pubblicazione del post)
  • RENZO D. Utente certificato 1 anno fa
    Forza M5S il movimento degli onesti..
  • RENZO D. Utente certificato 1 anno fa
    Io compro solo prodotti alimentari italiani..
  • Il Disonorevole Utente certificato 1 anno fa
    https://www.facebook.com/ildisonorevole/posts/1026657194070514 QUESTI SI CACANO SOTTO Il referendum contro la trivellazione petrolifera è stato fissato dal Governo nella data del 17 Aprile. A Maggio/Giugno sono previste le elezioni comunali. Accorpare le due votazioni facendoci risparmiare qualche € era un'idea così troppo difficile? Certo che si vota in giorni diversi. A chi conviene che i cittadini vadano a votare in massa sia per il referendum che alle comunali? Ai cittadini, quindi non lo facciamo perchè abbiamo paura! Tiè! Svegliatevi!
NOTE: Considerando lo scopo del sito, saranno in linea di principio accettati tutti i commenti, tramite quelli che violano palesemente le REGOLE.
comments powered by Disqus